AISLA Brescia si rinnova: Luca Ruggeri è il nuovo Presidente

Luca Ruggeri è il nuovo Presidente di AISLA Brescia, pubblica benemerenza a Paolo Marchiori

Cuore, compattezza e determinazione, questa la cifra della sezione bresciana che proseguirà sul cammino già tracciato in questi 13 anni, mettendo sempre al centro gli ammalati e le famiglie.

Brescia, 30 giugno 2021 – Sabato 19 giugno, alla vigilia della Giornata Mondiale sulla SLA, si sono svolte l’assemblea ordinaria e l’elezione del consiglio direttivo della sezione bresciana di AISLA – Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica. Sono state definite le cariche e nominato il nuovo presidente, Luca Ruggeri, che succede a Paolo Marchiori.

Succedo a un grande presidente che ha deciso di restare con noi per continuare a offrirci il suo prezioso supporto. – dichiara Luca RuggeriIl mio impegno sarà quello di proseguire sul cammino già tracciato per continuare ad aiutare gli ammalati e le famiglie che continueranno ad essere al centro di tutti i nostri progetti. Il nostro è un messaggio di speranza e forza per la nostra gente, ma non solo. Tutti devono sentirsi partecipi nell’offrire aiuto e assistenza a chi combatte con questa malattia, con la quale io stesso convivo da sei anni. Per proseguire nel migliore dei modi in questa missione dovremo dare prova di responsabilità, unità e dialogo.”

Cuore, compattezza, determinazione e attenzione per le famiglie, sono la cifra di questi primi 13 anni della sezione bresciana. Una storia iniziata nel 2008 il cui cuore pulsante è stato il gruppo di volontari che hanno lasciato tracce preziose e aperto strade su cui altri volontari oggi, come domani, potranno camminare. Tutto questo, tuttavia, non sarebbe stato possibile senza l’azione-reazione di Paolo Marchiori. Fondatore della sezione bresciana, Marchiori è un uomo che con competenza, dedizione, abnegazione e amore ha saputo re-agire alla malattia, prendendosi amorevolmente cura della comunità SLA bresciana. Questo è stato il sentimento di gratitudine espresso dalla presidente nazionale AISLA Fulvia Massimelli, presente nel momento dei saluti iniziali e che, prima di congedarsi per lasciare il via all’apertura ufficiale dei lavori, ha insignito Paolo Marchiori della benemerenza dell’associazione, quale segno di quel gesto d’amore di cui solo l’opera umana volontaria è capace.

Dopo tredici anni, termina oggi il mio ruolo di Presidente di Aisla Brescia. Una scelta non facile ma consapevole, dettata non tanto dalle crescenti difficoltà fisiche, quanto dalla convinzione che sia giusto lasciare spazio a chi può offrire nuove prospettive. – commenta Paolo Marchiori, che prosegue – Oggi, dunque, non finisce nulla ma si guarda avanti, uniti dalla stessa passione che ci ha guidati sin qui. Luca Ruggeri sarà una guida sicura per una squadra di persone davvero speciali. Il mio vero orgoglio non è tanto per quello che ho fatto, ma per tutte le persone di buona volontà che ho avuto la fortuna di incontrare in questo percorso di vita e che mi hanno sostenuto. Senza di loro, non avrei potuto fare niente.”

Il volontariato è un bene comune, da tutelare e incrementare, per questo AISLA ha aderito all’appello per la candidatura transnazionale del Volontariato a bene immateriale dell’Umanità Unesco. Per chi si trova a convivere con una malattia come la SLA sulla propria pelle, il volontariato assume un significato ancor più profondo. Sapere di non essere soli, infatti, offre la possibilità alle famiglie di affrontare la malattia e di accettare tutte le sfide che ne derivano. Ed è per questo che il volontariato diventa fondamentale. È l’ingrediente del gesto d’amore che può cambiare le cose, che permette di poter dire alle istituzioni che le associazioni possono fare la propria parte – insieme a loro – per una società sempre più inclusiva, più equa e che ponga le persone al centro, a prescindere dalle proprie abilità o disabilità.

Il nuovo Consiglio Direttivo Sezionale ha nominato all’unanimità: Luca Ruggeri (Presidente); Emanuele Foresti (vice Presidente); Flavia Costantini (tesoriere); Maria Mario (segretario). A loro, si uniscono i consiglieri eletti in Assemblea: Paolo Marchiori; Carlo Antonini; Alessandra Collicelli e Doriana Di Giovanni.

Tra i servizi supportati offerti gratuitamente a favore delle famiglie SLA bresciane: trasporto attrezzato in comodato d’uso o con autista; servizio ambulanza; sportello di ascolto; supporto psicologico.

Per informazioni: aislabrescia@aisla.it; cell. 3312641399

 

Luca Ruggeri con la moglie Lucia e la figlia Marina

 

 

Paolo Marchiori con RON, testimonial e consigliere nazionale AISLA, all’inaugurazione del Centro Clinico NeMO Brescia

 

Fisica, a Brescia il 5° Convegno dell’ANFeA

Brescia, 7 maggio 2019 – Si terrà a Brescia, nei giorni 23-24-25 maggio 2019, presso l’ Aula Magna dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (via Trieste 17) il 5° Convegno di ANFeA, l’Associazione Nazionale di Fisica e Applicazioni, sul tema: “Fisici e impresa: una collaborazione sinergica”.

Il congresso intende promuovere le relazioni tra gli operatori della fisica applicata e le realtà imprenditoriali.

Il programma dei lavori sarà intenso e coinvolgerà sia fisici che imprese, in un confronto di proposte e analisi, con una visione
aperta alle esigenze di trasformazione del mondo del lavoro.

Il fisico professionista si pone come anello di congiunzione fra la ricerca di avanguardia e il mondo produttivo contribuendo a introdurre nelle imprese le innovazioni che il mercato oggi sollecita, aiutando la loro crescita. In questi anni di trasformazione, la figura del fisico non è più identificata solo nella ricerca e/o nella didattica ma è anche proiettata verso importanti esperienze di collaborazioni aziendali.

Forte del particolare approccio sistemico nel problem solving, tale figura è molto apprezzata dalle imprese che necessitano sempre più di personale in grado di operare con metodo, precisione e competenza, capace di trasformarsi in modo dinamico per accompagnare l’innovazione tecnologica di un’azienda. L’assetto formativo di base della figura del fisico ben si accompagna a tali esigenze nell’impresa moderna sempre più orientata agli aspetti innovativi e concorrenziali sul mercato.

L’esposizione dei lavori congressuali prevede:

Giovedì 23 maggio h.10.00-18.00, in collaborazione con Compagnia delle Opere di Brescia (C.d.O.): “Sarò un Fisico Professionista” – giornata introduttiva, dedicata ai giovani e alle prospettive ad essi fornite da attività svolte all’interno delle aziende come figura di fisico professionista. Sono previsti momenti di incontro tra i ragazzi e i fisici che già operano oggi presso alcune realtà operative. La giornata si concluderà con la visita (previa prenotazione) dell’azienda Feralpi Siderurgica sita a Lonato (BS).

Venerdì 24 maggio h. 9.30-18.00, in collaborazione con Confartigianato di Brescia e Lombardia orientale e con l’Associazione Industriale di Brescia (A.I.B.): “ANFeA e IMPRESA” – giornata dedicata agli aspetti operativi dei fisici all’interno delle aziende a vantaggio dello sviluppo produttivo delle imprese. Una successione di Ted-Talk tra fisici e aziende terranno alto l’interesse e indagheranno gli aspetti più peculiari e sinergici. Gli interventi si concluderanno con una presentazione ANFeA sulle novità legislative riguardo il nuovo Ordine dei Chimici e Fisici di recente definizione. A finire, cena sociale presso Villa Fenaroli – BS (www.villafenaroli.it).

Sabato 25 maggio h. 9.00-12.00: Aggiornamento interno, continuo e permanente, per i fisici iscritti ad ANFeA.
Le giornate di congresso saranno quindi concluse con l’Assemblea Generale dei Soci ANFeA.

 

5° Congresso Nazionale ANFeA

“Fisici e Impresa: una collaborazione sinergica”

23-25 maggio 2019:

Aula Magna Università Cattolica del Sacro Cuore – Via Trieste 17, Brescia.

Costo del Congresso e informazioni logistiche sul sito di riferimento.
Locandina su: https://convegni.unicatt.it/anfea2019

Web: www.anfea.it – mail: congresso2019@anfea.it

Per iscrizioni SOCI: http://soci.anfea.it/
Per iscrizioni NON SOCI: http://nosoci.anfea.it/

Informazioni a cura di Francesca Missineo, delegato ANFeA

 

 

Arriva a Bergamo “Clic”, il film dei record

Record di incassi? Record di budget? Record di spettatori? Record di attori superpagati con costumi firmati da costosissimi stilisti con milioni di followers? Niente di tutto questo: ‘CLIC – 10 giorni guidato dal vento’ stabilisce una nuova tipologia di record e primati, tutti rigorosamente minimalisti….

Bergamo, 25 marzo 2019 – Si terrà domenica 31 marzo, alle ore 18, presso il Qui Centro Polifunzionale Dinamico a Gorlago (Bg) la prima visione per la provincia di Bergamo, del primo selfie film della storia, CLIC – 10 giorni guidato dal vento‘ (www.filmclic.it).

L’ingresso è gratuito ed è consigliato visitare il centro a partire dalle ore 10 del mattino, per partecipare ai numerosi eventi artistici, culturali, olistici e salutistici dell’ Hakuna Matata Day.

Il film ha fatto registrare finora numeri da record, ed è destinato per questo a rimanere nella storia della cinematografia mondiale.

Innanzitutto è il primo selfiefilm della storia del cinema, ovvero il primo film realizzato quasi interamente da una sola persona. Per questo, all’autore Paolo Goglio che svolge contemporaneamente il ruolo di regista, attore, cameraman, sceneggiatore, post-produzione, sonorizzazione e mixage, spetta la palma del primo selfieregista.

E’ anche il primo film a budget zero (altro che lowcost), il primo film senza sceneggiatura o copione, non ci sono testi scritti né battute da recitare e questo lo rende unico anche nella sua spontaneità e immediatezza. E’ il primo realizzato solamente con actioncam: selfiecam, Gopro, fotocamere mirrorless e aste telescopiche. E per queste ragioni è anche il primissimo real-film ossia una produzione realizzata in tempo reale, catturando gli eventi e le azioni, i momenti e le situazioni senza prepararle né determinarle.

L’impossibile diventa possibile, quello che prima era riservato a pochi oggi possono farlo tutti e questa è una grande conquista sul piano artistico-sociale. Sta per uscire nelle sale cinematografiche in tutta Italia un film che potrebbe fare tendenza e aprire un nuovo filone di produttività dove i parametri non sono più il budget, il cachet o la firma del regista quotato o dell’attore di grido.

IL PRIMO SELFIEREGISTA

Chiediamo a Paolo Goglio, nel corso di una intervista telefonica, come ha potuto concepire un’impresa così impegnativa: “In effetti non ho la certezza di aver concepito io questo film. Una notte mi sono giunte delle voci che mi dicevano di partire e di non curarmi di nulla, non dovevo pensare né preoccuparmi di dare un senso compiuto alle cose. Dovevo farmi guidare da loro, da queste voci che mi avrebbero seguito, indicato il cammino e fornito tutte le indicazioni necessarie. Ho pensato che era una proposta meravigliosa e subito mi sono attrezzato per partire con la mia attrezzatura mobile, il mio amatissimo cane Dastan e il necessario per accamparmi. Sono giunto così sulle incantevoli spiagge dello Jutland dove un fortissimo vento alternava pioggia e sole, nuvole e tramonti incantevoli, c’era una energia pazzesca e ho iniziato a filmare, riprendere tutto questo e dare un senso aggiunto al mio viaggio. Percepivo queste voci nel vento e provvisoriamente ho intitolato il film 10 giorni guidato dal vento. Solamente in un secondo momento mi è giunta spontanea l’idea di questo slogan divertente e molto accattivante: CLIC significa infatti Condividi, Like, Iscriviti e Contattami.”

LA TECNICA

Paolo Goglio ha sviluppato una tecnica di ripresa televisiva derivata dal selfie che significa, infatti, fai-da-te. Paolo, come hai fatto a padroneggiare con tanta professionalità le attrezzature di ripresa completamente da solo?

Per realizzare una impresa, anche piccola, occorre sempre e solamente tanto allenamento. Ho iniziato a cambiare le mie dinamiche di ripresa quando la miniaturizzazione delle apparecchiature ha consentito delle modalità di ripresa uniche e inedite. 6 anni fa, a Dicembre 2012 usciva la Go Pro Hero 3Black, una action-cam che ha stravolto il mondo delle riprese televisive. Non erano più solamente gadget e giocattoli per gli sportivi, stava nascendo una nuova era sia tecnologica che creativa, si aprivano scenari sconfinati. Ho iniziato subito a prendere dimestichezza con le molteplici possibilità offerte dalle action-cam e dalle fotocamere mirrorless, leggere, robuste e ad altissima definizione. Facevo riprese in modalità “selfie” con almeno 2 anni di anticipo sulle tendenze sociali e così ero un precursore, un pioniere, un esploratore dell’immagine ed operavo sempre in anticipo sui tempi, aggiornando le mie attrezzature con mini stativi, supporti di ogni genere per ogni tipo di condizione anche estrema. Basta pensare che per fare riprese in montagna d’inverno, con 17 gradi sottozero, impiegavo una valigetta termoriscaldante per evitare che le batterie delle telecamere si scaricassero anzitempo. Ho integrato il mio parco macchine con un piccolo drone e oggi so di poter realizzare, da solo, quello che fino a pochi anni fa implicava la presenza di una decina di figure tecniche specializzate. Faccio tutto da solo, con enorme risparmio di tempi e costi, fantastico no?”

BUDGET ZERO

Abbiamo sempre considerato che il successo di un film fosse proporzionale al budget investito ma anche in questo caso CLIC – 10 giorni guidato dal vento stravolge completamente il mazzo ribaltando le carte. Paolo Goglio ha definito una nuova linea di produzione, non ci sono più solamente documentari e commedie, fantascienza, thriller, horror e film comici. Da oggi il meraviglioso mondo della cinematografia apre una nuova categoria: il SELFIEFILM. E ancora un volta possiamo dire, con orgoglio, che questa rivoluzionaria innovazione nasce da un Italiano. L’Italia è da sempre il paese culla dell’arte, della cultura, dello stile e della creatività. E’ un patrimonio che l’intera comunità mondiale dovrebbe coltivare, difendere e sostenere, invece gli interessi vanno in una direzione completamente contraria. Si inaridiscono le coscienze e la valorizzazione, si distruggono i talenti e le qualità per privilegiare solamente meschini interessi economici e di tornaconto personale. Ma proprio qui il film che ho appena realizzato potrebbe aprire uno spiraglio in termini di ascolto e di interpretazione della vita: siamo proprio convinti di conoscere quali sono le cose importanti delle vita? Quali sarebbero le nostre priorità se avessimo poco tempo a disposizione?”

L’ appuntamento è all’Hakuna Matata Day, presso il Centro Polifunzionale Dinamico in Via del Fabbricone 16, Gorlago (Bg) dalle 10 alle 19:30 per visitare e assistere alle numerose iniziative che si concluderanno alle ore 18 con la proiezione del film di Paolo Goglio.

Per maggiori informazioni sull’evento è a disposizione il numero telefonico 335 5952193 (Marzia)

Qui Centro Polifunzionale Dinamico – Via del Fabbricone 16, Gorlago 24060
Secondo piano, Stabile Mobili Fucili, ingresso laterale.

 

 

###

 

Contatti stampa:

 

 

Locandina del film:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È boom di offerte di lavoro in Lombardia e Veneto: queste le ultime richieste

Milano, 29 agosto 2017 – Sono tante le nuove posizioni lavorative aperte in Lombardia e Veneto e in genere nel nord Italia. In questi primi giorni di riapertura delle aziende, dopo la chiusura estiva, si registra infatti una crescita delle richieste di lavoro nel nord dell’Italia, con numerose posizioni lavorative manageriali, e non solo, disponibili in diversi settori. Si tratta senza alcun dubbio di una possibilità concreta per valutare opzioni ed opportunità differenti.

A confermarlo la Adami & Associati, che da anni si occupa della ricerca di personale qualificato tramite ricerche specifiche, valutazione delle effettive competenze/skills dei candidati e inserimento ottimale dei candidati in azienda.

Queste le posizioni più ricercate sono destinate a professionisti di vario genere, raccolte e raggruppate in base alle varie mansioni:

 

VENDITE/ACQUISTI:

N.1 Responsabile vendite a Milano

N.1 Responsabile vendite e marketing – Italia e estero a Padova

N.1 Sales account – Medio Oriente a Milano

N.1 Responsabile punto vendita ottica a Brescia

N.1 Sales and marketing manager a Merate (LC)

N.1 Sales manager a Bolzano

N.1 Commerciale settore trasporti a Verona

N.1 Buyer specialist a Bergamo

 

RISTORAZIONE:

N.1 Responsabile ristorante a Bergamo

N.2 Commis de rang a Milano

N.3 Chef de rang a Milano

N.1 Barman a Milano

N.1 Restaurant director a Milano

 

OFFICE:

N.1 ADDETTO UFFICIO TECNICO/PROGETTAZIONE a Monza e Brianza

N.1 Responsabile ufficio export ad Arese (MI)

N.1 Economo a Milano

N.1 Controller ambito trasporti a Verona

 

TECHNICAL:

N.1 Direttore tecnico a Merate

N.1 Senior electrical engineer

N.1 Instrument automation senior enigineer a Milano

N.1 Senior technical engineer a Milano

N.1 Progettista meccanico/idraulico elettrovalvole a Como

 

RETAIL:

N.1 Analista funzionale nell’ambito del software retail a Mestre (VE)

 

LOGISTICA:

N.1 operation in store a Milano

 

MANUFACTURING:

N.1 Responsabile attrezzista meccanico a Lecco

n.1 Tornitore con esperienza a Milano

 

MANAGEMENT:

n.1 Ingegnere meccanico a Milano

n.1 Business development manager a Milano

n.1 Site manager a Genova

n.1 Finance manager reporting to the Cfo a Milano

n.1 Project account manager a Bergamo

n.1 Direttore generale a Varese

n.1 Asset manager a Milano

n.1 Capo contabile a Milano

n.1 Head of legal, risk & compliance  a Milano

 

CUSTOMER CARE/CUSTOMER SERVICE:

n.1 Hostess a Milano

 

Per maggiori informazioni sulle posizioni lavorative contattare la Adami & Associati al telefono 02 36 52 62 35 o tramite email l’email customerservice@adamiassociati.com o visitare i sito internet www.adamiassociati.com.

 

 

 

 

 

Immobili, a Brescia e Bergamo acquisto case con la realtà virtuale

Bergamo, 15 marzo 2018 –  È rivoluzione, nel bresciano e bergamasco, nel mondo degli immobili. Grazie alle ultime novità in fatto di tecnologia la visita degli immobili in vendita avviene infatti con la realtà virtuale. Tramite degli occhiali in 3D infatti chi desidera visionare degli appartamenti può farlo direttamente dalla sede dell’agenzia immobiliare, con enorme risparmio di tempo e stress per spostarsi da una casa all’altra.

La novità è stata portata sul territorio grazie alla Domus Real Estate (www.domusrealestate.it), agenzia immobiliare di Giuseppe Frigerio, specializzata soprattutto in immobili di nuova costruzione in tutta la provincia di Bergamo, Brescia e alcuni comuni della zona est di Milano, come Trezzo D’Adda e Vaprio D’Adda.

“Al giorno d’oggi è diventato molto più difficile organizzare gli appuntamenti per visitare immobili perché i proprietari ci danno ormai orari sempre più ristretti e gli acquirenti hanno sempre meno tempo a disposizione. È per risolvere questo tipo di problemi che abbiamo cominciato ad adottare l’utilizzo di tecnologie che permettono di visitare virtualmente le abitazioni in modalità virtuale, con immagini a 360°, come se si fosse realmente al suo interno” spiega Giuseppe Frigerio, il proprietario della Domus Real Estate che per prima ha implementato questa tecnologia sul territorio.

Questo metodo riduce al cliente le visite “inutili”, permette di fare un passo aggiuntivo sulla focalizzazione e scelta dell’immobile e aumenta le percentuali di chiusura del 30% sugli immobili selezionati rispetto agli appuntamenti tradizionali, con 1 vendita ogni 3/4 visite rispetto a 1 vendita ogni 10 case visitate con i mezzi tradizionali.

Insomma grazie alla rivoluzione degli occhiali in 3D e la realtà virtuale gli agenti immobiliari e i loro clienti fanno meno visite, perdono meno tempo e abbattono drasticamente i tempi della scelta dell’immobile, con meno stress fisici e mentali sia di chi compra che di chi vende.

Questo perché si arriva alla visita fisica dell’appartamento solo con chi avendolo prima visto in realtà virtuale l’ha ritenuto interessante, abbattendo così gli sprechi di tempo con visite di gente non interessata.

Ma come funzionano in dettaglio le visite?

Innanzitutto vengono realizzate dalla stessa Domus Real Estate tutte le fotografie della casa in vendita con una fotocamera a 360°, con un processo che richiede pochi minuti per ogni stanza.

Poi si caricano le schede e le foto delle case in vendita sul sito internet dell’agenzia e si organizzano gli appuntamenti con gli interessati.

“Il cliente visionando le case sul nostro sito ci richiede tramite un messaggio, mail o messenger l’invio delle foto virtuali di un immobile a cui sono interessati. Noi gli inviamo il link relativo e i clienti cliccando sul link della stanza la visualizzano, o dal nostro ufficio tramite gli occhiali VR, cioè in realtà virtuale, o da casa dal loro smartphone. Così riescono a visionare tutto l’appartamento in 3D, stanza per stanza” racconta entusiasta Giuseppe Frigerio.

“I clienti in soli 10 minuti riescono a vedere tutte le camere dell’appartamento, guardando da un punto fisso, ma stiamo già lavorando affinché potranno presto muoversi all’interno di tutta la casa in autonomia invece che una stanza alla volta. È solo questione di tempo” continua il titolare della Domus Real Estate.

Grazie alla tecnologia 3D l’agenzia riesce anche a lavorare in zona più ampia rispetto alle agenzie tradizionali, con il lavoro di ben 5 collaboratori.

Addirittura sono nate collaborazioni con altre agenzie della zona a cui si gira il link delle case in 3D per farle visualizzare ai loro clienti, con un maggior incremento degli affari per tutti.

“I clienti più difficili da gestire per un’agenzia immobiliare sono quelli che vogliono vendere casa ma che non vogliono gente girare per casa. Ebbene grazie al 3D riusciamo a vendere gli appartamenti in tempi record, con anche solo 3 visite fisiche” conclude soddisfatto Giuseppe Frigerio, che nel suo piccolo, partendo da Martinengo, sta innovando il mestiere dell’agente immobiliare.

Per ulteriori informazioni visitare il sito internet www.domusrealestate.it.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A giugno la 6a “Fiera della Sostenibilità nella Natura Alpina” del Parco Adamello

Fiera della Sostenibilità: a giugno in Valle Camonica 60 eventi dedicati a bike, ambiente, società, economia nella natura alpina

Il Parco Adamello torna a parlare di sostenibilità a partire dai temi del bike e della candidatura di Valle Camonica e Alto Sebino a riserva della biosfera Unesco

Brescia, 23 maggio 2017 – Per il sesto anno consecutivo il mese di giugno in Valle Camonica sarà interamente dedicato alla riflessione sul tema di Alpi e sostenibilità attraverso gli assi portanti di ambiente, società, economia grazie alla Fiera della Sostenibilità nella Natura Alpina, il contenitore di eventi e iniziative del Parco dell’Adamello.

Due saranno i temi principali intorno ai quali ruoterà l’edizione 2017 della Fiera.

Il primo è legato alla proposta di candidare la Valle Camonica e l’Alto Sebino a Riserva della Biosfera dell’Unesco (Programma MaB) affinché entrino a far parte di un circuito virtuoso mondiale di aree dove la sostenibilità è diventata il perno di progetti e programmi nei settori dell’economia, dello sviluppo sociale e della tutela dell’ambiente.

In particolare sarà possibile visitare la mostra fotografica itinerante Verso il Riconoscimento della Valle Camonica e Alto Sebino a Riserva della Biosfera, che verrà allestita in occasione dei principali eventi della Fiera e all’interno del Centro Commerciale Adamello e che ripercorrerà le tappe che stanno portando il nostro territorio e il suo grande ecosistema naturale a candidarsi come riserva della Biosfera MaB (Man and Biosphere) dell’Unesco.

Inoltre nella serata di mercoledì 21 giugno avrà luogo il convegno di presentazione della candidatura nella quale le istituzioni coinvolte interverranno per presentare al pubblico lo stato dell’arte.

L’altro tema, ripreso anche nel titolo di questa sesta edizione – Una Valle su due ruote – si pone in perfetta coerenza con il programma del Mab ed è volto a celebrare il 200° anniversario dall’invenzione della bicicletta: il 12 giugno del 1817 a Mannheim, in Germania, l’inventore Karl Drais fece la sua prima uscita sulla “draisina”, un veicolo a due ruote che diventerà l’attuale bicicletta, il mezzo di locomozione sostenibile per eccellenza.

Moltissimi e vari saranno gli eventi collegati alle due ruote: il primo sarà il Bikenomics Forum: l’economia del turismo gira in bicicletta – in calendario già sabato 27 maggio – una giornata di formazione (e informazione) dedicata al grande potenziale del cicloturismo anche in termini di sviluppo economico e sociale di territori e comunità locali.

Per l’occasione interverranno esperti del settore e importanti rappresentanti delle istituzioni e l’iniziativa sarà ritenuta valida ai fini dell’aggiornamento professionale degli iscritti all’Ordine degli Architetti e all’Albo dei Geometri e Geometri laureati con il riconoscimento di crediti formativi professionali.

Seguirà – come consuetudine nel primo fine settimana di giugno – la quarta edizione del Bike Tour dell’Oglio, l’iniziativa nata da una fortunata collaborazione tra Parco dell’Adamello (Comunità Montana di Valle Camonica) con la Comunità Montana del Sebino Bresciano, Parco Oglio Nord e Parco Oglio Sud che, con il supporto organizzativo di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta onlus), il 2, 3 e 4 giugno accompagnerà una carovana di cicloamatori alla scoperta dei 280 km di ciclovia che, costeggiando l’Oglio, portano dal Passo del Tonale sino al fiume Po.

Particolarmente importante sarà anche l’inaugurazione del nuovo tratto di collegamento ciclabile tra Vezza d’Oglio e Capo di Ponte (10 giugno) nel corso della quale verrà scoperto il monumento dell’artista Edoardo Nonelli dedicato a Karl Drais (alla presenza di esponenti della municipalità di Mannheim, di Regione Lombardia, di Fondazione Cariplo e di amministratori locali) e si percorrerà insieme il nuovo tratto di ciclabile, che si concluderà a Capo di Ponte con un momento conviviale.

Tra gli altri eventi nei quali la bicicletta sarà protagonista segnaliamo: il Cicloraduno d’epoca (2 giugno), rievocazione storica che avrà luogo a partire dal musil di Cedegolo (dove pure è allestita la mostra #Bicimonamour con esemplari d’epoca); l’iniziativa Giovani su 2 ruote – Archeobike (10 giugno) alla scoperta della Valle Camonica Romana; la X-Bionic Cup sull’Altopiano del Sole (11 giugno), la Marathon di mountain bike più lunga di tutta le provincia di Brescia; il Camunia Gren Day – Pedalando nella Valle di Lozio (18 giugno), un raduno ciclistico aperto a tutti con cronoscalata per bici d’epoca.

E ancora il Cicloraduno dei tre passi, un’iniziativa fortemente voluta dalla Comunità Montana di Valle Camonica e dedicata alla riscoperta dei passi alpini del territorio che, oltre ad essere famose tappe del Giro d’Italia (ricordiamo che nel 2017 ricorre il 100° anniversario), sono anche suggestive declinazioni di cicloturismo e meta ambita per tutti gli appassionati di bicicletta che avranno l’opportunità di percorrerli in maniera lenta e sostenibile e in tutta tranquillità, dal momento che per l’occasione la strada verrà chiusa al traffico di veicoli e automezzi. Qualora si otterranno tutte le autorizzazioni da parte delle autorità competenti per la chiusura dei passi, gli appuntamenti avranno luogo durante tre venerdì del mese di giugno, dalle 10.00 alle 16.00, e saranno così calendarizzati: Cicloraduno al Passo del Mortirolo (16 giugno), Cicloraduno al Passo del Vivione (23 giugno), Cicloraduno al Passo del Gavia (30 giugno).

Nel corso della Fiera della Sostenibilità il Parco dell’Adamello svilupperà altri due cicli di più appuntamenti: Conoscere la natura di Valle Camonica, dedicato a convegni e presentazioni di libri sull’argomento; e l’iniziativa Un Parco senza barriere, nel corso della quale, con la collaborazione delle Guide Alpine dell’Adamello, verranno attrezzati dei percorsi di arrampicata per i disabili delle cooperative sociali del territorio. Non mancheranno nemmeno i concorsi aperti a tutti e legati al tema della sostenibilità: il Premio miglior orto alpino e il Premio prati da sfalcio, le cui premiazioni avranno luogo nel corso della rassegna territoriale Del Bene e del Bello nel mese di ottobre.

E, infine, anche per quest’anno saranno numerosissime le collaborazioni con associazioni e attori della Valle Camonica che condividono gli stessi valori di sostenibilità e rispetto per il territorio che caratterizzano la Fiera. Le iniziative proposte sono tutte consultabili sul sito ufficiale della manifestazione (www.fierasostenibilita.parcoadamello.it) e nella sezione “Eventi” della Pagina Facebook Parco Adamello, mentre la brochure si può sfogliare anche online sulla piattaforma Issuu al seguente indirizzo: https://issuu.com/schiribis_snc/docs/programma_fiera_della_sostenibilita

Il concept che accompagnerà i materiali promozionali della Fiera della Sostenibilità è ispirato all’arte giapponese dell’origami attraverso cui l’uomo (“la mente della Biosfera”, per citare ancora una volta Edward Wilson) riesce a trasformare qualcosa di materiale come la carta in qualcosa di diverso, di superiore. Il potere, quindi, di creare le basi per un mondo migliore e sostenibile: bello, colorato e possibile, come un origami; ma anche fragile, che può essere facilmente distrutto, da rispettare. Proprio come un origami.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Destiny Dixon, la Show Girl Americana in Italia a Maggio nel suo Primo Tour Italiano

Arriva in tour in Italia dagli Usa Destiny Dixon, modella e star dello showbiz americano e volto noto di realtà come Penthouse, Twistys, Brazzers e Naughty America Pronto. Il tour italiano della show girl partirà venerdì 6 maggio da Padova e toccherà diverse città come Padova, Venezia, Vicenza, Brescia e Bologna

Milano, 18 aprile 2016 – Sarà in Italia dal 6 al 22 maggio Destiny Dixon, bionda showgirl americana, e toccherà diverse città come Padova, Venezia, Vicenza, Brescia e Bologna. Stunt driver, amante delle auto veloci, nerd. Segni particolari aggiuntivi: curve mozzafiato da far resuscitare un moribondo. È Destiny Dixon da Cincinnati, Ohio, Usa. Un’americana di quelle che si notano subito, bionda, statuaria, prorompente, imponente. Destiny è stata una professionista dell’alta velocità per ben otto anni, disputando gare su gare con ottimi risultati. Poi, però, come capita ai talenti della natura, viene fuori la sua grande verve sensuale ed è allora che gli ammiratori ed i fans nel mondo cominciano a registrare numeri da capogiro.

Inizia costruendosi il suo sito web dove colpisce e affonda milioni di internauti con le sue apparizioni in webcam da infarto, appare nelle più prestigiose riviste del settore come Penthouse, Twistys, Brazzers e Naughty America Pronto fino a diventare un vero e proprio colosso dell’industria erotica americana. New entry della Fantasy studio agency, che ha deciso di regalare all’Italia rutilante le bellezze dal vivo di Destiny. Precisamente dal 6 al 22 maggio, quando la bionda star americana toccherà diverse città come Padova, Venezia, Vicenza, Brescia e Bologna.

Esordio assoluto per la biondona mozzafiato nel Belpaese, pronta ad ammaliare, a suon di “infuocate” occhiate il suo pubblico tricolore. Debutto reso possibile dalla vena imprenditoriale di “Mell e Gambin”, che annoverano nella loro agenzia un vero pezzo da ’90.

La Dixon, che annovera una pagina Facebook (www.facebook.com/destinydixonfans) con oltre mezzo milioni di fans, ha posato per diversi importanti fotografi americani, che l’hanno ritratta accompagnata dalla sua grande passione: i motori. Alla faccia della famosa massima “donne e motori non legano”, più che mai falsa nel caso di Destiny.

Richiesta dalle emittenti locali a stelle e strisce, è stata la voce di diverse trasmissioni radiofoniche “on the road”, destinate al pubblico sempre in viaggio. In più la Dixon si cimenta con successo anche come testimonial di casinò, sempre con puntuali risultati – in termini di visibilità – che hanno reso felici i suoi datori di lavoro. Quel che le mancava era il tocco “italiano”. Lacuna che però sarà colmata tra poco più di un mese.

 

###

Interviste e contatti:

pressmanagement@outlook.it

 

Exit mobile version