Primarie PD Napoli: accuse di brogli nel seggio di Casalnuovo

Casalnuovo di Napoli, 1 maggio 2017 – Negli giorni precedenti le primarie gli iscritti della locale sezione del PD di Casalnuovo di Napoli hanno denunciato anomalie nella lista presentata in quel collegio a favore di Emiliano, prevedendo brogli, e da cui hanno voluto da subito prendere le distanze chiudendo il Circolo alla fase finale delle primarie.

È stato così improvvisato un seggio, al quale il Circolo locale non prende parte, ed ha vinto Emiliano su Renzi. Tutto  come previsto, potremmo dire.

Giovanni Nappi, presidente del Consiglio Comunale di Casalnuovo e storico attivista, denuncia sul suo profilo Facebook:
“Stravince Michele Emiliano, ovviamente, senza la partecipazione attiva dei compagni e degli amici del Circolo, dei quali solo alcuni, per coscienza, si sono recati al seggio. Vince Emiliano sostenuto da soggetti, chiaramente, lontani mille miglia dal nostro mondo, soggetti che si sono affannati da stamattina per raggiungere meno di 170 voti (quasi fossero le peggiori elezioni amministrative, che hanno chiaramente perso di nuovo se considerano che i loro voti sono più o meno quelli dei nostri soli iscritti che schifati non sono andati a votare), invitando concittadini al voto con la storiella della restituzione dei 2 euro a comprova dell’avvenuto sodalizio”.

A Casalnuovo di Napoli ha dunque vinto Emiliano con una lista che, a seguire i commenti del segretario di Circolo, l’avv Gennaro Castiglione, non è valida perché ha al suo interno un candidato “in dubbio” su cui il Circolo ha formalmente proposto interrogazione alla Commissione provinciale per il congresso.

Il candidato in questione, infatti, vive e lavora a Casalnuovo senza aver mai ritirato la tessera nel Circolo, per cui senza i necessari requisiti per candidarsi. Ovviamente è a questo candidato che erano legate, potremmo dire, le polemiche sull’ “inquinamento” del voto casalnuovese.

Nappi poi posta sul suo profilo questa foto a riprova di quanto detto sulle pressioni a votare:

 

Exit mobile version