Disastro Venezuela: ne parla il film documentario “Somos Todos”

Milano, 22 settembre 2017 – Martedì 26 settembre 2017, alle ore 19.00, lo Spazio Oberdan di Milano riceverà la comunità italo-venezuelana residente in Lombardia per un dibattito che vuole porre sottola lente di ingrandimento la crisi politica e umanitaria del Venezuela.

L’incontro sarà preceduto dalla proiezione del corto documentario “Somos Todos” del videomaker Hernan Jabes, che mostra le proteste avvenute a Caracas da aprile a luglio 2017, dopo l’esautoramento del Parlamentovenezuelano.

Allo spazio-confronto parteciperanno Antonella Mori (docente di Macroeconomia e scenari economici all’Università Bocconi), Marinellys Tremamunno (giornalista italo-venezuelana), Carmine Pacente (presidente della Commissione Affari Internazionali del Comune di Milano), l’On. Alessandro Pagano (deputato membro dell’unione iterparlamentare Italia-Venezuela) e Marco Invernizzi (responsabile nazionale di Alleanza Cattolica).

Il dibattito sarà aperto dalla consigliera comunale Paola Bocci e da Lucilla Urbina, presidente dell’Associazione dei Venezuelani in Lombardia.

Il Venezuela vive una grave crisi umanitaria senza precedenti, “prodotta dalla gestione disastrosa del dittatore Nicolas Maduro, che già a sua volta aveva ereditato dal defunto Hugo Chavez un paese in crisi. Noi venezuelani in Italia siamo preoccupati perché il governo non vuole riconoscere la crisi umanitaria e ha chiuso addirittura le frontiere alle organizzazioni internazionali per bloccarel’ingresso di medicinali non reperibili nel Paese” ha spiegato Lucilla Urbina, presidente dell’Associazione dei Venezuelani in Lombardia, sottolineando che l’evento ‘Disastro Venezuelano’ avrà un’ entrata ad offerta libera per l’invio di medicinali in Venezuela.

L’ iniziativa, promossa dall’associazione Venezuelani in Lombardia che da una decina di anni è attiva sul territorio lombardo per la promozione della cultura venezuelana e italo-venezuelana in Italia, ha il sostegno dell’Assessorato alla Cultura del comune di Milano, della cineteca Spazio Oberdan, dell’Associazione Città Mondo, del Forum della Città Mondo e dell’Associazione “Venezuela: la piccola Venezia”.

Essa vuole essere l’inizio di una campagna di sensibilizzazione per la raccolta di medicinali per il popolo venezuelano, con la collaborazione della Fondazione ‘The Bridge’ della Caritas Internazionale.

 

 

La poesia venezuelana al BookCity Milano con la poetessa Hebe Munoz

Milano, 25 novembre 2016 – Si è svolto al BookCity 2016 di Milano, a cura di “Scritti dalla Città Mondo”, l’incontro “Impressioni e certezze” con la poetessa italo-venezuelana Hebe Munoz.

Patrocinato dall’ “Associazione Venezuelani in Lombardia”, l’evento si è svolto presso il Museo delle Culture – Mudec.

Al numeroso pubblico intervenuto la poetessa Hebe Munoz ha presentato il suo libro di poesie “Pegasa, Rinata dalle acque – Renacida de las aguas” nell’ambito della manifestazione del BookCity “Mitologia e contemporaneità nella poesia venezuelana”.

L’incontro è stato moderato dalla prof.sa Annalisa Strada, scrittrice italiana per vari editori tra cui Mondadori, Fabbri RCS, De Agostini, edizioni Paoline e Piemme e già insignita del Premio Andersen.

Intervenuto anche il maestro Fabrizio Gatti, compositore e musicista di fisarmonica e bandoneon, insignito del Premio Internazionale Myrta Gabardi.

Accompagnato alla fisarmonica dal Maestro Mario Contini, Gatti ha eseguito brani musicali famosi come Moliendo Café di Hugo Blanco, Verano Porteno e Libertango di Astor Piazzolla e Pinocchio di Fiorenzo Carpi.

La scrittrice Annalisa Strada ha quasi scandagliato il libro “Pegasa” in cui si rispecchia la stessa vita di Hebe Munoz, professoressa di Lingue in Venezuela, migrata in Italia sino all’acquisizione della cittadinanza italiana.

È emersa tutta la solarità latina della poesia di Hebe Munoz, che si fonde con quella del Bel Paese sino ad unire essenzialità e creatività in un cammino di passi intimi, insieme di voli e vogate dalle alture delle Ande e dai colori dei Caraibi sino ai profumi e ai sapori dell’Italia.

Strada, con lettura finale di versi alternati in italiano e spagnolo, ha fatto emergere la particolarità della scrittura di Hebe Munoz: la Poetessa non traduce dall’italiano allo spagnolo o viceversa, ma scrive contemporaneamente nelle due lingue senza che il senso dell’una o dell’altra ne sia modificato.

La poesia di Hebe Munoz è così compiutezza proprio in quella ricerca dell’armonia tra bellezza interiore e vita possibile, umanità e femminilità (con tocchi di maternità e sensualità), il passare dal sogno del desiderarla nel quotidiano sino allo scriverla e al saperla riconoscere nella storia con autenticità di viversi e di vivere, che la Poetessa vive nel suo oggi.

E quindi “Pegasa” è un rinascere dalle acque del vissuto, dell’anima, della propria umanità, per appunto l’esperienza di una Pegasa.

Per approfondire la conoscenza della poetessa Hebe Munoz visitare il sito internet www.impressioniecertezze.com.

 

Il libro di poesie di Hebe Munoz “PEGASA” (Isbn/Ean 9788891067159) è in distribuzione presso Feltrinelli, Ibs.it ed Ilmiolibro.it.

 

###

 

Per info:

e-mail: hebemunoz1@gmail.com
website: www.impressioniecertezze.com
Facebook page: https://www.facebook.com/hebemunozpoesia/

 

 

La poetessa italo-venezuelana Hebe Munoz al BookCity Milano

Milano, 14 novembre 2016 – In occasione del BookCity di Milano 2016, “Scritti dalla Città Mondo” presenta “Impressioni e certezze”, l‘incontro con l’autrice Hebe Munoz, poetessa italo-venezuelana.

Hebe Munoz presenterà il suo libro di poesie “Pegasa, Rinata dalle acque – Renacida de las aguas” nell’ambito della manifestazione “Mitologia e contemporaneità nella poesia venezuelana”.

L’incontro, a cura dell’Associazione Venezuelani in Lombardia, si terrà venerdì 18 novembre 2016 alle ore 16,00 presso la Sala Khaled al-Assad del Museo delle Culture – Mudec (in via Tortona 56 a Milano) e sarà presentato e moderato dalla prof.sa Annalisa Strada, scrittrice italiana per vari editori tra cui Mondadori, Fabbri RCS, De Agostini, Edizioni Paoline e Piemme, già insignita del Premio Andersen 2014.

Professoressa di lingue in Venezuela, migrata in Italia sino all’acquisizione della cittadinanza italiana, Hebe Munoz versa nella sua poesia tutta la solarità latina che si fonde con quella del Bel Paese. Hebe Munoz unisce così essenzialità e creatività in un cammino di passi intimi che è un insieme di voli e vogate dalle alture delle Ande e dai colori dei Caraibi sino ai profumi e ai sapori dell’Italia.

La poesia di Hebe Munoz è ricerca di quella armonia tra la bellezza interiore e la vita possibile, l’umanità e la femminilità con tocchi di maternità e sensualità, il passare dal sogno del desiderarla nel quotidiano sino allo scriverla e al saperla riconoscere nella storia con autenticità di viversi e di vivere.

È un rinascere dalle acque del vissuto, dell’anima, della propria esperienza di vita, per appunto l’esperienza di una Pegasa.

Il libro di poesie di Hebe Munoz “Pegasa” (Isbn/Ean 9788891067159) è in distribuzione presso le librerie Feltrinelli e Ibs.

Nell’ambito dell’incontro interverrà, con l’esecuzione di brani musicali, il Maestro Fabrizio Gatti, compositore e musicista di fisarmonica e bandoneon, insignito del Premio Internazionale Myrta Gabardi.

 

 

###

Per info:
e-mail: hebemunoz1@gmail.com
website e blog di Hebe Munoz: www.impressioniecertezze.com
Facebook page: https://www.facebook.com/hebemunozpoesia/

 

 

 

 

Exit mobile version