È boom di visitatori per Cremona Musica 2018

Termina con un grande successo la terza, con un aumento dei visitatori rispetto allo scorso anno, l’ultima giornata di Cremona Musica, che si conferma come un punto d’incontro unico del mercato, ancora in crescita, degli strumenti musicali. Nell’ultima giornata consegnati altri tre Cremona Musica Awards.

Cremona, 1 ottobre 2018 – Cala il sipario sull’edizione 2018 di Cremona Musica, la più importante fiera al mondo per gli strumenti musicali d’alto artigianato, che ha fatto registrare un aumento di visitatori rispetto allo scorso anno. Nei giorni di fiera i corridoi dei padiglioni sono stati percorsi da diverse migliaia di visitatori, provenienti da tutto il mondo, accorsi per conoscere il meglio della liuteria cremonese e internazionale.

La fiera cremonese si conferma così un pilastro per il mercato degli strumenti musicali, un mercato in crescita, come testimoniano i dati dell’Osservatorio 2018, il report presentato in anteprima oggi proprio a Cremona Musica, e realizzato da Dismamusica in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano e la Camera di Commercio di Cremona.

Lo scopo di Cremona Musica è non solo quello di celebrare la grande tradizione musicale della città, ma soprattutto quello di creare un punto d’incontro per tutto il mondo di appassionati e addetti ai lavori, dai musicisti ai media, dai produttori di strumenti ai buyer, dagli istituti di alta formazione agli studenti.

Così si creano opportunità di sviluppo e si aiuta a crescere un settore che non solo rappresenta un pezzo fondamentale del nostro patrimonio culturale e artistico, ma che produce anche un fatturato di oltre mezzo miliardo di euro solo in Italia. Anche da questo punto di vista Cremona Musica ha ampiamente realizzato la propria missione.

L’edizione 2018 ha visto fra le sue novità più apprezzate anche la nuova disposizione delle aree espositive: Piano Experience è stato riorganizzato dedicando ad ogni produttore una sala indipendente, in modo da garantire una migliore qualità dell’ascolto. In questo modo è stato possibile accogliere più comodamente gli espositori e gli eventi di Mondomusica (archi), Cremona Winds (fiati), Acoustic Guitar Show (chitarre), e Accordion Show, il nuovo spazio dedicato alle fisarmoniche, che quest’anno ha portato a Cremona i migliori strumenti dei musei di Castelfidardo e Stradella, centri di eccellenza a livello internazionale, affermandosi come punto di riferimento fieristico del settore.

Nell’ultima giornata di Cremona Musica si sono tenute le ultime premiazioni dei Cremona Musica Awards, con il liutaio di chitarre tedesco Hermann Hauser III che la mattina ha ricevuto il riconoscimento nella categoria “liuteria”, mentre in chiusura della fiera sono stati premiati Giya Kancheli, nella categoria composizione, e Valery Gergiev, nella categoria performance – direzione d’orchestra.

Il direttore d’orchestra russo, che non è riuscito ad essere presente a causa di un problema dell’ultima ora, ha salutato il pubblico in sala con un video-messaggio in cui ringrazia l’organizzazione e promette che verrà presto ad esibirsi a Cremona.

Alessandro Stella e George Vatchnadze hanno omaggiato l’opera di Kancheli suonando otto delle sue “Miniature” per pianoforte solo.

Il compositore georgiano ha poi ringraziato il pubblico e ha raccontato un aneddoto della sua vita, legato all’Italia e alla sua tradizione musicale: “Ricordo che 25-30 anni fa incontrai a Tbilisi lo sceneggiatore Tonino Guerra, e gli consegnai i vinili della mia quarta e quinta Sinfonia e gli chiesi di bruciarli e spargerne le ceneri sulla tomba di Nino Rota. Sono felice di essere in questo paese incredibile e in una città così straordinaria”.

Come nei primi due giorni di fiera, anche oggi Cremona Musica ha ospitato numerosi eventi dal vivo, come i recital dei pianisti Vovka Ashkenazy, Giovanni Bellucci, Vanessa Benelli Mosell, Louis Lortie, Alvaro Siviero, George Vatchnadze e del The Pianos Trio. Molti anche i concerti dedicati al mondo dei fiati, con il cornista Nilo Caracristi, il clarinettista Piero Vincenti e il flautista Francesco Loi, oltre alla seconda giornata della rassegna bandistica, novità di questa edizione.

Il giardino di Cremona Musica è stato animato da Corde & Voci d’Autore, una rassegna per cantautori-chitarristi che ha visto durante la mattinata alternarsi sul palco alcuni dei più promettenti artisti emergenti, mentre nel pomeriggio sono stati protagonisti musicisti affermati del calibro di Mirkoeilcane, Andrea Rivera, Luigi “Grechi” De Gregori, Marco Pandolfi e Andrea Tarquini. Molta musica dal vivo anche nell’Accordion Show, dove Riccardo Tesi si è esibito all’organetto durante la presentazione della biografia a lui dedicata, dal titolo “Una vita a bottoni”.

L’edizione 2018 di Cremona Musica ha accolto 320 espositori da tutto il mondo (il 52% dall’estero), che hanno riempito i padiglioni con oltre 5000 prodotti, e più di 160 eventi che si sono svolti nei tre giorni che hanno portato a Cremona circa 400 artisti.

 

 

Alcune foto dell’edizione 2018 sono scaricabili dal seguente link: https://drive.google.com/open?id=1-bR2iwaS6tvgG32oTr4_Rh_p8wxEeNeq

 

###

 

Per ulteriori informazioni:

Francesco Cianfanelli

Addetto stampa Cremona Musica International Exhibitions and Festival

+39 3287698779

cianfanelli.cremona@gmail.com

Musica: la pianista italiana Olivia Belli sbanca Spotify con 4 milioni di streaming

Roma, 1 ottobre 2018 – Ha raccolto oltre 4 milioni di streaming su Spotify, ed è la più promettente pianista italiana del momento. Lei si chiama Olivia Belli, è una pianista e compositrice, ed è il nuovo fenomeno della musica italiana che pubblica brani con regolarità fin dal 2016.

Negli ultimi due anni le tracks di Olivia sono state scelte per le playlist ufficiali di Starbucks, Spotify e Digster e altre sono state trasmesse da importanti emittenti radio di tutto il mondo, tra cui Classic FM (UK), Radio France e Cincinnati FM.

E’ apparsa su Odeon TV e Sky Boutique e i suoi lavori sono stati recensiti tra gli altri da Piano and Coffee, YesnoMusic, Withguitars e Velvmagazine.

Ora Olivia sta per surclassare i risultati finora raggiunti ed a compimento del suo percorso ha composto un nuovo album, “Where Night Never Comes”, che uscirà il 19 ottobre prossimo, ultimo di una lunga serie di acclamate registrazioni.

I fan di artisti quali Ludovico Einaudi, Joep Beving e Max Richter potranno apprezzare lo stile neoclassico delle 16 piano songs originali che compongono “Where Night Never Comes”.

Dice lei stessa dell’album:

“Where Night Never Comes è un luogo della memoria. Parla della mia vita, delle mie passioni, dei miei interessi; racconta dei miei luoghi e dei miei cari. E’ la colonna sonora della mia quotidianità: una collezione di piccole e grandi cose che mi hanno emozionato e lasciato una traccia in me. Tutte insieme simboleggiano il mio giorno ideale. Un giorno che tutti noi a volte viviamo, un giorno che vorremmo non finisse mai”.

Olivia Belli infonde in quest’album, come in tutta la sua musica, uno speciale senso di femminilità, toccando le corde più intime e segrete dell’emozione, aspirando a tradurre in musica l’unicità del mondo femminile.

E a guardare i risultati precedenti “Where Night Never Comes” farà parlare sicuramente di sé, almeno quanto le precedenti pubblicazioni.

Olivia comincerà quindi un tour in Italia, nelle Marche, per le prime date dei concerti del “Where Night Never Comes” Autumn Tour, a partire da ottobre/novembre 2018.

Coloro che vogliono essere sedotti dal mondo di Olivia e desiderano recensire “Where Night Never Comes”, usare le sue tracce nel loro sito, podcast, show o intervistarla, contattarla tramite il sito internet www.oliviabelli.com, la mail management@oliviabelli.com o tramite i suoi social: via Facebook all’indirizzo www.facebook.com/oliviabelliofficial, via Twitter all’ndirizzo www.twitter.com/belli_olivia o via Instagram all’indirizzo www.instagram.com/oliviabelliofficial.

 

About

Olivia Belli è una pianista-compositrice che ha già ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui oltre 4 milioni di streaming su Spotify. Un numero che dall’ ottobre 2018, data d’uscita di “Where Night Never Comes”, è destinato a salire. Per saperne di più visitare il sito internet www.oliviabelli.com.

 

 

 

 

###

 

Contatti stampa:

Olivia Belli 0039-3457088745

management@oliviabelli.com

 

Links:

Official Site: ?http://www.oliviabelli.com/

YouTube: ?

Spotify: ?https://open.spotify.com/artist/3JU9NLB27wyGhbwbApR9uy

 

 

 

 

A Cremona Musica ritorna la Media Lounge: scambi di idee e spunti tra i professionisti della divulgazione

Cremona, 28 settembre 2018 – Dopo il successo dello scorso anno, anche la nuova edizione di Cremona Musica, che parte il 28 settembre, ospiterà la Media Lounge, ovvero un pool di 40 giornalisti provenienti da tutto il mondo che non solo racconteranno ciò che succede nei tre giorni di fiera, ma saranno anche fra i protagonisti, partecipando a diverse attività.

Cremona Musica è la più grande fiera al mondo per gli strumenti musicali d’alto artigianato, e fra il 28 e il 30 settembre radunerà nella città di Stradivari 320 espositori da tutto il mondo (52% esteri), per oltre 5.000 strumenti in mostra. A questo si aggiunge un ricchissimo calendario di eventi, con oltre 160 appuntamenti e 400 artisti coinvolti.

L’obiettivo della Media Lounge, ideata dal musicista e produttore sudafricano Andreas Kern, è di condividere idee e spunti di riflessione tra professionisti della divulgazione musicale provenienti da diversi paesi e operanti in diversi settori (carta stampata, radio, TV, web) al fine di sviluppare nuove collaborazioni e progetti.

L’evoluzione del giornalismo musicale e dei suoi format e le nuove sfide che deve affrontare chi oggi è chiamato a comunicare la musica classica sono solo alcuni dei tanti temi che animeranno la Media Lounge.

Tutti i membri avranno la loro base nella nuova sala “Media Lounge” una sala conferenze isolata acusticamente con circa 80 posti, sita all’interno del Padiglione 2.

La sala Media Lounge ospiterà anche i due incontri pubblici dei membri della Media Lounge, in programma venerdì 28 settembre e sabato 29 settembre alle ore 10:

Media Lounge Meeting 1: “Nuovi formati, nuovi media”

Venerdì 28 dalle 10 alle 11.15, Media Lounge.

Media Lounge Meeting 2: “Global Association of Media Music Professionals”

Sabato 29, dalle 10 alle 11, Media Lounge

Sempre presso la sala “Media Lounge” avranno anche luogo varie presentazioni di libri e progetti musicali, il cui programma completo è disponibile al link: 

http://events.cremonamusica.com/events/?space=109

Tavole Rotonde

Quest’anno presso la sala Media Lounge avranno luogo anche due tavole rotonde dedicate alla produzione e divulgazione musicale:

– “Fundraising and Audience building”, sabato 29 settembre alle 15: 

http://events.cremonamusica.com/events/?event=13 

– “Classical Radio Meeting”, domenica 30 settembre alle 10: 

http://events.cremonamusica.com/events/?event=12

Tutti gli eventi che avranno luogo nella sala Media Lounge saranno trasmessi in diretta video Facebook sulla pagina Facebook di Cremona Musica.

 

I MEMBRI DELLA MEDIA LOUNGE 2018

Andreas Kern, pianist, media operator, Media Lounge conceiver

Serhan Bali, Andante Magazine (Turkey) Chief Editor

Roman Berchenko, Orpheus Radio, Moscow

Karsten Beatsy, The Strad

Edward Blakeman, BBC 3

Federico Capitoni, La Repubblica

Sandro Cappelletto, La Stampa

Paola Carruba Radio Rai, special projects and marketing

Nicola Cattò, Musica, Direttore

Luca Ciammarughi, Radio Classica

Giulio Cinelli, Pianosolo.it

Martin Hoffmeister MDR Radio Leipzig

Christoph Hiller, Bayerisches Rundfunk

Geoffrey John Davis, the violin channel

Luca Iavarone, Fanpage

Stuart Isacoff, Wall Street Journal – Musical America

Christian Lloyd, The Strad, Chief Editor

Evgenia Krivitskaia, Musical Life (Russia), Chief Editor

Aleksander Laskowski, Polish Radio

Massimo Lombardi, Venice Cassic Radio

Valentina Lo Surdo, RAI – Radio3

Luca Lucibello, Archi Magazine

Gianluigi Mattietti, Classic Voice

Duilio Meucci, Suonare News

Filippo Michelangeli, Suonare News, Direttore

Lorenzo Papacci, Quinte Parallele

Paola Parri, pianosolo.it

Andreas Pehl, WDR Radio – Köln

Cécile Prakken, BRAVA – Stingray TV representative

Serena Roberti, Silhouette – La Freccia

Justo Romero, Revista Scherzo

Christian Salerno, pianosolo.it

Gaetano Santangelo, Amadeus, Direttore

Tohru Sase Sarasate (Chief editor)

Erich Schoones, Pianist magazine (Chief editor)

John Thomas, FretBoard journal

Alessandro Tommasi, Amadeus

Matti Tuomisto, Rondo magazine

Robert Turnball, International Piano

David Wärn, Pianostreet.com

 

Per maggiori informazioni è a disposizione il sito internet www.cremonamusica.com.

 

###

 

Contatti stampa:

Francesco Cianfanelli, addetto stampa Cremona Musica International Exhibitions and Festival

cianfanelli.cremona@gmail.com

www.cremonamusica.com

 

Parte Cremona Musica: eventi, performance e anteprime per la più grande kermesse al mondo sugli strumenti musicali

Cremona, 26 settembre 2018 – Dal 28 al 30 settembre torna Cremona Musica, la più grande fiera al mondo per gli strumenti musicali d’alta qualità, che ogni anno concilia una ricchissima area espositiva con molti eventi dal vivo, portando nella città di Stradivari i migliori produttori di strumenti al mondo e artisti di fama internazionale.

Fra le novità del 2018 spicca l’inaugurazione di un nuovo salone, l’Accordion Show, dedicato alle fisarmoniche, eccellenza dell’artigianato musicale italiano. L’Accordion Show si aggiunge ai 4 saloni che negli ultimi anni hanno caratterizzato la fiera: Mondomusica (archi), Piano Experience (pianoforti acustici), Cremona Winds (fiati) e l’Acoustic Guitar Village (chitarre). Quest’anno inoltre una parte della fiera sarà dedica anche alle performing arts, accogliendo istituzioni come scuole, teatri, etichette discogragiche ed editori.

Nel 2018 Cremona Musica conferma la volontà di puntare su un ricco calendario di eventi, con concerti, masterclass, conferenze, workshop e mostre che rendono Cremona Musica non solo un appuntamento per gli addetti ai lavori, ma un grande festival della musica pensato per tutti, dai musicisti professionisti agli amatori, dai trader ai semplici appassionati. Il tutto conservando la propria vastissima area espositiva, che anche quest’anno ospita 320 produttori provenienti da tutto il mondo.

Fra i protagonisti più attesi c’è senza dubbio Maxim Vengerov, violinista, violista e direttore d’orchestra considerato fra i più grandi musicisti viventi, protagonista di una masterclass per due promettenti violiniste italiane. Si esibiranno a Mondomusica anche Marat Bisengaliev, che presenterà due innovative soluzioni tecnologiche per musicisti, Yulia Berinskaya, Luca Fanfoni, Rodrigo D’Erasmo e Brad Repp (Duo Baldo), I Musici di Parma, Galimathias e l’Orchestra d’archi dell’Associazione musicale e culturale di Farra d’Isonzo. Il 29 settembre si terrà inoltre una serie di eventi dedicati all’Istituto Monteverdi, con protagonisti i docenti e gli studenti del conservatorio cremonese.

Tanta musica dal vivo anche a Piano Experience, dove i maggiori brand del settore ospiteranno nelle proprie sale decine di pianisti di fama internazionale, come Leonora Armellini, Vovka Ashkenazy, Gile Bae, Sandro Ivo Bartoli, Giovanni Bellucci, Vanessa Benelli Mosell, Boris Berman, Costantino Catena, Fernanda Damiano, Roberta Di Mario, Filippo Gamba, Massimiliano Genot, Louis Lortie, Jura Margulis, Alberto Nosè, Luca Rasca, Riccardo Risaliti, Alvaro Siviero, Gaia Sokoli, The Pianos Trio, Axel Trolese, Mariangela Vacatello, George Vatchnadze e Irene Veneziano.

Arricchisce il programma lo Yamaha Silent Wifi Concert, il suggestivo concerto in Piazza del Comune per piano e violino con sistema silent, udibili solo con le apposite cuffie (suonano Andrea Vizzini e Isabel Gallego). Fra gli appuntamenti più attesi in fiera anche la mostra Italian Piano Experience, con strumenti a tastiera storici, e Mysterium, esibizione multisensoriale con musica, luci e profumi a cura di Antonio Artese.

Cremona Winds propone eventi speciali dedicati alle SMIM, le scuole medie ad indirizzo musicale, e le bande, una realtà importante della tradizione musicale italiana.

Il 28 settembre sarà infatti lo SMIM day, con seminari e masterclass pensati per i docenti e gli studenti.

Il 29 e il 30 settembre i riflettori saranno invece puntati sul Band Stage, con dodici delle migliori bande musicali che si esibiranno dal vivo. Non mancheranno di consueto i grandi ospiti italiani e internazionali, protagonisti tutti sia di concerti che di masterclass. Sono attesi infatti i clarinettisti Milan Rericha e Piero Vincenti, i flautisti Adriana Ferreira, Jean-Claude Gérard, Francesco Loi e Raffaele Trevisani (insieme alla pianista Paola Girardi), e il cornista Nilo Caracristi.

L’Acoustic Guitar Village ospiterà il sesto Italian Bluegrass Meeting, con oltre 70 musicisti coinvolti e l’americano John Jorgenson come special guest (e protagonista anche delle masterclass, insieme a Micky Piperno, Clive Carroll, Bryan Galloup e Charles Fox). La musica dal vivo sarà protagonista anche in Corde & Voci d’autore, rassegna dedicata ai chitarristi-cantautori, che il 30 settembre porterà sul palco la mattina una selezione artisti emergenti e nel pomeriggio nomi affermati del panorama italiano, come la rivelazione del Festival di Sanremo Mirkoeilcane, Luigi “Grechi” De Gregori, Andrea Rivera, Marco Pandolfi e Andrea Tanquini Trio. Fra gli eventi speciali anche una serie di appuntamenti per omaggiare la storica ditta tedesca di liuteria chitarristica Hauser, con conferenze, mostre e concerti dal vivo. Il 29 sera, inoltre, il virtuoso giapponese Kazuhito Yamashita si esibirà al museo civico in un omaggio a Castelnuovo-Tedesco.

L’Accordion Show esordisce con mostre dedicate agli strumenti provenienti dai due principali poli italiani e mondiale di questo strumento: Stradella e Castelfidardo. Il programma prevede inoltre conferenze, presentazioni di libri, masterclass e concerti, con Gianluca Campi, Tiziano Chiapelli, Duo Encuentro, Alessandro Fortarel, Gaetano Galbato, Francesca Gallo, Walter Losi, Mauro Manicardi, Claudio Mattioli, Lorenzo Munari, Roberto Rossi, Riccardo Tesi e Luca Zanetti.

Nomi di eccellenza anche quelli che quest’anno ritireranno il Cremona Musica Award, riconoscimento internazionale istituito nel 2014 e che negli anni ha premiato vere leggende della musica. Nel 2018 ritireranno il premio durante Cremona Musica Valery Gergiev (Categoria esecuzione – direzione d’orchesta), Maxim Vengerov (Categoria esecuzione – archi), Giya Kancheli (Categoria composizione), Hermann Hauser III (Categoria liuteria), Alessandro Baricco (Categoria comunicazione), e il Kuhmo Chamber Music Festival (Categoria progetto).

Durante i tre giorni la fiera ospiterà inoltre presentazioni di libri, con ospiti fra gli altri, Boris Berman, Sandro Cappelletto, Syusy Blady, Danilo Rossi e Mario Brunello, conferenze e workshop, compreso l’appuntamento fisso con il Digital Space e le ultime tecnologie informatiche legate alla musica.

La fiera sarà preceduta da un concerto al Museo del Violino, il 27 settembre, organizzato in collaborazione con Czech Trade, con Alvaro Siviero, Edoardo Catemario e Marat Bisengaliev che si esibiranno con strumenti dei più importanti produttori della Repubblica Ceca.

Un programma ricco, che conferma la vocazione di Cremona Musica ad essere non solo un appuntamento fieristico senza uguali nel mondo, ma un vero punto di riferimento per tutti gli amanti della musica: a Cremona Musica la musica si ascolta, si tocca, si legge, e si vive.

 

Cremona Musica in numeri:

Espositori:                                   320
Provenienti dall’estero:              52%
Prodotti in esposizione:            oltre 5000
Eventi:                                         oltre 160
Artisti coinvolti:                          400

 

###

Press Office, Cremona Musica International Exhibitions and Festival

Francesco Cianfanelli

tel.:+39 328 7698779

cianfanelli.cremona@gmail.com

www.cremomamusica.com

CremonaFiere SPA

Piazza Zelioli Lanzini, 1

29100 Cremona

Italy

 

Foto di Cremona Musica, da utilizzare solo a corredo della presente notizia:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Cremona Musica arriva l’Acoustic Guitar Village, il più grande evento italiano dedicato alle chitarre

Mirkoeilcane, John Jorgenson, Clive Carroll e Kazuhito Yamashita sono solo alcuni dei nomi che animeranno la nuova edizione dell’Acoustic Guitar Village, il più grande evento italiano dedicato alla chitarra acustica, classica e moderna, che per il terzo anno si svolge all’interno di Cremona Musica. Dal 28 al 30 settembre la fiera cremonese ospiterà concerti, concorsi, mostre e master class dedicati alle sei corde, oltre alla consueta esposizione dei maggiori liutai chitarristici italiani e internazionali.

Cremona, 20 settembre 2018 – Tanta musica dal vivo ed eventi speciali gli ingredienti dell’Acoustic Guitar Village, il più importante appuntamento in Italia per gli amanti della chitarra acustica, classica e moderna, che si svolge anche quest’anno all’interno di Cremona Musica, la più grande fiera al mondo per gli strumenti d’alto artigianato. Fra il 28 e il 30 settembre la Fiera di Cremona ospiterà i più importanti costruttori italiani e mondiali di chitarre, oltre che decine di chitarristi giunti nella “Music Valley” per tenere concerti, conferenze e masterclass.

Mirkoeilcane, artista rivelazione dell’ultimo Festival di Sanremo, suonerà in concerto durante Corde&Voci d’Autore (domenica 30 settembre), la rassegna dedicata ai chitarristi-cantautori, quest’anno dedicata a Stefano Rosso, scomparso dieci anni fa. Completano il programma Andrea Tarquini, due volte finalista alle Targhe Tenco, Luigi “Grechi” De Gregori, fratello del più noto Francesco, e Andrea Rivera, stimato autore dall’umorismo tipicamente romano. I concerti saranno preceduti la mattina da una rassegna di artisti emergenti, con Carlo Valente, Chiara Effe, Manuela Pellegatta, Stefano Marelli, Chiara Ragnini, Veronica Marchi, e due special guest: Teresa Plantamura e Lorenzo Marianelli. Sempre ai talenti emergenti è dedicato il concorso “New Sounds of Acoustic Music”, la mattina di venerdì 28.

Non poteva mancare la sesta edizione dell’Italian Bluegrass Meeting, un appuntamento unico per gli amanti di un genere musicale che subito rimanda agli sconfinati prati del Kentucky, che subisce l’influenza delle tradizioni musicali degli immigrati scozzesi, irlandesi e inglesi: sabato 29 settembre sedici band e molti solisti, per un totale di più di 70 musicisti daranno vita ad uno spettacolo unico nel suo genere, insieme allo special guest di questa edizione, il chitarrista-mandolinista americano John Jorgenson.

Jorgenson sarà anche fra i protagonisti, insieme a Clive Carroll e Micky Piperno, delle master class didattiche, mentre Bryan Galloup e Charles Fox, saliranno in cattedra per le master class di liuteria chitarristica.

Una serie di eventi speciali omaggerà gli storici costruttori di chitarre Hauser, con Hermann Hauser III sarà anche premiato con il Cremona Musica Award. I visitatori potranno immergersi nel mondo delle chitarre Hauser, vere opere d’arte oltre che strumenti musicali, grazie a esibizioni dal vivo, conferenze ed una mostra con alcuni degli strumenti più rappresentativi della casa tedesca. Fra gli artisti coinvolti Aliosha De Santis e Andrea Dieci.

Altre due mostre storiche accompagneranno i visitatori durante i tre giorni di fiera: “La chitarra con le buche ad effe”, dedicata alle chitarre arch-top, e “La Chitarra in Italia tra l’800 e il ‘900”, con modelli di alcuni dei più grandi liutai storici. A quest’ultimo tema è dedicato anche un convegno il 29 settembre. Importante la presenza della storica liuteria chitarristica spagnola Ramirez.

Diversi gli eventi dedicati al compositore Mario Castelnuovo-Tedesco, scomparso cinquanta anni fa, fra i quali il concerto del virtuoso giapponese Kazuhito Yamashita, che si terrà la sera del 29 settembre presso il Museo Civico, e la presentazione del volume “Omaggio a Mario Castelnuovo-Tedesco”, a cura di Piero Bonaguri, con la preziosa collaborazione del festival milanese Corde d’Autunno.

Cremona Musica ospiterà inoltre molti incontri e presentazioni, per un viaggio interminabile e formativo nella cultura delle sei corde: fra le altre cose si segnalano le presentazioni del disco “A Spanish Portrait”, di Luigi Attademo, del metodo Catemario, con Edoardo Catemario, e le performance e le presentazioni del maestro Roberto Fabbri.

Le numerose aziende internazionali di chitarre acustiche contemporanee presenti, fra le quali molti dei marchi più prestigiosi, daranno inoltre vita ad una lunga serie di eventi con artisti italiani e internazionali, sui palchi dell’area espositiva, compresa la presentazione del Martin Italian Official Fan Club.

Cremona Musica è nota come la più importante fiera al mondo per gli strumenti musicali d’alta qualità, un appuntamento unico, capace di portare nella città di Stradivari solo nel 2017 oltre 18.000 visitatori da tutto il mondo. Gli oltre 150 eventi organizzati ogni anno, fra i quali concerti, master class, conferenze e presentazioni di libri, rendono Cremona Musica non solo un appuntamento irrinunciabile per gli addetti ai lavori, ma anche un grande festival dedicato a tutti gli amanti della grande musica.

Cremona Musica è organizzata in cinque saloni principali: Mondomusica, Cremona Winds, Piano Experience, Acoustic Guitar Village e Accordion show, dedicati rispettivamente ad archi, fiati, strumenti a tastiera, chitarre e fisarmoniche.

Per conoscere tutti eventi di Cremona Musica visitare la pagina http://events.cremonamusica.com/events/?event=

 

A Cremona Musica 2018 l’Acoustic Guitar Village, il villaggio delle chitarre chitarra acustiche, classiche e moderne

 

 

 

 

 

###

 

Contatti stampa:

 

Francesco Cianfanelli

Press Office, Cremona Musica International Exhibitions and Festival

tel.:+39 328 7698779

cianfanelli.cremona@gmail.com

www.cremomamusica.com

CremonaFiere SPA – Piazza Zelioli Lanzini, 1 29100 Cremona – Italy?  info@cremonamusica.com – tel: +39(0)372 598 011

 

La musica italiana conquista il ‘Singer Jazz Festival’ di Varsavia, con il cantautore e pianista Riccardo Zannelli

Varsavia, 6 settembre 2018 – Si è concluso ieri a Varsavia il Singer Jazz Festival, prestigiosa manifestazione musicale dedicata allo scrittore polacco Isaac Bashevis Singer, Nobel alla letteratura nel 1978.

Il pubblico polacco ha accolto con grande calore il cantautore pianista italiano Riccardo Zannelli che ha presentato il suo ultimo lavoro discografico dal titolo “Tirateci fuori” realizzato con la direzione artistica del chitarrista e compositore Francesco Bruno.

Riccardo Zannelli è stato accompagnato da Giorgio Veneri (Chitarra),Nicola Tariello (Tromba) e Lisa Bassotto (Percussioni).

Le persone che erano presenti venerdì sera al Harenda Klub sono state travolte dalla vitalità di questo spettacolo. In aggiunta ci sono state due special guest d’eccezione, il trombettista Gary Guthman ed il chitarrista Francesco Bruno.

Dulcis in fundo, a fine concerto Adam Baruch, direttore artistico del festival, è salito sul palco ringraziando Riccardo Zannelli e la sua band, scatenando una standing ovation.

Riccardo Zannelli mescola, in una miscela esplosiva, Funk, Soul, Jazz senza mai dimenticare la melodia italiana alternando brani completamente diversi.

La musica a volte può vagamente ricordare le sonorità di Stevie Wonder, Pino Daniele e Sting, ma comunque il lavoro mantiene una sua vibrante identità, grazie alla direzione artistica del chitarrista e compositore Francesco Bruno.

Oltre a questo Riccardo spiega il significato dei brani con dei piccoli pensieri filosofici, essendo egli appassionato degli scritti di Kant e Nietzsche.

Si rimane catturati da questa musica, che oltre ad essere qualitativamente alta, risulta essere molto divertente e gradevole, anche per un ascoltatore profano.

Tirando le somme, Riccardo Zannelli è riuscito a creare qualcosa di diverso, uno show coinvolgente con delle riflessioni sulla vita, il tutto condito con tanto groove, buon gusto ed impepate di Jazz.

 

 

Link video: www.youtube.com/watch?v=KYfLZilZvxk

 

 

 

Arriva ‘Il Festival dei Giovani Talenti’, tra musica, arte, storia e gourmet

Treviso, 4 settembre 2018 – È in dirittura di arrivo il IV Festival internazionale di musica con variazioni sul tema “Giovani talenti. Professionisti under 30“, in memoria di Giuseppe Biscaro. Il Festival dei Giovani Talenti si terrà nei giorni 20 settembre, 29 settembre e 6 ottobre a Conegliano Veneto (TV), Valdobbiadene (TV) e Farra di Soligo (TV), tra musica, arte, storia e gourmet, e rientra nella programmazione del cartellone di RetEventi Cultura Veneto 2018, con  il Patrocinio della Commissione europea.
IL TALENTO DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IN CONCERTO
I giovani e il loro talento per la musica classica: questi gli ingredienti dei concerti conosciuti con il nome di “Giovani talenti. Professionisti under 30”, organizzati dall’Associazione Concertistica Camellia Rubra per la direzione artistica di Vesna Maria Brocca.
“Il Festival è un caleidoscopio di saperi e sapori – commenta il direttore artistico – con una programmazione culturale di alto livello che coniuga armoniosamente musica, arte e cibo. Lo scopo principale della manifestazione, giunta alla sua quarta edizione, è quello di sostenere in modo concreto i giovani under 30 che si sono contraddistinti per il talento musicale raggiungendo eccelsi risultati nel campo del concertismo classico internazionale, senza dimenticare l’importanza del territorio e delle sue eccellenze che contribuiscono a rendere ogni concerto un’esperienza unica”.
Diversificati per la qualità degli interpreti, i programmi sono in grado di coinvolgere diverse fasce di età, adatti per un pubblico particolarmente eterogeneo, sia italiano che straniero, e di integrare l’offerta turistico-culturale dei territori coinvolti.
IL RICORDO DI GIUSEPPE BISCARO A CURA DI DON BRUNONE
Giuseppe Biscaro, uomo legato alla terra di Credazzo, persona di alto profilo culturale, è venuto a mancare il 15 aprile 2018. Molti, non solo la sua famiglia, lo hanno conosciuto come una persona speciale per la valorizzazione delle eccellenze del nostro territorio con le sue tradizioni ed opere artistiche e sacre, per la sua comunicativa accogliente e diretta, per la serenità invidiabile nel dialogo, per la sua professionalità e il suo genio di ristoratore, doni di Dio che ha vissuto intensamente a servizio del bene comune. In tutti resta il suo impegno continuo e appassionato  in tanti servizi umili, senza farsi notare e ringraziare pubblicamente, felice solo di portare a termine progetti chiari con buon senso e dinamismo unici. Traccia indelebile è la sua testimonianza cristiana e l’esempio di partecipazione attiva al restauro della Chiesa Santa Maria dei Broi e nella commissione regionale del turismo religioso” – don Brunone De Toffol.
IL PROGRAMMA
Conegliano Veneto (TV)
Sala dei Battuti (XIV-XV sec.) soprastante il porticato del Duomo
giovedì 20 settembre 2018, ore 20.45
Il gioco in musicaTrio Quodlibet
Mariechristine Lopez, violino
Virginia Luca, viola
Fabio Fausone, violoncello
Musiche di J.S. Bach e W.A. Mozart
Il Trio Quodlibet si è costituito nel 2012 presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano durante un percorso di studio conclusosi con il massimo dei voti nell’ambito cameristico. Nel corso del Master of Arts, hanno studiato con i Maestri Bruno Giuranna, Stefano Molardi, Enrico Dindo, Yuval Gotlibovich e Nora Doallo. Attualmente si stanno perfezionando presso l’Accademia Stauffer di Cremona nella classe del Quartetto di Cremona.
L’interno della Sala dei Battuti presenta un bel soffitto ligneo e un ciclo di affreschi realizzato per la maggior parte da Francesco da Milano in due momenti distinti. La parete esterna fu infatti dipinta verso il secondo decennio del XVI secolo, mentre quella interna attorno al 1530, con uno stile del tutto differente rispetto a quello delle scene precedenti perché realizzate sul modello delle stampe dei cicli della Piccola e della Grande Passione che il Dürer diede alle stampe attorno al 1510. In seguito la Sala fu ampliata e si dovette procedere alla decorazione delle nuove pareti con episodi realizzati dal Pozzoserrato e da altri artisti locali. Anche se indubbie sono le differenze stilistiche e qualitative tra i riquadri, la Sala costituisce uno dei più interessanti monumenti cittadini. Grazie al Rotary Club di Conegliano, che ne cura la conservazione e la salvaguardia della memoria storica, è possibile ancor oggi fruire di questo spazio di incontrastata bellezza.
Valdobbiadene (TV)
Villa dei Cedri
sabato 29 settembre 2018, ore 20.45
RecitalDuo Octo Cordae
Domenico Masiello, violino
Eliana de Candia, violino
Musiche di J.M. Leclair, G.B. Viotti, L. Boccherini, C.A. de Bériot e H. Wieniawski
Domenico Masiello, nato in Basilicata, è stato allievo della prof.ssa Maryse Regard, primo violino dei Filarmonici di Roma, ed è stato membro, fin dall’età di 12 anni, dell’orchestra giovanile di Uto Ughi, partecipando per più volte alle manifestazioni “ Uto Ughi per Roma”. Eliana de Candia nel 2017, con l’ensemble “Frammenti di Luce”, ha suonato in qualità di primo violino presso la Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma alla presenza di Sua Santità Papa Francesco. Nel 2018 è uscito, per l’etichetta discografica Farelive, il primo CD del duo dal titolo “Recital”.
Mezz’ora prima dell’inizio del concerto di Valdobbiadene, si terrà una “conversazione con gli artisti” aperta alle domande del pubblico e dei giovanissimi studenti delle scuole di musica.
Ad impreziosire ancor più la splendida Villa dei Cedri e a fare da cornice a pubblico e  musicisti saranno i quadri dell’artista opitergina Roberta Coral, vincitrice nel 2016 del Concorso artistico letterario “La Musica è…” per la sezione “Arte Visiva” indetto dalla stessa Associazione Concertistica Camellia Rubra. Grande “consumatrice” di musica, specialmente classica e sinfonica ma anche di autori moderni, Roberta Coral trae dall’ascolto l’input che la porta verso l’astratto e, quando i legami col visibile si  stemperano, esprime la sua sensibilità ed intuizione usando i colori ad olio: in questa fase possiamo dire che l’artista “vede il colore del suono e sente la musica del colore”.
Al termine del concerto sarà offerto un petit buffet a cura della Pasticceria alla Villa dei Cedri di Massimo Carnio (campione italiano di cioccolateria 2015 e miglior dessert al mondo al «World Chocolate Masters» di Parigi) e un brindisi grazie alla cantina Bortolomiol, dal 1760 Prosecco superiore di Valdobbiadene.
Per quanti sono invece alla ricerca di un Hotel dove poter soggiornare per seguire i concerti del Festival internazionale “Giovani talenti. Professionisti under 30”, consigliamo l’ Hotel Diana che si trova tra le splendide colline del Prosecco, nel cuore di Valdobbiadene. Chiama tel. 0423/976222 oppure scrivi a welcome@hoteldiana.org
Farra di Soligo (TV)
Antica chiesa della “Madonna dei Broi”
sabato 6 ottobre 2018, ore 20.45
Un’eterna fraseQuartetto Manfredi
Musiche di F.J. Haydn e J. Brahms

Giovanni Claudio Di Giorgio, primo violino
Sofia Bolzan, secondo violino
Matteo Terenzio Canella, viola
Giacomo Grespan, violoncello

Il Quartetto Manfredi è di Venezia e ha vinto, tra gli altri, il primo premio al concorso internazionale Città di Treviso. Formatosi nel 2013, si perfeziona con Miguel Da Silva presso il Conservatoire à Rayonnement Régional de Paris e prosegue la sua formazione alla Scuola di Musica di Fiesole, dove ha ricevuto una borsa di studio riservata ai migliori quartetti. Si perfeziona inoltre con Petr Holman violista del Quartetto Zemlinsky e ha seguito le lezioni di Antonello Farulli presso l’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola.

La piccola chiesa campestre dedicata a Santa Maria ad Nives o Madonna dei Broi è l’esito della somma di interventi di epoche diverse, dall’alto Medioevo al primo Novecento, a testimoniare l’importanza di questo piccolo sito nella devozione popolare locale a Farra. L’edificio è stato di recente oggetto di un corposo restauro che ha svelato commoventi tracce della presenza di soldati imprigionati durante la Grande Guerra e uno straordinario ciclo di affreschi risalente all’inizio del XIV secolo. Ogni sera al tramonto i rintocchi della campana “Maria Pacis” (figlia della Campana della Pace di Rovereto) ricordano i caduti e sono un monito di pace.
Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito, senza prenotazione, fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Per informazioni sull’evento:
Associazione Concertistica Camellia Rubra
DOVE DORMIRE
Per quanti vogliano seguire i concerti del Festival internazionale “Giovani talenti. Professionisti under 30”, per trascorrere una vacanza rigenerante ascoltando ottima musica, e sono alla ricerca di un Hotel dove poter soggiornare, consigliamo l’ Hotel Diana che si trova tra le splendide colline del Prosecco, nel cuore di Valdobbiadene: tel. 0423/976222, email welcome@hoteldiana.org

Le t-shirt Tosetti al tour estivo di Davide de Marinis

Milano, 13 agosto 2018 – Il ritmo pop di “Apro e chiudo” di Davide de Marinis sta riempiendo le piazze del sud Italia e sta animando le serate più calde dell’estate 2018, con la voce e la chitarra del cantautore milanese.

“E’ un successo ‘bello’ quello di questo tour estivo, che mi mette a contatto con la gente, che fa ballare e cantare nelle piazze, nei locali e nei festival del Sud Italia” commenta de Marinis.

In questo viaggio nel belpaese a dare un tocco originale al suo look, le t- shirt con l’iconico bulldog della Tosetti Limited Edition, prodotte da Giovanni e Monica Tosetti, personalizzate per ‘accendere’ le  serate del cantante.

La linea Tosetti Limited Edition, disegnata da Monica Gabetta Tosetti e dai figli Alessandro e Gabriele, fa della t-shirt il pezzo cult, e comprende anche una serie di capi, per lei e per lui, pensati per rendere accattivanti gli outfit di ogni giorno o per sdrammatizzare i look più eleganti dandogli una marcia in più.

La collezione Tosetti Limited Edition si compone infatti di magliette uomo e donna, leggins, pantaloni sportivi, e una serie unisex di cappellini e zainetti, ma anche – dedicati a lei – di miniabiti dai tagli iper moderni e preziosissime gonne in tulle lavorato trasparente dai tagli più audaci.

“Abbiamo studiato insieme a Davide i colori e le linee delle t-shirt per il suo tour”, dice Monica Gabetta Tosetti, “personalizzando le magliette sulle sue esigenze e sulla sua personalità. Il suo successo è il nostro successo e la conferma l’abbiamo proprio con la continua ascesa di ‘Apro e Chiudo’. Il prossimo step? Un total look per il suo prossimo video ‘Piccanti Parole’ con Justine Mattera”.

Tutti i modelli sono disponibili nella variante bianco o nero presso l’atelier Tosetti di Como o acquistabili sul sito internet www.tosetti-shoponline.com.

Per saperne di più su di Davide de Marinis:

Facebook: www.facebook.com/davide.demarinis.182/

Instagram: www.instagram.com/davide.demarinis/ 

Youtube: www.youtube.com/channel/UCgSORNuy846lybal8aWdXGg/featured

 

 

Al Cremona Musica il Digital Space, per musicisti 2.0

La fiera dedicata all’alta liuteria e alla grande musica ospita per il quinto anno il Digital Space: tre workshop per aiutare musicisti, docenti e appassionati a trarre il massimo dalla tecnologia musicale e dai software più innovativi. Il calendario degli eventi.

Cremona, 3 agosto 2018 – Oggi più che mai musicisti, compositori e insegnanti di musica possono migliorare il proprio lavoro grazie a software pensati per loro, se sanno come farlo. Per questo anche nel 2018 Cremona Musica, dal 28 al 30 settembre, presso la Fiera di Cremona, dedicherà un importante spazio alla tecnologia musicale, il Digital Space.

Il Digital Space, coordinato dall’esperto di musica elettronica e informatica musicale Pier Calderan, presenterà fra il 29 e il 30 settembre tre workshop per illustrare le ultime importanti novità di Notion 6 e Studio One 4, e per spiegare la storia della sintesi musicale.

I workshop sono pensati per tutti i musicisti, i compositori e i docenti di musica, e spiegano come tutti, anche i principianti, possano trarre il massimo dalla tecnologia, in base alla proprie necessità. I software presentati nei workshop aiutano infatti i musicisti nella composizione, la scrittura e la registrazione della musica e in molte altre attività, oltre ad essere molto indirizzati anche alla didattica.

Cremona Musica, la maggiore fiera al mondo per gli strumenti di liuteria, conferma così il suo lato innovativo, ospitando di anno in anno le ultime novità dal mondo della liuteria e della musica in generale, e dedicando una sempre maggiore attenzione a tutto ciò che costituisce un’evoluzione in questi campi.

Quest’anno inoltre Cremona Musica punta su un ricchissimo programma di eventi, con concerti dal vivo, masterclass, workshop e mostre dedicati a tutti gli amanti della musica, in aggiunta alla consueta esposizione di strumenti musicali d’alto artigianato che ha reso questo un evento unico al mondo, frequentato dai più importanti musicisti, costruttori di strumenti e buyer nazionali e internazionali.

Entrando nel dettaglio del programma del Digital Space, il 29 Settembre alle 10,30 il compositore, pianista e insegnante Beppe Bornaghi illustrerà, con la partecipazione del musicologo Lorenzo Frassà, le novità introdotte in Notion 6, l’ultima versione del celebre software di notazione musicale: dalla grafica alla scrittura a mano, fino alle funzionalità più avanzate.

Nel pomeriggio del 29 settembre, dalle 14,30, si terrà il workshop “Studio One 4, la DAW del futuro”, dove Beppe Bornaghi mostrerà le funzionalità dell’ultima versione del rivoluzionario software per la registrazione audio e MIDI, come Melodyne, la gestione dei virtual instruments e degli effetti e i loop. Entrambi i workshop inoltre spiegheranno come i due software possono interagire fra loro.

Infine il 30 settembre, alle 10,30, Pier Calderan presenterà “Sintesi sonora, storia ed evoluzione”, un workshop pensato per chi è interessato anche agli aspetti più matematici della musica, in cui si parlerà della sintesi sonora dai suoni meccanici di inizio del ‘900 ad oggi, con un occhio anche al futuro.

“C’è un connubio molto stretto fra la musica elettronica e la musica classica – spiega Pier Calderan –, basta pensare ad uno strumento come il Theremin o alle Onde Martenot, che vengono suonati in orchestra sinfonica, poi c’è stato tutto il futurismo, Luciano Berio… insomma, la storia della musica classica è piena di esempi elettronici, e penso si farà così sempre di più”.

 

Per consultare il calendario completo degli eventi: http://events.cremonamusica.com/events/

Per maggiori informazioni sugli eventi del Digital Space: http://events.cremonamusica.com/events/?space=103

 

 

Francesco Cianfanelli

Press Office, Cremona Musica International Exhibitions and Festival

tel.:+39 328 7698779

cianfanelli.cremona@gmail.com

www.cremomamusica.com

CremonaFiere SPA – Piazza Zelioli Lanzini, 1 29100 Cremona – Italy

info@cremonamusica.com – tel: +39(0)372 598 011

Decretati i vincitori del Cremona Musica Award

I premi verranno consegnati durante l’edizione 2018 di Cremona Musica, che si svolgerà nella città lombarda fra il 28 e il 30 settembre.

Cremona, 19 luglio 2018 – Sono nomi di assoluta eccellenza quelli dei vincitori dei Cremona Musica Award. Nell’edizione 2018 saranno infatti premiati il direttore d’orchestra Valery Gergiev, il violinista Maxim Vengerov, lo scrittore Alessandro Baricco, il liutaio di chitarre Hermann Hauser III, e il festival Kuhmo Chamber Music Festival.

I premi, assegnati dalla direzione di CremonaFiere su indicazione degli artistic advisor di Cremona Musica, saranno consegnati durante la nuova edizione della storica fiera dedicata agli strumenti musicali, la più grande al mondo per gli strumenti d’alto artigianato.

Cremona Musica fra il 28 e il 30 settembre riunirà nella città di Stradivari non solo i migliori liutai, costruttori e distributori di strumenti, ma anche decine di grandi artisti internazionali per un ricco calendario di concerti, masterclass, workshop, mostre ed eventi.

Il Cremona Musica Award per la categoria “performance – direzione d’orchestra” è stato assegnato al leggendario direttore d’orchestra russo Valery Gergiev, direttore generale e artistico del Mariinsky Theatre, di cui dirige l’orchestra e le compagnie di opera e balletto. Sotto la sua guida il teatro di San Pietroburgo è diventato uno dei più celebri al mondo.

Il violinista Maxim Vengerov vince il Cremona Musica Award per la categoria “performance – strumenti ad arco”. Vengerov è recentemente tornato alla ribalta concertistica con enorme successo, dopo alcuni anni di assenza, testimoniando di aver raggiunto una profondità interpretativa ed una intensità poetica paragonabile solo ai grandissimi violinisti del passato.

Per la categoria “composizione”, il Cremoma Musica Award va al celebre compositore georgiano Giya Kancheli, figura di grande importanza nella storia della musica del secondo Novecento, che ha saputo individuare una vena poetica peculiare, intrisa di profonda spiritualità e immediatezza espressiva.

Il premio per la categoria “comunicazione” è stato assegnato ad Alessandro Baricco, scrittore torinese, la cui attività è stata spesso influenzata dall’amore per la musica, come nei suoi saggi su Rossini (Il genio in fuga. Due saggi sul teatro musicale di Gioacchino Rossini) e in altre opere, come il monologo teatrale Novecento, da cui Giuseppe Tornatore trae il film La Leggenda del pianista sull’oceano. Divulgatore colto e originale, anche nelle sue trasmissioni radiofoniche e televisive Baricco ha saputo comunicare i contenuti poetici e semantici della musica in modo diretto e coinvolgente.

Il Cremona Musica Award per la categoria “liuteria chitarristica” è assegnato ad Hermann Hauser III, discendente della gloriosa dinastia Hauser, storica casa produttrice di chitarre tedesca di cui è attualmente il direttore (la chitarra da concerto costruita da Hermann Hauser I per Andrés Segovia è oggi al Metropolitan Museum of Art di New York). Hermann Hauser III è anche fondatore della Hermann Hauser Guitar Foundation, per la promozione della ricerca e dell’insegnamento della musica e della manifattura di strumenti. Insieme a Kathrin Hauser, Hermann Hauser III sarà anche protagonista di una serie di eventi dedicati alle chitarre Hauser, che dal 28 al 30 settembre animeranno l’Acoustic Guitar Village di Cremona Musica.

Il Kuhmo Chamber Music Festival conquista il Cremona Musica Award per la categoria “Progetto”. Il festival di musica da camera, di cui fra il 14 e il 28 luglio si svolgerà la 49esima edizione, attira ogni anno da tutto il mondo circa 35 mila ascoltatori, che si recano nella città finlandese di Kuhmo (9000 abitanti, 600km a nord di Helsinki) per una full immersion nella grande musica. Ciò che rende unico il Kuhmo Chamber Festival è il format: circa 100 concerti in 15 giorni, con programmi misti in cui si alternano musiche rarissime e celeberrime, esecutori famosi e nuove promesse, con un approccio informale, volutamente estraneo agli stereotipi dello star system. Il Festival di Kuhmo è un esempio innovativo e virtuoso che funziona anche a livello produttivo ed economico grazie all’entusiasmo dei tanti musicisti che, in primis, animano il festival e ne costituiscono il motore e il cuore. Ritirerà il premio il direttore artistico, Vladimir Mendelssohn.

###

Contatti Stampa:

Francesco Cianfanelli
Press Office, Cremona Musica International Exhibitions and Festival
tel.:+39 328 7698779
cianfanelli.cremona@gmail.com
www.cremomamusica.com

CremonaFiere SPA – Piazza Zelioli Lanzini, 1 29100 Cremona – Italy

info@cremonamusica.com

tel: +39(0)372 598 011

 

Exit mobile version