A Napoli il tradizionale Concerto dell’Immacolata

Napoli, 19 novembre 2019 – L’8 dicembre si avvicina e con la Festa dell’Immacolata e il Tradizionale Concerto dell’Immacolata si entra nell’atmosfera vera e propria del Natale.

Un concerto con un repertorio dedicato alle più belle Ave Marie di Caccini, Durante Adam, Schubert, Verdi, Mascagni, Verdi, Franck. Immortali melodie senza tempo che toccano ed emozionano i cuori degli spettatori, cantate dalle meravigliose e melodiose voci di artisti del Teatro San Carlo quali il soprano Olga De Maio, il tenore Luca Lupoli, e il tenore Lucio Lupoli.

Artisti che saranno accompagnati dalla pianista Nataliya Apolenskaja alla quale si alternera’ come artista ospite il pianista Sebastiano Brusco con degli a solo pianistici dedicati a Beethoven, Schubert e Listz.

Lo spettacolo, organizzato dall’Associazione Noi per Napoli presso il Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi Napoli, sarà un viaggio musicale e canoro e verrà raccontato dalle voci degli attori Bruno Caricchia ed Eleonora Migliaccio che interpreteranno alcuni dei più grandi classici della letteratura mariana.

Canto, musica e narrazione racconteranno,  illustreranno  ed esploreranno in maniera poliedrica la figura  della Vergine Maria, nella sua tenera concreta maternità umana e divina, per riflettere in maniera più consapevole sul mistero del S. Natale.

Un evento che si  propone di valorizzare, attraverso la visita guidata  della  cinquecentesca Sala del Vasari e dell’Ipogeo, uno dei siti di  particolare bellezza ed un  tesoro del nostro patrimonio storico artistico.

Un progetto che coniuga arte, cultura e solidarietà, promuovendo la conoscenza storica abbinata sempre alla musica ed al bel canto, rendendoli accessibili ai cittadini napoletani ed agli ospiti in visita a Napoli in questi giorni di festa.

Ed un evento che ha anche finalità benefiche per la mensa dei senzatetto di Piazza del Gesù, con i Patrocini della Presidenza del Consiglio Regionale della Campania, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e della Curia Arcivescovile di Napoli.

La serata sarà presentata dal giornalista Giuseppe Giorgio che inquadrera’ con le sue “note storiche ” i brani del programma.

La visita guidata inizierà alle h.18.30 ( Concerto h.19.30) e sarà a cura della Cooperativa sociale ParteNeapolis.

Visita guidata più concerto 13€ (Sconto CRAL previa esibizione tessera 10%)

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi all’ Associazione Culturale Noi per Napoli  (www.noipernapoli.it), tel. 339 4545044 / 327 7589936 o al Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi 081 4420039.

Vendita online Azzurroservice   https://www.azzurroservice.net/biglietti/concerto-dellimmacolata

Oppure in tutti i punti vendita di https://www.azzurroservice.net/mappa-punti-vendita

 

 

 

Sant’Anna dei Lombardi a Napoli, Sala del Vasari
Olga De Maio soprano e Luca Lupoli tenore

 

 

 

 

 

Musica, esce il videoclip di “Labirinto” di Carlo Zannetti

Milano, 23 aprile 2019 – Carlo Zannetti in occasione del suo 59º compleanno, pubblica il nuovo videoclip della sua canzone “Labirinto” scritta nel 1997. Questa volta il cantautore ferrarese suona il pianoforte invece della chitarra e riesce ad interpretare il brano con una voce sicura ma commossa, trasformandosi in una sorta di narratore di una storia ispirata alla triste vicenda di un caro amico affondato nell’alcol insieme all’ideale di un suo grande amore non corrisposto.

 

Questa nuova uscita è accompagnata come sempre da una riflessione dell’autore, affidata al blog del sito ufficiale CarloZannetti.it, nella quale racconta di come la musica gli abbia salvato la vita più volte:

 

Per mia fortuna, appena dodicenne, mi capitò in mano una vecchia chitarra con la cassa crepata e le corde arrugginite; cominciai a suonarla per riempire i vuoti di una gioventù resa infelice da una situazione famigliare a dir poco inconsueta e da un mio carattere timido e quindi molto sensibile.

In seguito, durante l’adolescenza, mi impegnai moltissimo e mi innamorai della musica intesa come un qualcosa che mi serviva per ottenere un discreto benessere e mi concedeva il lusso di estraniarmi dalla realtà (non proprio felice) senza assumere alcol o droghe. Probabilmente gli effetti benefici della musica mi salvarono la vita, anche perché molti miei amici purtroppo morirono giovani.

 

Con il passare del tempo, sempre l’amore per le note, mi aiutò nella difficile impresa di comprendere gradualmente che la mia timidezza non costituiva certo un difetto come più volte sottolineato da maestri, professori e genitori, ma sarebbe potuta diventare un prezioso dono. Io non ho iniziato a suonare per gioco, ho sacrificato se così si può dire, moltissime ore della mia vita e ho rinunciato a molte cose in apparenza più piacevoli.

Il fare musica diventò poi una sorta di filosofia di vita e successivamente un lavoro. La mia meta, la costruii chitarra su chitarra, nel senso che ogni delusione che la vita mi offriva, io mi rifugiavo dentro alla cassa di una chitarra, magari appena acquistata. Quella che allora sembrava la tragedia più grave della mia vita, ovvero un grande amore non corrisposto e perduto, si rivelò essere in realtà la mia carta vincente. La tristezza e lo sfinimento furono le molle che mi permisero di scegliere una nuova città per una nuova vita. Io non ho mai suonato per mettermi in mostra e ancora adesso ho la necessità di suonare per me stesso, anche se ho capito che suonare in pubblico può significare donare qualcosa di bello alle persone e questo mi affascina molto”. 

 

Ma chi è Carlo Zannetti?

 

Carlo Zannetti è un musicista turnista che ha affiancato in più di 35 anni di attività alcuni dei più importanti artisti del panorama nazionale e internazionale, cantautore con all’attivo 4 album di canzoni proprie e svariati singoli, è anche uno scrittore di romanzi e di racconti. Ad oggi pur continuando la sua attività di cantautore e musicista , è impegnato a titolo personale come attivista nella lotta per la difesa dei diritti degli animali.

 

Zannetti inoltre collabora come redattore con il noto quotidiano giornalistico musicale “Onda Musicale”.

La canzone “Labirinto”, è stata suonata dall’autore per la prima volta nel 1998 ad un concerto benefico tenutosi presso l’Auditorium Modigliani di Padova.

La persona alla quale è dedicata, presente tra il pubblico, da allora iniziò per sua fortuna un nuovo percorso esistenziale.

 

Exit mobile version