Esce “Il vetraio che vendeva i cocci senza averli rotti”, il nuovo libro di Barbara Appiano

0
Quando il vetraio era un mestiere che riparava i cocci, metafora del mondo che può sempre essere riparato dai danni dell’umanità…
Vercelli, 25 marzo 2020 – È uscito “Il vetraio che vendeva i cocci senza averli rotti“, l’ultima opera letteraria della scrittrice vercellese Barbara Appiano. “Il vetraio narrato nel libro è la storia di mio zio Pinotto, in arte ‘86  cilindri’, classe 1933, scomparso l’anno scorso ad 86 anni, che nato con la pelle scura ha rischiato di essere buttato nel Canale Cavour all’altezza del Ponte di Crova, in provincia di Vercelli, dalle comari che credevano che nascere con la pelle scura portasse disgrazie” racconta l’autrice Barbara Appiano.
“Il libro è la promessa mantenuta che feci prima che lui se ne andasse di scrivere la sua storia straordinaria. 86 cilindri da me così chiamato perché al compimento del suo ottantaseiesimo compleanno gli dissi che lui era come un diesel che non mollava mai, mentre il suo gatto, un trovatello che gli faceva compagnia si chiamava 11 cilindri per via degli 11 cerchi che aveva attorno alla coda. Ebbene, la sorte ha voluto che 11 cilindri è morto il 31 di marzo dello scorso anni finendo sotto una macchina e 86 cilindri da quel momento i poi non ha più parlato e si è lasciato morire il 13 aprile 2019″ racconta ancora l’autrice.
LA TRAMA
Si legge dalla prefazione della Prof.ssa Francisetti Brolin Sonia:

“Con toni alla Hemingway, il libro si apre con la storia di una fotografia, poi scelta come copertina. Si tratta di un ritratto infantile del defunto, la cui accidentale caduta ha indotto Barbara Appiano a iniziare un percorso di scrittura, funzionale sia a ricordare la grandezza dello zio, chiamato affettuosamente “86 cilindri”, sia soprattutto a guarire le ferite del cuore, provate da ciascuno di noi di fronte a una perdita, e, più genericamente, di fronte alle grandi sofferenze della vita”.

Tutto nasce da un chiodo che, stufo di fare il braccio di ferro, fa precipitare una fotografia “vintage” di oltre 70 anni, in bianco e nero, con relativa cornice e vetro, sul pavimento di una stanza. Da quel momento accade di tutto e il contrario di tutto, mentre l’autrice, mancata fotografa per colpa di uno scatto di confusione e malinconia, si ritrova ad essere una guida turistica dei ricordi altrui e inciampa nel mondo da ricordare.
In copertina del libro l’opera “L’enfant poisson“(trad. Il bambino pesce), che ritrae il protagonista Zio Pinotto in arte “86” cilindri ritratto a Crova nel 1941 dal pittore Vanier, ospite per  circa un anno, durante la guerra, del nonno dell’autrice. Vanier dipingeva per contraccambiare l’ospitalità che il medesimo nonno Ernesto mise a disposizione dell’artista e il nonno dell’autrice non si preoccupò mai di sapere chi fosse veramente l’artista: gli bastava che “86 cilindri ” fosse felice con questo amico speciale arrivato da Marsiglia
CHI È BARBARA APPIANO

Barbara Appiano è un instancabile fenomeno letterario con all’attivo 16 libri, e ne ha in pubblicazione ben altri 13.

I suoi libri sono il frutto di una fervida creatività e una ricerca senza sosta della bellezza e della verità, spaziando nell’ambito sociale e contemporaneo, nella conservazione dei beni artistici e monumentali italiani, nella difesa della natura e delle specie a rischio di estinzione e in difesa dei disabili psichiatrici e della malattia mentale .
L’autrice collabora storicamente con varie istituzioni nazionali e internazionali quali il MuMa, Museo del mare di Milazzo, “Abbraccialo x me“, l’Associazione Nazionale dei Familiari dei Pazienti Psichiatrici con sede a Capo D’Orlando (Messina) e la sua Presidente Antonella Algeri e il Dott. Gaetano Bonaviri, e ancora con “Amici per sempre“, un’associazione fondata dal medico chirurgo primario ospedale di Desio Dott. Dario Maggioni. Appiano collabora inoltre con Pengo Life Project, il progetto internazionale per la salvaguardia della fauna selvatica africana a rischio di estinzione quali elefanti e rinoceronti, con il gruppo Donatori Sangue della Presidenza del Consiglio dei Ministri Palazzo Chigi con il suo presidente Sig.Roberto Ciofi, il comitato RicostruiamoSaletta.org per la ricostruzione del borgo Saletta, frazione di Amatrice devastata dal terremoto del 24 agosto 2016, con il Centro Cardiologico Monzino ricerca cardiovascolare, l’Istituto Oncologico Europeo per la Ricerca Oncologica, con il giornale per la cultura Le Muse, rivista cartacea internazionale con la direttrice della testata Dott.ssa Maria Teresa Liuzzo, e infine con il Corriere dello Spettacolo, magazine di cultura fondato dal Dott. Stefano Duranti Poccetti.
Molti dei libri pubblicati da Barbara Appiano recano i loghi delle istituzioni partner in copertina e il ricavato delle vendite alle medesime associazioni, oltre che essere distribuiti sui siti di libri scolastici.
Il libro sarà in vendita su Amazon alla pagina https://amzn.to/3acyxEd mentre per aggiornarsi e saperne di più sulla scrittrice rimandiamo al sito internet www.appianobarbara.it.
Share.

About Author

Comments are closed.