Al “Los Angeles Music and Video Awards” finalista l’italiano Tiger Dek con “Vita d’Altri”

0

“Vita d’Altri” riceve la nomination nella categoria EDM ai prestigiosi “Los Angeles Music and Video Awards”

Roma, 25 aprile 2019 – Il videoclip del cantante e attore goriziano Tiger Dek,Vita d’Altri“, ha ricevuto la nomination, nella categoria EDM, ai prestigiosi “Los Angeles Music and Video Awards”.

In un’epoca in cui l’aspetto e la presentazione sono tutto, il video musicale è importante quasi quanto la canzone stessa.

Per questo il “L.A. Music Video Awards” premia i migliori video musicali realizzati nel corso dello scorso anno.

“Vita d’Altri”, canzone e videoclip originali di Tiger Dek (www.tigerdek.it) è una riflessione condotta con l’arma dell’ironia sull’alienazione della vita di ogni giorno. La canzone dice: “non voglio la vita degli altri, inutile che mi parli! Inutile che cerchi di convincermi che sia questa la vita che voglio e che vorrei vivere!”.

Nel videoclip si vede il supereroe Tiger Dek intrappolato nei gesti abitudinari che tutti compiamo quasi meccanicamente, e la situazione è ancora più paradossale se a sentirsi “ingabbiato” è addirittura un supereroe, che dovrebbe vivere una vita straordinaria.

Questo rappresenta il conflitto tra quello che siamo costretti a fare e ad essere e quello che invece vorremmo essere e vivere

La canzone così invita a liberare la propria reale identità e a non rassegnarsi a vivere passivamente “la vita degli altri”.

I finalisti, tra cui lo stesso Tiger Dek, sono stati comunicati dalla rivista internazionale Rockwired magazine e i vincitori saranno determinati da una combinazione di esperti del settore e voti dei fans.

Il tradizionale Red carpet, cocktail e cerimonia di premiazione si terranno sabato 11 maggio al “Covina Center for the Performing Arts” di Covina, in California.

Ulteriori informazioni sulla pagina Facebook ufficiale del concorso “L. A. Music and Video Awards” e nel sito web di Tiger Dek, www.tigerdek.it.

 

 

Share.

About Author

Comments are closed.