Luca Barbareschi “Torna a Surriento”

LUCA BARBARESCHI

Barbareschi sarà il presidente della sezione “Teatro” del Premio Penisola Sorrentina: da Roma l’attore, regista e produttore teatrale e cinematografico conferma la sua adesione al progetto di marketing culturale ideato da Mario Esposito per un rilancio territoriale e del Paese nel nome della “Bellezza“

Roma, 8 luglio 2020 – L’attore, regista e produttore Luca Barbareschi sarà il presidente per la sezione “Teatro” del Premio “Penisola Sorrentina”.  Da Roma è arrivata l’accettazione dell’invito rivoltogli dall’organizzazione.

Anche Barbareschi dunque tornerà a Sorrento in ottobre per i 25 anni della kermesse culturale, che ha raggiunto ormai livelli di assoluta notorietà nazionale.

“È tra i migliori premi organizzati in Italia”, afferma il direttore del Teatro Eliseo di Roma.

Tempi duri e difficilissimi sono quelli che sta vivendo in Italia non solo per il turismo, ma anche per la cultura e lo spettacolo dal vivo, e non ultimo appunto il settore teatrale.

Torna a Surriento” è l’idea che il patron del Premio, Mario Esposito, ha voluto lanciare facendo riferimento ad un “ritorno” territoriale in termini umani, culturali, sociali, economici, ma anche ad un ritorno di ospiti affezionatissimi a Sorrento e, soprattutto, ad un autentico “riposizionamento” della Penisola Sorrentina come luogo culturale, topos che ha ispirato nel tempo poeti, musicisti, viaggiatori risalendo alla grande tradizione del Grand Tour.

Un viaggio simbolico, dentro l’identità culturale dell’Italia nel mondo.

Il Premio si appresta a celebrare i 25 anni di attività in un clima di altissima difficoltà, con quel coraggio e quella visione che tipicamente appartengono ai soggetti istituzionali capaci di erogare un servizio quasi confinante  con quello pubblico, senza potersi permettere interruzioni , discriminazioni o soluzioni di continuità.

Esserci è d’obbligo: è questa l’imperatività di un evento che ormai identifica appieno il territorio, rappresentandolo  come presidio culturale sugli scenari nazionali.

Sosteniamo le tradizioni perché le tradizioni poi si sostengano. È il detto vittoriano su cui è costruito il Premio Penisola Sorrentina. È un Premio che ha una sua istituzionalità e una grande serietà”, dichiara Barbareschi.  “In un momento così difficile come il nostro in cui si tende a sdrammatizzare, io sono un vecchio che crede nelle istituzioni, avendole anche frequentate, auspicando un profondo investimento nella cultura in questa stagione dopo Covid

ha concluso il produttore e regista Luca Barbareschi.

 

Christian De Sica ritorna a teatro tra aneddoti, canzoni e ricordi

Riparte il 18 novembre da Verona lo spettacolo “Christian racconta Christian De Sica” insignito da poco del Premio “Penisola Sorrentina” per il Teatro. Luca Barbareschi: “Qui viene fuori la parte più gentile di Christian”

Verona, 18 novembre 2019 – Lunedì 18 novembre alle 21.00 dal Teatro Filarmonico di Verona riparte “Christian racconta Christian De Sica”, lo spettacolo che ha debuttato in primavera scorsa al Parco della Musica di Roma e che ad ottobre scorso a Piano di Sorrento è stato insignito del prestigioso Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” per il teatro, con la presidenza di Luca Barbareschi.

“Ho voluto premiare Christian De Sica per il teatro perché in questo spettacolo emerge la parte di lui più gentile”, dice Barbareschi  direttore del Teatro Eliseo di Roma, dallo scorso anno al timone della sezione teatro del prestigioso Premio internazionale, giunto alla ventiquattresima edizione ed inserito all’interno del cartello degli eventi di rilevanza nazionale della Regione Campania.

Questa la motivazione scritta per De Sica dal patron del Premio, Mario Esposito:

“È figlio di una grande storia che  ha saputo portare avanti ed innovare, muovendosi in latitudini diverse dell’arte. Dall’affresco del teatro all’acquarello dei cinepanettoni fino ai varietà televisivi, egli sa muoversi con disinvoltura e grandezza nei generi e negli stili più svariati dello spettacolo, rivelando sempre grandissima autenticità e unicità”.

Christian De Sica si esibirà al Filarmonico di Verona con parole e canzoni, accompagnato da una eccezionale orchestra di cinquanta elementi diretta dal M° Marco Tiso, narrando gli incontri della sua vita e gli aneddoti della sua carriera, in un dialogo spumeggiante con Pino Strabioli, brillante attore e raffinato interprete, con lui sul palco nella inedita veste di singolare cerimoniere dello show.

Attraverso monologhi irresistibili e storie commoventi, Christian De Sica ripercorrerà gli anni accanto al grande papà Vittorio, gli inizi della sua carriera e i racconti di quel cinema natalizio che ha accompagnato e tratteggiato l’ultimo trentennio della storia italiana.

Il suo talento raro e trasversale gli consentirà di passare con leggerezza dal racconto del curioso incontro con un’attempata Wanda Osiris fino al ricordo del liceo con Carlo Verdone.

Periodo molto intenso, dunque, per il grande attore e show man che dopo il cinema con “Sono solo fantasmi” è il film nelle sale, di cui egli è regista e protagonista insieme a Gianmarco Tognazzi e Carlo Buccirosso, ritorna al teatro e alla sua passione per il canto.

Ritroveremo De Sica poi in primavera prossima, nuovamente al cinema con “La mia banda suona il pop”, diretto da Fausto Brizzi e prodotto dallo stesso Luca Barbareschi.

 

 

Christian De Sica al Premio Penisola Sorrentina dove è stato premiato per la sezione Teatro

Musica: Danilo Rea presenterà il vincitore del “Penisola Sorrentina”

Al Teatro Eliseo di Roma il jazzista di fama internazionale, responsabile di giuria per la sezione musica del Premio “Penisola Sorrentina”, proclamerà ufficialmente la nomination 2019

Roma, 7 ottobre 2019 – Sarà il jazzista di fama internazionale Danilo Rea a proclamare ufficialmente il vincitore del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” per la musica nell’edizione 2019 (la ventiquattresima), che si svolgerà a Piano di Sorrento il 26 ottobre con la regia organizzativa di Mario Esposito.

“Sarà un riconoscimento attribuito ad un collega musicista che sa muoversi con talento e genialità tra le sonorità del jazz e la grande canzone d’autore, anticipa lo straordinario pianista che lo scorso anno ricevette il riconoscimento e che da quest’anno ha acquisito il timone della sezione musicale del prestigioso Premio.

La proclamazione avverrà mercoledì 9 ottobre alle ore 11.00 al Teatro Eliseo di Roma, il salotto culturale della Capitale, diretto da Luca Barbareschi, che presiederà i lavori della conferenza stampa di presentazione del Premio, nella duplice veste di padrone di casa e di presidente della sezione “Teatro” del riconoscimento.

“Sono felice per il secondo anno consecutivo di ospitare il Premio Penisola Sorrentina. È un premio che ha una sua istituzionalità e una grande serietà”, ha detto Barbareschi, attore e produttore cinematografico, patron del gruppo Eliseo.

 

 

La star della lirica Svetlana Kasyan vince il premio Internazionale Penisola Sorrentina

La star mondiale della lirica Svetlana Kasyan vince il premio internazionale 2019. È stata quest’estate “Aida” all’Arena di Verona per la regia di Daniel Oren.

 Mosca, 30 settembre 2019 – Svetlana Kasyan è la vincitrice della categoria “internazionale” della ventiquattresima edizione del prestigioso Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, promosso sotto l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La sua nomination verrà annunciata ufficialmente durante la conferenza stampa nazionale di proclamazione che avrà luogo il 9 ottobre alle ore 11.00 al Teatro Eliseo di Roma, diretto da Luca Barbareschi.

La Kasyan è  stata definita dai melomani “la nuova Callas”. È certamente uno dei più affermati giovani soprani del panorama lirico internazionale. Non a caso è la prima cantante lirica ad essere stata insignita da Papa Francesco del titolo di «Dama di gran croce» dell’Ordine pontificio di San Silvestro.

Georgiana di natali e russa di formazione, la Kasyan mostra conclamate abilità drammatiche apprezzate in ruoli verdiani e pucciniani dal Bolshoi a Roma, Modena, Torino.

Le sue qualità vocali ed interpretative le permettono di affrontare i più importanti ruoli sopranili del repertorio italiano, francese, russo e tedesco collaborando con i migliori Direttori e Registi e riportando ovunque grande successo di pubblico e di critica.

È stata quest’estate la protagonista di “Aida”, all’Arena di Verona Festival 2019 con la direzione del M° Daniel Oren.

Si è formata professionalmente, presso il Conservatorio Statale di Mosca ed entra nello Young Artists Program del Teatro Bol’šoj da dove è iniziata la sua già lunga carriera.

Protagonista di Manon Lescaut al Teatro Regio di Torino, di Attila al Teatro Comunale di Modena, di Tosca al Theater St Gallen, di Madama Butterfly e Tosca al Teatro La Fenice di Venezia, del Don Carlo al Teatro Regio di Torino con la direzione del Maestro Gianandrea Noseda, di Un ballo in maschera alla Dorset Opera, e tant’altro.

Sempre in giro sui palcoscenici più prestigiosi del mondo, il 26 ottobre farà tappa al Teatro delle Rose di Piano di Sorrento per ritirare l’importane riconoscimento conferitole.

 

Il Parlamento Europeo dà il patrocinio al “Premio Penisola Sorrentina”

Il neopresidente del Parlamento Europeo David Sassoli scrive al direttore del Premio “Penisola Sorrentina”, Mario Esposito, attestando la dimensione europea raggiunta dal riconoscimento

Bruxelles, 23 settembre 2019 – Il neopresidente del Parlamento Europeo, David Maria Sassoli, ha inviato una lettera al direttore del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, Mario Esposito, per augurare buon lavoro a tutta l’organizzazione e confermare la concessione dell’Alto Patrocinio in vista della serata d’onore in programma a Piano di Sorrento il prossimo 26 ottobre.

Ho preso atto con grande interesse dei molteplici eventi di rilievo da Lei organizzati dall’aprila di quest’anno, che hanno già ricevuto il Patrocinio del Parlamento Europeo”, dichiara Sassoli.

“La nostra istituzione – continua il Presidente del Parlamento Europeo – apprezza molto questo tipo di iniziative, dedicate a temi importanti quali il patrimonio culturale europeo, le barriere architettoniche, lo Stato di diritto e il dialogo interculturale”.

Non manca nella comunicazione formale inviata da Bruxelles una sottolineatura della rilevanza nazionale ormai raggiunta dall’iniziativa, che porta il nome di Piano di Sorrento e della Penisola Sorrentina oltre i confini regionali.

“Trovo che questa iniziativa – scrive Sassoli – sia assolutamente coerente con le strategie dell’Unione Europea per la gioventù, in quanto promuove la partecipazione dei giovani alla vita democratica e, al contempo, favorisce l’impegno sociale e civile, contribuendo a valorizzare appieno le potenzialità dei nostri cittadini”.

Quindi, a chiusura della missiva inviata al direttore Esposito, arrivano gli auspici per il Premio che ha assunto ormai una dimensione europea:

“Data la chiara dimensione europea della Sua iniziativa– conclude Sassoli – è con grande piacere che accordo alla sua manifestazione l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo. Riceva i migliori auguri per gli eventi conclusivi del 24° Premio internazionale “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, che ne sono certo avranno un grande successo.

I vincitori dell’edizione 2019 del riconoscimento, organizzato in collaborazione con l’Assessorato al Turismo della Regione Campania e il Comune di Piano di Sorrento, saranno proclamati al Teatro Eliseo di Roma durante una conferenza stampa nazionale.

 

 

 

Piano di Sorrento attende il Premio “Penisola Sorrentina”

A fine settembre in costiera sorrentina parte l’appuntamento diretto da Mario Esposito

Piano di Sorrento, 19 agosto 2019 – Concerti, spettacoli, reading, masterclass. Tutto questo e molto altro ancora sarà il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” 2019, la kermesse di cultura e spettacolo diretta da Mario Esposito e riconosciuta come “evento di rilevanza nazionale ed internazionale” sia dal Parlamento Europeo sia dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, che hanno assegnato il proprio prestigioso patrocinio.

IL PREMIO DI PIANO DI SORRENTO

La cittadina costiera da ventiquattro anni ospita l’importante appuntamento culturale, che ha visto passare ospiti del calibro di Nicola Piovani, Alberto Bevilacqua, Giancarlo Giannini, Antonella Ruggiero, Paolo Ruffini, Bianca Atzei, Bianca Guaccero, Barbara De Rossi, Vittorio Sgarbi, Pippo Baudo, Lino Banfi, Leo Gullotta,solo per citarne alcuni.

Il cartellone dettagliato dell’edizione 2019, promossa in sinergia con l’amministrazione comunale guidata da Vincenzo Iaccarino, è in corso di definizione.

Soddisfazione ed impegno esprime anche l’assessore alla cultura e al turismo della cittadina costiera Carmela Cilento: “Insieme con il direttore Mario Esposito e con il nostro dirigente al ramo, Giacomo Giuliano, stiamo cercando di costruire un programma in grado di coinvolgere tutti i cittadini, i turisti e gli affezionati di questo Premio che è un fiore all’occhiello per la nostra cittadina”.

LE DATE

Si partirà a fine settembre con un grande concerto inaugurale, che coinciderà con la tradizionale festa di san Michele Arcangelo, patrono di Piano di Sorrento.  “Music award” è, infatti, il titolo dello special event che vide protagonista lo scorso anno il professore Roberto Vecchioni, in una piazza Cota gremita e festosa.

A metà ottobre è atteso poi l’appuntamento dedicato alle scuole e ai giovani, il tributo a Ermanno Acanfora (documentarista e fotografo locale) che il sindaco Iaccarino ha voluto istituire per tramandare il ricordo di questo concittadino. “Tramandiamo il futuro”, è il claim coniato per questa iniziativa, che vedrà premiato anche il migliore spot promozionale realizzato dalle scuole del territorio.  Testimonial dell’evento sarà un personaggio di fama nazionale, che oltre un proprio spettacolo sarà impegnato in una masterclass con le scuole.

IL RICONOSCIMENTO E LA GIURIA 2019

Sabato 26 ottobre ci sarà infine l’evento più atteso del progetto: il galà-spettacolo di consegna del Premio “Penisola Sorrentina”  ai protagonisti individuati da una prestigiosa Gguria, coordinata da personalità nazionali della cultura e dello spettacolo:  il direttore del Teatro Eliseo di Roma Luca Barbareschi (presidente per il teatro), il pianista jazz internazionale Danilo Rea (presidente della sezione musica), il giornalista e scrittore Magdi Cristiano Allam (responsabile del comitato scientifico per il giornalismo), gli attori Gino Rivieccio e Francesca Cavallin, gli autori televisivi Gustavo Verde (floiglio di Dino Verde, cui è dedicata la sezione tv del riconoscimento) e Giancarlo Magalli.

L’edizione 2019, che si concluderà a dicembre con un concerto di fine anno,  è stata inserita nel calendario degli eventi regionali del POC Campania dall’Assessore al turismo Corrado Matera.

 

Il patron della kermesse, Mario Esposito

 

Il Teatro Eliseo aderisce al Premio Penisola Sorrentina

LUCA BARBARESCHI

Il prestigiso Teatro romano di via Nazionale diretto da Luca Barbareschi tra i partner del premio “Penisola Sorrentina”.

Roma, 8 luglio 2019 – Si rinnova la collaborazione con il Teatro Eliseo di Roma per il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, riconoscimento di alta cultura patrocinato dal Parlamento Europeo e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Ad ottobre prossimo nel foyer dello storico teatro di Via Nazionale, dove in oltre cento anni sono passati i più grandi dello spettacolo, da Eduardo De Filippo alla Magnani, da Monica Vitti a Vittorio Gassman, saranno proclamati i vincitori della XXIV edizione che vede il direttore artistico dell’Eliseo, Luca Barbareschi, presidente della sezione del riconoscimento dedicata a teatro ed audiovisivi.

“Sosteniamo le tradizioni perché le tradizioni poi si sostengano. È il detto vittoriano su cui è costruito il Premio Penisola Sorrentina. È un premio che ha una sua istituzionalità e una grande serietà”, afferma Barbareschi. “In un momento così difficile come il nostro in cui si tende a sdrammatizzare, io sono un vecchio che crede nelle istituzioni, avendole anche frequentate, auspicando un profondo investimento nella cultura”, conclude l’attore e produttore cinematografico.

Il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” annovera nel palmares nomi illustri della cultura e dello spettacolo: dal Presidente Emerito della Repubblica Francesco Cossiga ai Premi Oscar Fred Murray Abraham e Nicola Piovani; dai conduttori Pippo Baudo e Giancarlo Magalli agli attori Giancarlo Giannini, Paolo Ruffini, Lando Buzzanca, Lino Banfi; dai giornalisti Alessandro Sallusti, Mario Giordano e Antonello Piroso a cantautori celebri come Eugenio Finardi e Ron.

L’organizzazione e la produzione esecutiva del grande evento sono coordinate da Mario Esposito con il patrocinio del Comune di Piano di Sorrento e dell’Assessorato al turismo della Regione Campania.

 

Aperte le selezioni per il ‘Premio per il Teatro 2019’

 

 

 

 

A Piano di Sorrento “un centro di cultura destagionalizzata”

Bilancio del  2018 del patron del Premio “Penisola Sorrentina”, dalla RAI a Palazzo Chigi. Per il sottosegretario Borgonzoni (MIBAC): “un Premio favoloso”

Piano di Sorrento (Na), 31 dicembre 2018 – Piano di Sorrento è diventato un centro di cultura destagionalizzata, con eventi e manifestazioni che si sono tenute durante tutto l’arco del 2018, grazie al Premio nazionale “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, la rassegna nazionale di cultura inserita tra i grandi eventi dell’Assessorato al Turismo della Regione Campania diretto da Corrado Matera, e che da settembre a dicembre ha acceso l’autunno della costiera sorrentina.

Oltre 14 gli eventi organizzati e partecipati dal Premio, in varie parti d’Italia, che hanno coinvolto ben oltre 5.000 visitatori, compreso lo storico evento televisivo di premiazione al teatro Delle Rose di Piano di Sorrento.

Quest’anno il Premio poi è stato artefice anche di eventi speciali con la Città Metropolitana di Napoli, con la partecipazione a manifestazioni di spicco del turismo e della cultura (quali, ad esempio, la Borsa Internazionale del Turismo di Milano e la World Sport Tourism Show di Malpensa che hanno avuto un enorme successo di pubblico nonché risalto sulla stampa nazionale, portando ancora più lustro all’attività capitanata dalla passione del patron Mario Esposito.

Autentico fiore all’occhiello del 2018 la sinergia con il Teatro Eliseo di Roma nell’anno del suo centenario, e la presidenza della sezione teatro del Premio affidata all’attore e produttore Luca Barbareschi.

L’organizzazione ha saputo dimostrare di guardare anche oltre i confini nazionali, attraverso la partnership con l’Ambasciata del Giappone in Italia e la collaborazione con la Lucania Film Commission e la Fondazione MATERA 2019 Capitale Europea della Cultura, con cui è stato istituito un premio speciale per il cinema.

Grande attenzione rivolta alla comunicazione tradizionale e quella del web e dei social che ha riscosso in questi mesi l’attenzione continua dei media, confermando che il Premio “Penisola Sorrentina” non passa inosservato, anche al di fuori degli “addetti ai lavori”:  ben oltre 100.000 le persone raggiunte attraverso le pagine  Facebook del Premio, con una interazione assai attiva in tutta Italia.

Anche la RAI ha strizzato l’occhio al Premio concedendo il proprio patrocinio e il proprio marchio ad un Premio che il Sottosegretario di Stato ai beni e elle attività Culturali Lucia Borgonzoni non ha esitato a definire “favoloso”.

Spazio anche ai giovani e alle scuole con il concorso “Lettere dal cinema” dedicato ai 40 anni dalla morte di Aldo Moro. Il testo vincitore, di Sara Cangiano, è risultato essere la migliore recensione al docufilm Rai “Aldo Moro il Professore”, premiato come fiction dell’anno: a consegnare il riconoscimento alla protagonista, Valentina Romani, il Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano.

Un anno pieno di soddisfazioni e riconoscimenti, dunque, quello condotto da Mario Esposito:  “Il premio del Senato della Repubblica, il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri con concessione del logo di Stato, l’inserimento da parte dell’Ufficio Unesco del Mibac nell’Agenda dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale sono solo alcune testimonianze di quel successo, che intendo condividere con la Città di Piano di Sorrento, guidata dal Sindaco Vincenzo Iaccarino, e con tutti coloro che hanno reso possibile questa crescita esponenziale”, dichiara soddisfatto il patron. “Un pensiero speciale ed accorato va poi a mio zio omonimo, il Prefetto Esposito, che dal 2004 è stato il presidente onorario della kermesse e che quest’anno ci ha lasciati. Modello di valori, continuerà a guidarmi e guidarci dall’alto”.

Il Premio, dedicato alla valorizzazione culturale della Penisola Sorrentina, si è trasformato in una rassegna in grado di creare anche un legame tra i diversi comuni costieri, arrivando a coinvolgere anche il prestigioso Museo Correale di Terranova di Sorrento, presieduto da Gaetano Mauro, centro pulsante della cultura di Sorrento, attraverso la speciale manifestazione, dedicata al cinema e alla letteratura,  denominata “ I Dialoghi del Correale” .

Tanti gli ospiti vip dell’edizione 2018 del Premio. Tra i tanti si ricordano Daniele Massaro, Roberto Vecchioni, Giancarlo Giannini, Antonella Ruggiero, Bianca Atzei, Jonathan, Debora Caprioglio e Franceso Branchetti, Povia, Anna Capasso e Michele Cucuzza, Paolo Ruffini, Giancarlo Magalli, Francesca Cavallin, DaniloRea, Stasi e Fontana.

Il momento più emozionante e corale del 2018 è stato l’omaggio a “Genova nel cuore”, creato in collaborazione con il Presidente di Palazzo Meridiana Davide Viziano e l’Assessore alla cultura della Regione Liguria Ilaria Cavo, che ha voluto insignire della “caravella d’oro” al valore civile la città di Torre del Greco, che ha perduto quattro suoi giovani figli nel tragico crollo del Ponte Morandi del 14 agosto.

New entry dell’anno 2018 il progetto speciale “Copertina d’autore” diretto da Giuseppe Leone, che ha visto protagonista il graffitista internazionale Jorit. Ogni anno la rivista, dedicata alle manifestazioni e ai premiati, diventerà un libro d’artista in edizione limitata con una “copertina” speciale creata da un grande nome dell’arte visiva italiana.

Il Premio, in una logica di umbrella brand, guarda anche al sociale, supportando produzioni cinematografiche indipendenti dedicate a problematiche di attualità: a fine anno è stata presentatato in anteprima a San Fele il corto”Ragazzi soli” di Alberto Nigro dedicato al problema drammatico della ludopatia.

La via della cultura è passata anche per l’artigianato. I premi consegnati agli artisti sono infatti delle autentiche creazioni orafe su cammeo, realizzate dai maestri incisori Francesco Scognamiglio e Silvio Castaldo.

Il 2018, dopo diverse apparizioni televisive su emittenti private e pubbliche campane e non solo, lascia spazio quindi al 2019 che tiene già in serbo nuove sorprese e che si aprirà in Lombardia, a Milano, da sempre città capitale della cultura e dell’editoria.

 

Il patron del Premio Penisola Sorrentina, Mario Esposito

 

 

A Sandra Milo il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”

Consegnato all'”umana diva” di Federico Fellini il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” 2018 durante la conferenza stampa di presentazione del prestigioso riconoscimento nazionale, svoltasi al Teatro Eliseo di Roma. Il galà di premiazone si svolgerà a Piano di Sorrento il 27 ottobre

Roma, 11 ottobre 2018 – E’ stato consegnato a Sandra Milo il Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito” durante la conferenza stampa nazionale svoltasi al Teatro Eliseo di Roma alla presenza di autorità e giornalisti.

Accolta dal patron del Premio, Mario Esposito, e dal direttore artistico dell’Eliseo, Luca Barbareschi, “Sandrocchia”, come amava chiamarla Fellini, ha dichiarato di essere particolarmente felice di ritirare questo riconoscimento in un teatro così prestigioso come l’Eliseo, che in cento anni di storia ha visto passare tanti importanti artisti.

“Questo premio è un riconoscimento ad una storia umana e cinematografica, una vera dichiarazione d’amore”, dice Sandra Milo

A consegnare la statuetta-cammeo, opera degli orafi ed incisori di Torre del Greco Francesco Scognamiglio e Silvio Castaldo su soggetto artistico di Giuseppe Leone, sono stati Gino Rivieccio e il Sindaco di Piano di Sorrento Vincenzo Iaccarino.

“Il Premio è diventato un contenitore culturale trasversale e ormai consolidato nel panorama degli eventi culturali di rilievo nazionale”, ha dichiarato il Prefetto Mario Esposito, presidente onorario della kermesse.

Alla presentazione hanno partecipato anche la scrittrice Annella Prisco e l’attrice Anna Capasso.

Tantissimi i vip presenti nel foyer dell’Eliseo, tra cui alcuni altri premiati: gli attori Debora Caprioglio con Francesco Branchetti,  Paolo Ruffini e il giovane crossover Federico Paciotti, interprete di Rosso Opera, album prodotto e diretto da Caterina Caselli.

Lo spettacolo di premiazione si svolgerà al Teatro delle Rose di  Piano di Sorrento il prossimo 27 ottobre.

 

 

n

 

Exit mobile version