Effetto Coronavirus sull’ automotive: il mese di marzo tra i peggiori della storia

Milano, 9 aprile 2020 – Marzo 2020 sarà ricordato come uno dei mesi peggiori per l’automotive in Italia. Il calo delle vendite è logicamente derivato dall’emergenza Covid-19 e dalla conseguente chiusura delle principali attività. A questa, già importante, congiuntura negativa, si aggiunge un forte calo della fiducia delle aziende e dei privati verso un futuro che sembra, al momento, molto incerto.

Il calo delle immatricolazioni si attesta all’85% rispetto allo stesso mese del 2019, mentre nel confronto sul I trimestre la perdita è del 35%. Nei primi 2 mesi dell’anno, infatti, i risultati di vendita erano alquanto lusinghieri e facevano presagire un’ottima annata per il comparto auto.

Concentrandoci sul mercato del noleggio a lungo termine, secondo uno studio di Noleggiosemplice.it troviamo una situazione parimenti complicata, ma sicuramente meno grave. Le società di noleggio scontano una perdita del 79% del mese di marzo 2020 rispetto al 2019 e nel I trimestre si attestano su un meno 22%, lasciando a casa fermi circa 16 mila veicoli.

Uno scenario, quindi, molto preoccupante che avrà sicuramente un impatto decisivo sui budget annuali di tutte le aziende del settore.

I grandi players stanno già mettendo in campo una serie di strategie per contrastare questa emorragia di ordini e gli operatori del settore sono confidenti in una buona ripresa del mercato a partire da maggio. Vista l’enorme liquidità messa in campo dal Governo in questa emergenza si attende con fiducia un intervento dedicato al mondo automotive, che possa “salvare” migliaia di aziende e centinaia di migliaia di posti di lavoro.

L’impatto di questa emergenza sanitaria avrà effetti perduranti per tutto l’anno in corso. Alcune previsioni stimano perdite in volumi di circa il 40%, con un consuntivo di circa 1,2 milioni di veicoli nuovi immatricolati. Significherebbe assistere alla peggiore performance dal 1980 ad oggi, un risultato impensabile solo 2 mesi fa.

Il settore confida in un serio intervento statale, atteso ormai da molti anni, che possa spingere gli italiani a dotarsi di vetture più ecologiche e sicure, un’ iniziativa che, come già dimostrato dai maggiori esperti economici, può essere considerato a costo zero, venendo compensata dal maggiore gettito fiscale.

In questo periodo, in cui vengono accordati sostegni alle imprese in modo massivo, uno strumento economicamente sostenibile sarebbe quantomeno auspicabile se non addirittura obbligatorio per la tenuta dell’intero settore.

 

 

bilista

 

 

 

 

 

Auto: giù le immatricolazioni a febbraio 2019, soffrono noleggio e Fiat

 

Roma, 8 marzo 2019 – Il mercato automobilistico mostra ancora segni di difficoltà. La differenza delle immatricolazioni auto fra febbraio 2019 e febbraio 2018 è infatti negativa. La riduzione del 3,2%, pur essendo meno accentuata rispetto a quelle registrate nei mesi passati, indica comunque un momento sfavorevole. Unica nota positiva la crescita del mercato privati, i quali hanno probabilmente affrettato i propri acquisti per non incorrere nell’ecotassa. A registrare questi dati la società Noleggio Semplice, protagonista primario nel noleggio a lungo termine in Italia.

Immatricolazioni Auto Febbraio 2019: -3,2% Rispetto a Febbraio 2018

Alla diminuzione delle immatricolazioni auto di febbraio 2019 hanno contribuito tutti i canali, tranne quello dei privati. Con ogni probabilità, questi si sono mossi “in anticipo” per evitare l’ecotassa, che si applica sulle auto più inquinanti. Secondo Dataforce è un’ipotesi molto plausibile, dal momento che il 44,5% dei veicoli sono stati immatricolati fra il 26 ed il 28 febbraio (l’ecotassa è entrata in vigore il 1° marzo). Per sapere se è realmente così o se ci troviamo di fronte ad una reale crescita del mercato privati, bisogna tuttavia aspettare le statistiche di marzo.

Utilizzatore Febbraio 2019 Febbraio 2018 Var. % Febbraio 19/18
Privati 103.420 92.824 +11,4%
Noleggio 44.904 54.279 -17,3%
Società 29.523 36.634 -19,4%
Totale 177.847 183.737 -3,2%

 

Giù Noleggio a Lungo Termine e Breve Termine

Il noleggio a lungo termine ha registrato, a febbraio 2019, una performance inferiore a quella dello scorso anno. Il calo rispetto a febbraio 2018 è stato del 16,3%: a contribuire maggiormente, fra le categorie di distributori, sono stati gli operatori Top, mentre i Captive (controllati dai costruttori) hanno subito una flessione più contenuta. Anche il breve termine ha registrato una performance negativa: rispetto a febbraio 2018, sono state immatricolate il 21,7% di auto in meno.

Febbraio 2019 Febbraio 2018 Var. % Febbraio 19/18
Noleggio Breve Termine 17.386 22.209 -21,7%
  • Top
14.526 21.719 -33,1%
  • Altre
2.860 490 +483,7%
Noleggio Lungo Termine 23.867 28.514 -16,3%
  • Top
12.822 16.146 -20,6%
  • Captive
9.837 11.625 -15,4%
  • Newcomers
272 145 +87,6%
  • Altre
936 598 +56,5%
Altri Noleggi 3.651 3.556 +2,7%
Totale Noleggio 44.904 54.279 -17,3%

 

Secondo Salvatore Saladino, country manager di Dataforce Italia, il momento negativo del Noleggio a Lungo Termine è più problematico per gli operatori di vendita che per le società, poiché “i primi cominciano a lanciare forti segnali di calo di competitività commerciale per aumenti generalizzati dei canoni, mentre i secondi sembrano aver deciso di puntare tutto sulla marginalità delle vendite e su una revisione dei valori residui in ottica più che prudenziale“.

Il manager conclude, poi, aggiungendo che “dal ‘tutto gas’ alla ‘frenata di emergenza’ magari sarebbe stato meglio arrivarci gradualmente“, sottolineando tuttavia che questa scelta è stata influenzata dai ritmi politici tutt’altro che regolari.

 

Diesel ancora in difficoltà, Cresce il Benzina

Il 2018 si è chiuso con la definitiva affermazione della benzina e della conseguente difficoltà del diesel. Gli italiani continuano a confermare questo trend con le proprie scelte: anche a febbraio 2019, infatti, è la benzina ad aumentare la propria quota di mercato (+29,3%), mentre cala quella del gasolio (-22,6%). Stabili le immatricolazioni di vetture a GPL e quelle elettriche, mentre le ibride confermano il successo dello scorso mese con un aumento del 44% rispetto a febbraio 2018.

 

Alimentazione Febbraio 2019 Febbraio 2018 Var. % Febbraio 19/18
Diesel 80.215 103.584 -22,6%
Benzina 75.674 58.539 +29,3%
GPL 10.361 10.505 -1,4%
Ibride Elettriche 9.105 6.321 +44%
  • Benzina + Elettrica
8.052 6.273 +28,4%
  • Diesel + Elettrica
1.053 48 +2.093,8%
Ibride Elettriche Plug – In 268 246 +8,9%
  • Benzina + Elettrica
268 246 +8,9%
  • Diesel + Elettrica
0 0
Ibride Elettriche Totali 9.373 6.567 42,7%
Metano 1.974 4.296 -54,1%
Elettriche 250 246 +1,6%
Totali 177.847 183.737 -3,2%

 

Fiat al primo posto, ma le immatricolazioni auto diminuiscono

La Fiat si conferma il marchio più scelto del mercato automobilistico italiano; continua, tuttavia, la flessione delle vendite: solo nel 2018, Fiat ha perso quasi il 20% delle immatricolazioni auto e questo trend sembra continuare a causa delle pessime prestazioni di gennaio (-29,21%) e di febbraio (-18,20%). Alfa Romeo, appartenente anch’essa al Gruppo Fiat, registra ancora un calo, pari al 47,63%, proprio come era avvenuto nel mese scorso.
Piuttosto stabili le performance del Gruppo PSA: Peugeot si mantiene su un differenziale di -1,86%, mentre Citroen su +0,23%. Crescono i volumi di Opel, con un +14,91%, e di DS, con un +19,61%. Stabile anche il Gruppo Volkswagen, grazie alle buone prestazioni di Seat (+20%) e Lamborghini (+81,25%) che compensano le leggere perdite di Audi (-0,26%), Skoda (-3,67%) e Volkswagen (-1,93%). Male il Gruppo Renault (-5,18%), Ford (-11,17%) e Nissan (-29,6%).

 

Top Ten Gruppi Automobilistici

Posizione Gruppo Febbraio 2019 Febbraio 2018 Var. % Febbraio 2019/2018
1 Gruppo Fiat 44.494 48.333 -7,94%
2 Gruppo PSA 30.261 29.164 +3,76%
3 Gruppo Volkswagen 26.469 26.438 +0,12%
4 Gruppo Renault 15.936 16.807 -5,18%
5 FORD 11.433 12.870 -11,17%
6 Gruppo Toyota 8.685 8.374 +3,71%
7 Gruppo BMW 7.696 7.548 +1,96%
8 Gruppo Daimler 7.345 7.441 -1,29%
9 Gruppo Nissan 4.543 6.453 -29,60%
10 KIA 4.083 4.431 -7,85%

 

Top Ten Marca Auto

Posizione Marca Febbraio 2019 Febbraio 2018 Var. % Febbraio 2019/2018
1 Fiat 26.562 32.470 -18,20%
2 Volkswagen 15.915 16.228 -1,93%
3 Peugeot 11.264 11.477 -1,86%
4 Ford 11.433 12.870 -11,17%
5 Opel 9.626 8.377 +14,91%
6 Citroen 9.127 9.106 +0,23%
7 Renault 9.868 9.910 -0,42%
8 Toyota 8.351 8.096 +3,15%
9 Jeep / Dodge 9.449 6.868 +37,58%
10 Dacia 6.068 6.897 -12,02%

I Modelli Più Venduti

  1. Fiat Panda, 12.651 immatricolazioni
  2. Lancia Ypsilon, 5.816
  3. Jeep Compass, 5.107
  4. Volkswagen Polo, 4.863
  5. Citroen C3, 4.681
  6. Volkswagen T-Roc, 4.063
  7. Renault Clio, 4.015
  8. Toyota Yaris, 3.892
  9. Fiat 500X, 3.861
  10. Peugeot 208, 3.663

 

 

 

Immatricolazioni auto: a novembre -7% rispetto al 2017

Roma, 7 dicembre 2018 – Il report UNRAE relativo ai dati delle immatricolazioni di Novembre 2018 per il mercato automobilistico italiano, analizzato da Alessandro Borrelli, general manager di Noleggiosemplice.it leader in Italia nel settore del noleggio a lungo termine, evidenzia un calo anche a novembre registrando il terzo valore negativo consecutivo. Complice anche la congiuntura economica non positiva, le immatricolazioni del mese scorso sono state 148.024, con un ribasso del 6,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Mercato Auto: le immatricolazioni a novembre 2018

A novembre 2018 sono state immatricolate 148.024 auto, il 6,8% in meno rispetto a novembre 2017. La sofferenza del mercato automobilistico è evidente, dal momento che è il terzo mese consecutivo in cui le immatricolazioni si chiudono in rosso.
Ribassata ulteriormente anche la stima di fine anno: il 2018, potrebbe infatti chiudersi con poco più di 1.900.000 auto immatricolate. Ma cosa sta accadendo? Con ogni probabilità, le prestazioni negative del mercato automobilistico sono dovute ai seguenti fattori:

  • la decelerazione, da parte di alcune case automobilistiche, sulle auto a chilometro zero;
  • i consumatori sono sempre più consapevoli del fatto che la ripresa economica, vissuta fino ad inizio anno, è in graduale esaurimento;
  • dopo 14 trimestri positivi, si registra per la prima volta un calo del PIL (-0,1% per il terzo trimestre 2018), che rende più probabile l’inizio di una nuova recessione e, di conseguenza, sempre minore la fiducia da parte dei consumatori.
Utilizzatore Novembre 2018 Novembre 2017 Var. % Nov. 18 /17
Privati 95.779 91.740 +4,4
Noleggio 25.107 30.795 -18,5
Società 27.138 36.345 -25,3
Totale 148.024 158.880 -6,8

La proposta del Centro Studi Promotor

Il centro studi Promotor ha formulato una proposta per il Governo volta a “migliorare” la situazione corrente del mercato auto italiano. Il centro studi ha preso spunto dai primi incentivi alla rottamazione introdotti nel 1997, che diedero ottimi risultati senza pesare sulle casse dello Stato. L’aumento del gettito IVA e delle tasse di immatricolazione delle auto vendute, coprì il costo del bonus erogato, lasciando così all’erario un gettito netto di oltre 1.400 miliardi di lire. Il Bollettino Economico n.30 di febbraio del 1998 dichiarò che quella decisione governativa contribuì ad aumentare il PIL dello 0,4%.
Promotor propone dunque l’adozione, da parte del Governo, di nuove agevolazioni per la rottamazione a costo zero, che potrebbe contrastare la paura degli automobilisti, i quali vedono il proprio parco auto minacciato dalle misure anti inquinamento. Secondo le stime fatte, anche questi incentivi non avrebbero alcun costo: se adottati per il 2019, il recupero del bonus a carico dello Stato sarebbe infatti pienamente garantito.

Negativo anche il noleggio a lungo termine

Il noleggio, in generale, ha subito una frenata rispetto allo scorso anno del 18,5%. A trascinarlo giù, non solo il breve termine (a -32,9%), ma anche il lungo termine, positivo per quasi tutti i mesi di quest’anno. Il calo è del 18,2%: le immatricolazioni del NLT a novembre 2018 sono state infatti 18.804, mentre l’anno scorso furono 27.001.

Utilizzatore Novembre 2018 Novembre 2017 Var. % Nov. 18 /17
Noleggio Breve Termine 2.971 4.429 -32,9
Noleggio Lungo Termine 18.804 23.001 -18,2
Altri Noleggi 3.332 3.365 -1,0
Tot Noleggio 25.107 30.795 -18,5

Sul lungo periodo, tuttavia, il noleggio a lungo termine cresce: da gennaio a novembre 2018, sono state effettuate 252.639 immatricolazioni, il 2% in più rispetto allo stesso periodo del 2017. Di conseguenza, in questo lasso di tempo è aumentata anche la quota di mercato, passando dal 13,3% di gennaio / novembre 2017 al 14,1% di gennaio / novembre 2018.

Il mercato auto a novembre 2018 in base alle alimentazioni

Quello del diesel è ormai un disastro annunciato. A novembre, il calo è pari al 25,6%, quattro volte il declino del mercato stesso: le immatricolazioni di novembre 2018 sono state 66.771, mentre quelle di novembre 2017 furono 89.774. E se il gasolio continua a peggiorare, la benzina vive un nuovo periodo d’oro: la crescita del mese scorso è del 26,7%, con 60.265 immatricolazioni contro le 47.582 di novembre 2017. Il mercato green continua il momento positivo: basti pensare che le immatricolazioni di auto elettriche, a novembre 2018, sono aumentate del 200% rispetto allo stesso mese del 2017.

Alimentazione Novembre 2018 Novembre 2017 Var % Nov. 18/17
Diesel 66.771 89.744 -25,6
Benzina 60.265 47.582 +26,7
GPL 10.558 11.251 -6,2
Ibride Elettriche 8.028 6.863 +17,0
Metano 1.940 3.286 -41,0
Elettriche 462 154 200
Totale 148.024 158.880 -6,8

Prestazioni dei marchi automobilistici a novembre 2018

C’è sempre Fiat al vertice delle case automobilistiche preferite dagli italiani che, tuttavia, registra performance negative da aprile 2018. A novembre di quest’anno, il calo è del 15,56%, con 22.064 immatricolazioni. Positive Volkswagen, con una crescita dell’11,80%, ed il marchio Jeep, le cui prestazioni sono brillanti ormai da diverso tempo: nel mese scorso, sono state immatricolate ben 7.066 modelli Jeep, il 34,31% in più rispetto a novembre 2017. Grande boom anche per Dacia: a novembre 2018 registra 6.319 immatricolazioni, il 42,13% in più rispetto alle 4.446 di novembre 2017. Guardando alla classifica delle auto più vendute, il mese di novembre conferma il primo posto della Panda, che cresce anche nei volumi di vendita.

Top 10: le auto più vendute

  1. FIAT PANDA 12.366
  2. LANCIA YPSILON 4.463
  3. RENAULT CLIO 3.714
  4. TOYOTA YARIS 3.685
  5. JEEP RENEGADE 3.610
  6. DACIA SANDERO 3.463
  7. FIAT 500X 3.334
  8. JEEP COMPASS 3.093
  9. VOLKSWAGEN GOLF 2.987
  10. CITROEN C3 2.936

FCA: Boom negli Stati Uniti

Novembre, tuttavia, è stato un mese ottimo per FCA nel mercato auto statunitense, raggiungendo un numero di vendite mai così positivo dal 2001. A novembre 2018 sono infatti state registrate 181.310 immatricolazioni, di cui 136.704 a privati; una crescita, rispetto a novembre 2017, del 17%.
I motivi del successo sono essenzialmente tre:

  • la grande fortuna del pick-up Ram 1500 (+59% rispetto a novembre 2017);
  • le forti richieste dei modelli a marchio Jeep, che ha segnato un +12%;
  • la definitiva affermazione dell’Alfa Romeo Stelvio, che ha raddoppiato le vendite rispetto al mese di novembre 2017.

 

Frena il mercato auto, a ottobre -8,0% delle immatricolazioni

Roma, 8 novembre 2018 – Il mercato automobilistico italiano subisce, anche ad ottobre, una nuova battuta di arresto. Le tendenze espresse dai dati UNRAE, e analizzate da Alessandro Borrelli, general manager di Noleggiosemplice.it leader in Italia nel settore del noleggio a lungo termine, sono due: il crollo di segmenti in crescita per tutto l’anno, come il noleggio a lungo termine, e la ripresa, seppur lieve, del mercato dei privati.

Immatricolazioni ottobre 2018: -8,0% rispetto ad ottobre 2017

Continua il momento negativo del mercato automobilistico italiano. Il mese di ottobre ha infatti registrato un ulteriore calo: le immatricolazioni sono state 147.753, l’8% in meno rispetto allo stesso mese del 2017. Al crollo, pari ad oltre 12 mila unità, hanno contribuito tutti i segmenti del mercato, dal noleggio a lungo termine alle immatricolazioni delle società. L’unico canale che ha chiuso il mese in positivo è quello dei privati, che cresce quasi del 4%. Sembra piuttosto improbabile, dunque, che il 2018 si chiuda con un numero di immatricolazioni superiore a quello registrato nel 2017.

Utilizzatore Ottobre 2018 Ottobre 2017 Var. % Ott. 2018 /2017
Privati 96.484 93.146 +3,6%
Noleggio 24.880 29.834 -16,6%
Società 26.389 37.538 -29,7%
Totale 147.753 160.518 -8,0%

Noleggio a lungo termine a -19,8%

Il noleggio ha vissuto, ad ottobre, un momento fortemente negativo, forse fra i peggiori degli ultimi anni. Il segmento ha registrato infatti una perdita generica del 16,6% rispetto ad ottobre 2017; nello specifico, sia il noleggio a lungo termine che quello a breve termine hanno subito nell’ultimo mese un calo, rispettivamente del 19,8% e del 15, 8%.

Utilizzatore Ottobre 2018 Ottobre 2017 Var. % Ott. 2018 /2017
Noleggio Breve Termine 2.853 3.387 -15,8%
Noleggio Lungo Termine 18.392 22.926 -19,8%
Altri Noleggi 3.635 3.521 +3,2%
Tot Noleggio 24.880 29.834 -16,6%

Performance delle diverse categorie di distributori del noleggio a lungo termine

  • operatori Top: 10.839 immatricolazioni ad ottobre 2018, -22,8% rispetto alle 14.032 di ottobre 2017;
  • operatori Captive: 7.088 immatricolazioni ad ottobre 2018, il 17% in meno rispetto alle immatricolazioni di ottobre 2017, pari a 8.537;
  • newcomers: 185 auto ad ottobre 2018, 181 ad ottobre 2017 (+2,2%);
  • altre: 280 immatricolazioni ad ottobre 2018, il 59,1% in più rispetto alle 176 di ottobre 2017.

Mobilità sostenibile: cala ancora il diesel

Il mese di ottobre 2018 conferma una tendenza osservata negli ultimi mesi sia in Italia che in Europa: il diesel è in crisi. Ad ottobre 2018 sono state immatricolate 65.055 auto a diesel, il 27% in meno rispetto alle 89.143 di ottobre 2017. Il declino del diesel è avvenuto, in Europa, fra il 2015 ed il 2017, con la quota di mercato in flessione dal 52% al 45%. In Italia, il fenomeno si è concretizzato quest’anno, con benefici per le alimentazioni alternative (ibride ed elettriche) e le auto a benzina.

Alimentazione Ottobre 2018 Ottobre 2017 Var % Ottobre 18/17
Diesel 65.055 89.143 -27%
Benzina 61.630 50.295 +22,5%
GPL 10.555 10.927 -3,4%
Ibride Elettriche 8.737 6.734 +29,7%
Metano 1.189 3.184 -62,7%
Elettriche 587 235 +149,8%
Totale 147.753 160.518 -8,0%

Auto elettriche: analisi di AlixPartners

La società di consulenza AlixPartners ha effettuato un’analisi relativa alla mobilità elettrica, presentata in occasione del Forum Automotive di Milano ed intitolata “Auto elettrica ed autonoma: la grande scommessa dell’industria dell’automobile”. L’indagine ha sottolineato:

  1. il declino generale del diesel in Europa, che entro il 2030 diventerà una soluzione riservata agli elevati chilometraggi ed ai veicoli premium;
  2. che le immatricolazioni di auto elettriche raggiungeranno, entro il 2025, una quota di mercato pari al 20%.

Tale declino è dovuto alla “scoperta” del potere inquinante del diesel, che è stato man mano abbandonato dalle case automobilistiche. Tuttavia, non è stata fornita negli anni scorsi una valida alternativa a questa alimentazione, quantomeno in termini di mobilità sostenibile. Nonostante l’attuale gap infrastrutturale (in Europa, i punti di ricarica sono solo 424.000), sono stati comunque aumentati gli investimenti da parte delle aziende: l’incremento sarà di 255 miliardi di dollari nei prossimi 8 anni, con oltre 200 nuovi modelli in uscita nel giro di 3 anni. Ciò potebbe, finalmente, dare un contributo sostanziale alla sostituzione del parco auto inquinante che, purtroppo, ancora caratterizza le nostre strade.

Top 10: le auto più vendute

  1. FiatPanda, 12.516 immatricolazioni
  2. Lancia Ypsilon, 4.476 immatricolazioni
  3. Toyota Yaris, 3.748 immatricolazioni
  4. Renault Clio, 3.584 immatricolazioni
  5. Volkswagen Polo, 3.449 immatricolazioni
  6. Citroen C3, 3.226 immatricolazioni
  7. Ford Fiesta, 2.873 immatricolazioni
  8. Ford Ecosport, 2.731 immatricolazioni
  9. Fiat 500, 2.710 immatricolazioni
  10. Jeep Renegade, 2.690 immatricolazioni

La Panda, dunque, mantiene ben saldo il primato delle auto più vendute in Italia. Nonostante questo, anche durante il mese di ottobre la Fiat ha registrato una variazione negativa: le immatricolazioni ad ottobre 2018 sono state infatti 22.547, il 20,73% in meno rispetto alle 28.445 immatricolazioni di ottobre 2017. Anche il Gruppo Fiat è in calo: ad ottobre 2018 le immatricolazioni sono state 34.587, il 16,71% in meno rispetto allo stesso mese del 2017. Il marchio Jeep è stato quello che ha registrato la migliore performance, con 5.381 immatricolazioni. Jeep è inoltre l’unica casa automobilistica del gruppo (con Ferrari) che ha concluso il mese di ottobre con una variazione positiva, rispetto allo stesso mese del 2017.

 

Marca Ottobre 2018 Ottobre 2017 Var % Ottobre 18/17
1) Fiat 22.547 28.445 -20,73%
2) Volkswagen 12.305 11.706 +5,12%
3) Ford 10.578 10.157 +4,14%
4) Peugeot 8.935 9.164 -2,50%
5) Opel 8.004 8.401 -4,73%
6) Toyota 7.975 7.576 +5,27%
7) Renault 7.505 10.455 -28,22%
8) Citroen 6.213 6.535 -4,93%
9) Jeep / Dodge 5.381 5.015 +7,30%
10) Audi 4.445 5.586 -20,43%

Mercato auto: è boom ad agosto con +9,3%. Vola il noleggio a lungo termine con +35%

Roma, 5 settembre 2018 – Il mercato delle automobili in Italia ha ritrovato la sua serenità: durante il mese di agosto sono state infatti immatricolate ben 92.345 vetture, il 9,3% in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Alessandro Borrelli, general manager di Noleggio Semplice, ha analizzato i dati appena diffusi da UNRAE, soffermandosi su due particolari piuttosto importanti: l’ulteriore crescita del noleggio a lungo termine e la ripresa, dopo ben 6 mesi di percentuali negative, del diesel.

I dati diffusi da UNRAE di agosto confermano quanto affermato per il mese di luglio, ovvero che il mercato delle auto torna a crescere in modo stabile. Il noleggio a lungo termine si conferma, ancora una volta, uno dei punti di forza del mercato, con un aumento delle immatricolazioni pari al 35%.

Immatricolazioni auto di agosto 2018: Boom del 9,3%

Le auto immatricolate ad agosto 2018 sono state 92.345, il 9,3% in più rispetto alle 84.524 di agosto 2017. Troviamo riscontro di tale prestazione positiva in praticamente tutti i canali di distribuzione:

  • il mercato privati cresce del 5,8%, registrando 52.363 unità rispetto alle 49.479 dello scorso anno;
  • il noleggio (in generale, sia a breve che a lungo termine) cresce del 31,3% con 17.794 vetture, a fronte delle 13.555 di agosto 2017;
  • le immatricolazioni da parte di società ad agosto di quest’anno sono state 22.188, il 3,2% in più rispetto alle 21.490 dello stesso mese del 2017.

Dal dettaglio delle immatricolazioni, si evincono due dati che confermano quanto affermato anche per il mese di luglio: il noleggio a lungo termine cresce a ritmi serrati, registrando un aumento del 35% e migliorando sempre di più i propri obiettivi, mentre il breve termine continua la propria discesa, con una percentuale negativa del 17,5%.

Struttura del Mercato – Immatricolazioni Auto Agosto 2018

Utilizzatore Agosto 2018 Agosto 2017 Variazione Percentuale
Privati 52.363 49.479 +5,8%
Noleggio Breve Termine 1.658 2.010 -17,5%
Noleggio Lungo Termine 14.045 10.400 +35%
Altri Noleggi 2.091 1.145 +82,6%
Società 22.188 21.490 +3,2%
Totale Immatricolazioni 92.345 84.524 +9,3%

Alimentazioni: Torna a Crescere il Diesel

Alimentazione Agosto 2018 Agosto 2017 Variazione Percentuale
Diesel 51.842 48.809 +6,2%
Benzina 26.907 24.987 +7,7%
GPL 7.627 6.072 +25,6%
Ibride elettriche 4.122 2.967 +38,9%
Metano 1.657 1.591 +4,1%
Elettriche 190 98 +93,9%
Totale Immatricolazioni 92.345 84.524 +9,3%

Le auto a diesel immatricolate durante il mese di agosto 2018 sono state 51.842, il 6,2% in più rispetto alle 48.809 di agosto 2017. Non è una percentuale molto alta, ma è comunque importante: il diesel, infatti, registra una piccola ripresa dopo 6 mesi di prestazioni “in rosso”.
Crescono ancora le alimentazioni alternative (ibride, metano ed elettriche), confermando così la sensazione che il consumatore stia diventando più “attento” all’ambiente.

Auto più scelta: Renault Clio

Dopo un anno dominato dalla Fiat Panda, agosto registra un dato “contro” tendenza: la Renault Clio è l’auto più venduta del mese. Il totale delle immatricolazioni è di 4.402, ben 663 in più rispetto alle 3.739 registrate dalla Fiat Panda. Al terzo posto troviamo la Jeep Compass, auto in quinta posizione a luglio e che dimostra la sempre maggiore fiducia da parte degli italiani nei confronti del marchio (che cresce del 137,83% rispetto agosto 2017). Un’altra sorpresa è costituita dalla Dacia Sandero, che entra direttamente al 6° posto. Fiat piazza ben quattro modelli nella top ten delle immatricolazioni auto di agosto ed è la prima nella classifica dei marchi più scelti in Italia, ma la sua flessione è evidente: ad agosto 2018 le immatricolazioni sono state 14.151, il 15,24% in meno di quelle registrate ad agosto 2017.

Top Ten Immatricolazioni Auto in Italia (Agosto 2018)

  1. Renault Clio, 4.402
  2. Fiat Panda, 3.739
  3. Jeep Compass, 3.002
  4. Fiat 500X, 2.994
  5. Fiat Tipo, 2.401
  6. Dacia Sandero, 2.223
  7. Citroen C3, 2.127
  8. Jeep Renegade, 2.110
  9. Fiat 500L, 2.082
  10. Renault Captur, 2.066

Top Ten Marchi Auto Più Scelti ad Agosto 2018

Marchi Agosto 2018 Agosto 2017 Variazioni Percentuali
Fiat 14.151 16.695 -15,24%
Renault 9.581 5.504 +74,07%
Volkswagen 6.548 5.934 +10,35%
Ford 6.025 5.290 +13,89%
Jeep / Dodge 5.665 2.382 +137,83%
Peugeot 4.846 4.497 +7,76%
Dacia 4.476 2.475 +80,85%
Opel 4.455 4.328 +2,93%
Citroen 3.957 3.634 +8,89%
Toyota 3.916 3.544 +10,50%

 

Immatricolazioni auto ad agosto 2018 a + 9,3%, noleggio a lungo termine a +35%

Vola a settembre il noleggio a lungo termine. Tutti i dati della crescita.

Roma, 25 ottobre 2016 – Il noleggio a lungo termine continua la sua affermazione nel mercato automobilistico italiano e, in un anno già prospero, raggiunge vette strepitose. Già nei precedenti mesi avevamo constatato degli ottimi risultati per il 2016 ma, dopo la pubblicazione dei dati sulle immatricolazioni in Italia a Settembre, possiamo dire che anche le più rosee aspettative sono state superate. È quanto emerge da un’analisi dei dati elaborati da NoleggioSemplice.it.

Sempre più aziende, liberi professionisti e privati si affidano al noleggio a lungo termine per avere mobilità, un modo intelligente di intendere l’auto che lascia all’utilizzatore solo il piacere della guida senza tutte le preoccupazioni e le noie legate alla proprietà. Alle società strutturate, in special modo, il contratto di noleggio permette di liberarsi da un gran numero di adempimenti che aggravano il lavoro delle loro risorse umane, aumentando in maniera esponenziale la produttività.

Analizzando i valori del mercato automobilistico 2016, si evidenzia sia una crescita su base mensile che su base annua del Noleggio. In particolare il “Lungo Termine” si avvantaggia di un + 31% nel mese di settembre 2016 rispetto allo stesso mese del 2015, con ben 21.220 veicoli immatricolati, contro i 16.195 del 2015. Ampliando lo sguardo ai primi 9 mesi dell’anno in corso si conferma il trend positivo con un + 15,9% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, con un 176.859 vetture immatricolate rispetto alle 152.651 del 2015.

Questi numeri confermano la scia ascensionale del noleggio auto lungo termine e fanno ben sperare per il 2017, anno in cui molte aziende dovranno rinnovare i loro parchi auto e potranno valutare il noleggio. Molto bene in questo settembre anche il “Breve Termine“, che fa registrare una crescita del 78,9% con un valore assoluto di 5.235 veicoli rispetto ai 2.926 del 2015.

Voltando lo sguardo ai veicoli commerciali con portata fino a 35 quintali, notiamo una crescita media che sfiora il 40% nei primi 9 mesi del 2016 e che porterà questa categoria a superare la soglia delle 150 mila immatricolazioni nell’anno solare. Questi dati confortano le società di noleggio a lungo termine che si sono ormai specializzate nel fornire soluzioni personalizzate per la gestione della flotta commerciale: coibentazioni, celle isotermiche, cassoni ribaltabili etc.

Sommando i dati delle immatricolazioni delle vetture e dei veicoli commerciali leggeri, possiamo pronosticare un 2016 di ben 2 milioni di veicoli in Italia, un valore che ci riporta a numeri pre-crisi e ci fa ben sperare per il 2017.

 

###

 

Analisi Andamento Noleggio Lungo Termine [ Noleggio Semplice ]

Mercato dell’auto: Italia è sul podio delle vendite in Europa

Roma, 1 luglio 2016 – Il mercato italiano dell’auto ha chiuso il quinto mese di questo 2016 con un ottimo risultato di immatricolazioni. Complici il super ammortamento e la rinnovata fiducia delle famiglie, le vendite hanno registrato una fortissima crescita, consolidando i buoni traguardi raggiunti nei primi mesi dell’anno.

Analizzando i dati per utilizzatore, si nota una crescita generalizzata: i privati passano dalle 90.000 vetture del maggio 2015 alle 110.000 dello stesso mese del 2016 con una variazione positiva del 21%; le società crescono del 35% immatricolando ben 29.487 veicoli rispetto ai 21.790 del maggio 2015; ottimo risultato anche per le vetture vendute alle società di noleggio lungo termine (www.noleggiosemplice.it) che, forti delle agevolazioni fiscali derivanti dal super ammortamento 2016, raggiungono le 26.745 vetture immatricolate (in crescita di quasi il 30% rispetto al 2015).

Nel periodo gennaio-maggio 2016 la Motorizzazione ha in totale immatricolato 875.778 autovetture, con una crescita del 20,51% rispetto ai primi 5 mesi del 2015 durante il quale ne furono immatricolate 726.720

A maggio 2016, il mercato italiano con ben 187.631 veicoli si piazza al terzo posto nel mercato europeo dopo la Germania (286.931) ed il Regno Unito (203.585) e subito davanti alla Francia (175.831). Riprendiamo quindi un terzo gradino del podio temporaneo che era stato nostro per molti anni e ricominciamo a rappresentare una delle economie trainanti della comunità europea. Ormai la stima di 1 milione e ottocentomila vetture da noi fatta sembra molto realistica e potrebbe essere addirittura superata avvicinandoci così sempre di più a valori di immatricolazioni pre-crisi.

Le tradizionali alimentazioni diesel e benzina restano le più importanti del mercato e cavalcano la crescita del periodo con, rispettivamente, un + 31,2% ed un + 35,7%. Continua invece la diminuzione delle vetture con alimentazione gassosa con circa 3.000 veicoli in meno rispetto al Maggio 2015 considerando il metano ed il GPL.

Siamo fieri, infine, dell’ulteriore crescita registrata dalle vetture ibride che possono vantare ben 3.488 immatricolazioni ed un aumento del 60%. Sempre più case costruttrici stanno inserendo in gamma questo tipo di veicoli, preannunciando una sempre più forte affermazione di questa alimentazione altamente ecologica.

Un mercato florido ed allo stesso tempo maturo in cui si avvantaggiano i nuovi concetti di mobilità affermatisi negli ultimi anni, un mercato dove l’ibrido ed il noleggio a lungo termine sembrano essere sempre più la linfa vitale di un rinnovamento economico e culturale, capace di portare il “Sistema Italia” verso nuovi ed importanti traguardi.

 

###

 

Interviste e contatti.

info@ndbwebservice.com

 

[INFOGRAFICA] La Top Ten 2015 del Noleggio a Lungo Termine: Gli Italiani preferiscono le Italiane

Milano, 16 marzo 2016 – Resi noti i risultati dei noleggi a lungo termine del 2015 in Italia. Secondo i dati diffusi da Noleggio Semplice in Italia la motorizzazione più scelta per il noleggio a lungo termine è il diesel e dai dati raccolti dall’UNRAE sembra che gli italiani applichino la logica del KM0 non solo nel settore alimentare ma anche nel settore automobilistico.  

Nel 2015 il gruppo Fiat diventa la regina indiscussa delle case automobilistiche con un gran numero di immatricolazioni a società di Noleggio a Lungo Termine, la casa torinese vanta non solo il primo posto ma conquista ben 4 posizioni nella classifica delle 10 auto più noleggiate in Italia nel 2015.

La classifica 

Al decimo posto si piazza la Ford Fiesta, berlina di segmento b della casa statunitense pluripremiata per le sue motorizzazioni efficienti e per i suoi allestimenti hi-tech.

Nono posto per Renault Captur, il crossover urbano dalle linee filanti che ha fatto breccia per le sue dimensioni compatte e per la sua agilità nelle manovre.

Salendo i gradini della classifica troviamo 2 eccellenze tricolore, all’ottavo e al sesto posto approdano rispettivamente Fiat 500x e Jeep Renegade apprezzate soprattutto per la guida alta e per la briosità dei modelli, mentre al settimo posto è l’Audi A3 Sportback a dare filo da torcere alle concorrenti nostrane. Alla sua terza generazione, infatti, la compatta tedesca peso piuma conquista ancora, merito dei suoi motori dalle prestazioni ottimali, della sua attenzione all’ibrido e delle sue dotazioni tecnologiche intuitive e sicure.

Si ritorna in Italia con la Fiat Panda in quinta posizione, citycar per antonomasia, il modello più venduto e più amato del made in Italy, riesce bene anche col Noleggio. Le forme arrotondate, l’ampia visibilità delle vetrate, allestimenti pensati per il vivere urbano, per il lavoro e per il tempo libero. Fiat Panda incarna lo stile di vita dell’italiano medio, adatta per le famiglie e soprattutto per i giovani, non c’è da stupirsi se continua ad avere consensi.

Il quarto posto è occupato dalla cugina d’oltralpe, la Renault Clio, la berlinetta francese che fa innamorare a prima vista. Per la quarta edizione del modello, la Clio può vantare un appeal davvero seducente, motori dai consumi ridotti (basti pensare al 3 cilindri turbo Energy TCe 0.9 da 90 CV con lo Stop/Start capace di risparmiare il 21% dei consumi) e un anima tecno sempre connessa.

Ai posti caldi della classifica le preferite dagli italiani.

Terzo posto, medaglia di bronzo per il SUV nipponico, Nissan Qashqai, made in Japan alla sua seconda serie si conferma come successo anche per le interessanti novità di questa nuova veste.

È Volkswagen a detenere la medaglia d’argento con la sua storica berlina Golf, segno che lo scandalo non ha scoraggiato gli acquirenti della penisola.

Al primo posto, un orgoglio tutto Italiano, detiene l’oro per questo 2015 la Fiat 500L.

I motivi della scelta? La versione Large della 500 fa proseliti soprattutto per le nuove motorizzazioni 1.3 e 1.6, per la praticità e per l’abitabilità del modello, le infinite possibilità di personalizzazione.

L’infografica della classifica sul Noleggio Lungo Termine in Italia: la Top Ten del 2015

[Infografica] Noleggio a Lungo Termine: la Top Ten 2015

 

Per interviste e contatti:
Fonte: www.noleggiosemplice.it

Exit mobile version