Contro la paura le poesie e la musica di Don Cosimo Schena

0
Brindisi, 23 marzo 2020 – Don Cosimo Schena, il poeta dell’Amore, attraverso la poesia e la preghiera infonde coraggio sui social, dove in questi giorni la paura e l’ansia del Coronavirus hanno preso il sopravvento.

In pochissimo tempo la sua pagina Facebook è arrivata a quasi 50.000 followers, grazie ai messaggi di speranza e alle sue poesie-preghiere, che ogni giorno danno forza e coraggio agli italiani, in questo tempo, in cui tutta la nazione è ferma, chiusa in casa per cercare di arrestare l’epidemia.

Don Cosimo è un sacerdote di Brindisi, salito alla ribalta dopo il clamoroso successo registrato dalle sue composizioni poetiche interpretate con la sua stessa voce. Le sue poesie musicate sono ascoltatissime in rete e su Spotify conta più di 3 milioni di streams.

Scrittore impegnato tra poesia e filosofia, Don Cosimo ha iniziato poco più di un anno fa a pubblicare le sue composizioni in formato audio, decidendo di interpretarle personalmente. Un’idea che ha avuto sin da subito un clamoroso ed inaspettato successo.

Il popolo del web, giovani e non solo, ha iniziato a seguirlo e apprezzarlo sulle diverse piattaforme musicali in particolare su Spotify, e i media hanno cominciato a seguirlo con attenzione. È nato così “Il Poeta dell’Amore”.

Le sue parole arrivano dritte al cuore e si intrecciano con le bellissime musiche che accompagnano la sua interpretazione.

Per seguire le ultime novità sul prete poeta basta seguire la sua pagina Facebook al link www.facebook.com/cosimoschenapoetadellamore.

 

 

 

 

 

Ufficio Stampa

info@ufficiostampaecomunicazione.com

 

 

Share.

About Author

Salvo Longo, nato a Catania nel 1969, Laurea in Scienze Politiche, è orientatore in una scuola di formazione professionale, giornalista pubblicista, consulente della comunicazione ed esperto in organizzazione piani di comunicazione e uffici stampa. E' autore dell'ebook "La Forza della Comunicazione - Stategie Vincenti" distribuito nelle maggiori librerie online.

Comments are closed.