Comunicazione: esce la guida per creare e gestire un ufficio stampa

Come creare e gestire un ufficio stampa

Catania, 8 aprile 2021 – Aiutare a creare e gestire un ufficio stampa. È lo scopo del nuovo libro “Come creare e gestire un ufficio stampa”, del giornalista Salvo Longo, pensato per gli interessati ad iniziare questo percorso con competenza e professionalità.

La guida è il nuovo lavoro del giornalista Salvo Longo che dopo aver scritto anni fa l’ebook “La Forza della Comunicazione – Strategie Vincenti” adesso sceglie di trattare in maniera approfondita il tema degli uffici stampa.

A firmare la prefazione l’autorevole giornalista de “La Stampa”, Fabio Albanese, che per quindici anni si è occupato della comunicazione e dell’ufficio stampa del Teatro Massimo Bellini di Catania.

Il libro conta 150 pagine ed è composto da nove capitoli. Nella prima parte, l’autore spiega, con chiarezza e semplicità, cos’è l’ufficio stampa, quali sono i suoi compiti e le sue funzioni.

Longo, dopo le doverose premesse, passo dopo passo, entra nel vivo del libro mostrando ai lettori come si costruisce un ufficio stampa, attraverso le varie azioni da compiere dallo sviluppo della rete dei contatti al piano di comunicazione fino a rendere l’ufficio stampa perfettamente operativo.

Lo stesso autore nell’introduzione tiene a precisare che si tratta di una guida più pratica che teorica, e ogni capitolo del libro si conclude poi con il paragrafo “Attività pratica ed esercitazioni”.

A cosa serve quindi la guida?

“Questo libro sugli uffici stampa – che nelle intenzioni non vuole essere un trattato teorico ma un manuale semplice e ricco di informazioni, strategie, tecniche e consigli pratici – è dedicato a chi ambisce a iniziare questo percorso professionale, ma anche a quanti come giornalisti, operatori della comunicazione, addetti stampa, già operano in questo campo e desiderano sempre aggiornarsi, perfezionarsi, correggersi, ottenere nuovi spunti per svolgere al meglio questo lavoro”, spiega Salvo Longo.

L’obiettivo della guida è quindi far comprendere che cos’è effettivamente un ufficio stampa, come crearlo, come gestirlo, quali sono i ferri del mestiere e quali opportunità offre la rete”, continua Longo.

Un intero capitolo è dedicato alle testimonianze dirette di alcuni professionisti della comunicazione, che eccellono, ognuno nel proprio campo, e sono considerati punti di riferimento nel firmamento degli uffici stampa.

La parte finale del libro comprende infine leggi, direttive e la carta dei doveri del giornalista degli uffici stampa, risultando così una guida completa a tutti gli effetti, che funge da bussola per orientarsi in un mestiere che cambia e si evolve rapidamente lanciando sempre nuove sfide difficili, ma sempre entusiasmanti.

Nella seconda parte di “Come creare e gestire un ufficio stampa”, Salvo Longo affronta poi il tema appunto della gestione dell’ufficio stampa parlando degli strumenti principali che permettono di raggiungere gli obiettivi prefissati, dal comunicato stampa alla rassegna stampa passando per l’organizzazione di eventi.

Segue un capitolo dedicato alle opportunità che offre la rete e ai vantaggi di un ufficio stampa online con la descrizione di tool sia gratuiti che a pagamento, strumenti di grande supporto per un addetto stampa.

Le testimonianze dei professionisti

L’ottavo capitolo raccoglie le testimonianze di grandi professionisti della comunicazione, dalla pubblica amministrazione all’università, dalla musica allo sport, dall’impresa al contrasto delle fake news.

Si tratta di Matteo Bruni, direttore della Sala stampa vaticana; Mariano Campo, responsabile comunicazione e ufficio stampa dell’Università di Catania; Paola Giunti, direttrice comunicazione e stampa del Teatro Regio Torino; Assia La Rosa, giornalista imprenditrice e fondatrice di I Press; Marco Del Checcolo, media manager di Federica Pellegrini; Daniele Lo Porto, pilastro del giornalismo siciliano, per 15 anni responsabile dell’ufficio stampa della Provincia Regionale di Catania; Francesco Pira, professore di Comunicazione e Giornalismo all’Università di Messina, saggista e delegato della comunicazione dell’ateneo peloritano; Michele Rampino, professionista della comunicazione e fondatore della piattaforma nazionale ComunicatiStampa.net; Riccardo Vitanza, re della comunicazione musicale in Italia e fondatore dell’agenzia Parole & Dintorni.

Contributi di spessore da parte di addetti ai lavori che hanno maturato lunga esperienza sul campo e che con consigli e suggerimenti impreziosiscono ulteriormente il libro.

“Come creare e gestire un ufficio stampa”, che si trova in commercio sia in versione ebook che cartacea, si presenta dunque come uno strumento prezioso per tutti coloro che già operano negli uffici stampa ma anche per chi vuole intraprendere questo percorso con professionalità e successo.

L’autore

Salvo Longo nasce a Catania nel 1969. Laureato in Scienze politiche, dal 2005 si occupa di formazione ed è direttore di una scuola di formazione professionale a Catania. Giornalista pubblicista dal 2004, è consulente della comunicazione ed esperto in organizzazione di piani di comunicazione e uffici stampa.

Collabora con varie testate online e alcune importanti agenzie di comunicazione. Nel gennaio 2009 ha fondato il mensile d’informazione e cultura «Katane» che ha diretto fino al 2011.

È stato responsabile della pagina di Catania del giornale nazionale online «2duerighe» e ha collaborato con il «Giornale di Sicilia», il «Quotidiano di Sicilia», «Box periodico», «In Scena» e le emittenti televisive Telecolor e Videotre.

È autore dell’ebook “La Forza della Comunicazione – Strategie Vincenti”.

 

###

Per interviste ed informazioni:

info@ufficiostampaecomunicazione.com

www.ufficiostampaecomunicazione.com

 

 

 

 

“Mio fratello Leonardo”: arriva il video ufficiale di Giovanni Giordano, cantautore indie pop demenziale

Il nuovo indie pop al limite tra il demenziale e la musica per bambini segna un ritorno al Festivalbar degli anni ’90

Roma, 7 gennaio 2020 – Dopo l’uscita dell’Ep PIP di questa estate su tutte le piattaforme digitali e il lancio del singolo Mio fratello Leonardo, è di questi giorni la pubblicazione del video ufficiale dello stesso inedito sul canale VEVO ufficiale di Giovanni Giordano, cantautore Pop Indie di Reggio Calabria, al limite tra il demenziale e la musica per bambini.

Il video è stato realizzato in piano sequenza da Oscar Serio videomaker e rappresenta una novità nel mondo dei video musicali per la tecnica utilizzata dal regista sia dal punto di vista scenico che espressivo. La trama del video contestualizza un brano il cui tema di fondo è la ricerca di se stessi al cospetto di un mondo di dubbi e perplessità sia personali che sociali, il tutto raccontato con un linguaggio semplice quasi da Zecchino D’oro.

Il video si conclude infatti con Sofia Movie Star, un tenerissimo bassotto che nell’intenzione del regista e dell’artista rappresenta uno stato d’animo di ritrovata fiducia nel futuro. I riferimenti dell’artista calabrese GIOVANNI GIORDANO al conterraneo Rino Gaetano nel video e nella canzone sono evidentemente tanti e vanno dal titolo dell’inedito, Mio Fratello è figlio unico) all’immagine del cane (escluso il cane) fino al nonsense di tutto il contesto che il video vuole rappresentare.

Il canale Youtube VEVO di Giovanni Giordano è raggiungibile all’indirizzo www.youtube.com/channel/UCkTlFoa8Bmfpmv5Loyynkow.

 

Link correlati:

Mio fratello Leonardo, primo singolo estratto dall’EP PIP del cantautore di Reggio Calabria, Giovanni Giordano:

http://meiweb.it/2020/08/07/mio-fratello-leonardo-primo-singolo-estratto-dallep-pip-del-cantautore-di-reggio-calabria-giovanni-giordano/

Mio fratello Leonardo: Video Ufficiale e Canale Vevo per il Cantautore Indie Emergente Giovanni Giordano

http://meiweb.it/2020/12/29/mio-fratello-leonardo-video-ufficiale-e-canale-vevo-per-il-cantautore-indie-emergente-giovanni-giordano/

 

 

Video ufficiale Giovanni Giordano – Mio fratello Leonardo, link: https://youtu.be/0Rn45_KVCbc

 

 

 

La magia del Natale illumina Como

Como, 29 novembre 2019 – Giovedì 28 novembre è ufficialmente partita la stagione natalizia a Como, con l’illuminazione della Mostra dei Presepi.

La Mostra dei Presepi, situata in Via Milano, fa parte dell’ormai noto programma “La Città dei Balocchi”, conosciuta in tutto il mondo per la sua bellezza visto anche che Como è stata di recente “la copertina” della rivista anglosassone ‘Italia’, come una delle città più belle nel periodo Natale.

Con 40 presepi da tutta Italia, che allieteranno la cittadina lombarda fino al 6 gennaio, sulle note delle più belle canzoni natalizie suonate su un pianoforte a coda, l’evento ha incantato i numerosi comaschi presenti.

All’illuminazione ha partecipato la nota fashion stylist Monica Gabetta Tosetti dell’Atelier Tosetti, che accanto a Stefano Vicari, proprietario del negozio l’Arte, al marito Giovanni Tosetti e a Tommaso Molinari proprietario di diversi Bed and Breakfast, ha  montato ed illuminato la Mostra dei Presepi arrivati da tutta Italia.

Monica ha fornito una consulenza di stile tutta al femminile per dare vita ad una immagine suggestiva all’illuminazione, dedicata ai più piccoli, ma anche agli adulti.

Monica Gabetta Tosetti, nonostante gli impegni tra la nuova BB Clinique e l’Atelier Tosetti Spose di Como, del quale è responsabile marketing, non ha voluto rinunciare alla magia dell’atmosfera natalizia della Mostra dei Presepi, inaugurata proprio accanto allo storico atelier.

Chi conosce l’imprenditrice comasca sa che adora le atmosfere natalizie, e nel mese di dicembre è spesso ospite delle città più natalizie e dei parchi a tema, per commemorare e far conoscere al pubblico i posti più caratteristici.

Ma quest’anno ha voluto che questa atmosfera fosse il più vicino possibile a lei, nella sua stessa città.

Per Como, dopo la copertina della nota rivista inglese, la Mostra dei Presepi di quest’anno è un nuovo ambizioso traguardo raggiunto e meritato da tutta la città, che già da anni attira frotte di turisti sia dall’Italia che dall’estero.

 

 

Como in copertina della rivista anglosassone ‘Italia’, come una delle città più belle sotto Natale

 




In Italia 1 donna su 2 non si piace: ma in realtà la bellezza è solo soggettiva

Uno studio rivela che solo 1 donna su 2 si sente bella, ma la realtà è che la bellezza è solo una questione di scelte…
Milano, 11 novembre 2019 – La bellezza? È solo una questione soggettiva. Il corpo perfetto non esiste, così come il viso perfetto. L’idea stessa di perfezione è illusoria e per lo più soggettiva, e l’idea di bellezza cambia anche a seconda del contesto in cui viviamo, la nostra istruzione e il paese di appartenenza.
A definire il concetto di bellezza delle persone nei vari angoli del mondo una ricerca commissionata dalla Superdrug Online Doctors, nel Regno Unito.

La ricerca ha studiato la percezione della perfezione mostrando l’aspetto di una stessa donna e di come viene vista attraverso 18 immagini realizzate con il programma di fotoritocco Photoshop.

Per questo lavoro l’azienda ha commissionato a 18 designers provenienti da differenti paesi del mondo di rielaborare immagini in modo tale da renderla il più vicina possibile agli standard di bellezza del loro paese di provenienza.

Il risultato di questo esperimento evidenzia come per ogni paese il concetto di bellezza ideale sia estremamente differente per colore dei capelli, colore degli occhi, misure seno – vita – fianchi, addirittura per acconciatura e scelta di scarpe o manicure.

Un’ulteriore sorpresa è stata quella di scoprire che i due paesi con l’ideale di bellezza più lontano dall’originale sono la Cina e l’Italia.

Ecco spiegata l’insoddisfazione generale.

Analizzando poi un campione di donne tra i 16 e i 60 anni, si è visto che quasi 1 su 2 non si piace.

Da qui la nascita di corsi e seminari per diventare e sentirsi più belli.

Lo scorso 19 ottobre al Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Milano ad esempio la fashion stylist comasca Monica Gabetta Tosetti ha tenuto una lezione su come essere belle.

“Da quando ha preso corpo il mio Programma BB ed ha aperto la BB Clinique, mi capita spesso di incontrare donne bellissime che non si piacciono affatto. E spesso mi viene chiesto come fare a diventare belle” racconta Monica Gabetta Tosetti, consulente di moda e bellezza.

Quello che viene sottovalutato è quanto questo non accettare la propria immagine, possa avere un effetto negativo sul nostro essere più o meno attraenti.

La comunicazione avviene pressoché nell’area degli occhi: l’essere umano impiega circa 7 secondi per farsi un’opinione sulla persona che abbiamo davanti.

In questo tempo brevissimo il nostro cervello elabora molte informazioni, dalle quali risulta il giudizio positivo o negativo che gli altri si fanno di noi.

Ecco allora 5 trucchi di Monica Gabetta Tosetti per essere, sentirsi e apparire belle:

1) Sorridi. Prima di investire ingenti somme in costosissimi trattamenti estetici, ricordati di sorridere. Un atteggiamento positivo e rilassato ti renderà immediatamente più attraente. Se poi avrai l’accortezza di sottolineare il tuo bellissimo sorriso con un rossetto o un gloss, ancora meglio!

2) Cura il tuo aspetto. Belli sì nasce, ma curati si diventa. Quando guardiamo una persona vestita con cura, profumata con scarpe lucide ed con una chioma in ordine, proviamo immediatamente un senso di ammirazione e di fiducia. Affidereste il vostro patrimonio ad uno che si presenta disordinato e sgualcito? Ecco qui è la stessa cosa! Come possiamo pensare che uno si possa prendere cura di noi (quindi poi amare), se non è neanche in grado di prendersi cura di se stesso?!

3) Energia. Le persone più attraenti sono quelle che vivono con passione, cioè hanno una direzione, degli obiettivi, degli interessi, degli ottimi e straordinari motivi per alzarsi dal letto tutte le mattine. Può sembrare banale ma non puoi essere una persona interessante se non hai degli interessi! Parlando di seduzione e di relazioni d’amore, la passione è contagiosa, è energia vitale, gli altri la colgono subito, è ciò che ti rende attraente, se la sviluppi ti rende una calamita. E’ quella fiamma negli occhi che illumina lo sguardo, che fa vibrare il corpo.

4) Colore. I colori rappresentano un elemento vitale capace di suscitare reazioni psicofisiche primordiali, inconsce e collettive, in grado di modificare lo stato d’animo. Per questo motivo è importante ricordarsi di scegliere outfit colorati: i colori, sono musica e come questa possono essere classici, romantici, jazz, rock, e raccontarci l’energia delle persone e del mondo, le loro cadute e le loro rinascite. Possono essere sensuali e parlarci di attrazione fisica o cupi e freddi ed evocare lutto e inviolabilità.

5) Esci dalla tua zona di comfort. Questa è la zona dove ci sentiamo tranquilli e al sicuro. Tendiamo a fare le stesse scelte e a non cambiare nulla, nella nostra vita ma anche nel nostro abbigliamento. Questo atteggiamento che all’inizio ci protegge dallo stress e ci fa sentire sicuri, a lungo andare può trasformarsi in una prigione dorata dalla quale non riusciamo ad uscire. Non riuscire più a modificare il proprio abbigliamento, a provare qualcosa di nuovo, nasconde un problema più profondo di quello che si vede in superficie. Nasconde la difficoltà all’adattamento, alla capacità di mettersi in gioco e che cos’è l’amore se non un gioco meraviglioso?!

Per questi e altri consigli vi suggeriamo di seguire il blog di Monica all’indirizzo www.monicagabettatosetti.it.

 

Monica Gabetta Tosetti, fashion e beauty stylist

A Casalnuovo la “Festa della Pizza Fritta”

Casalnuovo di Napoli, 2 ottobre 2019 – A Casalnuovo di Napoli arriva la quinta Edizione della “Festa della Pizza Fritta”.

L’appuntamento è da sabato 12 a domenica 13 ottobre, dalle ore 18.00 in Piazza Don G. Diana – località Tavernanova, a Casalnuovo Di Napoli (NA).

Come ogni anno, la festa verrà riproposta nel piazzale adiacente Parrocchia della Visitazione a cura dell’Associazione “Il Salice onlus” e, da quest’anno, dall’Associazione “Una Città Che…” di Giovanni Nappi.

Saranno due giorni per gustare la vera pizza fritta napoletana e vivere momenti di pura aggregazione e divertimento.

Questo il programma :

• 12 ottobre dalle ore 20.30 Mario Pelliccia con artisti Casalnuovesi e a seguire il concerto di Emilina Cantone;

• 13 ottobre dalle ore 20.30 la PMB Cover Band Pino Daniele, con la partecipazione straordinaria del grande sassofonista Marco Zurzolo, e a seguire lo show di Peppe Iodice, direttamente da Made in Sud.

Giovanni Nappi, il 13 ottobre, consegnerà sul palco un riconoscimento da parte del Premio Letterario “Una Città Che Scrive” ad un giovane attore casalnuovese, Fabio Balsamo, contraddistintosi in questi anni per la sua esilarante comicità e risultando oggi uno dei giovani più promettenti del panorama artistico campano.

In entrambe le giornate, sin dalle ore 18.00, animazione per bambini.

In piazza anche un birrificio a km zero, INCANTO, con una bella iniziativa di “plastic free”: chi si presenterà con una copia del giornale “Casalnuovonet.tv”, in distribuzione in queste ore sul territorio Casalnuovese, riceverà un bicchiere di birra in omaggio e il bicchiere contenitore sarà in “polpa di cellulosa”.

 

 

 

Riforma elettorale: “Il proporzionale puro sarebbe un salto indietro nel passato”

Roma, 27 settembre 2019 – “Un sistema elettorale proporzionale puro sarebbe un salto indietro nel passato per il nostro Paese”. Ad affermarlo Mario Pingerna, esperto di sistemi elettorali e attivista politico.

“La mia prima esperienza politica è nata con la raccolta firme per i Referendum di Mario Segni, che considero mio padre politico. Ed è proprio per l’esperienza della nascita di un sistema maggioritario e la passata vocazione maggioritaria del PD che mi ha portato ad attivarmi contro il proporzionale” dice ancora Pingerna, che spaventato da una riforma proporzionale del sistema di voto propone ai partiti un sistema studiato da lui, che garantirebbe governabilità all’Italia.

Proporzionale, un salto indietro nel passato

Il proporzionale è un salto nel buio, ed un ritorno indietro ad un passato di litanie politiche e accordi per la formazione di governi fragili, che erano sempre appesi all’umore del partitino di turno.

Il proporzionale può andar bene a livello di consensi di partito ma occorre, attraverso il doppio turno inserire un piccolo premio di maggioranza, per garantire la governabilità del paese.

Un sistema elettorale che già esiste in Italia, che è quello per l’ elezione dei Sindaco, e un tempo, prima che lo cambiassero, lo era anche quello per l’elezione del Presidente della Provincia.

E proprio mutuando da questi sistemi che Pingerna propone per il voto nazionale, con la suddivisione in collegi elettorali, la creazione di un nuovo sistema elettorale.

La proposta di Pingerna

1) Indicazione indiretta del Presidente del Consiglio per ciascuna coalizione

(attraverso la scelta della coalizione della persona che la guiderà)

2) Primo turno per scelta deputate/i  e delle coalizioni

(si ritorna alla preferenza per scegliere il deputato che rappresenterà il proprio collegio)

3) Secondo turno in caso nessuno raggiunga al primo il 50%+1 dei voti validi

(turno di ballottaggio tra le due coalizioni più votate)

4) Ogni collegio deve essere rappresentato

(la garanzia della rappresentanza di tutti i collegi elettorali)

Un sistema che prevede:

  • indicazione indiretta del Presidente e scelta del cittadino (deputate/i)
  • rispetto delle pari opportunità;
  • bipolarizzazione;
  • premio di maggioranza minimo 55% ma si può aumentare anche al 60% (come sindaci);
  • stabilità;
  • rappresentatività locale (collegio 150.000 abitanti per 400 deputati o 95.000 per 630);
  • sistema applicabile per il Senato con le dovute modifiche per rispettare il dettame della Costituzione

Per una simulazione dei seggi con il sistema proporzionale con  premio di maggioranza proposto da Pingerna si rimanda alle foto allegate.

Riguardo Mario Pingerna

Mario Pingerna, da sempre appassionato dei numeri della politica, è uno studioso ed esperto di sistemi elettorali, di elezioni, e analisi del voto, oltre che attivista politico.

Iscritto al Partito Democratico fin dalla sua fondazione, provenienza Margherita, appartiene all’assemblea di Sassari, dove ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio Comunale 23 anni fa.

 

 

###

 

Contatti:

 

mariopingerna@gmail.com

 

 

Allergie, ora più sicuri con l’App e i ristoranti certificati

Roma, 30 aprile 2019 – Da oggi gli allergici possono mangiare più sicuri anche fuori casa.  La novità viene da AllerGenIO (www.allergenio.com), la prima piattaforma digitale che identifica gli allergeni alimentari in oltre 18.000 ingredienti validati scientificamente, che ha stipulato una nuova partnership commerciale con Nexi (www.nexi.it), la PayTech delle banche leader nel mercato italiano dei pagamenti digitali.

Con AllerGenIO e lo SmartPOS Nexi verranno ora infatti tutelate le persone che hanno allergie ed intolleranze alimentari garantendo loro la possibilità di gustare un piatto fuori casa in totale sicurezza con un click.

Grazie al servizio e supporto del ristoratore, già dal tavolo del ristorante, i consumatori potranno selezionare gli ingredienti che possono o non possono mangiare tra i 14 allergeni presenti e ottenere così un menu personalizzato e creato sulle loro esigenze e preferenze: una vera Food Revolution che cambia per sempre il mondo del Food Outdoor.

Allo stesso tempo, questa partnership permetterà a tutti i ristoratori di essere conformi alla normativa europea ed evitare pesanti sanzioni amministrative (previste fino a 24.000€) e offrire loro un servizio innovativo ad un mercato potenziale di oltre 15 milioni di clienti in Italia tra allergici e intolleranti alimentari.

Grazie all’accordo ora una versione del software AllerGenIO creata appositamente verrà prossimamente integrata all’interno degli SmartPOS di Nexi, i POS più evoluti sul mercato che facilitano e semplificano la gestione delle attività commerciali, migliorando l’esperienza di pagamento per esercenti e clienti e integrandola con servizi a valore aggiunto.

Nexi ha già iniziato a distribuire gli SmartPOS con l’obiettivo di evolvere digitalmente gli esercizi commerciali in Italia: la società, in partnership con le Banche, serve oltre 890.000 merchant distribuiti su tutto il territorio nazionale. L’obiettivo di AllerGenIO è raggiungere il massimo numero di attività food che disporanno dello SmartPOS di Nexi.

Attraverso lo SmartPOS Nexi il ristoratore avrà così la possibilità di certificarsi AllergenSafe™ effettuando il download dell’APPlicazione “IO” (gratuita per 30 gg.), che ha tutte le funzionalità di AllerGenIO e sarà in grado di sfruttare le potenzialità della versione “Business” a pagamento, al costo promozionale di €9,90/mese.

Un endorsement molto importante per la startup fiorentina, che proprio in queste settimane è impegnata in una campagna di equity crowdfunding sul portale Starsup (www.starsup.it) e ha un piano di sviluppo molto preciso in Italia e in Europa nei prossimi 24 mesi.

Abbiamo investito tanto tempo e ingenti risorse economiche – spiega Andrea Casadio, CEO di AllerGenIO – per la validazione del nostro metodo operativo e della nostra piattaforma. La partnership con Nexi è l’ennesima riprova della bontà del lavoro fatto e ci dà ulteriore credibilità nei confronti di chi sta investendo e investirà su di noi”.

 

A Viareggio e Fontanellato il tour gastronomico di Merenda Italiana: spettacoli, musica e tanto buon cibo da tutta Italia

Arriva ‘Un Mare di Gusto’: a Viareggio 3 giorni di spettacoli, musica e buon cibo da tutta Italia

Lucca, 9 aprile 2019 – Si terrà a Viareggio (Lucca) ‘Un Mare di Gusto‘ Merenda Italiana, il 20, 21 e 22 aprile prossimi in Piazza M. D’Azeglio, sul lungomare di Viareggio.

Tema delle animazioni saranno “I Pirati dei Caraibi” con 3 giorni di spettacoli, agorà, musica e ottimi cibi selezionati.

Castle Street Food – Merenda Italiana è un format di eventi nato nel 2015 dalla Tesi di Laurea in Scienze Gastronomiche di Gianluca Capedri. Giunto ormai al quinto anno il format si è evoluto, dando vita ad un festival unico nel panorama italiano, in cui la cultura dei migliori cibi di strada si unisce a location storiche meritevoli di essere valorizzate, contribuendo a far nascere concrete azioni di turismo.

La tappa inaugurale che darà via al “Tour 2019” si presenterà a Viareggio durante il lungo ponte pasquale del 20, 21 e 22 aprile, con 3 giorni nella bella location di Piazza D’Azeglio, sul lungomare, meta di migliaia di persone dalla primavera all’estate, capace di attirare un turismo di qualità che mira alla sostenibilità.

AGORÀ, ANIMAZIONI & SPETTACOLI

Per festeggiare l’edizione inaugurale del Festival, con la collaborazione dell’Amministrazione comunale e dell’associazione Italì, verrà proposto un ricco programma di agorà con interviste esclusive ai tanti interpreti e protagonisti della storia viareggina, invitati all’evento: un’occasione di condivisione delle peculiarità di questa splendida città che ha tanto da raccontare oltre al famosissimo Carnevale.

Ma non ci saranno solo le agorà, con ampio spazio dedicato al divertimento con laboratori e animazioni fantasy con tema ”i Pirati dei Caraibi”.

Famiglie e bambini troveranno un vero galeone dei pirati e il villaggio con la ciurma di pirati, e si assisterà a battaglie, duelli e spettacoli capitanati dal coraggioso Jack Sparrow, da sabato fino a Pasquetta.

Un’esperienza irripetibile, da vivere in famiglia e con gli amici, con attività gratuite curate da attori professionisti.

CIBI DI STRADA & FOOD TRUCK

Nella piazza si svilupperà il percorso gastronomico con più di 20 food truck selezionati per design e estrema qualità del cibo proposto. Saranno diverse le novità gastronomiche proposte dai camioncini più colorati d’Italia e il pubblico potrà assaporare specialità tipiche delle regioni italiane da nord a sud, dal salato al dolce, dalle birre premiate artigianali ai vini e alle bevande selezionate.

Giusto per anticipare qualcosa si potranno degustare hamburger di cinghiale toscano, panino con spalla di cinta senese, lampredotto, gnocco fritto con salumi emiliani, arrosticini, supplì e fritti, olive ascolane, pesce fritto, cannoli siciliani…

MUSICA & LIVE BAND

Ogni sera musica live e cover band intratteranno il pubblico per il gusto di stare insieme, cantando e ballando con la piacevole esperienza di sorseggiare drink da un cocktail bar su ruote e birre artigianali prodotte per l’occasione.

GIORNI & ORARI

Da sabato 20 a lunedì 22 aprile, tutti i giorni dalle ore 11:00 alle 24:00

Per tutte le informazioni e aggionramenti visitare il sito internet www.merendaitaliana.it e la pagina Facebook www.facebook.com/CastleStreetFood. Attivo anche il numero WhatsApp 371 3142776.

 

 

Arriva a Viareggio ‘Un Mare di Gusto’: 3 giorni di spettacoli, musica e buon cibo da tutta Italia

Arriva a Viareggio ‘Un Mare di Gusto’: 3 giorni di spettacoli, musica e buon cibo da tutta Italia

 

 

 

 

 

A Fontanellato arriva il ‘Castle Street Food’:

4 giorni di animazioni, avventure, musica e cibi selezionati

 

Parma, 9 aprile 2019 – Si terrà al Castello di Fontanellato (Parma) il ‘Castle Street Food’, Merenda nei Castelli d’Italia, il 25, 26, 27 e 28 aprile prossimi. Tema delle animazioni sarà il “Villaggio Potteriano”, con 4 giorni di animazioni, avventure, musica e ottimi cibi selezionati.

Castle Street Food – Merenda Italiana è un format di eventi nato nel 2015 dalla Tesi di Laurea in Scienze Gastronomiche di Gianluca Capedri. Giunto ormai al quinto anno il format si è evoluto, dando vita ad un festival unico nel panorama italiano, in cui la cultura dei migliori cibi di strada si unisce a location storiche meritevoli di essere valorizzate, contribuendo a far nascere concrete azioni di turismo.

La tappa di quest’anno registrerà la 6a edizione a Fontanellato e coprirà il lungo ponte del 25 aprile. Saranno 4 giorni memorabili che animeranno il borgo famoso in tutta Italia per gli “assedi gastronomici” che ad ogni edizione accolgono migliaia di persone da ogni dove, per un turismo di qualità che mira alla sostenibilità.

ANIMAZIONI & SPETTACOLI CON INGRESSO GRATUITO

Per festeggiare la 6a edizione del Festival che ha fatto storia insieme alla collaborazione dell’associazione di promozione sociale Italì, verrà proposto il tema fantasy seguito da milioni di appassionati in tutto il mondo: il Villaggio Potteriano.

Intorno al Castello sarà allestito un villaggio dedicato al famoso maghetto, con la scuola di magia più famosa al mondo e i professori delle 4 casate. Ogni giorno il pubblico potrà vivere esperienze memorabili e uniche con avventure e sfide di magia in costume, tornei di Quidditch, duelli contro i mangiamorte e laboratori guidati dagli esperti professori… Un’esperienza irripetibile, da vivere in famiglia e con gli amici.

Attività GRATUITE curate da attori professionisti.

CIBI DI STRADA & FOOD TRUCK

Attorno alla Rocca si svilupperà il percorso gastronomico con più di 20 Food Truck selezionati per design e qualità del cibo proposto. Saranno diverse le novità gastronomiche proposte dai camioncini più colorati d’Italia, con il pubblico che potrà assaporare specialità tipiche delle regioni italiane da nord a sud, dal salato al dolce, dalle birre premiate artigianali ai vini e alle bevande selezionate.

Giusto per anticipare qualcosa ci saranno le bombette di Alberobello, panino con spalla di cinta senese, hamburger di Chianina, supplì all’amatriciana e cacio e pepe, olive ascolane, pesce fritto, arrosticini, cannoli siciliani, e così via.

MUSICA, LIVE BAND & ATTIVITÀ

Ogni sera musica live e cover band allieteranno il pubblico per il gusto di stare insieme, cantando e ballando con la piacevole esperienza di sorseggiare drink da un cocktail bar su ruote e birre artigianali prodotte per l’occasione.

E poi ancora giri in barca nel fossato, noleggio biciclette, pesca nel fossato ed estrazione di voli sopra il castello in ultraleggero.

GIORNI & ORARI

Da giovedì 25 a domenica 28 aprile, tutti i giorni dalle ore 11:00 alle 24:00

Per tutte le informazioni e aggionramenti visitare il sito internet www.merendaitaliana.it e la pagina Facebook www.facebook.com/CastleStreetFood. Attivo anche il numero WhatsApp 371 3142776.

 

A Fontanellato (Parma), arriva il ‘Castle Street Food’, Merenda nei Castelli d’Italia

 

A Fontanellato (Parma), arriva il ‘Castle Street Food’, Merenda nei Castelli d’Italia

 

“Le strade del cibo”, ritorna il Tour Eno-gastronomico di ‘Merenda Italiana’ in 6 città italiane

Arriva Merenda italiana con il tour 2019 “Le strade del cibo“: veri “assedi gastronomici” nei Borghi più belli d’Italia.

Milano, 27 marzo 2019 – Partirà da Viareggio e terminerà a Modena, dopo aver toccato ben 6 città italiane, e 3 diverse regioni,  “Le strade del cibo“, il tour eno-gastronomico organizzato da Merenda italiana, che porta in nei Borghi d’Italia festival alimentari ed eventi culturali, per promuovere il turismo e valorizzare l’italianità.

“Dove ci sono eccellenze lì c’è il Made in Italy, e dove c’è un patrimonio artistico lì curiamo eventi in cui la trasmissione di esperienza al pubblico è memorabile”, Gianluca Capedri, Direttore artistico dell’evento.

I tpur eno-gastronimici di Merenda Italiana sono unici in quanto basati su questi focus:

  • Gli Chef lavorano su camioncini di design.
  • Gli attori animano le giornate e coinvolgono il pubblico, soprattutto i bambini.
  • Le Agorà trasmetteono la cultura del cibo e presentare le realtà del territorio al turista.

In ogni evento vengono presentati food truck regionali selezionati dallo stesso Gianluca, laureato in Scienze Gastronomiche alla prestigiosa Università di Pollenzo-Bra (CN), che studia in prima persona il percorso gastronomico per rendere memorabili e riconoscibili gli eventi curati da Merenda Italiana.

Questo il calendario 2019 con le 6 tappe degli “assedi”, i temi delle animazioni gratuite e i dibattiti nelle Agorà, durante i vari fine settimana:

DOVE?

QUANDO?

TEMA ANIMAZIONE

AGORÀ

VIAREGGIO (LU)

20-21-22 aprile

Pasqua e Pasquetta

Pirati all’arrembaggio

La merenda italiana

FONTANELLATO (PR)

25-26-27-28 aprile
Ponte del 25

Villaggio potteriano

Italianità del cibo

FORMIGINE (MO)

17-18-19 maggio

Tema fantasy

Come si diventa Chef su ruote?

FERRARA

7-8-9 giugno

Tema medievale

In definizione…

BELLANO (LC)

28-29-30 giugno

Tema fantasy

In definizione…

MODENA

6-7-8 settembre

Tema fantasy

In definizione…

SPETTACOLI GRATUITI E AGORÀ

I festival di Merenda Italiana si distinguono per la gratuità delle animazioni a tema che coinvolgono il crescente pubblico partecipante e per le Agorà (incontri e dibattiti) in cui personalità del mondo gastronomico, ma anche di realtà territoriali, interagiscono con il pubblico creando momenti di discussione per trasmettere cultura.

CIBO DI STRADA su FOOD TRUCK

La carovana composta da Merenda Italiana con i camioncini più golosi d’Italia, si prefigge di creare un movimento gastronomico/culturale di qualità. Il pubblico è guidato ad assaporare sempre nuove specialità regionali da nord a sud, dal salato al dolce, dalle bibite italiane ai vini arrivando alle migliori birre artigianali.

 

SITO DELL’ORGANIZZAZIONE

https://www.merendaitaliana.it/

SOCIAL NETWORK

www.facebook.com/CastleStreetFood

www.instagram.com/castlestreetfood
https://twitter.com/CastleStFood

CHI È MERENDA ITALIANA

Il nome Merenda Italiana deriva dal titolo della Tesi di laurea che Gianluca Capedri ha presentato nel 2013 per il suo dottorato in Scienze Gastronomiche in cui ha studiato il cibo di strada come nuova opportunità imprenditoriale, oltreché generatore di nuovo turismo nelle località italiane che vogliono presentarsi in modo innovativo e attrattivo.

La tappa che ha fatto la storia in Italia si è svolta al Castello di Fontanellato (Parma) nei giorni in cui si apriva EXPO2015Milano – 30 food truck tra cui alcuni giunti dall’Europa e Chef Rubio che ha presentato la sua versione di “Merenda italiana” in un affollatissimo Agorà. Durante la tre giorni sono state registrate 40 mila presenze.

Da lì è iniziata un’avventura imprenditoriale per molti operatori: gli attuali Food Truck italiani, e sempre da quegli eventi storici si è affermato il modello attuale dei festival curati da Merenda Italiana.

Un’organizzazione con tutte le referenze necessarie per interfacciarsi con i privati, con le realtà territoriali e con le Pubbliche Amministrazioni, con eventi sono 100% autoprodotti.

Dal 2018 Merenda Italiana si associa a ITALÌ, associazione culturale e di promozione sociale che promuove, organizza e gestisce attività di turismo culturale e sociale, svelando le bellezze e i tesori del nostro Bel Paese condividendo proposte che lasciano il pubblico sorpreso e incantato.

ITA-LÌ dove c’è l’Italia migliore, che fa incontrare le persone con azioni di turismo partecipato e sostenibile. Ad ITALÌ abbiamo affidato la proposta culturale nelle Agorà.

 

 

ITALÌ si occupa delle Agorà per trasmettere la cultura dell’italianità durante i festival

 

 

MERENDA ITALIANA COLLABORA CON ASSOCIAZIONE ITALÌ

Chi è ITALÌ  

Italì è un’Associazione Culturale che si propone di promuovere, organizzare e gestire attività di turismo culturale e sociale, consapevole e sostenibile, svelando le bellezze e i tesori del nostro paese, condividendo proposte, viaggi ed esperienze che sappiano arricchire lo spirito e il bagaglio culturale di chi li vive e rendere protagoniste le località e le imprese che li ospitano.

I Fondatori

I fondatori di Italì sono liberi professionisti e imprenditori esperti in diversi settori tra cui la comunicazione, le pubbliche relazioni, la gestione di eventi e la valorizzazione del patrimonio artistico. Vogliamo, quindi, mettere a disposizione della comunità le nostre esperienze per dare vita a momenti aggregativi di alto spessore su tutto il territorio nazionale.

Di cosa si occupa

Ci occupiamo della progettazione completa – chiavi in mano – di eventi che hanno finalità culturali, associative e promozionali. Grazie all’attenzione che rivolgiamo alla singola realtà che incontriamo e alle collaborazioni che attiviamo con Enti e Associazioni locali, la nostra proposta è sempre diversa ed eterogenea e coinvolge ampie tipologie di pubblico in modo attrattivo e innovativo: laboratori didattici, giochi, spettacoli e musica, accanto a momenti di approfondimento e agorà tematiche.

Quali sono le finalità

Le finalità della nostra Associazione sono la valorizzazione dei borghi, delle piazze e dei centri storici delle più caratteristiche città italiane, la promozione della cultura del Made in Italy attraverso l’educazione alla bellezza e l’incremento del turismo consapevole e sostenibile. Per raggiungere i nostri obiettivi statutari ci proponiamo principalmente di:

  • realizzare iniziative e progetti volti alla promozione e valorizzazione del patrimonio italiano;
  • sviluppare nuovi linguaggi e modalità di promozione e comunicazione;
  • promuovere attività di turismo sociale e culturale;
  • sensibilizzare tutti coloro che hanno interesse allo sviluppo del flusso turistico;
  • offrire sul mercato turistico un’immagine omogenea da proporre in particolar modo a famiglie e ai giovani;
  • promuovere in maniera mirata le tradizioni, collaborando con altre associazioni;
  • collaborare con tutti quelli che operano per la promozione e la valorizzazione del patrimonio paesaggistico;
  • realizzare concretamente opportunità per azioni di marketing turistico e territoriale;
  • dare ai turisti la possibilità di vivere esperienze pregnanti e mirabili.

Materiale informativo:

Garantire la più ampia partecipazione di pubblico alle attività è l’obiettivo primario che, come Associazione, ci proponiamo di raggiungere. Per questo motivo, mireremo sempre alla gratuità delle iniziative che proponiamo. Sarà tutto documentato su materiale informativo cartaceo (manifesti, banner e volantini) da distribuire sul territorio limitrofo, oltre che alla produzione di materiale audio e video da condividere sui principali media (TV e radio).

  Agorà tematiche:

Italì crede nel valore della condivisione delle esperienze. Per questo motivo promoviamo degli incontri (Agorà) per presentare al pubblico nuovi contenuti. Cosa sono le Agorà? Si tratta di speech in piazza, con possibilità di moderazione da parte di giornalisti o esperti del settore, gratuiti, brevi e sicuramente informali, rivolti al pubblico. Sarà un’occasione in cui potranno essere presentate: esperienze personali e professionali curiose, realtà associative, musei, libri e riviste, luoghi d’arte, siti d’interesse, prodotti enogastronomici, ricerche e approfondimenti, corsi di formazione e molto altro…

Relazioni di valore ed esperienze pregnanti:

Come associazione ci proponiamo di contribuire ad instaurare relazioni di valore tra i bei comuni di tutto il nostro Bel Paese.

 

 

 

 

###

 

CONTATTI DIRETTI

Gianluca Capedri – Direttore artistico laureato UNISG in Scienze Gastronomiche

Gianluca Capedri direttore artistico m. 02 33101240 gianluca@giroidea.it

Giuliano Capedri ufficio stampa m. 335 6114863 ufficiostampa@giroidea.it

CARTELLA STAMPA PER I GIORNALISTI

https://www.merendaitaliana.it/cartella-stampa/

L’importanza del copywriting per la redazione di comunicati stampa efficaci

Nell’attuale mondo della comunicazione, dove siamo letteralmente sommersi da contenuti provenenti dalle più varie fonti (cartaceo, tv, radio, web) l’attività di copywriting risulta fondamentale nella redazione di comunicati stampa che possano essere poi divulgati dai vari mezzi di informazione.

Il copywriting è l’attività propria del copywriter, ovvero la scrittura del testo dei comunicati stampa. Il fondamento di questa attività è che chi leggerà il pezzo sia coinvolto in una qualche maniera dalla notizia che stiamo esponendo. Pertanto è buona norma considerare che chi leggerà il comunicato che si vuole sia divulgato sarà un giornalista professionista, che ricerca in maniera analitica all’interno dei comunicati stampa i parametri fondamentali che possano rendere la notizia che si desidera sia divulgata appetibile o meno.

Dunque una efficace azione di copywriting farà in modo di impressionare positivamente i giornalisti utilizzando uno stile snello che metta in immediata evidenza il fatto che si intende esporre. Ciò farà guadagnare tempo al giornalista (che normalmente legge decine di comunicati stampa al giorno) e contestualmente gli farà apprezzare l’attività del copywriter. Quest’ultimo aspetto (qualora l’attività di redazione di comunicati stampa sia costante) potrebbe essere importante per il copywriter stesso, che potrebbe essere considerato come fonte attendibile e fornitrice di contenuti rilevanti, e dunque con una reputazione che gli consentirebbe di poter far “passare” più facilmente i suoi comunicati stampa.

L’elemento basilare per rendere i comunicati stampa efficaci è la corretta esposizione della notizia in maniera che essa possa risultare chiaramente appetibile al giornalista. E sebbene si faccia un gran parlare di tecniche di comunicazione 2.0 la regola della comunicazione delle vecchie 5W (chi-cosa-dove-quando-perché)  risulta in ogni caso essere quella più efficace anche oggi.

Una corretta attività di copywriting perciò deve mirare a produrre comunicati stampa chiari, accurati e brevi.

Chiari: i titoli debbono poter illustrare in maniera esaustiva i contenuti dei comunicati, focalizzandosi al massimo su uno o due elementi. Inoltre dove fin dalle nelle prime del testo vi saranno poste le indicazioni sulle notizie che si intendono divulgare.
Accurati: debbono avere bene in chiaro sulla parte iniziale del  foglio l’indicazione Comunicato Stampa al fine di evitare che vengano considerati come delle comunicazioni di altra natura. Inoltre i comunicati stampa debbono poter riportare bene in chiaro la data del comunicato stesso.
Brevi: generalmente oggi i comunicati stampa superano di rado la lunghezza di una pagina scritta con un carattere di media grandezza (es font 12).

In questa modo il copywriting sarà svolto con successo ed i comunicati stampa avranno eccellenti possibilità di essere divulgati.

Exit mobile version