Mobilità condivisa: le tendenze del settore nel 2023

Roma, 2 gennaio 2023 – Quali sono i temi che muoveranno l’industria della mobilità nel prossimo anno? In che modo la tecnologia contribuirà a nuove soluzioni per il trasporto?

Alla luce di queste domande, gli esperti di mobilità condivisa di Invers hanno individuato cinque tendenze per il 2023:

(1) Il mercato del car sharing crescerà: almeno del 20%
(2) La redditività è al centro dell’attenzione
(3) Più offerte con periodi di noleggio più lunghi
(4) La mobilità condivisa diventerà ancora più sostenibile
(5) Le città e gli sviluppatori di progetti hanno riconosciuto il potenziale del car sharing

Il raggiungimento degli obiettivi climatici, l’inversione di tendenza del traffico e l’obiettivo di città senza auto sono solo alcuni esempi delle sfide attuali che richiedono soluzioni di mobilità innovative.

Le seguenti 5 tendenze muoveranno il settore nel prossimo anno:

1. Il mercato del car sharing crescerà: almeno del 20%

Per il 2022, l’Associazione tedesca per il car sharing ha individuato più di 3,4 milioni di clienti, ovvero circa il 18% in più rispetto all’anno precedente. Le cifre dimostrano una crescita costante del mercato e riflettono i piani di numerosi operatori di mobilità condivisa: “Molti clienti ci parlano di piani di espansione”, afferma Bharath Devanathan, Chief Business Officer di Invers. “Ci aspettiamo che il mercato del car sharing cresca di almeno il 20% nel prossimo anno”. I piani di espansione sono evidenti anche nei recenti sviluppi del mercato, come l’acquisizione di WeShare da parte di Miles e di ShareNow da parte di Stellantis/Free2Move.

2. L’attenzione è rivolta alla redditività

Allo stesso tempo, aumenta la pressione sugli operatori affinché diventino redditizi. Nel mercato della micromobilità condivisa, si prevede che gli operatori si ritirino ulteriormente dalle città meno redditizie per concentrarsi sui mercati più redditizi. Ne sono un esempio il ritiro di Bird dall’Europa e quello di GoSharing da città come Saarbrücken.

Per aumentare la redditività, alcuni operatori di car sharing stanno esternalizzando compiti operativi su larga scala a fornitori di servizi specializzati come Carbio GmbH, che possono realizzare economie di scala. Altri si stanno concentrando sull’aumento dell’utilizzo dei veicoli offrendo un veicolo su piattaforme MaaS o in modelli di business complementari, ad esempio il carsharing aziendale durante la settimana e il carsharing peer-to-peer nel fine settimana. Nuovi concetti di condivisione della flotta e API unificate supporteranno questo approccio.

3. Più offerte con periodi di noleggio più lunghi

La tendenza, ancora giovane, di abbonarsi all’auto continua. Gli operatori dei servizi di mobilità stanno così attingendo a nuovi segmenti di clientela. Secondo le stime degli esperti del settore di Berylls, nel loro studio “Snapshot of the European Auto Subscription Market” (Istantanea del mercato europeo degli abbonamenti auto), nel 2020 in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito saranno stipulati tra i 100.000 e i 130.000 contratti di abbonamento auto. Il CAR Institute ipotizza che nel 2030 ci saranno già tra i due e i quattro milioni di abbonamenti. I fornitori tradizionali di car sharing, come MILES o Hiyacar, stanno andando oltre il noleggio a breve termine e si rivolgono al mercato a lungo termine, così come i fornitori tradizionali di leasing e le società di autonoleggio, ad esempio Sixt o Wheego. Inoltre, si rivolgono a nuovi segmenti di clientela e contrastano il rischio che ne deriva monitorando i dati di utilizzo dei veicoli nel dettaglio tecnico e interrompendo l’accesso al veicolo se necessario.

4. La mobilità condivisa diventa ancora più sostenibile

In linea di principio, il car sharing è già più sostenibile dell’utilizzo di veicoli privati, perché l’auto individuale viene utilizzata in modo più efficiente e il numero di veicoli necessari per i servizi di mobilità si riduce a lungo termine. Inoltre, i servizi di car sharing di numerosi operatori saranno sempre più elettrici. L’operatore francese Virtuo, ad esempio, prevede di elettrificare metà della sua flotta entro il 2025. Nella città anseatica di Amburgo, le società di car sharing Miles,ShareNow, Sixt e WeShare hanno concordato di aumentare la percentuale di veicoli elettrici nelle loro flotte ad almeno l’80% entro il 2023/24.

5. Le città e gli sviluppatori di progetti hanno riconosciuto il potenziale del car sharing

L’idea della mobilità condivisa sta acquisendo importanza anche nell’edilizia residenziale: Numerosi costruttori stanno integrando soluzioni di mobilità condivisa nelle loro offerte. Il vantaggio: invece di un certo numero di posti auto per unità residenziale, devono fornire spazio solo per un numero minore di veicoli in condivisione. Questa tendenza è particolarmente evidente nei Paesi Bassi, in Germania e in Italia. Inoltre, singole città e comuni stanno promuovendo i concetti di condivisione attraverso politiche più favorevoli al car sharing, soprattutto per quanto riguarda le tariffe dei parcheggi. Il successo di Amburgo con il carsharing e l’inversione di tendenza di Berlino sono un esempio e allo stesso tempo un segnale per altre città che ne seguiranno l’esempio. In molti casi, stanno collegando queste politiche alla promozione della mobilità elettrica. Colonia, Amburgo e Monaco sono città che offrono già parcheggi gratuiti per i veicoli elettrici, il che dovrebbe accelerare ulteriormente la tendenza verso flotte di veicoli elettrici puri in queste città.

Informazioni su Invers

Invers, inventore della condivisione automatizzata dei veicoli, consente ai fornitori di servizi di mobilità di lanciare, gestire ed espandere le proprie offerte con soluzioni hardware e software integrate e progettate appositamente per gli sviluppatori di servizi di mobilità condivisa. In qualità di prima azienda al mondo di tecnologie per la mobilità condivisa, Invers sviluppa e mantiene in modo affidabile gli elementi fondamentali ad un livello tale da offrire ai propri clienti soluzioni tecnologiche efficienti dal punto di vista dei costi e facilmente implementabili.

L’azienda agisce come partner indipendente e affidabile per gli operatori di servizi come il car sharing, lo scooter sharing, il ride pooling e il noleggio auto, con l’obiettivo di rendere l’uso di veicoli condivisi più comodo e conveniente rispetto alla proprietà.

Tra i clienti figurano Share Now, Cooltra, Getaround, Clevershuttle, Miles, Flinkster, TIER, ed Emmy. L’azienda è stata fondata nel 1993 e ha sedi a Siegen, Colonia e Vancouver. Lo sviluppo avviene interamente in Germania.

Per maggiori informazioni visitare il sito internet  www.invers.com.

 

 

 

 

 

 

Erasmus, al via il contest 2021 per la Borsa di Mobilità

Il Contest di ESN Italia, in collaborazione con la Rappresentanza in Italia del Parlamento Europeo e il CNG, è giunto alla 9° edizione

Roma, 8 giugno 2021 – È tornato “Il tuo Erasmus con ESN”, il contest di Erasmus Student Network Italia che ogni anno si impegna ad assegnare un ulteriore sostegno economico di 1000€ agli studenti vincitori di una borsa di mobilità per l’anno accademico successivo.

Per il 2021, grazie alla collaborazione con la Rappresentanza in Italia del Parlamento Europeo e il Consiglio Nazionale Giovani (CNG), i contributi saranno cinque, dei quali due finanziati dal CNG e tre da ESN Italia (www.esnitalia.org).

Per prendere parte al contest, giunto alla 9° edizione, giovedì 1° luglio occorrerà collegarsi sul sito internet www.iltuoerasmusconesn.it dedicato dove sarà pubblicata la traccia.

I partecipanti dovranno redigere un elaborato, in italiano o in inglese, sotto forma di tema o di racconto. Le tematiche saranno relative all’Europa, all’Unione Europea o alla mobilità studentesca internazionale.

Il contest scadrà il 15 luglio e bisognerà compilare un form, inviando il tema richiesto.

Gli elaborati pervenuti saranno giudicati da tre commissioni, una locale composta dai membri delle Sezioni ESN Italia, una nazionale composta dai volontari e dagli Alumni di ESN Italia scelti dal Consiglio Direttivo di ESN Italia. Infine, una commissione esterna composta da personalità provenienti dal mondo delle Istituzioni e della Cultura, valuterà gli ultimi temi.

I vincitori saranno annunciati entro il 30 settembre sul sito internet e i social media di ESN Italia.

Per maggiori informazioni sul contest rimandiamo al sito internet www.iltuoerasmusconesn.it.

Per iscriversi alla newsletter dedicata basta visitare la pagina dedicata all’indirizzo https://bit.ly/3wT3Hvk.

 

 

 

SLA: la campagna #Donafuturo supera l’obiettivo di raccolta fondi, grazie a IID e Aisla insieme

La campagna di raccolta fondi in occasione del “Giorno del Dono” ha fruttato 42.444 euro: la somma più alta mai raccolta per #Donafuturo

Milano, 16 febbraio 2021 – In Italia si stimano più di 6.000 persone affette da SLA, Sclerosi Laterale Amiotrofica, con 2.000 nuovi casi che si presentano ogni anno. La SLA è una malattia neurodegenerativa progressiva: blocca il corpo ma la mente non smette di viaggiare. Per tutelare il diritto alla mobilità delle persone con SLA, messo ancora più a rischio dall’emergenza Covid-19, l’Istituto Italiano della Donazione (IID), nell’ambito del Giorno del Dono 2020, ha attivato la campagna #Donafuturo per sostenere il progetto “Quattro ruote e una carrozza” di Aisla – Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica.

#Donafuturo è la campagna nazionale di raccolta fondi che sostiene ogni anno un progetto innovativo a favore dei più fragili in Italia: un’azione concreta per celebrare la ricorrenza del 4 ottobre. Nata nel 2018, la campagna 2020 è stata sostenuta da UBI Banca, Certiquality e Nexive. Parte dei fondi raccolti sostengono le iniziative di sensibilizzazione per il Giorno del Dono.

La campagna #Donafuturo 2020, conclusasi lo scorso dicembre, ha raccolto 42.444 Euro: di questi IID ha destinato 30.410 ad Aisla, associazione nata nel 1983 con l’obiettivo di tutelare ed assistere l’intera comunità SLA sul territorio nazionale. Tra i servizi offerti per migliorare la qualità di vita delle persone con SLA, Aisla ha avviato dal 2010 il trasporto gratuito quale parte integrante dell’Operazione Sollievo, obiettivo della XIII Giornata Nazionale SLA che, nel 2020, è stata celebrata domenica 20 settembre.

Grazie anche a #Donafuturo 2020, il cui obiettivo di 20.000 Euro è stato ampiamente superato, Aisla potrà potenziare il servizio di trasporto su mezzi adeguatamente attrezzati in tutta Italia, a beneficio delle persone con SLA, delle loro famiglie e dei loro caregivers, senza trascurare le persone con altre disabilità.

Massimo Mauro, presidente Aisla, esprime una forte gratitudine: “Il progetto è nato più di dieci anni fa – grazie ad una lungimirante donazione di Fondazione Johnson&Johnson – per rispondere innanzitutto a uno dei bisogni fondamentali della nostra comunità, ovvero di poter raggiungere in completa sicurezza i centri clinici di riferimento. Sappiamo bene, però, che la “mobilità” è anche inclusione sociale, significa ad esempio offrire a un genitore con SLA la possibilità di raggiungere la chiesa in cui si sposerà la figlia, o poter assistere a uno spettacolo teatrale.

Grazie all’utilizzo dei mezzi attrezzati che sono stati acquistati dall’associazione, ad oggi presenti in 11 regioni italiane e in collaborazione con Cooperative Sociali o Associazioni Umanitarie nei territori in cui ne siamo sprovvisti, riusciamo a garantire un servizio che va aldilà del trasporto domicilio-ospedale. A causa dell’emergenza Covid-19 è stato e sarà ancora necessario potenziare questo servizio, anche in termini di sicurezza sia dei pazienti che degli operatori. Ecco perché siamo grati all’Istituto Italiano della Donazione che ha compreso appieno il significato profondo del progetto e grazie al quale siamo riusciti a raccogliere una cifra che ha superato del 50% l’aspettativa, permettendoci di portare avanti il servizio”.

“Donafuturo – afferma Stefano Tabò, presidente IID – è frutto della collaborazione che IID ha messo in campo con importanti partner e che permette ogni anno di finanziare un intervento per promuovere i valori del dono e della solidarietà. Il progetto di Aisla a favore delle persone con SLA è quanto mai prezioso in questo momento in cui l’emergenza sanitaria e sociale rischia di lasciare indietro i più fragili. Siamo grati a tutti coloro che hanno sostenuto la raccolta fondi e che hanno dato spazio e valore a questa iniziativa”.

La campagna #Donafuturo 2020 ha avuto visibilità gratuita su RAI, Mediaset, La7, Sky e 6 emittenti locali grazie allo spot video realizzato da Aisla, riadattato grazie al contributo di Insolito Cinema, casa di produzione video attiva nel sociale e partner tecnico #DonoDay2020, e impreziosito dalla voce di Ron, testimonial Aisla.

Oltre che al numero solidale, che è stato attivo dal 13 settembre al 4 ottobre 2020, è stato possibile donare anche tramite bonifico bancario o paypal, oppure partecipando all’asta benefica online attraverso eBay Beneficenza. Per la prima volta l’iniziativa si è avvalsa anche della collaborazione di Mail Boxes Etc. (MBE), rete di Centri Servizi per le imprese e i privati, e Fargrafica.

Tutte le informazioni sulla campagna sono disponibili sul sito internet www.donafuturo.it.

Riguardo il progetto Giorno del Dono 2020

Riconoscimenti: Medaglia del Presidente della Repubblica

Ente promotore: Istituto Italiano della Donazione nell’ambito del protocollo di intesa con il Ministero dell’Istruzione e del protocollo di intesa con il Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità del Ministero della Giustizia

Con il patrocinio del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

In collaborazione con: Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni di Palermo

Enti patrocinanti: ACRI, AIDO, ANCI, CSVnet, Fondazione Sodalitas, Forum Terzo Settore, per il Sociale

Enti patrocinanti Osservatorio sul dono: ASSIF, BVA Doxa, Caritas Italiana, Centro Nazionale Sangue, Centro Nazionale Trapianti, EUConsult Italia, Osservatorio di Pavia, WaldenLab

Si ringrazia: Compagnia di San Paolo, Fondazione Cariplo

Partner: Certiquality, Nexive, UBI Banca

Partner tecnici: Atlantis, Esse Due S.a.s, Fargrafica, Insolito Cinema, Mail Boxes Etc., Modulstudio, NP Solutions

Media partner: Avvenire, Dire – Agenzia di stampa, Docenti Senza Frontiere, Famiglia Cristiana, Il Giornale della Protezione Civile, OnlusOnAir, Pazienti.it, Rai Parlamento, Redattore Sociale, RMC101, TV2000

Riguardo l’ Istituto Italiano della Donazione (IID)

L’associazione promuove la cultura del dono in tutte le sue forme, e si rivolge sia al mondo associativo che al privato cittadino. Grazie ai suoi strumenti e alle verifiche annuali, IID assicura che l’operato delle Organizzazioni Non Profit (ONP) sia in linea con standard riconosciuti a livello internazionale e risponda a criteri di trasparenza, credibilità ed onestà. I marchi di qualità IID, concessi alle ONP inserite in IO DONO SICURO, confermano che l’ONP mette al centro del proprio agire questi valori. Inoltre, in modo dedicato a partire dal 2015, IID si rivolge anche al privato cittadino, donatore e non solo, grazie all’istituzione per legge del Giorno del Dono. Per info: www.istitutoitalianodonazione.it

Riguardo AISLA Onlus

Nasce nel 1983 con l’obiettivo di diventare il soggetto nazionale di riferimento per la tutela, l’assistenza e la cura dei malati di SLA, favorendo l’informazione sulla malattia e stimolando le strutture competenti a una presa in carico adeguata e qualificata dei malati. L’Associazione ha ottenuto il riconoscimento da parte del Ministero della Sanità nel 1999. Oggi può contare sull’impegno di 64 rappresentanze presenti in 19 Regioni italiane, 10 collaboratori, 300 volontari, una commissione medico-scientifica composta da 19 esperti e oltre 2.300 soci. Il lavoro di AISLA si concentra in quattro ambiti di attività: informazione, assistenza, formazione e ricerca. L’Associazione è unico membro italiano dell’International Alliance of ALS/MND Association. www.aisla.it.

 

Per ulteriori informazioni sulla campagna rivolgersi all’ Istituto Italiano della Donazione (IID) –  Ornella Ponzoni – Email: ornella.ponzoni@istitutoitalianodonazione.it – Telefono: 335.5630399.

 

 

 

I volontari di AISLA Area Vasta Sicilia Orientale con il mezzo attrezzato

 

AISLA Ufficio stampa: Desirée Spreafico – dspreafico@aisla.it – 339.1264326

Mobilità teenagers, arriva il noleggio a lungo termine per le minicar

Milano, 4 agosto 207 – Galdieri Rent, azienda italiana leader nel settore del noleggio a breve e lungo termine, annuncia una grande novità che ha come obiettivo quello di avvicinare sempre di più i giovani al concetto di mobilità alternativa.

Grazie alla partnership con ALD, una delle principali case locatrici specializzata nei servizi di noleggio a lungo termine, e Aixam, azienda leader nel settore delle minicar in Italia, nasce Renteen, un prodotto dedicato esclusivamente ai giovani dai 14 ai 18 anni e che vuole risolvere il problema della mobilità per anche per questa fascia d’età.

Cos’è Renteen?

Un progetto innovativo che Galdieri Rent mette in piedi avvalendosi della sua rete commerciale distribuita in tutta Italia in collaborazione con le autoscuole. Non a caso, la campagna promozionale si svolgerà proprio all’interno di queste strutture per incentivare l’acquisizione del patentino necessario per poter guidare una minicar. I giovani che aderiranno a questa iniziativa riceveranno, in omaggio, per un giorno la minicar Aixam a noleggio e potranno godere di particolari e vantaggiose formule week-end in cui potranno noleggiare l’auto e provarla.

Oltre a sperimentare la formula del noleggio giornaliero che permetterà ai più giovani di godere dell’esperienza di guida per andare a scuola o trascorrere un week-end in giro con gli amici, Galdieri Rent propone anche delle vantaggiosissime offerte per il noleggio a lungo termine e per l’acquisto delle minicar Aixam.

L’iniziativa Renteen promossa da Galdieri Rent ha un duplice obiettivo: in primo luogo quello di avvicinare i ragazzi al noleggio a lungo termine e, in secondo luogo, sensibilizzare genitori e figli all’uso delle minicar decisamente più sicure rispetto ad un motorino e, in questo senso, l’azienda campana si configura ancora una volta come una realtà che, partendo dal noleggio a lungo termine, investe in progetti di più ampio respiro al fine di essere sempre accanto alle più svariate richieste della clientela. Questo è possibile grazie ad un team di professionisti che, ogni giorno, lavora per trovare soluzioni creative che possano coinvolgere una rete commerciale sempre in espansione.

Per tutte le informazioni aggiuntive relative al progetto Renteen, a breve saranno pubblicate sul sito www.galdierirent.it che potete consultare anche per le nostre offerte e per tutte le info sul noleggio a breve e lungo termine.

 

 

 

 

###

 

Comunicato stampa a cura di:

 

Antonella Belmonte

Communication Manager Galdieri Rent

Exit mobile version