Il Ministro della Cultura Franceschini assegna il patrocinio al Premio Penisola Sorrentina

La comunicazione ufficiale dal Ministero del Cultura è giunta oggi. Il riconoscimento per il cinema e l’audiovisivo si concluderà a Sorrento ad ottobre prossimo: tra i temi dell’anno il dialogo e la pace tra i popoli del mondo

Roma, 25 maggio 2022 – Il Ministro Dario Franceschini ha assegnato il Patrocinio del Ministero della Cultura alla 27a edizione del Premio “Penisola Sorrentina”, che si concluderà a Sorrento ad ottobre prossimo.

A darne comunicazione ufficiale al direttore del Premio, Mario Esposito, è stato il capo di Gabinetto Annalisa Cipollone.

Il Premio “Penisola Sorrentina” è stato fondato nel 1996 dal poeta Arturo Esposito. È un riconoscimento di rilevanza nazionale dedicato alla cultura, al cinema e all’audiovisivo, inserito nel cartello degli eventi di promozione cinematografica del Ministero della Cultura e della Regione Campania, attraverso la Campania Film Commission.

Il Premio riserva una attenzione particolare alle tematiche del paesaggio e dell’ambiente e quest’anno sceglierà tra i temi principali delle produzioni quello del dialogo e della pace tra i popoli.

Nell’albo d’oro del riconoscimento figurano nomi di capi di Stato, Premi Oscar, poeti, sceneggiatori e scrittori di razza, tra cui Francesco Cossiga, Walter Veltroni, Alberto Bevilacqua, Giovanni Raboni, Maria Luisa Spaziani, Edoardo Sanguineti, Giancarlo Giannini, Nicola Piovani, Fred Murray Abraham.

L’importanza del riconoscimento per la promozione del territorio attraverso la cultura e il cinema è sottolineata dal Sindaco di Sorrento Massimo Coppola, che supporta l’iniziativa e dichiara: “Gli organizzatori del Premio Internazionale Penisola Sorrentina non smettono mai di sorprendere. Sarà così anche in occasione della ventisettesima edizione dell’evento che offrirà lo spunto per articolare un racconto dell’Italia della cultura, del cinema e dello spettacolo nell’era post Covid”.

 

Danilo Rea alla guida del Premio Penisola Sorrentina

L’artista presiederà la sezione “Cinema e Musica” dell’importante riconoscimento. “ Dove c’è un grande regista in un film ci sarà senz’altro un grande musicista”

Roma, 19 aprile 2022 – Cominciano a partire le nomine e le adesioni per il board della 27esima edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, riconoscimento di rilevanza nazionale, che si svolgerà a Sorrento a fine ottobre.

La sezione “Musica e Cinema” vedrà alla guida il jazzista di fama internazionale Danilo Rea.

“ Il cinema e la musica si incrociano spesso. Come la musica è la colonna sonora della nostra vita, il cinema ha bisogno della musica per amplificare le emozioni del vissuto. Trovo molto stimolante il rapporto con le immagini. Ho scritto musiche da film. Ritengo che però il mondo del cinema sia ancora chiuso rispetto alla scelta dei musicisti di estrazione jazzista. Riveste fondamentale importanza il rapporto tra il regista e il musicista ”, dichiara l’Artista.

Danilo Rea si occupa da diverso tempo anche di sperimentazioni e di colonne sonore legate al cinema. Tra i suoi film come autore delle musiche, ricordiamo: “C’è tempo” (2019) candidata ai Nastri d’argento; “Indizi di felicità” (2017);  “Luce verticale. Rosario Livatino. Il martirio” (2007);  “Volevamo essere gli U2” (1992); “Il grande Blek(1987)”; “Spettri” (1987).

Ha collaborato con Walter Veltroni alla realizzazione dei docufilm “I bambini sanno” (2015) e “Quando c’era Berlinguer” (2014), di cui ha curato le colonne sonore.

Nell’anno 2020 su invito di Renzo Piano è stato attore ed autore delle musiche (interpretate da se stesso) di “Un ponte del nostro tempo”, il docufilm del regista bitontino Raffaello Fusaro, voluto da Fincantieri , dedicato al Ponte Morandi di Genova e presentato sia al Festival del cinema di Roma sia al Premio Penisola Sorrentina.                                                  

Per la Fondazione Musica per Roma ha curato, insieme con Gino Paoli, un evento di assoluta unicità nel panorama musicale italiano: “Cinema Songs – Canzoni nel cinema”. Un viaggio emozionante alla riscoperta delle grandi canzoni legate al cinema di ieri e di oggi. Dai leggendari anni Trenta, stagione d’oro del film musicale americano, attraverso le canzoni del cinema francese, fino al cinema italiano. Con un omaggio speciale ad Anna Magnani. Canzoni intramontabili, da Ennio Morricone rivisitato in chiave jazzistica a Henry Mancini, per poi passare a Piccioni e Trovajoli, l’omaggio a Nino Rota e la rivisitazione dei grandi temi di John Williams ed Elmer Brown, fino al gran finale con Casablanca.

È stato spesso protagonista della Festa del Cinema di Roma per l’accordo tra il jazz e il cinema, le musiche e i film.

 

Guarda il video dell’intervista a Danilo Rea in occasione della passata edizione del Premio Penisola Sorrentina:

www.youtube.com/watch?v=-9a6sciYRIc

 

 

Danilo Rea

Cercarte.it, il social degli artisti compie un anno

La community online più grande d’Italia dedicata agli artisti compie un anno: nuovi progetti digitali in preparazione con il Premio Penisola Sorrentina

San Fele (Potenza), 17 marzo 2022 – Era il febbraio 2021, il primo anno dopo un terribile 2020 segnato dall’inizio del Covid quando Alberto Nigro, creativo digitale e programmatore informatico, creava Cercarte.it, la community on line più grande d’Italia dedicata agli artisti.

Tanti i progetti che hanno preso vita su questa piattaforma digitale innovativa (tra cui un concorso dedicato al settecentesimo anniversario dalla morte di Dante) e tanti sono stati gli operatori della cultura e della comunicazione che hanno rivolto la propria attenzione al progetto digitale, tra cui la trasmissione a cura della TgR RaiMezzogiorno Italia”,  in onda su Rai 3.

Per celebrare il primo anniversario di vita, è stata realizzata uno spazio che metterà in mostra gli artisti che più hanno rappresentato il social network dedicato all’arte in questo ultimo anno.

In dodici mesi di vita digitale “Cercarte” è diventata disponibile in 4 lingue rendendo fruibili gratuitamente online tutti i servizi offerti dalla piattaforma, utilizzati sia dagli artisti che dagli appassionati iscritti. Nel 2021, Cercarte ha raggiunto picchi di traffico molto interessanti con la pubblicazione di quasi 7.000 opere d’arte.

Ora si preparano le nuove sfide per il 2022, grazie alla partnership stipulata da Cercarte con il Premio “Penisola Sorrentina”, il centro Culturale Exordium di Buonalbergo (Benevento) e lo IACE di New York.

Cercarte.it si è evoluta da un’idea apparentemente impossibile in una community completamente gratuita e fruibile da tutti, un luogo in cui è possibile trovare artisti, appassionati ed esperti; condividere e apprendere valori ed esperienze che riguardano il mondo dell’arte e della cultura in generale”, spiega Alberto Nigro, founder del social degli artisti.

In un mondo in cui l’arte è sempre più mercificata, il modello di cercarte si è sempre basato sulla convinzione che l’arte appartenga a tutti gli esseri umani, per questo motivo un artista non deve affrontare delle spese per divulgarla”, conclude Nigro, che ora è a lavoro con il promotore culturale Mario Esposito e l’artista Giuseppe Leone per realizzare una serie di iniziative digitali che allargheranno il campo di azione di Cercarte.it, connettendo l’arte visiva al mondo del cinema, dell’audiovisivo e della letteratura.

 

 

Il board di Cercarte durante le riprese dello special Rai per “Mezzogiono Italia”

A Sorrento l’industria del cinema è protagonista

Dal Premio Penisola Sorrentina alle Giornate Professionali del Cinema: il “Modello Sorrento” si lega al cinema e all’audiovisivo: tra i protagonisti Andrea Romeo di I Wonder Pictures

Sorrento (Na), 29 novembre 2021 –  Sorrento ospita, da domenica 28 novembre a sabato 4 dicembre, la 44esima edizione delle Giornate Professionali del Cinema: proiezioni, anticipazioni, incontri, convegni, ma anche red carpet e serate di gala animeranno la perla costiera.

La manifestazione accoglie il principale momento d’incontro dell’industria cinematografica nazionale attraverso il quale le case di distribuzione, insieme ai produttori, ai registi ed agli attori, rendono noti tutti i film in uscita nella stagione 2022.

Tra i protagonisti ci sarà Andrea Romeo, giornalista, produttore e CEO di I Wonder Pictures, distributore del film Titane, vincitore della Palma d’Oro a Cannes, e insignito del Premio Penisola Sorrentina 2021 per la categoria “distribuzione”, promossa in collaborazione con ‘Lunedì Film’.

“Noi abbiamo sempre cercato di raccontare il confine tra le piattaforme e l’industria cinematografica intesa come sala e come comunità: ecco perché insieme con il patron Mario Esposito e la nostra collaboratrice Raffaella Salamina abbiamo voluto creare un riconoscimento speciale ‘Lunedì Film’ all’interno del prestigioso Premio Penisola Sorrentina. In questo anno difficilissimo a causa della pandemia, Romeo ci è sembrato un manager accorto, attento, prontissimo al cambiamento. È un simbolo di ripartenza e di innovazione”, afferma Pier Paolo Mocci.

“Ho consegnato più di duecento premi, ma è stato bellissimo per me ricevere per la prima volta un premio a Sorrento: una città che adoro, una città di cinema, di vacanze, di cultura”, dichiara Andrea Romeo.

A sottolineare l’importanza di un Premio, che si ispira e si collega al “Modello Sorrento” ideato dal Sindaco Massimo Coppola, è sottolineata proprio dallo stesso Romeo: “I premi sono occasioni per celebrare le eccellenze e per fare comunità”.

 

Pier Paolo Mocci con Andrea Romeo (al centro) e Raffaella Salamina al Premio Penisola Sorrentina

 

 

Cultura: il Modello Giffoni incontra il Modello Sorrento

Era il 20 novembre del 1970 quando Claudio Gubitosi decise di creare il Giffoni Film Festival. Sono passati più di 50 anni da quel giorno e il “Modello Giffoni” incontra il “Modello Sorrento” attraverso un riconoscimento speciale per quello che è stato fatto e per le nuove sfide del futuro.

Giffoni Valle Piana (Salerno), 22 novembre 2021 –  Sabato 20 novembre, giornata internazionale per i diritti dell’infanzia, ricorre il “Giffoni Day”.  In questo giorno, nel lontano 1970, Claudio Gubitosi decide di ideare quello che sarebbe diventato nel tempo un modello mondiale di efficienza, cultura ed innovazione.

Parliamo del Giffoni Film Festival. Un autentico “modello”,  di recente premiato con il “Penisola Sorrentina”, riconoscimento nazionale dedicato al mondo del cinema e dell’audiovisivo, ispirato al “Modello Sorrento”, ideato dal Sindaco Massimo Coppola.

È stato proprio il primo cittadino della località costiera a consegnare il prestigioso premio al patron Claudio Gubitosi: “Sono onorato di aver consegnato il Premio Penisola Sorrentina a Claudio Gubitosi, fondatore e direttore del Giffoni Film Festival, da oltre mezzo secolo punto di riferimento del cinema internazionale per le giovani generazioni. Un esempio per la nostra città, da sempre legata al mondo del cinema e della cultura, potente motore di un rinnovato sviluppo  anche di questo territorio”, ha commentato Coppola.

In effetti, il legame tra Gubitosi e Sorrento affonda le sue radici in tempi lontani che risalgono agli storici Incontri internazionali del cinema, diretti dall’indimenticabile Gian Luigi Rondi, cui Gubitosi partecipava.  Proprio in questi giorni Sorrento si sta preparando ad accogliere  le “Giornate Professionali del cinema”, che porteranno in costiera il meglio dell’industria cinematografica nazionale ed internazionale.

Particolare importanza assume quindi il Premio “Penisola Sorrentina”, che in qualche modo fa da evento apripista alla destagionalizzazione e alla stagione culturale natalizia di Sorrento e della Regione Campania, che patrocina l’iniziativa insieme con il Ministero della Cultura.

“Un Premio che è testimonianza del territorio. Mario Esposito e il suo team guidano con amore, padronanza, capacità ed impegno questo evento, che sa rinnovarsi con la capacità di intercettare anche le nuove emergenze del settore cinematografico.”, ha affermato Claudio Gubitosi.

Un riconoscimento che il patron di Giffoni ha deciso di condividere con tutto il core business, anche in vista delle nuove sfide che attendono quella che rappresenta ormai una delle aziende culturali più famose ed importanti al mondo: dalla Business School del Sole24 Ore che intende aprire una nuova sede a Giffoni, alla Giffoni Multimedia Valley, fino alla creazione di una arena di 4300 posti all’aperto. Per non parlare poi degli Studios, destinati alla produzione dei film e dei creativi di tutto il mondo, fino ad  un Campus per la formazione ed il lavoro nel settore cinematografico.

“Abbiamo dato parecchi primati all’Italia e alla Campania nel mondo”, dichiara Gubitosi.  “Anche con il Premio Penisola Sorrentina è stato bello vedere la Campania della cultura e del cinema sempre più protagonista, conclude il patron di Giffoni Film Festival.

 

Il patron di Giffoni Film Festival Claudio Gubitosi riceve dal Sindaco di Sorrento il Premio Penisola Sorrentina

 

 

 

Penisola Sorrentina, le prospettive per il futuro grazie alla cultura

Le dichiarazioni sul successo dell’edizione 2021 e sulle prospettive future del Premio “Penisola Sorrentina” da parte di Alfonso Iaccarino, chef, imprenditore di fama mondiale che il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola ha voluto come assessore alla promozione turistica di Sorrento

Sorrento (Napoli), 15 novembre 2021 – Il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola affidò un anno fa ad Alfonso Iaccarino, chef ed imprenditore di fama internazionale, l’assessorato al turismo del comune di Sorrento, puntando alla qualità della promozione culturale oltre che alla profonda conoscenza del territorio.

Tra i recenti banchi di prova della stagione autunnale del dopo Covid c’è stato il Premio “Penisola Sorrentina”, di cui un documentario televisivo racconterà il successo in termini di organizzazione e di contenuti.

È una iniziativa che con Sorrento punta alla qualità. Ricevetti questo premio tempo fa ed oggi esso dà e trova nella nostra città una visione lungimirante”, dichiara Iaccarino.

Il segreto risiede nella costanza e nella capacità di coinvolgere personalità di rilievo nazionale:

“Un lavoro preciso e diretto a prospettive importanti, soprattutto in un momento complesso come quello della ripresa del dopo covid. La qualità degli invitati, l’importanza dei premi, gli argomenti trattati sicuramente portano alla città e all’intera penisola sorrentina  un’ampia veduta di cultura e di riflessioni sui problemi attuali tra cinema, audiovisivo, mondo giovanile e industria culturale”, afferma Iaccarino.

Entusiasmo esprimono dunque le sue dichiarazioni: riflessioni che guardano al passato, alle tradizioni, alle peculiarità del territorio con occhi però nuovi e diversi, orientati alle nuove tecnologie e sempre con un’antenna rivolta ai temi della sostenibilità e della valorizzazione identitaria, secondo la mission strategica del “Modello Sorrento” e il nuovo brand della città: “Sorrento aspetta te”.

Una “ricetta” per le prospettive future della kermesse?

“Queste manifestazioni serviranno per far crescere la cultura media della città. Per il futuro andranno pensate infatti iniziative del Premio in grado di intercettare le risorse giovanili presenti in città e, soprattutto, le energie degli operatori turistici e del tessuto imprenditoriale, molte volte costretti, per esigenze intrinseche, a non essere parte attiva di processi culturali che invece potranno offrire un contributo alla crescita sociale e, nel tempo, anche economica della Città”, conclude Iaccarino.

Intanto, la macchina organizzativa diretta da Mario Esposito ha ripreso i lavori: è, infatti, in corso di preparazione “Petali di cinema”, il documentario che racconterà i momenti salienti di questa ventiseiesima edizione sfolgorante, che ha visto Sorrento palcoscenico amato per i protagonisti nazionali ed internazionali del settore culturale ed audiovisivo.

 

A sinistra Alfonso Iaccarino e a destra il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola durante i lavori del Premio Penisola Sorrentina 2021.

 

Franceschini: “La Carta di Sorrento ha qualità e spessore”

Il Ministro Dario Franceschini individua nella cultura l’asset fondamentale per lo sviluppo sostenibile del Paese: qualità e spessore alla base del progetto della “Carta di Sorrento”

Roma, 4 novembre 2021 – Riscontri positivi e successo, in ambito nazionale ed internazionale, sta registrando la 26a edizione del Premio Penisola Sorrentina, conclusasi pochi giorni fa a Sorrento. Il placet arriva anche direttamente da Via del Collegio Romano.

La perla del golfo di Napoli sta vivendo un momento di rilancio straordinario, puntando sulla cultura per il proprio futuro turistico ed economico. Questa la strategia scelta dalla Amministrazione comunale, guidata da Massimo Coppola.

E il “Penisola Sorrentina”, dedicato prioritariamente al mondo dell’audiovisivo, costituisce e costituirà uno degli eventi di punta del panorama di promozione della costiera e della Regione Campania.

Sulla kermesse si è soffermato il Ministro della Cultura Dario Franceschini: ” la 26a edizione del premio “Penisola Sorrentina” giunge in un momento molto particolare: grazie al successo della campagna vaccinale e all’introduzione del Green Pass, è stato possibile riaprire a capienza piena cinema, musei, sale da concerto, teatri, permettendo agli italiani di tornare a vivere la cultura in sicurezza”. 

Per il futuro Franceschini prospetta un’ulteriore crescita del trend : “i dati straordinari di questi giorni ci raccontano dell’entusiasmo con cui si è tornati nei luoghi della cultura, assetati di bellezza, di curiosità e di desiderio di condividere. Presto torneranno a crescere in maniera significativa anche i numeri del turismo internazionale, riportando così la cultura a essere uno dei pilastri dello sviluppo sostenibile del Paese”. 

Sul rapporto tra la cultura, il turismo e la sostenibilità il Premio  Penisola Sorrentina ha promosso la “Carta di Sorrento” (ideata e stilata dal giurista Luigi Cerciello Renna), programmando una serie di azioni, anche per l’edizione 2022, sulle quali  l’esponente di Governo pone l’accento, rivolgendosi al presidente del Premio, Mario Esposito:

Ecco allora che momenti come questo, in cui si ha la possibilità di riflettere su quanto accaduto e di immaginare i percorsi del futuro, si rivelano quanto mai preziosi. Il vostro contributo al dibattito, con la Carta di Sorrento varata nel 2020, ha qualità e spessore“, ha concluso Franceschini.

 

 

 

Al Teatro Eliseo di Roma si apre il Premio Penisola Sorrentina

Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti tra gli ospiti della conferenza stampa di presentazione del Premio, promosso dalla Città di Sorrento con il patrocinio della Regione Campania e dei Ministeri della Cultura e del Turismo. Atteso l’intervento istituzionale della Sottosegretaria di Stato Ilaria Fontana, cerimonia stampa in diretta streaming sulla pagina Facebook ufficiale del Premio

ROMA, 4 ottobre 2021 – Mercoledì 6 ottobre 2021, alle ore 11, al Teatro Eliseo si svolgerà la conferenza stampa di proclamazione dei vincitori della XXVI edizione del Premio nazionale “Penisola Sorrentina”, promosso dalla Città di Sorrento e posto sotto il Patrocinio del Ministero della Cultura,del Ministero del Turismo e della Regione Campania.

La conferenza stampa segnerà anche la cerimonia di conclusione dell’anno del venticinquennale del Premio, con l’assegnazione dei premi speciali alla scrittrice Elvira Frojo e agli attori Francesco Branchetti e Nathalie Caldonazzo.

Alla presentazione nazionale, che potrà essere seguita in diretta streaming sulla pagina FB del Premio Penisola Sorrentina, interverranno tra gli altri:
Ilaria Fontana, Sottosegretario Ministero Transizione Ecologica;  Alfonso Iaccarino, Assessore al Turismo della Città di Sorrento;  Mario Esposito, Direttore generale del Premio; Luca Barbareschi, Presidente Sezione “Cinema” del Premio e Direttore Eliseo Entertainment; Danilo Rea, musicista, Presidente sezione “Musica e Cinema” del Premio;  Francesco Montanari, attore, Premio per “Appunti di un venditore di donne”; Roberto Napoletano, giornalista e scrittore, Direttore Quotidiano del Sud; Pier Paolo Mocci, giornalista e Responsabile di “Lunedì Film”.

La cerimonia di consegna della statuetta-cammeo, realizzato dall’orafo di Torre del Greco Francesco Scognamiglio su creazione dell’artista sannita Giuseppe Leone,  si svolgerà al Teatro Tasso di Sorrento il 23 ottobre.

Abbiamo già avuto modo di evidenziare come questa manifestazione costituisca un appuntamento di primo piano nell’agenda di Sorrento, che deve investire sulla cultura, unico motore per una rinascita sociale ed economica”, ha detto infine il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola.

 

 

Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti tra gli attori ospiti della conferenza stampa del premio dedicato al mondo del cinema e dell’audiovisivo

 

Sorrento: nasce la sinergia con il Master di Cinematografia della Federico II

Sorrento ospiterà il Premio Penisola Sorrentina per cinema ed audiovisivo. Il Master di Drammaturgia e Cinema dell’Ateneo Federiciano coordinato da Pasquale Sabbatino aderisce all’iniziativa culturale ispirata al “Modello Sorrento”.

Napoli, 13 settembre 2021 – Sorrento luogo di cinema e di formazione. La macchina organizzativa del Premio “Penisola Sorrentina”, iniziativa di rilievo nazionale patrocinata dal Ministero della Cultura e dalla Regione Campania che per il settore culturale si collega anche al “Modello Sorrento” dell’amministrazione comunale guidata da Massimo Coppola, si arricchisce per il biennio 2021-2022 di un partenariato importante.

Da via Porta di Massa arriva infatti l’adesione del Master II livello di Drammaturgia e Cinema dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Il Master universitario di II livello in “Drammaturgia e Cinematografia” si propone di realizzare, nel contesto del sistema teatrale e cinematografico contemporanei, un percorso formativo finalizzato alla formazione di esperti della drammaturgia e cinematografia europea in grado di operare nel campo dello spettacolo e dell’industria culturale; nuovi autori; critici cinematografici capaci di lavorare nei giornali, nelle televisioni e nell’editoria; docenti della drammaturgia e cinematografia in ambito scolastico; editori di testi teatrali, cinematografici e televisivi.

L’affiancamento dei temi e delle azioni della formazione ad un Premio spettacolare che celebra il cinema e l’audiovisivo rappresenta un plus qualitativo, che si lega alla felice intuizione del direttore della kermesse Mario Esposito e del coordinatore del Master Pasquale Sabbatino , professore ordinario di Letteratura italiana nell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

“Da anni il Master di II livello in Drammaturgia e Cinematografia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II – dichiara Pasquale Sabbatino – è attento alle attività culturali di alto profilo presenti sul territorio nazionale ed internazionale. Nell’ambito del Premio Penisola Sorrentina 2021 l’idea di un riconoscimento speciale , conferito da una Giuria composta dai docenti del master (Vincenzo Caputo, Anna Masecchia, Matteo Palumbo, Giuseppina Scognamiglio) vuole essere un segnale del ruolo fondamentale che le nostre terre hanno assunto per ciò che concerne le arti dell’audiovisivo. L’adesione all’edizione 2021 del Premio Penisola Sorrentina rappresenta, in realtà, la prima tappa di una sinergia che prevede numerose altre iniziative. Pensiamo per il prossimo anno ad un concorso aperto, dedicato ai cortometraggi, e ad un ciclo seminariale incentrato sull’immagine di Napoli nella cinematografia contemporanea. Sarà così possibile accendere i riflettori su giovani e promettenti autori”.

 

La sede del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Napoli Federico II

 

 

Da Sorrento a New York a Dante: è la 26a edizione del Premio Penisola Sorrentina

Il riconoscimento dedicato al mondo dell’audiovisivo giunge alla 26a edizione: con una speciale iniziativa collaterale con New York per celebrare il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri.

ROMA/NEW YORK, 20 luglio 2021 – Da Sorrento a New York, passando per Roma. L’edizione 2021, la ventiseiesima, del Premio Penisola Sorrentina rinforza la sua valenza nazionale, attestata anche dal Ministro Dario Franceschini che ha concesso all’evento il Patrocinio del Ministero della Cultura, e guarda anche al mondo internazionale: dalla Campania arriva infatti fino in America, nel Connecticut e nel Tristate grazie alla sinergia con lo IACE, l’Italian American Committee on Education di New York, fondazione presieduta da Berardo Paradiso che promuove lo studio della cultura e della lingua italiana.

Il Premio Penisola Sorrentina vede alla guida della giuria Luca Barbareschi, patron del gruppo Eliseo, affiancato da Danilo Rea, presidente della sezione musica e da artisti di fama nazionale come l’attrice Francesca Cavallin e l’autore, conduttore televisivo e doppiatore cinematografico Giancarlo Magalli.

New entry della edizione 2021 il premio della critica cinematografica “Lunedì film” curato da Pier Paolo Mocci con due sezioni, una rivolta al mondo dell’impresa cinematografica e l’altra a quello dell’interpretazione.

Tante le novità in cantiere per questa edizione in programma a fine ottobre in costiera sorrentina tra le quali il convegno, che si svolgerà il giorno precedente la premiazione, dal suggestivo titolo: “Il Cinema è vivo”.

La cornice elegante dell’incontro sarà quella del Museo Correale di Sorrento, all’insegna della multidisciplinarietà e dell’innovazione. Il cinema è, di fatto, una passeggiata nella storia culturale e sociale del Paese, al pari di un tracciato emozionale museale.

L’evento culturale di promozione dell’audiovisivo è accompagnato inoltre da una serie di iniziative collaterali tra cui il concorso di arti visive “Dante700 Sospira”, presieduto dall’artista sannita Peppe Leone  ed organizzato in collaborazione con il centro culturale Exordium di Buonalbergo.

Esso vedrà  il coinvolgimento di illustri nomi della cultura internazionale tra cui il “poeta dei due mondi” Luigi Ballerini e il fotografo Charles Traub, a rappresentanza dell’Italian American Committee on Education. Gli altri nomi del board saranno resi noti alla chiusura della piattaforma concorsuale digitale cercarte.it/dante700  appositamente realizzata da Alberto Nigro, chiusura prevista per il 25 luglio prossimo.

“Il Premio Penisola Sorrentina è figlio della passione civile. Esso intende contribuire alla costruzione del valore del luogo, in un luogo di valore come è Sorrento. Senza l’apporto della cultura come elemento riflessivo, creativo, esperienziale tutto diventa più difficile anche laddove il turismo e l’economia la fanno da padrone come in Campania. Il Premio “Penisola Sorrentina” intende essere per la costiera sorrentina e per la Campania una finestra sull’Italia della cultura ed oltre; un vero e proprio bene di stimolo”, dichiara l’organizzatore e direttore artistico Mario Esposito.

 

Exit mobile version