Esce “Credimi”, il nuovo singolo del duo femminile NOSARA

nosara-musica

Si chiama “Credimi” il nuovo singolo del duo femminile NOSARA

Roma, 17 ottobre 2022 – Esce martedì 18 ottobre per Visory Records “Credimi”, il nuovo singolo del duo femminile NOSARA.

“Credimi” nasce dall’angoscia che accompagna il risveglio da un incubo: una storia finita, due strade che si dividono per sempre, il senso di colpa per averci creduto, per essersi presi troppo sul serio. Un incubo a lieto fine, perché poi, per fortuna, c’è il risveglio.

Il sound del brano mescola r’n’b e pop.

Prodotta da Luigi Tarquini e Federico Fontana della label ALTI Records, “Credimi” è pubblicata da Visory Indie, la costola indie di Visory Records, ed è distribuita da Believe.

 

NOSARA BIOGRAFIA


NOSARA è un progetto di Sara Berardinucci (voce) e Cristina Talanca (basso).

Dall’incontro delle due ragazze abruzzesi con il producer Shezzan nasce il primo singolo “Stonata”: una canzone che viaggia su un beat moderno e che a colpi di basso e synth racconta una relazione difficile, possibile solo nei sogni.

A marzo 2022 le NOSARA pubblicano il secondo singolo “Neve a Primavera”, una canzone sui contrasti belli e inaspettati, come la chimica inspiegabile che si crea tra due persone profondamente diverse. 

Prodotto da ALTI Records e scritto con la collaborazione del rapper aquilano Stillpani, il singolo è finito in rotazione su Rai Radio Indie, che l’ha segnalato anche sui social nella rubrica “LightsOn”

A Ottobre 2022, dopo aver sperimentato le prime apparizioni live in compagnia del duo I Malati Immaginari (tra cui l’apertura di un live di Morgan), pubblicano il terzo singolo “Credimi”, anche quest’ultimo sotto l’ala di Visory Records con distribuzione Believe.

 

Esce “Ciao amici”, l’ultimo brano di Silvia Oddi

Roma, 25 marzo 2021 – È avvenuto il 19 marzo su tutte le piattaforme digitali il ritorno di Silvia Oddi con il brano “Ciao amici”. Il brano, prodotto e arrangiato da Gianluca Salvi e Nicola Valente, conferma le sonorità ascoltate nei due precedenti album, Ingenua Felicità (2016) e Niente a metà (2019). Ossia quei richiami ad un preciso momento musicale della prima metà degli anni ottanta, dove la new wave ed il post punk spopolavano soprattutto nella scena inglese. Il nuovo album in lavorazione, in uscita dopo l’estate, segnerà un deciso cambio di rotta nella scrittura, nella realizzazione dei brani e nel sound. 

Silvia descrive così il brano:

Inviare le coordinate in un periodo in cui si è costretti a stare in casa sembra un paradosso, eppure in questi tempi bui è possibile incontrarsi nelle sfumature di un modo di essere o di pensare, sentendoci più vicini alle nostre fragilità e soprattutto alle nostre paure. Nel testo del brano gioco con i luoghi comuni, anche correndo il rischio di apparire retorica, ma sono sempre più convinta che il sapersi fermare un attimo e ritagliarsi uno spazio intimo da non condividere, stia diventando prerogativa di pochi”.

Silvia passa poi a raccontare l’idea del video realizzato per il brano:

Fine estate 2020 sono in Abruzzo a lavorare in studio a nuove canzoni. Decidiamo di andare a pranzo ad Aielli, un piccolo borgo poco distante, colorato dai murales di famosi street artists provenienti da tutto il mondo. Qui ho avuto il piacere di suonare qualche anno fa ospite della rassegna di arte e astronomia Borgo Universo. Da semplice pausa pranzo a videoclip col cellulare è stato un attimo. Quell’attimo di pace e colori caldi che ho voluto fissare d’istinto come ricordo indelebile di un momento di serenità lontano dal dolore di questo periodo”.

Per maggiori approfondimenti:

Ascolta Ciao amici su Spotify

https://open.spotify.com/album/0puxglKjbOJZpWkINBFjxg?si=0sU7mnauSRS9_iidMKAg5A

Segui Silvia Oddi su Instagram

https://www.instagram.com/silvia_oddi

Segui Silvia Oddi su Facebook

https://www.facebook.com/SilviaoddiOfficial

Guarda il video di Ciao amici su Youtube

https://youtu.be/PRC4YuAKuyw

 

 

 

 

 

 

Diritti sul lavoro: esce “A capo”, il nuovo singolo di Baschira

“A capo” è il secondo singolo realizzato da Baschira. Il brano, estratto dall’EP  “Zdasdat”, sarà  disponibile sulle principali piattaforme streaming da mercoledì 15 luglio.

Bologna, 21 luglio 2020 – È ai fiati e alle chitarre che Baschira affida il testo di “A capo”, fortemente ispirato dalla sua esperienza personale di emigrato e dal contesto sociale con cui è venuto a contatto nell’ultimo decennio, in Spagna prima e in Olanda poi.

Con il suo nuovo brano il cantautore bolognese conferma il suo impegno artistico-sociale tra canzoni di denuncia e racconti che narrano di coraggio e riscatto.

 “A capo” denuncia malcostumi e soprusi quotidiani di cui tutti siamo vittime o carnefici: protagonisti della storia sono infatti le vittime di sfruttamento lavorativo, gente comune la cui salute è a rischio e a cui è riservato un trattamento contrario alla dignità umana.

Una ballata indie folk, la nuova canzone, che racconta le contraddizioni della società, i rischi dell’indottrinamento passivo dei media, l’ipocrisia e l’arroganza di una parte della classe politica che rimane indifferente alla sofferenza e alle ingiustizie.

Operaio, minatore, ingegnere o dottore ma i morti sul lavoro mica son compito loro”, canta Baschira.

Il brano è in generale un invito a non abbassare la testa, a scegliere di reagire, a non lasciare che siano altri a decidere per noi. In particolare, come si evince dal titolo, “A capo” invita a non scoraggiarsi, a non smettere di credere che in qualsiasi momento si possa ricominciare a vivere.

Credits:

“A capo”è stato scritto, suonato e registrato da Baschira tra la primavera e l’inverno 2019.

Hanno partecipato agli arrangiamenti: Mauro Rolfini, Francesco Salmaso, Gerryt, Carlo D’Alessandro, M.(Reda) Gherici, Henrik Holm, Bartho Staalman.

Mixato da Mario da Silva nell’ inverno 2019 presso RPM Studio, Amsterdam.
Masterizzato da Pietro Rossi a febbraio 2020 presso RedStone Productions, Amsterdam.
Progetto grafico & Artwork a cura di Baschira e BellaVez Records

BIOGRAFIA: 

Baschira nasce da un’ idea di Davide Cristiani, artista di origine bolognese, ad Amsterdam ormai da anni. È nei panni di Prospero Baschieri (Baschira), un brigante vissuto agli inizi dell’Ottocento che il chitarrista decide di portare in scena i protagonisti delle sue storie: gli ultimi, vittime di soprusi e ingiustizie sociali.

Nell’autunno del 2019 Baschira, accompagnato da sette musicisti, lavora in studio, insieme  a Mario da Silva dell’ “RPM Studio”, di Amsterdam al mixaggio dei sei brani che andranno a comporre il suo primo EP “Zdasdat”.

Nel gennaio del 2020, i brani sono masterizzati dall’ ingegnere del suono e producer Pietro Rossi, al RedStone Productions di Amsterdam. A Marzo del 2020, esattamente qualche giorno prima dell’annuncio del lockdown, viene pubblicato il suo primo singolo “Il Biondo” che sarà seguito da “A Capo” in uscita il 15 Luglio per la BellaVez Records.  Entrambi i singoli precedono l’ EP “Zdasdat”, in uscita questo autunno. I brani che compongono l’EP sono identificabili con il genere folk, gypsy jazz, acustico, popolare.

###

“Comunicato N. 1-2020″, Amsterdam 09 Luglio 2020

Ufficio stampa Baschira

Contatti:

Ufficio Stampa: press@baschira.com
Ufficio booking: booking@baschira.com
Spotify: https://open.spotify.com/artist/baschira
Facebook: @baschira
Instagram: baschiramusic

“Correrei intorno al mondo” il nuovo singolo di Andrea La Gona

Firenze, 2 marzo 2016 – È uscito “Correrei intorno al mondo”, il nuovo singolo di Andrea La Gona  prodotto da Master Star e già disponibile per il download su tutte le piattaforme digitali.

Rock, melodia, cuore e ferro sono gli ingredienti di questo brano graffiante che è già scaricabile dai digital stores di iTunes, Amazon e GooglePlay.

Noto ed apprezzato sulla scena musicale live italiana con oltre 400 date dal vivo in due lunghissimi tour con Smokout band e Bon Jovi Tribute Band, di cui ne è ideatore e performer, La Gona si presenta con il suo singolo in veste di co-autore di spartito e parole, al quale ha voluto prestare una partecipazione anche Fabrizio Venturi.

“Correrei intorno al mondo” è il primo singolo, prodotto dalla “Master Star”, di un lavoro musicale più ampio che coinvolge Andrea nella veste di autore e compositore.

Da un cassetto con oltre 60 brani inediti è venuto fuori il brano “Correrei intorno al mondo” con sonorità calde e ritmate del rock d’oltreoceano e la vena pulsante del pop italiano che fanno del nuovo singolo una fusion delicata, graffiante ed appassionata.

Master Star, creatura di Paolo Boccia, manager con spiccate doti di talent scout e con alle spalle un ventennio di esperienza nell’organizzazione di concerti per alcuni grandi della scena nazionale tra cui Irene Grandi, Patty Pravo, Daniele Silvestri,  questa volta ha voluto investire su Andrea La Gona al di fuori dei classici circuiti commerciali delle Labels multinazionali.

“Correrei intorno al mondo” il nuovo singolo di La Gona preannuncia il nuovo lavoro discografico di Andrea per cui “24 ore non basteranno mai”.

L’ascolto integrale di “Correrei intorno al mondo” è disponibile su Spotify, la biografia ed altre informazioni utili su La Gona sono reperibili su www.andrealagona.it e sulla Facebook Official Page mentre i Digital Download sono disponibili su iTunes, Amazon e GooglePlay.

###

 

Per interviste e contatti:

www.andrealagona.it

 

Andrea La Gona

 

 

E’ uscito Sindrome A, il primo singolo ufficiale degli Opera

Gli Opera sono una band  nata nel 2003 dai fondatori Enrico Fiorio alla voce e alle chitarre, Nicolò Piazza alle percussioni e Andrea Cantieri alle tastiere. Recentemente si è unito a loro il bassista Tommaso Turella.
Dopo numerosi cambi di formazione, anni di esperimenti, concerti nei locali anche come tribute band dei Queen e qualche festival, hanno pubblicato nel 2011 il primo album, ALPHA, contenente 11 brani originali in lingua inglese, alcuni nel cassetto da molti anni e alcuni composti nel 2010, con uno stile che spazia tra l’hard rock anni 80 e brani pop. Nel 2012 la decisione di diventare un quartetto dopo anni di band a 5 elementi, Enrico Fiorio decide di prendere anche il ruolo di chitarrista e la band cerca un sound più moderno e originale, influenzati pesantemente dai Muse e dall’alternative, unendo la sperimentazione alla passione per il classic rock e la melodia.
Dopo mesi di lavorazione e di reset quasi totale gli OPERA tentano la strada del power trio, con Andrea Cantieri solo in veste di collaboratore esterno alle tastiere.
Il loro primo singolo, pubblicato dall’etichetta Maxy Sound, si intitola SINDROME A ed è da ora disponibile su tutti i digital store e come video lyrics su Youtube. Sindrome A è introspezione interna, osservazione esterna, ascolto, idea, straniamento e curiosità, energia e spazio. Il brano è stato prodotto e registrato dagli Opera, mixato da Max Titi presso Maxy Sound e masterizzato presso il Massive Arts Studios di Milano.

Non è convenzionale ma può essere classico, non è quello che vi aspettate o forse lo è, ascoltatelo fino alla fine.

 

Exit mobile version