Francesca Cavallin: tra fiction, tv e premi

Francesca Cavallin, artista sensibile e colta, nativa di Bassano del Grappa, è impegnata in tv e al cinema. Ha recentemente interpretato Eleonora di Toledo nella tappa fiorentina del programma  “Meraviglie. La Penisola dei Tesori” condotto da Alberto Angela su RAI 1. Membro della giuria del Premio “Penisola Sorrentina” racconta i segreti del mestiere di attrice…

Firenze, 17 gennaio 2020 – Francesca Cavallin, attrice di origini venete (è nata a Bassano del Grappa quarntatré anni fa), è stata recentissimamente protagonista della tappa dedicata a Firenze nel format di Alberto Angela “Meraviglie. La Penisola dei tesori”.

Ha interpretato la nobildonna spagnola Eleonora di Toledo.  “Eleonora di Toledo non fu solo la moglie di Cosimo de’Medici. Figlia del viceré di Napoli, lo spagnolo Don Pedro, fu una donna bellissima, elegante, raffinata”, commenta l’attrice, protagonista della seconda puntata del programma culturale delle rete ammiraglia Rai.

“Gestì in maniera intelligente, accurata ed imprenditoriale la ricca dote che portò in corte medicea, aumentandone il valore. Visse un matrimonio felice, appassionato, in tempi in cui i matrimoni combinati erano condanne all’insoddisfazione sentimentale. Si deve a lei e alle sue finanze la costruzione di Palazzo Pitti e del Giardino dei Boboli. È stato un vero piacere poterla incontrare grazie a “Meraviglie”. Un privilegio è stato poter indossar l’abito che riproduce fedelmente quello da lei indossato nel famoso ritratto realizzato da Agnolo Bronzino: un capolavoro d’artigianato tessile”, conclude la Cavallin che da sempre è appassionata di storia e di arte (non a caso è laureata in questa disciplina).

Diversi gli impegni recenti e futuri per la nota attrice, che ha parte fissa nel cast del Premio internazionale “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” per la promozione della cultura, del cinema e del teatro.

Notissima al grande pubblico per i ruoli ricoperti in tv e nelle fiction di successo “Un medico in famiglia”, “Tutta la musica del cuore” Rocco Schiavone”, “Di padre in figlia”, “La compagnia del cigno”, “Adriano Olivetti”, la Cavallin si è imposta anche al cinema: è del 2019 il film horror “The nest”, per la regia di Roberto De Feo che ha riscosso un notevolissimo ed unanime consenso di critica.

A proposito di una delle sue prime esperienze televisive, “Il Generale Dalla Chiesa”, in cui la Cavallin ha interpretato il ruolo di Emanuela Setti Carraro (la moglie del Generale), così dichiara l’attrice:

“È stata una grande esperienza professionale ed umana, pur essendo una delle mie prime volte sullo schermo. Quando si interpreta non un personaggio ma una persona realmente esistita  si va a toccare, in effetti, qualcosa di estremamente sensibile. Devi cercare di avere un’aderenza maggiore rispetto alle movenze e soprattutto rispetto all’anima: e questo è un incontro abbastanza complesso dove il mio lavoro si è basato sui diari postumi raccolti dalla madre.  La cosa che mi colpì era questo senso civico altissimo che inevitabilmente sposò un Uomo straordinario e, insieme con Lui, la sua missione. Un privilegio immenso fu per me lavorare poi – quasi ad inizio carriera – al fianco di due grandissimi come Giorgio Capitani e Giancarlo Giannini”.

La Cavallin vive il rapporto con il cinema e la tv come un incontro con le energie cosmiche, senza particolari orientamenti o desideri di interpretare un personaggio piuttosto che un altro. “Il nostro lavoro è esperienza di vita”, afferma l’attrice. “La cultura è un modo di penetrare un personaggio, di declinarlo, di impostarlo. Io mi reputo una persona estremamente curiosa, aperta, non in cerca di personaggi definiti. Io sono pronta ad accogliere i personaggi che, quasi pirandellianamente, mi bussino alla finestra, che io aprirò per farli entrare. I personaggi che noi attori interpretiamo entrano in noi e rimangono in noi, soprattutto quando andiamo a scavare nelle nostre vergogne intime, nei nostri segreti”.

La Cavallin è partita dal cinema ma si dichiara pronta ad intraprendere nuove sfide, come ad esempio il teatro.  “Io sono partita con il cinema, con quella macchina dietro la quale c’è il pubblico. Non ancora ho fatto teatro perché non me la sono sentita di andare in giro in tournee per non lasciare i miei bambini.  So che però il giorno in cui metterò i piedi su quel palcoscenico non lo lascerò più. Avverto seducente e ineludibile il flusso che proviene direttamente dal pubblico durante i miei readings. E immagino quello che avviene durante una vera e propria esibizione teatrale ”.

Francesca Cavallin, dopo essere stata insignita del riconoscimento,  è entrata a far parte dal 2014 della  Giuria del Premio internazionale “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” dedicato al cinema, alla cultura e al teatro e da allora è ospite fissa a Piano di Sorrento per lo spettacolo di investitura del Premio, nel cui palmares campeggiano nomi come quelli di Giancarlo Giannini, Pippo Baudo, Lino Banfi, Luca Barbareschi, Leo Gullotta, Christian De Sica, Paul Sorvino, Fred Murray Abraham e tanti altri.

“È un Premio che sostiene il talento, la cultura, la bellezza di una regione come la Campania e dell’Italia tutta.  Un complimento gigante va a Mario Esposito, patron insostituibile e instancabile organizzatore, che riesce a far sentire ogni anno il valore di una manifestazione inscritta all’interno di una cornice paesaggistica magica come quella della penisola sorrentina”, conclude l’attrice che rivedremo il prossimo autunno in costiera per festeggiare e celebrare i 25 anni di storia della prestigiosa rassegna.

 

 

Francesca Cavallin ha interpretato la nobildonna spagonola Eleonora di Toledo nel programma di Alberto Angela “Meraviglie” (foto tratta dal profilo instagram dell’attrice)

 

 

Hoara Borselli madrina del Premio “Penisola Sorrentina” 2018

Sabato sera a Piano di Sorrento i premi per il cinema, la musica ed il teatro con  Debora Caprioglio, Paolo Ruffini, Povia, Bianca Atzei, Maurizio Micheli e Danilo Rea alla carriera. Tra gli ospiti dello spettacolo anche Francesca Cavallin e Giancarlo Magalli. Partnership con la Rai e Matera2019

Piano di Sorrento, 24 ottobre 2018 – Sarà Hoara Borselli la madrina del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, la kermesse promossa con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri in programma il 27 ottobre (ore 19.30) al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento.

La vincitrice della prima edizione di “Ballando con le stelle”, attrice e show girl affiancherà il patron Mario Esposito durante la serata di consegna dei riconoscimenti.

Attesissimi i cantanti Povia e Bianca Atzei. Curiosità per la partecipazione di Jonathan Kashanian dall’Isola dei Famosi.

Tanta cultura con i premi a Laura Valente direttrice artistica per la danza di Ravello Festival; ad Antonio Loffredo parroco del Rione Sanità al timone delle catacombe di San Gennaro; alla carriera in jazz di Danilo Rea e all’arte trasgressiva ed amata del graffitista internazionale Jorit.

Ma anche tanto cinema con il premio speciale Matera2019 per la regia a Stasi e Fontana (“Metti la nonna in freezer”) e i riconoscimenti a Michele Cucuzza ed Anna Capasso per “Gramigna”.

Spazio riservato anche al teatro sociale con il premio allo spettacolo “Up & Down” di Paolo Ruffini e alle storie di donna con la nomination a “Debora’s Love” di Francesco Branchetti e Debora Caprioglio.

Il Premio Dino Verde per la comicità viene assegnato a Maurizio Micheli.

Novità dell’edizione 2018 l’adesione al Premio del Giappone con un premio speciale ad Hiromi Maekawa per la diffusione delle canzoni italiane nella terra del sol levante.

Due i giovani talenti premiati, Federico Paciotti interprete del progetto di lirica e rock “Rosso Opera” (firmato da Caterina Caselli) e Valentina Romani, la coprotagonista con Sergio Castellitto della fiction Rai “Aldo Moro il Professore”.

La sezione “genius loci”, nell’anno italiano del cibo, va ad Alfonso e Livia Iaccarino, del celebre “Don Alfonso”

 

La madrina del Premio Penisola Sorrentina Hoara Borselli

Premio Penisola Sorrentina: Mario Esposito incontra Lino Guanciale

A Sorrento il direttore della kermesse ha incontrato Lino Guanciale, protagonista del film “Arrivano i Prof”. In vista cambiamenti ed evoluzioni per la rassegna culturale di rilievo nazionale giunta alla ventitreesima edizione.

Napoli, 26 aprile 2018 –  È cominciato un serrato calendario di incontri per definire strategie, cast e organigramma del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, giunto alla ventitreesima edizione. In occasione degli Incontri internazionali del Cinema di Sorrento il direttore Mario Esposito ha incontrato l’attore Lino Guanciale.

“Mi ha fatto piacere tornare a Sorrento per presentare il mio nuovo film. Piacevole è stata anche l’occasione di parlare con Mario Esposito a proposito del nuovo Premio Penisola Sorrentina.  Confesso che mi sono trovato benissimo lo scorso anno quando sono stato premiato dall’amica e collega Francesca Cavallin. Un’organizzazione perfetta. E da abruzzese ritengo che avere nel sud premi come il Penisola Sorrentina sia un vanto da coltivare. Continuerò ad essere vicino a Mario e al Premio”, ha dichiarato Lino Guanciale.

Guanciale è protagonista de “La porta rossa”, è pronto a tornare a Trieste per girare la nuova serie del fortunatissimo noir e dal prossimo mese sarà al cinema con il film “Arrivano i Prof”, insieme con Maurizio Nichetti, Roccho Hunt e Claudio Bisio.

L’edizione 2018 del Premio Penisola Sorrentina, riconosciuta di rilievo nazionale dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed Il Turismo, si svolgerà a fine ottobre. Entro la fine di maggio il direttore nominerà ufficialmente tutti i consulenti dell’edizione 2018 per definire la rosa dei premiati.

Destinatari del riconoscimento, promosso dall’ente di cultura e di promozione sociale “Il Simposio delle Muse” e concepito come una Esposizione delle culture in Campania, sono gli interpreti ma anche prodotti e filiere del sistema culturale italiano.

 

Lino Guanciale e Mario Esposito

Premio Penisola Sorrentina: dopo la BIT al via il “toto giurie”

Napoli, 23 febbraio 2018 – Dopo la conclusione dei lavori alla BIT di Milano, in cui è stata presentata la 23a edizione, il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” dà il via alla fase di selezione per le nomine delle ‘Giurie 2018’. Il riconoscimento culturale di rilievo nazionale, che si svolge da ventidue anni alla fine di ottobre in Penisola Sorrentina, ha visto sempre la partecipazione alle giurie di esponenti di spicco della letteratura, del giornalismo, dello spettacolo.

Si citano, tra tanti, il poeta e critico Edoardo Sanguineti (esponente della Neoavanguardia e del Gruppo63), il giornalista e scrittore Magdi Allam, il corrispondente RAI da Bruxelles Antonio Preziosi, l’autore televisivo Gustavo Verde.

Non meno prestigioso il palmares, dive si annoverano i nomi di un Capo di Stato, di scrittori, giornalisti, politici, attori e conduttori televisivi:  Francesco Cossiga, Walter Veltroni, Giovanni Toti, Roberto Vecchioni, Alessandro Sallusti, Toni Capuozzo, Mario Orfeo, Marcello Masi, Leo Gullotta, Lino Banfi, Giancarlo Giannini, Giuliano Gemma, Roberto Vecchioni, Pippo Baudo, Giancarlo Magalli, tra i tanti.

“Da 22 anni viene portato avanti questo Premio, che è uno sforzo meraviglioso e che dà grandissimi risultati. È un appuntamento professionale, intenso, ma anche caldo come solo una famiglia sa essere”, dichiara  l’attrice Francesca Cavallin che da quattro anni è ospite fissa del Premio e che rivedremo anche quest’anno. Molti rumors annunciano per il 2018 il suo ritorno nel cast della serie conclusiva  del “Medico in famiglia”.

A rivelare gli indirizzi organizzativi alla base di queste nomine è il direttore artistico Mario Esposito:

“Molte saranno le conferme in giuria, ma ci sarà anche qualche new entry importante. La peculiarità di questo Premio sta nel fatto che che alcuni vincitori sono diventati poi, nel tempo, componenti dell’organizzazione. È una forma dialettica di scambio e, soprattutto,  di durata, sintomo di un filone culturale autentico o, comunque, di uno strumento divulgativo, che va ben oltre la semplice passerella  in cui, spesso, rischiano di esaurirsi appuntamenti di spettacolo televisivo come il nostro”.

 

Francesca Cavallin mentre consegna il Premio 2017 a Lino Guanciale (Foto Roberto Jandoli)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TV, nominati “Ambassador 2017″ gli attori Lino Guanciale e Francesca Cavallin

Il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” nomina “Ambassador 2017” gli attori Lino Guanciale e Francesca Cavallin. Il Commissario Cagliostro tornerà a maggio prossimo in tv per la seconda serie del noir RAI  “La porta rossa”.

Napoli, 11 dicembre 2017 –  Ogni fine anno la direzione artistica del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”®, kermesse di cultura e spettacolo di rilievo nazionale inserita tra i grandi eventi della Regione Campania, nomina due Ambassador dell’anno, un personaggio maschile ed uno femminile, sulla base dei consensi, delle segnalazioni della critica, del gradimento ottenuto tra i personaggi che si sono resi protagonisti del prestigioso Premio nazionale riservato ai protagonisti della cultura e della televisione.

Ad essere incoronati della palma di “Ambassador 2017” sono due attori del piccolo schermo: Francesca Cavallin (premiata nel 2013 e dal 2014 giurata della rassegna) e Lino Guanciale, il re delle fiction, protagonista di serie di successo come “Che Dio ci aiuti”, “Non dirlo al mio capo”, ma soprattutto “La porta rossa”, insieme con Gabriella Pession.

Francesca Cavallin per la RAI ha interpretato il ruolo di Bianca (moglie di Lele, interpretato da Giulio Scarpati) nella serie fortunata “Un medico in famiglia” oltre ad essere stata protagonista, insieme con Luca Zingaretti, della serie dedicata ad Adriano Olivetti e quest’anno aver riscosso grande successo nel ruolo di Pina nella fiction “Di padre in figlia”.

“Ci vorrà un po’ di tempo ma vedremo la seconda stagione. A maggio si parte, Carlo Lucarelli e gli autori stanno lavorando ad una serie che sia ancora più avvincente della prima”, dichiara l’attore nativo di Avezzano ma ormai di casa a Trieste.  

A tracciare il profilo di Lino Guanciale è Francesca Cavallin, componente della Giuria di qualità diretta da Mario Esposito:

“Lino è un attore completo. Un attore di prosa, di cinema, di televisione. È un uomo straordinario che da molti anni fa un lavoro eccellente nelle scuole e contribuisce ad avvicinare i nostri ragazzi alla recitazione, al teatro, alla prosa, ma soprattutto al valore profondissimo del nostro lavoro. Dando alle giovani generazioni il senso straordinario del nostro Paese e del suo patrimonio artistico-culturale”.

 

Lino Guanciale e Francesca Cavallin

 

 

 

 

 

Premio Penisola Sorrentina: nella giuria attori, giornalisti e imprenditori

Sale l’attesa per l’evento dedicato alla cultura e allo spettacolo: fra due mesi Piano di Sorrento diventerà un set di celebrities, attori, produttori e giornalisti di fama nazionale.  Quest’anno si celebra il gemellaggio speciale con la regione Liguria.  

Nella giuria nomi di prestigio tra cui l’attrice Francesca Cavallin, il giornalista Magdi Allam e l’imprenditore genovese Davide Viziano, vicario dell’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti.

Milano, 28 agosto 2017 – È stata definita la composizione della giuria della ventiduesima edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”®,  promosso dall’Ente di cultura e promozione sociale “Il Simposio delle Muse” in collaborazione con la Città di Piano di Sorrento ed inserito nel cartello degli eventi di risonanza nazionale dell’Assessorato al Turismo della Regione Campania.

Le personalità chiamate a far parte della giuria del Premio nazionale (patrocinato per l’alto valore culturale dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali) oltre a Mario Esposito, direttore artistico ed organizzatore, sono:

  • il produttore e general manager GEPPINO AFELTRA, che da sempre si è occupato di musica e televisione, firmando negli anni novanta i più importanti programmi RAI come “Mediterraneo e dintorni”, “Una estate italiana” e “Mix Italia”. Il suo nome è legato indissolubilmente a Gigi D’Alessio, di cui ha curato il management fino al 2007. È stato componente di amministrazione della Siae, occupandosi di creatività e tutela.

 

  • MAGDI CRISTIANO ALLAM, giornalista, politico, scrittore egiziano naturalizzato italiano. Formatosi in Italia presso i salesiani, Allam comincia la carriera giornalistica a Il Manifesto e Repubblica. Diventa Vice Direttore del “Corriere della Sera” che lascia per intraprendere l’attività politica al Parlamento Europeo e fondare il movimento “Io Amo l’Italia”. Attualmente è opinionista de “Il Giornale” diretto da Alessandro Sallusti. Da mussulmano moderato si converte al Cristianesimo ricevendo il battesimo, nella veglia pasquale, direttamente dal Papa Benedetto XVI.

 

  • l’attrice FRANCESCA CAVALLIN, volto iconico di fiction di successo come ” Il genrale Dalla Chiesa”, accanto a Giancarlo Giannini; “ Coco Chanel” per la regia di Christian Dugay; “Il bene e il male”, regia di Giorgio Serafini; “Puccini”, regia di Giorgio Capitani e la serie Tv “Un medico in famiglia”, in in cui ha interpretato ruolo di Bianca Pittaluga, la moglie di Lele (alias Giulio Scarpati). È stata la protagonista di “Tutta la musica del cuore” e copratogonista, al fianco di Luca Zingaretti, nella miniserie televisiva “Adriano Olivetti – La forza di un sogno”. Grande consenso di critica e di pubblico ha ottenuto con l’interpretazione di Pina nella miniserie, andata in onda quest’anno su Rai 1, “Di padre in figlia”, del regista Riccardo Milani.

 

  • ROLANDO D’ANGELI, produttore discografico e Presidente della Music Show International. Da oltre quarant’anni lavora nell’imprenditoria musicale producendo i più grandi artisti italiani, tra cui Pupo,Daniela e Loretta Goggi, Umberto Tozzi, Giorgia, Michele Zarrillo, Kelly Joice, Luca Barbarossa, Tosca. Sono oltre quaranta i paesi del mondo nei quali Rolando D’Angeli ha prodotto spettacoli e diffuso musica italiana con protagonisti Claudio Baglioni, Antonello Venditti, Ornella Vanoni, Mike Francis e Nek.

 

  • MASSIMO MARRAMAO lavora da oltre quarant’anni nella distribuzione e nella produzione esecutiva di spettacoli musicali di artisti nazionali come Ron, Eugenio Finardi, Bianca Atzei, Roberto Vecchioni.

 

  • l’attore GINO RIVIECCIO che, dopo l’esordio al Teatro Sannazzaro di Napoli con Luisa Conte e Nino Taranto, è diventato un autentico riferimento per il teatro Significativa la collaborazione con Dino Verde che per lui scrisse una nuova versione di “Scanzonatissimo” che aveva segnato l’esordio nello spettacolo di Pippo Baudo. Dopo il grande successo di “Io e Napoli”  (scritto con Gustavo Verde, figlio di Dino) sta preparando, per la prossima stagione 2017-2018, la commedia “Mamma… ieri mi sposo” con Marina Suma, Sandra Milo e Fanny Cadeo. Rivieccio, insieme con Gustavo Verde, curerà la sezione “Dino Verde” del Premio Penisola Sorrentina.

 

  • GUSTAVO VERDE, figlio del grande Dino Verde, è scrittore, autore teatrale, televisivo e radiofonico. Ha esordito collaborando con Garinei e Giovannini. Ha ora all’attivo numerosi spettacoli teatrali e programmi radiofonici (“Il barattolo”, “Via Asiago Tenda”, “Che domenica ragazzi”, “Oggi è domenica”)  e televisivi, tra cui “La prova del cuoco” condotto da Antonella Clerici. Presiede  le selezioni per la sezione del Premio dedicata alla televisione in memoria di Dino Verde

 

  • DAVIDE VIZIANO è imprenditore attivo a livello nazionale nel settore dell’edilizia. È presidente della Consulta Permanente per l’Edilizia della Liguria, presidente del Gruppo ligure dell’Ucid (Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti) di cui riveste anche il ruolo di Vice Presidente Vicario a livello nazionale (la presidenza è di Riccardo Ghidella, che succede a Giancarlo Abete). All’attività professionale ha sempre affiancato una forte presenza nel mondo culturale. È stato, per più di dieci anni, Presidente del Conservatorio Niccolò Paganini di Genova. Ha presieduto la società Genova 2004 srl, che ha curato la realizzazione e l’organizzazione degli eventi per Genova Capitale Europea della Cultura. Dal novembre 2005 al settembre 2011 è stato consigliere d’amministrazione della Fondazione Valore Italia, istituita dal Ministero delle Attività Produttive, avendo lo scopo di realizzare, gestire e favorire l’attività della esposizione permanente del design italiano e del Made in Italy. Dal giugno del 2011 è il Presidente del Palazzo della Meridiana di Genova (inserito nel patrimonio Unesco dei Rolli)che ha ospitato la sezione ligure della Biennale di Venezia con Vittorio Sgarbi ed altre importanti mostre di arte antica e moderna oltre che eventi di politica internazionale come il Simposio Cotec con il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il re di Spagna Juan Carlos I e Anibal Cavaco Silva, Presidente della Repubblica lusitana. Viziano coordina i rapporti tra il Premio ed il territorio ligure.

 

A questa giuria prestigiosa spetterà ora il compito di scegliere i premiati dell’edizione 2017 del riconoscimento nelle seguenti categorie: cultura, comunicazione, televisione (sezione speciale Dino verde), teatro, cinema, fiction, musica, istituzioni.

Lo spettacolo televisivo di premiazione si svolgerà al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento il prossimo 28 ottobre, con una serata di gala, durante cui uno speciale omaggio sarà riservato al gemellaggio con la regione Liguria.

 

 

 

L’attore Gino Rivieccio è l’ideatore della sezione del Premio dedicata a Dino Verde

 

Il giornalista e scrittore Magdi Allam sarà a Piano di Sorrento

 

 

L’imprenditore genovese Davide Viziano coordina i rapporti con la Liguria

L’attrice Francesca Cavallin nella giuria del Premio Penisola Sorrentina

“I premi servono a fare sistema in Italia”, dichiara l’attrice veneta che interpreta Pina nella fiction“ Di padre in figlia”  girata a Bassano del Grappa ed in onda in queste settimane su RAI 1 in prima serata

Piano di Sorrento (Na), 26 aprile 2017 – – Prosegue ed entra sempre più nel vivo l’organizzazione della 22a edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, il prestigioso riconoscimento organizzato dall’associazione culturale “Il Simposio delle Muse” con la direzione artistica di Mario Esposito e dedicata ai protagonisti dell’arte, della cultura e dello spettacolo.

Nell’albo d’oro dell’importante Premio nazionale itinerante, la cui serata di gala si svolge ad autunno a Piano di Sorrento nel cuore della costiera sorrentina,  si annoverano grand i nomi come quelli di Giancarlo Giannini, Nicola Piovani, Walter Veltroni, Lando Buzzanca, Lina Sastri, Ron, Roberto Vecchioni, Lino Banfi, Leo Gullotta.

La segreteria organizzativa annuncia, anche per questa edizione, la partecipazione al Premio dell’attrice Francesca Cavallin, da sempre affezionata ospite della kermesse letteraria culturale, nella veste di componente della Giuria di qualità.

“La presenza di Francesca Cavallin nella giuria del Premio Penisola Sorrentina non fa che rinforzare l’immagine dell’eccellenza che ogni anno cerchiamo di rinnovare e portare avanti. Mi piace ricordare che Francesca Cavallin è una donna colta, laureata in Storia dell’Arte, e probabilmente da ciò trae una grande sensibilità per la cultura, che abbina al talento interpretativo di attrice”, dichiara il patron del Premio Mario Esposito.  

Francesca Cavallin fu premiata a Piano di Sorrento nel 2013 e da allora è diventata una graditissima ospite del Premio sorrentino fino ad essere scelta come madrina ufficiale nella edizione significativa  del ventennale, celebrata  a Piano di Sorrento nel 2015 e che vide premiato, tra gli altri, il papà dei conduttori televisivi: Pippo Baudo.

L’attrice ha vinto il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”® come protagonista, insieme con Luca Zingaretti,  della fiction RAI “Adriano Olivetti la forza di un sogno”, prodotta dai Rai Fiction e Casanova Multimedia di Luca Barbareschi (anch’egli premiato con il “Penisola Sorrentina” nell’edizione 2016 nella veste di direttore artistico del teatro Eliseo di Roma).

Nel 2014 Francesca Cavallin, nota al grande pubblico anche per le sue brillanti interpretazioni ne “Il Generale Dalla Chiesa” con Giancarlo Giannini e “Tutta la musica del cuore”, entrò a far parte per la prima volta della giuria di qualità del Premio di Piano di Sorrento dove consegnò il riconoscimento all’amico e collega di sempre Giulio Scarpati, il dottor Lele Martini nella saga del “Medico in famiglia” in cui la bella attrice interpretava il ruolo di Bianca.

Ora Francesca è tornata con successo sul piccolo schermo nella fiction in onda su Rai 1 “Di padre in figlia”,  girata nei suoi luoghi natali, accanto ad Alessio Boni e Cristina Capotondi.

“Sono contenta di aderire all’invito del direttore del Premio Penisola Sorrentina Mario Esposito, che è sempre molto gentile.  Mi piace il fatto che questo Premio nasca con la poesia e che poi l’organizzazione sia riuscito a declinarlo anche in altre attività umane. Si parla tanto di fare sistema in Italia. Io credo che si possa iniziare a fare sistema proprio attraverso dei premi seri e qualificati come questo, perché il premio è un riconoscimento dell’altro, del talento, della capacità , dell’intelligenza”, dichiara l’attrice originaria di Bassano del Grappa recentemente impegnata anche in un’altra fiction Rai dedicata a Rocco Schiavone.

Per maggiori informazioni sul premio visitare il sito internet www.premiopenisolasorrentina.com.

 

###

 

 

Francesca Cavallin un bacio con Pippo Baudo durante la consegna del Premio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Francesca Cavallin sul podio del Premio

TV: SPECIALE NATALE PER IL 20° PREMIO ARTURO ESPOSITO

Salerno, 24 dicembre 2015 – Pippo Baudo, Lando Buzzanca, Peppe Barra, Francesco Cicchella, Gino Rivieccio, Bianca Atzei: sono alcuni dei protagonisti della speciale produzione audiovisiva “20° Premio Arturo Esposito Christmas Time”,  che andrà  in onda, per le feste di Natale,  su TeleColore Salerno in tutta la Campania al canale 16 del digitale terrestre e, in streaming, sul sito www.telecolore.it.

Il 26 dicembre alle ore 14.40, il 31 dicembre alle ore 22.35 e il primo dell’anno 2016 alle ore 19.40 la storica emittente salernitana TCS ospita nel proprio palinsensto un grande evento – spettacolo, prodotto dal Simposio delle Muse, condotto e diretto da Mario Esposito con l’attrice Francesca Cavallin. 

“L’evento off air si inserisce all’interno di una speciale appendice natalizia, che per un Premio diventato ormai una rassegna nazionale itinerante spalmata su più periodi dell’anno, costituisce senza dubbio uno strumento di promozione efficace per la promozione, anche turistica oltre che culturale,  del territorio sorrentino”, commenta il direttore del prestigioso Premio  che si svolge annualmente a Piano di Sorrento, coinvolgendo anche diversi territori dell’entroterra.

Una serata evento per la Campania intera che accompagnerà  i telespettatori a salutare l’anno vecchio e nuovo, esplorando quanto di buono si è svolto in Italia nel 2015, raccontando le tradizioni culturali e turistiche del bel Paese.

Tra i protagonisti dello spettacolo televisivo anche il direttore del Tg4 Mario Giordano e il Commissario unico dell’Esposizione Universale di Milano Giuseppe Sala 

Premio Arturo Esposito: da Pippo Baudo a Giancarlo Giannini tutti vip in mostra

Venti anni del Premio Arturo Esposito raccontati con una mostra fotografica: molti i Vip ritratti tra cui Pippo Baudo, Lando Buzzanca, Bianca Atzei, Mario Giordano, e poi ancora Lino Banfi, Vittorio Sgarbi, Valerio Massimo Manfredi, Nicola Piovani, Giancarlo Giannini, Bianca Guaccero, Roberto Vecchioni, Magdi Allam, Annalisa Minetti, Paolo Brosio

Piano di Sorrento (Na), 7 dicembre 2015 – È alle battute conclusive ed è visitabile ancora fino al 10 dicembre (dal lunedì al venerdì ore 8-14- martedì e giovedì anche dalle 15 alle 18) presso il Palazzo municipale del Comune di Piano di Sorrento (Piazza Cota) la Mostra fotografica dedicata al ventennio del Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito®. La retrospettiva racconta l’evoluzione dell’evento attraverso centocinquanta immagini firmate dal fotografo Federico Iaccarino: l’interazione della città con gli ospiti, i backstage, il percorso della manifestazione dalla poesia alla multitematicità, le location carottesi e i riconoscimenti ottenuti e consegnati. Una mostra, patrocinata dal Comune di Piano di Sorrento, volta quindi a raccogliere in un unico sguardo tutte le iniziative messe in campo in 20 anni di attività, le personalità che hanno raccontato Piano di Sorrento con parole proprie e le sinergie artistiche create dal fondatore Arturo Esposito e poi dal figlio Mario Esposito, ideatore e direttore artistico dell’attuale format.

Ad essere immortalati sono gli eventi clou della storia del Premio, dalla fondazione fino all’edizione del Ventennale 2015, conclusa a fine ottobre con la serata di gala presso il Teatro delle Rose di Piano di Sorrento che ha visto tra i premiati Pippo Baudo, Lando Buzzanca, Bianca Atzei, Mario Giordano, Peppe Barra, Manuela Zero e come ambasciatrice d’eccezione Francesca Cavallin.

Ma i nomi che hanno sfilato tra le strade della Città di Piano di Sorrento nei vent’anni di manifestazione sono tanti: tra gli altri, Lino Banfi, Vittorio Sgarbi, Valerio Massimo Manfredi, Nicola Piovani, Giancarlo Giannini, Bianca Guaccero, Roberto Vecchioni, Magdi Allam, Annalisa Minetti, Paolo Brosio, Mario Orfeo, Lina Sastri, Sergio Assisi.

«Non sono semplici foto – commenta il patron del Premio Mario Esposito- ma icone perché hanno un’anima. In esse sono racchiuse il nostro coraggio, i nostri ricordi, le nostre inquietudini, intimamente intrecciate al fascino della penisola sorrentina”.
Per l’alto valore culturale e il prestigio raggiunto a livello nazionale, il Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito è stato patrocinato anche dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e si è collegato direttamente quest’anno all’Esposizione Universale di Milano dove l’edizione del ventennale è stata presentata in anteprima all’interno del Padiglione Italia.
Presso l’Ufficio cultura del Comune di Piano di Sorrento, dove è ospitata la mostra, è possibile ritirare gratuitamente il catalogo dedicato alla storia dei vent’anni del Premio, organizzato dall’associazione culturale “Il Simposio delle Muse”.

 

###

Il vincitore del ventennale Pippo Baudo con Mario Giordano e Magdi Cristiano Allam

 

Pippo Baudo ha ricevuto il “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito 2015″alla carriera nella sezione dedicata a Dino Verde per il varietà televisivo

 

Il Premio Penisola Sorrentina a Pippo Baudo, Lando Buzzanca e Peppe Barra

Napoli, 23 ottobre 2015 – Pippo Baudo, Lando Buzzanca, Peppe Barra. E poi ancora Bianca Atzei, Mario Giordano e Francesco Cicchella, da Made in Sud e Tale & Quale., con un riconoscimento speciale assegnato all’Expo di Milano. Sono alcuni dei premiati della Ventesima edizione del Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito, format ideato e diretto da Mario Esposito.

La serata finale con la cerimonia di assegnazione dei riconoscimenti è in programma al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento sabato 24 ottobre, alle ore 20, e sarà condotta da Mario Esposito insieme all’attrice Francesca Cavallin.                                                                                                                                                                                   

Tre sono i grandi nomi dello spettacolo che suggelleranno l’edizione del ventennale del premio: Peppe Barra (cui andrà il premio assegnato dal Master di drammaturgia e cinema dell’Università di Napoli “Federico II”); Lando Buzzanca (che quest’anno ha compiuto ottant’anni) cui sarà consegnato il premio alla carriera e Pippo Baudo che invece trionfa nella sezione dedicata a Dino Verde, la penna del varietà che negli anni sessanta firmò alcuni successi e brandi di avanspettacolo per quello che sarebbe poi diventato  il conduttore televisivo per antonomasia.

Partendo dal giornalismo il riconoscimento sarà consegnato dal presidente del comitato scientifico, Magdi Cristiano Allam, a Mario Giordano, direttore del Tg 4, scrittore, già direttore de “Il Giornale”, opinionista televisivo, editorialista di Libero.

Il premio per il teatro va ad Antonello Avallone, direttore del Teatro dell’Angelo di Roma e coprotagonista con Milena Vukotic (che interverrà in collegamento da Parigi) dello spettacolo, scritto da Manlio Santanelli, “Regina Madre”.

L’edizione del ventennale guarderà anche con interesse ai giovani talenti dello spettacolo e della tv: Manuela Zero, protagonista del talent Rai “Forte Forte Forte”, condotto da Raffaella Carrà, e a dicembre prossimo tra le principali interpreti del film “Professor  Cenerentolo” di Leonardo Pieraccioni, si aggiudica infatti la sezione “giovane attrice”.

Francesco Cicchella (lanciato dalla trasmissione Made in Sud con le sue brillanti imitazioni di Michael Bublè e Kekko dei Modà, distintosi a Sanremo 2015 ed ora tra i protagonisti del programma di Carlo Conti del venerdì sera di Rai 1 “Tale e quale show”) riceverà una menzione speciale.

Il premio come cantante dell’anno andrà alla sarda Bianca Atzei, che dopo l’esordio sanremese si è distinta con una serie di singoli di successo e in questi giorni è coprotagonista dell’album di Gigi D’Alessio “Malaterra”, realizzato contro la Terra dei Fuochi, in cui duetta col noto cantante napoletano in “Torna a Surriento”.

Il Premio Arturo Esposito® segnala anche le filiere dell’agricoltura e delle attività produttive con un riconoscimento ad uno dei più importanti winemaker internazionali: Roberto Cipresso, eletto nel 2008 uomo dell’anno dalla rivista “Men’s health” e che nel 2010 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano l’incarico per la produzione del vino speciale per i 150 anni dell’Unità d’Italia.

###

Info:

www.premiopenisolasorrentina.com

 

Exit mobile version