Silvana Giacobini affiancata dal manager Salvo Nugnes presenta il suo nuovo libro di successo “Il leone di terracotta” in occasione della Fiera Arte Padova 2014

comunicato_stampa_cronaca_attualità

Evento letterario molto atteso all’interno del prestigioso contesto della Fiera Arte Padova edizione 2014, con protagonista la nota giornalista scrittrice Silvana Giacobini, che in data Sabato 15 Novembre alle ore 17.00, presenterà l’ultimo libro di grande successo, in stile romanzo giallo tutto all’italiana, dal titolo  “Il Leone di terracotta” (Cairo) affiancata nell’occasione dal manager Salvo Nugnes in qualità di relatore.

L’intrigante e intricata vicenda è ambientata in Piemonte, nella zona suggestiva delle langhe. La Giacobini spiega “Conosco bene quella regione, perché mio marito è originario di quelle parti. Mi ha sempre colpito la sua bellezza, perché è una regione fatata e al contempo elegante e ordinata” e prosegue descrivendo la trama narrativa “Le protagoniste principali sono due giovani amiche, Margot e Beatrice. Lo scenario di contorno è l’antica villa padronale, che appare quasi magica per la sua bellezza pura e incontaminata. Tuttavia, niente è come sembra e dietro quella normalità si celano segreti terribili e storie cruente, rimaste avvolte nel mistero. Margot, famosa scrittrice giallista viene chiamata a indagare sulla scomparsa di James, fratello di Beatrice, avvenuta parecchi anni addietro. Nelle sua ricerca della verità sempre più pericolosamente simile ad un’ossessione, Margot si spingerà dalle langhe alla Torino esoterica rischiando anche la vita, ma poi troverà il grande amore, travolgente e inaspettato con un epilogo di intenso romanticismo”.

La Giacobini sottolinea “Il caso di James scomparso giovanissimo da casa, lasciando dietro di sé tracce diverse e in contrasto tra loro, è ispirato ai tanti casi di cronaca vera. Le sparizioni dei minori e dei giovani adulti possono nascondere molte verità più difficili da individuare, il sospetto che non tutto nasca dalla voglia di sparizione spontanea e i ritrovamenti sono così rari. A volte sono le madri a non darsi pace, in questo caso invece lo è Beatrice, persa nel ricordo di un fratello, che le è rimasto nel cuore”.