La stanza dei buoni: la rinascita dopo la perdita di un figlio

La stanza dei buoni

La storia d’amore e il legame profondo con il figlio morto, annegato a Tenerife, del musicista e poeta Tommaso Marangio, raccontata nel libro “La stanza dei buoni”

Roma, 28 settembre 2021 – Il dramma più grande: la morte di un figlio. Come si fa ad andare avanti travolti dal dolore dopo una tragedia del genere?

Tommaso Marangio, in arte Tommy Blues, poeta e musicista, ha perso suo figlio nel 2016 a Tenerife, dove Riccardo a 26 anni annegò, inghiottito dalle onde dell’oceano. Oggi questa storia è raccontata nel libro “La stanza dei buoni”, che racconta di una storia d’amore e di forza di un padre e di un figlio, legati dalle stesse passioni: la libertà, il volontariato, la musica e l’arte in generale.

L’autore ha sentito forte il bisogno di scrivere questo libro, scritto con dolore, ma necessario quasi come una terapia, per scavare dentro di sé e riportare in vita i ricordi più profondi, e l’importanza del legame di un uomo con il figlio e la sua famiglia.

Dal racconto di Tommaso Marangio emerge l’amore che scaturisce da ogni evento quotidiano descritto, anche il più semplice. Un amore che lentamente colma il vuoto e la solitudine, lenisce la sofferenza, aiuta ad elaborare il lutto: “…feci un patto fra lui, me e la mia coscienza: innanzitutto evitare di abbattermi e di deprimermi, accettare i miei stati d’animo senza ripudiarli, perché tanto a nulla sarebbe servito, e quindi convertire le mie emozioni e ogni mia piccola commozione in qualcosa di creativo, di comunicativo…”.

L’obiettivo di Tommaso Marangio è quindi quello di condividere questa storia, senza nessuna ricerca di pietà e compassione, bensì con spirito di rinascita e per aiutare tutte le famiglie, che come la sua, hanno vissuto una tale tragedia, a ritrovare la luce in fondo al tunnel di buio in cui si sprofonda.

Attraverso il suo viaggio intimo l’autore emoziona descrivendo il percorso con suo figlio con grande umanità e poesia.

La stanza dei buoni è la storia di due sognatori e spiriti liberi ambientata tra il Salento e Tenerife, passando per Roma e Milano.

L’autore

Tommaso Marangio, in arte Tommy Blues, di origini leccesi, vive a Roma. Girovago e musicista, compositore, ama leggere e scrivere poesie e canzoni. Continua a studiare musica, a suonare, a insegnare e comporre proprio come auspicava suo figlio Riccardo scomparso nel 2016.

Il libro è disponibile su Amazon  alla pagina https://amzn.to/3wRvZGb.

 

###

 

Ufficio Stampa

info@ufficiostampaecomunicazione.com

 

Anticapitalista, femminista e difensore dell’amore libero: Era Gesù?

La rivelazione di un Cristo che farà discutere nel nuovo libro di Alex Raco, edito da Mondadori

Roma, 6 aprile 2021 – E se fosse davvero tornato? E’ il folgorante pensiero che attraversa la mente dell’autore di Era Gesù?, il nuovo libro in uscita il 13 aprile nella collana Bestsellers Mondadori, quando ascolta le parole di Jack, un carismatico quarantenne che, durante una seduta di ipnosi, ricorda una vita decisamente fuori dal comune.
“Chiamami pure come mi conoscono oramai. Con il nome più banale, quello che sanno tutti: Gesù.”
Al contrario di ciò che avveniva nel celebre racconto di Dostoevskij, questa volta non è Gesù che torna sulla Terra ma un uomo qualunque che ricorda di essere stato Cristo.
Questo nuovo e inconsueto viaggio nel tempo ci coinvolge da subito in quella che potrebbe sembrare una semplice rievocazione di fatti storici risalenti alla vita del Cristo ma che in realtà affronta temi molto attuali.
Un Gesù che richiama parecchio i millennials e in linea con molte delle idee di Papa Francesco.
Come duemila anni fa, anche in questa versione moderna il Messia ha tutte le caratteristiche di un giovane rivoluzionario e le descrizioni dei fatti della sua vita passata diventano un mezzo per esprimere punti di vista critici sull’organizzazione dell’economia mondiale e sulle moderne oligarchie finanziarie, su tematiche ambientali e sociali che ci riguardano tutti molto da vicino.
Un esempio è il tema della parità di genere come si evince dalle parole che rivolge alle cinque apostole raccolte a vegliarlo sotto la croce, quasi le donne fossero le uniche a comprendere veramente il suo verbo.
Questo Gesù un po’ hippie si schiera nettamente contro la proprietà privata e il consumismo: l’unica società ritenuta equa contempla la condivisione dei beni e una trasformazione dei più ricchi del mondo in nuovi mecenati che comprendano che il loro benessere dipende da quello di tutti gli altri.
Alla preghiera associa la meditazione e il contatto con Dio: la solitudine e il raccoglimento interiore rappresentano una forma di crescita personale e collettiva. Anche il suo ammonimento a non mangiare animali non è dettato solo da pietà ma dalla consapevolezza che nel mondo piante, animali ed esseri umani vivono strettamente connessi in un ecosistema unico e interdipendente.
Un libro scorrevole, la cui narrazione somiglia a quella di un romanzo ma che grazie ai resoconti di una storia vera si rivela un saggio denso di contenuti e di riflessioni sulla natura umana.
Ovviamente, la storia raccontata in Era Gesù? non rispecchia fedelmente quella dei vangeli e il finale sarà forse una sorpresa per la maggioranza di noi. Dal libro di Raco emerge la figura di un Dio molto vicino agli uomini o forse di un uomo molto vicino a Dio.
Per maggiori informazioni sul libro rimandiamo alla scheda alla pagina www.oscarmondadori.it/libri/era-gesu-alex-raco, mentre  la biografia dell’autore è reperibile alla pagina www.librimondadori.it/autore/alex-raco.
Copertina del libro Era Gesù?, di Alex Raco – Edito da Mondadori, per la collana Oscar Bestsellers

 

 

Alex Raco, autore di Era Gesù?

“Ciao Donna”: tra verità e inganni del cuore, l’amore è la sola certezza che abbiamo

Il libro della scrittrice romana racconta il complesso rapporto tra madre e figlia, nel succedersi delle stagioni della vita

Roma, 29 marzo 2021 – Si chiama “Ciao Donna” il libro dell’autrice Paola Ladogana, pubblicato da Viola Editrice, che affronta il complesso rapporto di una madre con la figlia Alessandra, mentre scorrono le stagioni della loro vita, in un’Italia che cambia e si trasforma. Una storia di due donne che lottano per la propria affermazione, per essere riconosciute, per essere amate e per amarsi così come sono. Nel precipitare di eventi drammatici, errori e incomprensioni impareranno a esprimere e a rendere vero l’amore l’una per l’altra.

La narrazione abbraccia la quotidianità di una famiglia italiana degli ultimi 50 anni, con una prospettiva che scava nell’intimo dei due personaggi principali e pone al centro il loro rapporto ma anche il rapporto con se stesse e con gli altri. Quella di Alessandra e sua madre sono vite che si intrecciano mentre si aprono ad altre vite, che viaggiano nel tempo, che insegnano e imparano.

Tutti i personaggi sono vittime e carnefici al tempo stesso. Perché in fondo non ci sono buoni e cattivi, ma ognuno è solo con la propria percezione della realtà e degli avvenimenti. Saranno le circostanze della vita a trasformare le persone e a restituire verità, mai assolute.

Ciao Donna è un libro scritto con grande fluidità e semplicità di stile che invita alla lettura e lascia in chi lo legge il desiderio di prolungare la riflessione.

L’autrice

Paola Ladogana è nata a Roma il 3 febbraio 1967. Giornalista pubblicista si occupa di comunicazione da più di quindici anni. “Ciao Donna”, edito da Viola Editrice, è il suo primo romanzo

 

 

 

 

 

 

Libri: “La scuola sulla collina” la nuova entusiasmante fiaba per bambini di Simon Sword

Roma, 17 marzo 2021 – Dopo aver venduto più di 50.000 copie di libri e dopo una pausa lunga due anni, Simon Sword torna a stupirci con una nuova incredibile fiaba illustrata, dal titolo “La scuola sulla collina“. Il libro narra le avventure di una tenera bambina che vive in una sperduta regione della Cina orientale e di una serie di “prove” che dovrà affrontare per poter raggiungere la sua tanto amata scuola.

Simon Sword l’autore brianzolo reduce dal successo de “La città degli aquiloni“, la fiaba più venduta su Amazon.it nel 2017 e nel 2018, si è preso un po’ di tempo, complice anche l’attuale situazione sanitaria e la pandemia, prima di tornare a scrivere fiabe per bambini:

“Chi  mi conosce sa che scrivere libri per bambini non è il mio lavoro ma unicamente una passione, nonostante la tremenda pandemia ha dato a tutti noi tempo per riflettere, ci ho messo comunque un po’ per poter tornare a scrivere qualcosa di divertente e spero di educativo.”

“La scuola sulla collina” oltre ad essere una fiaba è infatti un vero e proprio inno all’istruzione scolastica, in un tempo in cui non si fa altro che parlare di didattica a distanza.

“Spero in cuor mio” prosegue l’autore “che libri come questi aiutino in qualche modo le famiglie, ad alleggerire lo stress che milioni di bambini stanno subendo in modo silenzioso da un anno a questa parte. Un po’ di spensieratezza e qualche bel sogno colorato possono solo fare nascere pensieri positivi ed è proprio questo il mio scopo.”

Le illustrazioni del volume sono state realizzate da Clarissa Corradin e la fiaba sarà distribuita a partire dal mese di aprile 2021 in esclusiva solo su Amazon.it.

 

 

Cover “La scuola sulla collina”

 

 

 

L’autore Simon Sword

 

 

 

Esce “Finalmente cammino da sola”: un inno all’imperfezione delle donne

Napoli, 27 gennaio 2021 – Parla di donne, mogli e madri “Finalmente cammino da sola“, il romanzo di debutto di Arianna Calvanese. Partendo da Napoli, l’Italia è il sipario che si apre sulla vita quotidiana di amiche molto diverse fra loro. Come Anna con la sua piccola casa che da bomboniera si trasforma in rudere, proprio come il suo matrimonio. Ardemia, una giovane artista squattrinata che molla un posto fisso per seguire la sua passione.

E poi Marianna devastata da un rapporto con un narcisista, che tenta di manipolarla da anni. Victoria che dall’Ucraina si trasferisce in Italia per amore. Arianna, che da sempre vive in equilibrio precario cercando di capire come mettere un piede davanti all’altro.

E poi ancora tante altre protagoniste, che si muovono fra le onde di Ischia, della Calabria e delle loro vite agitate come un mare in tempesta.

La via della cedevolezza sarà l’elemento cruciale che insegnerà loro ad essere più flessibili nell’affrontare la vita, proprio come il salice che, pur di non spezzarsi, si piega sotto la neve (come nell’antica leggenda che racchiude il significato del judo).

Perché la verità è che essere donna, mamma, moglie o tutte e tre le cose messe insieme, può essere molto complicato.
Complicato come un trapezista che deve camminare in equilibrio precario su un dirupo.

Un libro che racconta storie di donne molto diverse da loro, legate da una grande amicizia. Che a tratti vedono la vita di ognuna oscurata da grosse nuvole nere, ed i pensieri diventare buchi neri da cui sono risucchiate.

Con grande tenacia camminano nel buio, finché nuovi incontri inaspettati non ampliano la loro prospettiva, mostrando l’arcobaleno anche fra le nuvole più nere.

“Finalmente cammino da sola”, di Arianna Calvanese, è disponibile su Amazon alla pagina www.amazon.it/Finalmente-cammino-sola-Arianna-Calvanese-ebook/dp/B08TJ716HS.

 

Finalmente cammino da sola di Arianna Calvanese

“Favole moderne per crescere bambini intelligenti”, il libro di fiabe in vetta alle classifiche di Amazon

Campione d’Italia, 11 gennaio 2021 – È volato in vetta alla classifica di Amazon Prime Reading il libro di favole di Alessandro Antonacci, “Favole moderne per crescere bambini intelligenti“. Il libro, che nasce da favole che Antonacci aveva scritto inizialmente per i propri bambini, ha superato su Amazon i grandi classici come Alice nel paese delle meraviglie o Il Mago di Oz nelle categorie “Libri per bambini” e “Miti, saghe e leggende”.

“Il libro affronta quei temi che normalmente non troviamo nelle fiabe: il bullismo; l’integrazione; la disabilità; la stoltezza umana… Ho cercato di trattare questi temi in maniera leggibile e comprensibile per i più piccoli, da qui forse il successo di pubblico”, racconta Antonacci, autore esordiente che ha utilizzato lo pseudonimo Ann Sepolveda per firmare il libro.

Favole moderne per crescere bambini intelligenti” è un libro di fiabe che infatti cerca di aiutare i genitori nel momento in cui il rapporto con i figli si fa più intimo: l’ora della buonanotte.

La vita frenetica di oggi porta a trascurare questo aspetto fondamentale dell’educazione e della crescita, che invece è importantissimo. Sempre più spesso bambini, anche molto piccoli, vengono lasciati davanti alla televisione e, solo dopo che si sono addormentati, portati nel loro letto.

Ma è la curiosità che stimola l’intelligenza, mentre la televisione, la radio, i videogiochi hanno una funzione solo passiva. Non permettono di interagire.

Un bambino ha bisogno di fare domande, di chiedere il significato di una parola che non conosce, di elaborare un racconto assieme ad un adulto che lo tranquillizza e lo fa riflettere. Tutte le storie sono ambientate in tempi e luoghi fantastici, con lo scopo di creare quella magia che attira con curiosità.

Allo stesso tempo affrontano, in maniera sublimale, quelli che sono i temi e le problematiche del nostro tempo.

“Mi avevano chiesto, per la pubblicazione, uno pseudonimo femminile: mi sono immaginato vestito da donna, in una ipotetica intervista e mi è venuto in mente “en se pol veda”, che nel dialetto della città dove sono nato, Fano, significa “non si può guardare”. Da qui il nome…”, racconta Antonacci, che vive a Campione d’Italia.

“Quando Amazon mi ha scritto per chiedermi di inserire il libro fra gli ebook di Prime Reading pensavo ad uno scherzo, in fondo sono favole che ho scritto anni fa per i miei due figli. Ho visto che il libro, nel Kindle Store (Amazon Prime Libri utilizza libri digitali per gli abbonati) è arrivato al primo posto nella classifica dei bestseller, fra i libri per bambini e mi sono commosso…”, conclude Antonacci.

Il libro è disponibile su Amazon alla pagina www.amazon.it/dp/B07NKDB4V1.

 

Link utili:

www.amazon.it/gp/bestsellers/digital-text/14808903031

www.amazon.it/gp/bestsellers/books/508782031

www.corrieredicomo.it/il-libro-di-favole-del-campionese-alessandro-antonacci-primo-su-amazon-prime

 

###

 

Per interviste e informazioni:

+41 78 678 00 55

annsepolveda@gmail.com

 

 

 

 

 

Copertina “Favole moderne per crescere bambini intelligenti”, di Ann Sepolveda

 

 

 

 

La ristorazione comunica male: “Chi vuole sopravvivere deve imparare a farlo al più presto”

La comunicazione del mondo della ristorazione è all’età della pietra: chi non si rinnova è destinato all’estinzione

Roma, 8 ottobre 2020 – “Se c’è un settore in cui la comunicazione è veramente arretrata, questo è la ristorazione“. A dirlo è Marco Lungo, esperto di crisi del mondo della ristorazione. “Siamo ancora a menù che sono liste della spesa e che non invitano a comprare niente, spesso sporchi e rovinati. Siamo ai cartelloni pacchiani in strada con offerte ‘urlate’ ed economicamente svantaggiose per il gestore, ci sono ancora gli “acchiappini” in strada per far entrare gente e, soprattutto, sono ancora troppi i ristoratori che pensano ancora che basti servire un buon prodotto per attirare clientela, quando oggi sono i social e TripAdvisor i campi da presidiare giornalmente. Sono questi canali che decidono se un locale sarà pieno oppure no. Le persone non vanno più nei locali per soddisfare un bisogno primario come il soddisfare la fame ma per vivere un’esperienza. E il gestore se non capisce subito questo è destinato ad una crisi fatale, fino all’estinzione”, continua ancora l’esperto di marketing

Nelle crisi la comunicazione va incrementata sempre

In occasione della ristampa del suo libro Salva Il Tuo Locale! che, come afferma l’autore in copertina, non è dedicato solo a chi ha un locale in crisi ma soprattutto a chi deve ancora aprirlo, Marco Lungo ha affrontato il tema della comunicazione in un convegno di imprenditori del settore svoltosi recentemente a Roma.

“Questa crisi ha messo a nudo i problemi tipici di un mercato non maturo, fatto ancora di convinzioni sorpassate, di “abbiamo sempre fatto così”, di mancanza di cambiamento e di adattamento, magari facendo qui e là interventi a macchia di leopardo che, alla fine, ti lasciano solo con le macchie e con nessun leopardo”.

“Di fatto questa crisi causata dal Covid-19 ha fatto chiudere molti locali nello stesso modo in cui, purtroppo, ha ucciso molte persone, ovvero è stato il classico colpo di grazia dato a situazioni che erano già compromesse di loro in precedenza”, ha detto  ancora Marco Lungo, .

È come verniciare le vetrine di nero

Segnante è stato un passaggio del discorso di Marco Lungo quando, citando il suo libro, ha detto:

“Durante le crisi i ristoratori più arretrati fanno immediatamente una cosa: tagliano le spese di pubblicità e di marketing. È esattamente come se un commerciante di abbigliamento in crisi prendesse e verniciasse le sue vetrine di nero, spegnendo anche le luci. Invece, il vero commerciante fa esattamente il contrario. Quando un’azienda è in crisi dovrebbe aumentare la spesa per la comunicazione e assumere più venditori. E soprattutto non si ritrae mai da ciò che le dà visibilità presso i suoi potenziali clienti”.

“Nella mia ormai lunga carriera come Crisis Manager“, ha concluso Marco Lungo, “ho visto tanti errori ripetersi di continuo e così come li ho elencati nel mio libro “Salva il tuo locale!”, ancora oggi, non riesco a spiegarmi il perché spesso i gestori continuino sempre nel fare azioni di sicuro insuccesso, o meglio suicide. E non avere il marketing e la comunicazione sempre attivi, presidiati e pronti al cambiamento, è una di quelle azioni suicide che i ristoratori dovrebbero assolutamente evitare”.

 

 

###

 

Per interviste e contatti:

Email: segreteria@consulenzapizzerie.it.

Tel. 338 5760701 (Marco Lungo)

Per Materiale Fotografico e Testi: Accedere Qui alla Cartella Stampa 

 

Salva Il Tuo Locale! – Il libro di Marco Lungo, esperto in gestione delle crisi dei locali di ristorazione

 

 

Matrimoni Impossibili tra i programmi più visti di Real Time: non solo amore ma anche problemi sociali

Milano, 14 agosto 2020 – Dopo lo splendido successo della prima tv di Matrimoni Impossibili in onda su Real Time lo scorso 9 agosto, risultato tra i più visti dalla stessa rete, è ora grande attesa per conoscere le novità e curiosità delle prossime tre e ultime puntate della serie tv.

Si riparte dal 16 agosto ore 9.40 del mattino o in alternativa in streaming sul sito di Real Time o sulla pagina di DPlay.

Ospite d’onore della nuova puntata saranno Christian e Valentina, e il grande filosofo e professore, Presidente di Fare Ambiente, Vincenzo Pepe.

Il tema della puntata sarà appunto l’ambiente.

A coronare il sogno d’amore di queste coppie c’è la grande supervisione di una Wedding Planner d’eccezione come Simona Rosito, nota imprenditrice della Green Economy, che insieme a Regina, al marito Roberto Ferrari, conduttore di Radiodeejay e al sostegno della dott.ssa Monica Gabetta Tosetti, oggi riesce a cogliere tra le varie storie d’amore sfaccettature legate a vari aspetti e temi che toccano i più disperati argomenti sociali.

Tumori infantili, la difficoltà di superare i limiti imposti dalla mediocrità sociale sull’omosessualità, fino ad arrivare al tema della violenza sulla donna, al costruire solidarietà nei paesi del mondo dove c’è ne bisogno.

Un real “travestito d’amore”, dove un gruppo ben assortito di imprenditrici e artisti lo rende utile a sviscerare tanti problemi di attualità.

Presente nelle puntate anche il figlio di Simona Rosito, Mario.

Simona e Roberto con questa serie tv regalano al pubblico un sogno d’amore irraggiungibile come il loro matrimonio, in un concetto nuovo di promessa d’amore, dando a noi la possibilità di riscoprirli anche sotto la veste di produttori, autori e interpreti di Matrimoni Impossibili.

 

 



 

 

 

 

TV: arriva “Matrimoni impossibili“, il nuovo format su chi si promette eterno amore

Milano, 5 agosto 2020 – Domenica 9 agosto ore 9.50 e il 16 agosto alla stessa ora, su Real Time, canale 31 del digitale terrestre, andranno in onda le prime puntate del format televisivo “Matrimoni Impossibili”, una novità imperdibile per tutti coloro che desiderano sposarsi e credono ancora nell’amore.

Il format è tutto Made in Italy, compresa l’ideazione.

Produttori, autori e interpreti, ma anche ideatori del format sono infatti Roberto Ferrarinoto speaker radiofonico di Radiodeejay, con la moglie Simona Rosito, imprenditrice della Green Economy, già nota per avere conseguito nel suo settore il Premio 100 Eccellenze italiane a Montecitorio.  E con loro il piccolo Mario Di Pumpo, figlio di Simona.

Il format è nato ed ispirato proprio al loro matrimonio, definito appunto un “Matrimonio Impossibile”!

Al nuovo format collaborerà anche la dott.ssa Monica Gabetta Tosetti, esperta di fashion style e di estetica, che ha accompagnato la coppia e diversi invitati nella realizzazione del sogno, creando i loro abiti in esclusiva, con il suo brand Alessandro Tosetti.

Una partner che sarà anche coordinatrice della comunicazione del format.

Il tema di questa nuova trasmissione Tv sarà un grande riscatto e una grande vittoria dell’amore sulla cattiveria e l’odio.

Tanti gli ospiti e i partner a partire da Regina, Davide de Marinis, Cecilia Gayle e tanti tanti altri ospiti noti.

Un appuntamento da non mancare per tutti gli appassionati del genere.

 

 

 

 

 

Estetica, ora i giovani vogliono “l’effetto filtro”

Como, 6 luglio 2020 – Anche nel campo della medicina estetica il lockdown ha portato grandissimi cambiamenti. Costretti tra le quattro mura domestiche o nei casi più fortunati nel giardino di casa, la quasi totalità delle persone si è rapportata con gli altri attraverso uno schermo, per mezzo di video chiamate, e il rischio di trovarsi a volte in disordine.

“Mai come in questo momento il nostro viso è stato sotto riflettori, e anche le persone più comuni sono state protagoniste di una sorta di Grande fratello del lockdown”, spiega il chirurgo estetico ed esperta di moda e bellezza, Monica Gabetta Tosetti.

Questo ha portato tantissime persone all’utilizzo di filtri e di App specifiche per fare in modo che il proprio volto fosse più bello nei confronti dei propri interlocutori.

L’uso quasi incontrollato di queste App purtroppo ha portato le persone, e soprattutto gli adolescenti, a recarsi nello studio dei medici o dei chirurghi estetici con la richiesta di poter avere il viso, la pelle o i lineamenti, trasformati come fa un App o un filtro”,  continua la dottoressa, che gestisce anche un atelier di famiglia a Como

Un obiettivo molto ambizioso da raggiungere,  che a volte non è realisticamente realizzabile, parlando appunto di App o filtri presenti sulle applicazioni, con effetti difficili da replicare nella realtà.

E questo negli adolescenti è diventato un problema veramente grande, dietro cui si celano addirittura degli atti di cyberbullismo.

La dottoressa Monica Gabetta Tosetti, che è stata spesso durante questo lockdown in rapporto con i clienti dell’atelier, e le pazienti in videochiamata, ha sentito particolarmente chiaro e forte questo problema.

Problema che la dottoressa sente fortemente già da tempo, visto che già lo scorso anno, con l’amica e avvocato Silvia Giampà, aveva pensato di scrivere un libro riguardante proprio il cyberbullismo ed il rapporto che il mondo social ha con la bellezza esteriore.

Un progetto importante, ma rimandato causa del Covid-19, insieme alle lezioni da tenere con gli alunni di diverse scuole comasche, al prossimo anno.

Perché è importante far analizzare ed affrontare questo aspetto ai ragazzi.

Il progetto è quello di mettere in rete piccoli e-Book, inerenti ad ogni singolo problema, dedicati agli adolescenti e non, che spieghino come poter superare ogni tipo di disagio.

Prevista dalla dottoressa anche la creazione di una nuova linea di make-up che, in collaborazione con un produttore famoso in tutto il mondo, darà la possibilità di sembrare più belli e somiglianti ai filtri per tutte le persone, prima di affacciarsi ad un intervento o ad un ritocco estetico.

 

 

La dottoressa Monica Gabetta Tosetti, esperta di bellezza e moda
Exit mobile version