Ecco perché il Bilderberg non decide le sorti del mondo

Roma, 29 settembre 2016 – Il gruppo Bilderberg decide le sorti del mondo? Qual è lo scopo di questa riunione di potenti? Perché vige sempre la regola della segretezza per ogni incontro che si tiene rigorosamente a porte chiuse?

Sono queste le domande più frequenti che si fa la gente comune quando periodicamente si tengono le riunioni del gruppo Bilderberg.

Secondo Marco Venturini, consulente in comunicazione politica, intervistato dalla piattaforma Pro\Versi, a differenza delle riunioni del G8, durante il Bilderberg non viene presa nessuna decisione. Lo scopo della riunione del Bilderberg è “qualcosa di piuttosto comune: fare lobbying, far conoscere finanzieri, imprenditori a giovani aspiranti politici”.

Inoltre, la teoria della cospirazione secondo cui il gruppo Bilderberg rappresenta un governo segreto del mondo non fa che alimentare propagande politiche con finalità non democratiche e antisemite.

La regola del riserbo (Chatham House Rule), che permette la pubblicazione della data e del luogo, degli invitati e dei temi di discussione, e insieme consente la libera espressione dei partecipanti alle riunioni del gruppo Bilderberg, serve a garantire una comunicazione funzionale all’attività di lobbying svolta da imprenditori, manager e politici all’interno del meeting.

La discrezione è essenziale per il successo di una strategia di lobbying. Dunque qual è il senso della riunione per Venturini? “Lobbies, aziende, politici, che danno la loro opinione sui temi principali dell’agenda politica ed economica mondiale. […] Non possiamo parlare di una società segreta ma di un meeting come tanti ce ne sono ogni anno in giro per il mondo”.

Il Bilderberg è famoso proprio per la sua segretezza, proprio perché non divulga il contenuto delle sue discussioni.

“Ma – conclude Venturini – se ci fosse uno streaming, il Bilderberg perderebbe qualsiasi fascino, smetterebbe di essere un club prestigioso ed esclusivo perché tutti vedrebbero la verità: è un ritrovo tra potenti, per passare due giorni, stringere qualche mano, e dire – io faccio parte del Bilderberg”.

Per l’intervista completa e per approfondire la conoscenza del Bilderberg è disponibile online il video al link www.proversi.it/multimedia/dettaglio/35, per partecipare invece alla discussione online visitare la pagina www.proversi.it/discussioni/pro-contro/111-gruppo-bilderberg ed i canali social di Facebook www.facebook.com/iproversi e Twitter https://twitter.com/iproversi.

 

###

Contatto stampa:

Per info: info@proversi.it
Tel. Redazione Pro\Versi: 085-83698138

www.proversi.it

 

Exit mobile version