Cultura e solidarietà fondamentali per la crescita collettiva

“Dal pensiero all’opera” è il titolo del volume presentato agli ospiti internazionali del galà dinner di Sorrento, che racchiude la speciale vision imprenditoriale, improntata alla cultura ed al sociale, della Marican Holding, polo logistico internazionale di eccellenza della Campania

Caserta, 14 novembre 2022 – A Sorrento in occasione del galà dinner del Premio Penisola Sorrentina, il gruppo Marican Holding ha presentato agli ospiti internazionali il lavoro “Dal pensiero all’opera”, realizzato per presentare la speciale vision imprenditoriale, che concede molto spazio al sociale e alla cultura.

Marican Holding, polo logistico internazionale di eccellenza della Campania, quest’anno è infatti tra i partner protagonisti della promozione culturale, grazie ad un accordo stipulato per il 2022 con il “Premio Penisola Sorrentina” di Mario Esposito.

Il gruppo nasce nel 2005, fondato dai fratelli Ferdinando, Carlo e Michele Canciello e grazie ad una certa vision imprenditoriale è diventato un modello di riferimento europeo in materia di logistica intermodale e sostenibile, in sinergia con big player nazionali e internazionali del calibro di Amazon, Ferrero, Magneti Marelli, Mondo Convenienza, Fedex, Eurospin, Fercam, Expert, A.ba.co., Lidl, Caterpillar, MD, Sole 365 solo per citarne alcuni.

“La nostra famiglia, anche grazie all’educazione ricevuta e ai sacrifici compiuti quotidianamente, ha maturato la consapevolezza che la diffusione della cultura e della solidarietà sono direttrici principali per favorire percorsi di crescita collettiva ed abbattere le tante barriere invisibili troppo spesso sottovalutate o non comprese nella loro complessità. In questa ottica rientra per noi il “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito”, un brand di cui siamo stati recentemente partner, che raccoglie in sé valenze artistiche e culturali tutte collegate dal filo sottile dell’esaltazione dell’eccellenza in vari ambiti di riferimento, coniugando passione, gusto culturale con una non comune capacità di promozione e valorizzazione del territorio“, ha commentato al riguardo Ferdinando Canciello.  

 

Ferdinando Canciello, CEO Marican Holding

Caro energia, la Stilmarmo eroga 600 euro di bonus ai dipendenti

In Italia l’azienda di Apricena è la prima Pmi nel settore marmi a dare un bonus così sostanzioso

Apricena (Foggia), 2 novembre 2022 – I rincari dei beni energetici stanno mettendo a dura prova imprese e famiglie italiane, «che non sanno più se fare la spesa o pagare le bollette». Una situazione senza precedenti, duramente stigmatizzata da Alfonso Masselli, responsabile delle relazioni esterne di Stilmarmo, player di spicco internazionale del settore marmifero di Apricena (seconda capitale italiana del marmo, dopo Carrara), che, nelle scorse settimane, ha dichiarato agli organi di stampa che «se non si interviene subito, entro fine anno ci sarà un’ecatombe di aziende».

In attesa di soluzioni “concrete” ed “efficaci” da parte delle istituzioni, la governance del gruppo industriale “Stilmarmo” (da sempre impegnato nella valorizzazione della “Pietra di Apricena” in tutto il mondo, negli ultimi anni in partnership con il Politecnico di Bari) ha deciso di erogare, contro il carovita un “bonus acquisti” di 600 euro a ciascuno dei propri dipendenti.

L’operazione, battezzata “The Stilmarmo Group loves its Employees” (“Il Gruppo Stilmarmo ama i suoi Dipendenti”), vede coinvolte le due società del gruppo pugliese (Nar.Marmi e Stilmarmo), ai cui dipendenti saranno distribuiti, nei prossimi giorni, “bonus” immediatamente spendibili in tutta Italia in oltre 13 mila punti vendita convenzionati.

Un’iniziativa lodevole, la prima che si registra su scala nazionale nel settore marmi, dettata dal forte impatto economico del “caro energia” e dell’inflazione, che hanno fatto lievitare a dismisura persino un bene primario come il “pane”.

«Salvaguardare la serenità ed il potere d’acquisto del proprio capitale umano è una priorità assoluta del gruppo Stilmarmo, che, non a caso, si è affrettato a riconoscere alla totalità dei suoi dipendenti fringe benefit nella misura massima consentita dalla legge» dichiara Alfonso Masselli.

I “buoni acquisti” sono, infatti, ben visti dai lavoratori, che possono così acquistare qualcosa di cui effettivamente necessitano o che interessa personalmente.

«Per velocizzare i tempi, in quanto le “emergenze” vanno gestite con urgenza, ci siamo rivolti alla divisione italiana della più grande multinazionale europea operante nel settore dei servizi per le imprese – spiega Masselli –, individuando il “buono acquisto” più apprezzato grazie alla capillarità dei punti vendita convenzionati. Un valido sostegno economico per i dipendenti del nostro gruppo e le loro famiglie, perché utilizzabile sia per fare la spesa al supermercato che per il carburante. Abbiamo scelto una soluzione “easy”, affinché per i nostri dipendenti sia un’esperienza senza stress.

“Buoni acquisti” che coprono in maniera ottimale le insegne della grande distribuzione alimentare ed una delle più importanti compagnie petrolifere. Sono comodi, pratici ed offrono un risparmio importante. Sono utilizzabili in tantissimi esercizi commerciali e distributori di carburante sparsi in tutta Italia, garantendo un’offerta integrata ai nostri dipendenti e, cosa non meno importante, un supporto di customer service».

«In tal modo – evidenzia Masselli – le nostre risorse umane non dovranno paradossalmente scegliere se fare la spesa o pagare le bollette. Alla spesa ci ha pensato la loro seconda famiglia, l’azienda dove lavorano, nell’attesa che il nuovo Governo intervenga celermente con misure straordinarie a sostegno di famiglie e imprese», ricordando che in Italia «sono le Pmi a dare lavoro ad oltre 17 milioni di persone, ovvero il 65% del totale degli addetti, e a generare quasi l’80% del valore aggiunto complessivo. Ciò nonostante, le Pmi non sono mai state al centro delle politiche industriali del nostro Paese». «Nulla di più sbagliato, visto che Iin Italia la crescita delle Pmi è frenata».

«Non puntando sulle Pmi, l’Italia fa male a se stessa, limitando la crescita e lo sviluppo della sua economia» conclude Alfonso Masselli.

 

Uno degli stabilimenti Stilmarmo

 

Alfonso Masselli, responsabile relazioni esterne Stilmarmo

Caro bollette, senza aiuti sarà un’ecatombe di aziende: l’allarme della Stilmarmo

«Caro bollette», a rischio l’export italiano e la tenuta dell’intera economia. Necessari soldi subito a imprese e famiglie: l’allarme lanciato dall’azienda pugliese Stilmarmo

Foggia, 21 ottobre 2022 – «O si interviene subito o sarà la fine dell’export italiano, con gravissime ed irreparabili ricadute in termini economici e sociali». A dichiararlo è Alfonso Masselli, responsabile delle relazioni esterne di Stilmarmoplayer di spicco, a livello internazionale, del settore marmifero di Apricena (seconda capitale del marmo italiano, dopo Carrara).

Per la challenger company del settore lapideo pugliese – che, lo scorso settembre, ha entusiasmato i visitatori del “Marmomac” di Verona (la più importante fiera internazionale del marmo, con 47 Paesi rappresentati), presentando, in anteprima mondiale ed in partnership con il Politecnico di Bari, ben 5 dei 15 prototipi litici esposti nel padiglione delle innovazioni – non ci sono dubbi sui grandi rischi che stanno attraversando le imprese italiane.

«Se non si interviene subito, entro fine anno ci sarà un’ecatombe di aziende, le cui bollette mensili di energia elettrica sono, in alcuni casi, addirittura quintuplicate. L’attuale struttura dei costi – dichiara Alfonso Masselli – oggettivamente non è più sostenibile per nessuna impresa italiana. Quello che un’azienda spendeva in energia elettrica in sei mesi, ora lo spende in uno/due mesi. E le dilazioni di pagamento delle bollette non sono uno strumento efficace, in quanto ci saranno mesi in cui si cumuleranno più rate e deteriorano il rating delle aziende, esponendole a maggiori costi nei confronti del sistema energetico, anche quando la situazione si sarà normalizzata. Occorre intervenire con misure analoghe a quelle adottate dal governo all’indomani del lockdown del 2020, erogando subito – senza scartoffie e circolari interpretative di leggi sempre più oscure – soldi “veri” sui conti correnti delle imprese italiane. Il “caro energia” è un fatto notorio e gli “aiuti” alle imprese devono essere deburocratizzati, com’è avvenuto nel giugno 2020. E, per farlo, non c’è altra strada dello “scostamento di bilancio”, che, se ragionevole, non deve spaventare i paladini degli equilibri dei conti pubblici, perché, se salta il banco dell’economia reale, non ci potrà più essere un bilancio dello Stato. Mettiamocelo in testa tutti. Altro che scostamento» sottolinea Masselli.

La situazione è drammatica anche per le famiglie italiane. Secondo l’indagine commissionata da Facile.it agli istituti “mUp Research” e “Norstat” e resa nota, nei giorni scorsi, da “Il Sole 24 Ore”, ben 4,7 milioni di italiani – a causa dell’aumento del prezzo dell’energia – hanno saltato il pagamento di una o più bollette di luce e gas negli ultimi 9 mesi. E il numero è destinato a crescere se i prezzi non si normalizzeranno.

«Questo dato non mi sorprende affatto. Che si sarebbe naturalmente andati verso una morosità diffusa, lo avevo dichiarato al quotidiano foggiano “l’Attacco” lo scorso primo settembre. Se il pane costa mediamente 5 euro al chilo, e in alcuni centri anche di più, è naturale che le famiglie si trovino costrette a dover scegliere cosa pagare: se il pane o le bollette» apostrofa Masselli, sottolineando «la necessità che siano previste – con l’avvicinarsi dell’inverno – misure urgenti a sostegno delle famiglie, come lo sconto “alla fonte” nelle bollette di luce e gas, una misura che sarebbe adeguata anche per le imprese».

Ma l’analisi dell’azienda pugliese (capogruppo dell’omonimo gruppo industriale “Stilmarmo”, da sempre impegnata nella valorizzazione della “Pietra di Apricena” in tutto il mondo) si spinge oltre. A rischio c’è anche l’export italiano. «I Paesi lontani da questo surreale “caos” (nel 2019 l’industria manifatturiera italiana ha pagato per l’energia 8 miliardi di euro; nel 2022 il conto sarà di 110 miliardi) faticano a comprendere gli aumenti che gli esportatori italiani si trovano costretti a praticare sui propri listini prezzi a causa dei costi energetici fuori controllo e sono determinati a orientarsi verso altri prodotti. Il mercato globale non perdona. Il nostro osservatorio ci ha già restituito segnali in tal senso. La preoccupazione è seria. L’Italia rischia di vanificare interi decenni spesi per l’internazionalizzazione delle sue imprese, con pesanti ricadute sul Pil dei prossimi anni. Se non si interviene subito, il danno sarà irreparabile» evidenzia Masselli.

«Ci si augura che i sindacati, le associazioni di categoria e la politica tutta si rendano protagonisti del “salvataggio” dell’economia reale del nostro Paese e che il primo provvedimento del nascente governo sia un decreto legge da “pronto soccorso”, scritto in maniera chiara e senza la necessità di circolari interpretative. Non c’è più tempo per le interpretazioni» conclude Masselli.

 

Alfonso Masselli, responsabile relazioni esterne Stilmarmo

 

Marmomac 2022 Verona, Stand Stilmarmo

 

Politecnico di Bari, la Stilmarmo propone Apricena come sede dei Master

Foggia, 8 settembre 2022 – “A breve formalizzeremo la nostra proposta di istituzione ed attivazione nella città di Apricena, in provincia di Foggia, di corsi di master di primo e secondo livello del Politecnico di Bari. Lo faremo subito dopo la 56esima edizione del Marmomac, la più importante fiera mondiale dedicata all’intera filiera della produzione litica”.

Ad annunciarlo è Alfonso Masselli, responsabile delle relazioni esterne di Stilmarmo, player di spicco, a livello internazionale, del settore marmifero di Apricena e che della “Ricerca & Sviluppo” sta facendo il suo mantra.

Il Politecnico di Bari e la Stilmarmo saranno insieme già protagonisti, con installazioni e prototipi molto innovativi a Marmomac, un’importante fiera del settore, che tratta dalla cava al prodotto lavorato, dalle tecnologie e dai macchinari agli utensili, si terrà a Verona dal 27 al 30 settembre prossimi.

La partnership tra l’azienda apricenese, capogruppo dell’omonimo gruppo industriale “Stilmarmo”, da sempre impegnata nella valorizzazione della Pietra di Apricena in tutto il mondo, e il PoliBa (primo politecnico del sud d’Italia e tra i migliori d’Europa) si è intensificata negli ultimi tempi ed ha raggiunto un livello di maturità significativo.

Dopo la loro partecipazione alla Biennale di Architettura di Venezia 2021 con l’installazione “Porzione d’Infinito” e la realizzazione della mostra “Quarry Visions”, inaugurata ad Apricena lo scorso 23 luglio, con l’intervento di Francesco Cupertino, rettore del Politecnico di Bari, Fabio Tellia, associato del celebre studio di architettura “Norman Foster + Partners” di Londra, Anthony Caradonna, docente e ricercatore della prestigiosa università americana “New York Institute of Technology”, e Giuseppe Fallacara, professore ordinario di progettazione architettonica del politecnico barese nonché ideatore della mostra.

A maggio scorso, PoliBa & Stilmarmo si sono aggiudicati il bando pubblico “Riparti” della Regione Puglia col progetto di ricerca “Sistemi autoportanti di facciata impieganti blocchi lapidei di scarto per la progettazione sostenibile in area Mediterranea”, che vede, come responsabile scientifico, Giuseppe Fallacara, del dipartimento di scienza dell’ingegneria civile e dell’architettura del politecnico barese e, quale referente operativo, Cinzia Rinaldi, del dipartimento import/export dell’azienda apricenese. Assegnista del progetto, finanziato dalla Regione Puglia, è il noto architetto Micaela Colella, che ha già iniziato le attività di ricerca (della durata di diciotto mesi) presso l’azienda ed il politecnico pugliesi.

“Lo dobbiamo alla città di Apricena, seconda capitale del marmo italiano (dopo Carrara). Aziende e università dovranno interagire sempre di più. A volerlo è il mercato globale. L’istituzione, l’attivazione e l’organizzazione di corsi di master di primo e secondo livello del Politecnico barese consentiranno di dare risposte concrete alle esigenze provenienti dal mondo del lavoro e delle professioni. Il settore marmifero di Apricena, per affrontare le grandi sfide globali che ci attendono, ha urgente bisogno di figure professionali altamente specializzate.

Il gruppo Stilmarmo metterebbe a disposizione il suo collaudato know how e le sue strutture per visite didattiche, tirocini, stages. Siamo certi che l’amministrazione comunale, molto sensibile a queste tematiche, non farà mancare i necessari spazi per lezioni frontali, seminari e conferenze, affinché Apricena diventi centro di ricerca e di alta formazione professionale nel settore marmifero italiano”, ha concluso Masselli.

 

 

Bando regionale “Riparti”, se lo aggiudica la Stilmarmo

Bari, 29 luglio 2022 – L’azienda pugliese, capogruppo dell’omonimo gruppo industriale “Stilmarmo”, da sempre impegnata nella valorizzazione della “Pietra di Apricena” in tutto il mondo, e il PoliBa (primo politecnico del sud d’Italia e tra i migliori d’Europa) si sono aggiudicati il bando pubblico “RIPARTI” della Regione Puglia.

La misura regionale si colloca all’interno della “Strategia Europa 2020” per una crescita intelligente, inclusiva e sostenibile, la quale ha ribadito il ruolo determinante che la ricerca riveste sul fronte dell’innovazione e dello sviluppo del tessuto socio-economico-industriale coerentemente con la “Smart Specialization Strategy” della Regione Puglia. Fondamentale importanza riveste, a tale scopo, lo sviluppo di competenze specifiche, finalizzate allo sviluppo di ricerche innovative in grado di fondere la conoscenza e l’innovazione con la richiesta dei fabbisogni del tessuto economico-sociale.
Il progetto di ricerca, presentato da PoliBa & Stilmarmo, col titolo “Sistemi autoportanti di facciata impieganti blocchi lapidei di scarto per la progettazione sostenibile in area Mediterranea”, vede, come suo responsabile scientifico, Giuseppe Fallacara, del dipartimento di scienza dell’ingegneria civile e dell’architettura del politecnico barese e, quale suo referente operativo, Cinzia Rinaldi, del dipartimento import/export dell’azienda apricenese. Assegnista del progetto, finanziato dalla Regione Puglia, è il noto architetto Micaela Colella, ricercatrice del medesimo politecnico.

L’obiettivo principale del progetto di ricerca è di determinare nuove modalità di utilizzo del materiale attualmente non commerciabile (di scarto), finalizzato alla definizione di una nuova filiera produttiva per la realizzazione di blocchi in pietra di grande dimensione da impiegare nella costruzione di facciate autoportanti o, in alternativa, in sistemi costruttivi portanti per case a basso impatto ambientale. Tali blocchi saranno specificamente progettati e testati per essere utilizzati in ambito mediterraneo e prevedranno l’integrazione delle componenti impiantistiche e di materiali con ottime proprietà di isolamento termico. Dal punto di vista progettuale, la ricerca intende avvantaggiarsi delle più recenti strategie di prefabbricazione avanzata, di progettazione computazionale e BIM, al fine di creare specifici framework in grado di utilizzare i blocchi in modo flessibile e totalmente personalizzato (mass customization).

«Il raggiungimento degli obiettivi appena descritti, oltre all’espansione economica dell’intera filiera e della Regione Puglia» dichiara Alfonso Masselli, responsabile delle relazioni esterne di Stilmarmo «contribuirebbe alla promozione di un approccio maggiormente etico e sostenibile nell’utilizzo delle risorse naturali, delle quali la città di Apricena, con la sua “Pietra” famosa in tutto il mondo, è indiscussa rappresentante. L’impiego cosciente dei materiali lapidei sarebbe in grado di dare un rilevante contributo alla lotta ai cambiamenti climatici. Con questo progetto di ricerca – conclude Masselli – vogliamo caratterizzarci nell’ambito della “manifattura sostenibile”, puntando sulla competitività, l’efficienza, l’innovazione e l’eccellenza tecnologica nei processi produttivi, così da favorire uno sviluppo sostenibile sia in termini di impatto ambientale che sociale».

La partnership con il Politecnico di Bari

La Stilmarmo di Apricena, del cui bacino estrattivo marmifero (secondo in Italia, dopo quello di Carrara) rappresenta il player di spicco a livello internazionale, ha intensificato negli ultimi tempi la partnership con il Politecnico di Bari.

Dopo la partecipazione alla Biennale di Architettura di Venezia 2021 con l’installazione “Porzione d’Infinito” e la realizzazione della mostra “Quarry Visions”, inaugurata ad Apricena, in provincia di Foggia, lo scorso 23 luglio, con l’intervento di Francesco Cupertino, rettore del Politecnico di Bari, Fabio Tellia, associato del celebre studio di architettura “Norman Foster + Partners” di Londra, Anthony Caradonna, docente e ricercatore della prestigiosa università americana “New York Institute of Technology”, e Giuseppe Fallacara, professore ordinario di progettazione architettonica del politecnico barese nonché ideatore della mostra.

 

Bando “RIPARTI” Regione Puglia – Stilmarmo & Politecnico di Bari

 

 

Alfonso Masselli, Responsabile relazioni esterne Stilmarmo
(Ph: Gaz Blanco)

Nuovo registro pubblico delle opposizioni: dal 27 luglio il via

Gli iscritti non riceveranno più chiamate commerciali indesiderate, neanche sul mobile. Inside Marketing ha commentato con Frank Merenda effetti e conseguenze del nuovo RPO sul telemarketing

Milano, 28 luglio 2022 – È attivo dal 27 luglio il nuovo registro pubblico delle opposizioni (RPO), uno strumento voluto dal Ministero dello Sviluppo Economico per contrastare il telemarketing molesto. I consumatori che non vogliono più ricevere comunicazioni commerciali indesiderate possono iscrivere in apposite liste non solo indirizzi di posta e numeri di telefono fissi, com’è già possibile in Italia dal 2010, ma per la prima volta anche numeri di cellulare.

Alle aziende e agli operatori di telemarketing l’obbligo di consultare periodicamente le stesse liste e cancellare, entro quindici giorni, dai propri database i contatti che hanno negato il consenso alle comunicazioni commerciali, pena sanzioni dall’entità ancora da stabilire.

Con l’iscrizione effettuabile anche online e tramite email, e non solo via raccomandata come in precedenza, il nuovo registro pubblico delle opposizioni potrà avere un effetto distruttivo sul settore delle vendite telefoniche.

Un settore ancora ben prospero in Italia e che varrebbe nel complesso 40 miliardi di euro annui, di cui almeno 2.8 provenienti proprio dal telemarketing.

Questo spiega, almeno in parte, dubbi e ritrosie degli addetti ai lavori per quanto riguarda effetti ed efficacia del nuovo RPO. Più che come comportarsi per essere complaint alle nuove previsioni e rispettare le volontà del consumatore, comunque, la riflessione più ampia che aziende e marketer dovrebbero fare ha a che veder con quanto conviene ancora investire in marketing telefonico e se non esistano per le aziende alternative con maggiore ritorno sull’investimento.

Inside Marketing ne ha parlato con Frank Merenda, divulgatore ed esperto di marketing. Quasi sempre il telemarketing «interrompe o disturba una persona che sta facendo altro, che non ha richiesto una nostra chiamata, che si sente invasa nella sua privacy da qualcuno che inizia a metterle pressione per acquistare qualcosa». La sfida è dunque per le aziende che non vogliono rinunciare a questa forma di marketing diretto «far sì che siano le persone realmente interessate ad “alzare la mano” per essere richiamate e ricevere quindi una chiamata gradita che stanno aspettando e hanno richiesto», ha sottolineato l’esperto.

Un approfondimento è disponibile al seguente link: https://www.insidemarketing.it/nuovo-registro-pubblico-delle-opposizioni

 

Riguardo Inside Marketing

Inside Marketing è una testata giornalistica online specializzata in ambito marketing, comunicazione e cultura digitale. Analizza il settore a 360 gradi, ponendo particolare attenzione alla scelta di strumenti e strategie utili per operare nel campo. Quotidianamente parte del lavoro di redazione è concentrato sul contestualizzare evoluzioni e mutamenti del macro ambiente e tutti quegli aspetti più generali che vanno a influenzare le scelte nel settore marketing e comunicazione, nonché sullo studio attento e di dettaglio di micro ambienti come neuromarketing, content marketing, influencer marketing e dei fenomeni che si muovono al loro interno.

 

 

###

 

Per interviste ed informazioni:

Redazione

redazione@insidemarketing.it

081 556 86 11

 

 

 

Da Sorrento annunciato il calendario del Premio Penisola Sorrentina 2022

Da Sorrento annunciato il calendario del Premio Penisola Sorrentina 2022. Coinvolti artisti da tutto il mondo. Un programma ricco di format ed appuntamenti culturali su tutta la Campania: un contest culturale dedicato al mare con la Federico II, un progetto di arte digitale e metaverso, una campagna di marketing innovativo e la serata d’onore a Sorrento dedicata al mondo del cinema e dell’audiovisivo.

Sorrento (Na), 23 luglio 2022 – La cultura è il motore della rinascita”, così scrive il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola nel claim scelto per la campagna di marketing innovativo che da giugno scorso campeggia, attraverso una serie di poster murali, all’interno della stazione Eav di Napoli e che durerà fino all’autunno.

La sfida dell’arte e della comunicazione in uno scenario globale sarà al centro delle azioni e dei prodotti che quest’anno saranno realizzati sotto il brand “Premio Penisola Sorrentina”. Tra questi, il contest culturale “Racconti di mare”, ideato in sinergia con il Master di Drammaturgia e Cinematografia della Università degli Studi di Napoli Federico II, coordinato da Pasquale Sabbatino. Una iniziativa legata ai temi del mare e dell’ambiente, declinati attraverso registri e linguaggi culturali diversi (tra cui la fotografia, l’audiovisivo e la letteratura) che cercherà di coinvolgere tutti i comuni della penisola sorrentina collegandosi alla città di Napoli, polo strategico per il mediterraneo.

Accanto ai canali tradizionali, non mancheranno poi i progetti alla digitalizzazione e alla virtualità, grazie ad una ormai consolidata sinergia con la piattaforma Cercarte.it. Nell’ambiente digitale allestito da Alberto Nigro, che raccoglie opere di oltre diecimila artisti provenienti da tutte le parti del mondo, verrà creata dall’rganizzazione la prima opera in metaverso dell’artista sannita Peppe Leone (autore del logo del Premio Penisola Sorrentina), utilizzando la tecnologia innovativa blockchain. Non mancheranno una serie di mostre virtuali che accompagneranno gli amanti dell’arte alla scoperta della bellezza, con l’ausilio delle nuove tecnologie.

“L’innovazione viene da noi considerata come l’adiacente possibile”, afferma Mario Esposito patron del brand Premio Penisola Sorrentina, che a fine ottobre proporrà, infine, la manifestazione più attesa dell’anno: la serata d’onore dedicata al cinema e all’audiovisivo promossa dall’Amministrazione comunale di Sorrento, durante la quale verranno consegnati i riconoscimenti della ventisettesima edizione a sceneggiatori, interpreti, produttori ed esponenti del mondo dell’audiovisivo nazionale ed internazionale.

“Gli organizzatori del Premio internazionale Penisola Sorrentina non smettono mai di sorprendere. Sarà così anche per questa ventisettesima edizione dell’evento che con una serie di format e prodotti culturali attraverserà tutta la Campania e la Penisola Sorrentina, per concludersi a Sorrento con il cinema e l’audiovisivo, offrendo lo spunto per articolare un racconto dell’Italia che riparte”, ha detto il Sindaco di Sorrento Coppola che presiederà i lavori istituzionali dell’evento.

 

 

Il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola.

Crescita rapida sul social network, il nuovo libro di Joel e Roger Pagini è già primo in classifica su Amazon

Roma, 5 luglio 2022 – Non poteva che essere presentato sui social media il nuovo libro di web marketing dal titolo “Crescita rapida sul social network – Come trasformare i clienti in calamite attrai contatti” dei fratelli Roger e Joel Pagini.

Il libro è disponibile già in vendita su Amazon, in libreria o su altri store digitali, presenta in modo chiaro e particolareggiato,  ma non tanto da diventare noioso alcune tecniche di ottimizzazione per i propri canali social.

A soli 4 giorni dall’apertura delle vendite ufficiali il libro si è già posizionato nella sezione best seller (libri più venduti) al numero 1 di Amazon per quanto riguarda i libri dedicati ad internet.

Leggendo questo libro imparerai semplici tecniche di ottimizzazione da usare sui tuoi canali social o su quelli dei tuoi clienti, da affiancare a promozioni tradizionali ma anche a quelle meno conosciute e virali come ad esempio le tecniche di incremento e acquisto followers, like e views.

Imparerai a scoprire, pagina dopo pagina, alcune strategie che ti permetteranno, rispettando gli algoritmi di Instagram, Facebook, YouTube o Spotify, di catturare contatti e aumentare la popolarità con più rapidità ed efficacia.

Il testo è corredato da esempi fotografici di alcune tecniche di ottimizzazione e ricco di spunti e Roger e Joel ci raccontano come chiunque con la giusta conoscenza può aspirare a diventare più popolare sui social network.

Impresa: quando il libro serve a fare marketing

ll libro come strumento di marketing: il progetto parte dalle Marche e sta conquistando il mondo dell’impresa. Raggiungere gli obiettivi commerciali grazie ad un libro è possibile…

Milano, 28 giugno 2022 – Scrivere un libro di successo per imprenditori in 30 giorni, pubblicarlo in una settimana e poi distribuirlo in Italia e in tutto il mondo, con l’obiettivo di raggiungere nuove vette di clienti e fatturato. È l’idea nata e sviluppata dall’ing. Emanuele Properzi di Porto Sant’Elpidio, nelle Marche, ribattezzata con il nome Bookness,

Si tratta di un progetto editoriale che ha permesso di dare al libro una forte valenza di brand, una miscela esplosiva di comunicazione, storia, reputazione dell’azienda e del professionista protagonisti della pubblicazione.

Nel corso degli ultimi 5 anni sono stati scritti più di 600 libri, grazie a un team di scrittori professionisti che si sono formati seguendo le metodologie editoriali esclusive brevettate da Properzi.

Dallo studio dei bestseller al metodo “Bookness”

Il metodo di scrittura di Bookness è stato infatti chiamato “Bestseller Framework®” e come spiega Properzi, è stato elaborato «dopo aver analizzato oltre 300 libri imprenditoriali bestseller a livello internazionale e dopo aver riconosciuto all’interno di essi una specifica e ricorrente struttura di contenuti».

«Negli anni abbiamo testato il processo di scrittura del libro partendo da un’intervista iniziale fatta all’autore – continua Properzi – e da una raccolta attenta di materiale utile per costruire l’opera migliore per l’autore e, soprattutto, per i suoi obiettivi commerciali.

Grazie ad un processo collaudato attraverso il Bestseller Framework, con il team di Bookness siamo in grado in meno di un mese di scrivere un libro per qualsiasi imprenditore, formatore, coach, professionista ed esercente».

Dalle multinazionali a piccoli professionisti, la scrittura e la pubblicazione di un libro si sono rivelate operazioni molto efficaci, capaci di portare effetti clamorosamente positivi per le finanze e per la promozione di attività tra le più disparate tra loro”.

“Il successo di Bookness – conclude Properzi – sta nel fatto che noi facciamo crescere i fatturati di professionisti e imprenditori attraverso un libro che loro non hanno tempo o possibilità di scrivere».

Il metodo permette all’autore, e quindi al suo business, di posizionarsi come leader del settore in questione, aiutandolo a generare, più di qualsiasi altra operazione di marketing possibile e immaginabile, un flusso costante di clienti.

Per ulteriori approfondimenti sul metodo Bookness basta visitare il sito internet www.Bookness.it o scrivere alla mail info@bookness.it.

 

###

Per interviste ed informazioni:

telefono:  327 5850112

 

Ufficio Stampa

info@ufficiostampaecomunicazione.com

 

 

L’ing. Emanuele Properzi, ideatore del metodo Bookness

 

Manuela Arcuri tra impegni privati e professionali rilascia un video per SWJ Web Marketing

Roma, 11 aprile 2022 – Manuela Arcuri la bella attrice, showgirl 44 enne si trova in un momento della sua vita unico e ricco di novità, vediamo infatti l’attrice impegnata in tutti i fronti sia personali che professionali.

Manuela ha una bella storia d’amore che prosegue già da 11 anni , un figlio di 7 anni, Mattia, e il suo compagno Giovanni Di Gianfrancesco, con cui si e’ sposata a Las Vegas nel 2013. Quest’anno Manuela Arcuri e il marito hanno deciso di rinnovare le loro promesse con un secondo matrimonio da favola in Italia.

Già anche la proposta è stata davvero speciale, con lui che l’ha portata a vedere un terreno sul quale progettano di costruire il loro “castello”. Nel mentre un aereo passava nel cielo con la scritta “vuoi sposarmi?”, proprio con un film. Anche l’anello molto particolare ha la forma di cuore ed e’ stato realizzato su misura proprio per la bella Manuela Arcuri.
Quindi, il matrimonio, previsto per i prossimi mesi, e sognato al tramonto su una spiaggia tra Sabaudia e Latina, non potrà che essere una celebrazione indimenticabile che attirerà l’interesse di tutti i suoi fan e non solo, sicuramente sarà  al centro del gossip dei prossimi mesi.

La data esatta non è ancora stabilita, ma il sì arriverà nel corso del 2022L. E trapelano notizie che Mattia potrebbe anche non restare figlio unico.

Manuela Arcuri, oltre ad essere sommersa da molti impegni di impegni nella vita privata, perché, come sappiamo, preparare un matrimonio non è mai una cosa semplice, continua ad avere come abbiamo sopra citato, molti impegni anche nella vita professionale.

Tra qualche mese la vedremo come madrina nella nuova edizione della Corsa degli Zingari, in programma il 4 settembre a Pacentro. Gli organizzatori si dicono estremamente contenti della scelta della loro testimonial e preannunciano una edizione davvero unica e speciale proprio come la madrina dell’evento.
Un personaggio poliedrico e amato dal pubblico, Manuela Arcuri si è recentemente prestata anche a fare da testimonial in un video che recensisce l’agenzia web SWJ Web Marketing, una delle agenzie italiane maggiormente utilizzate da VIP ed artisti per la promozione efficace sui social network.

L’agenzia e’ infatti specializzata nel fornire servizi di incremento followers, like e views di ogni tipo. Manuela cosi come molti altri Vip da anni si rivolgono all’agenzia proprio per la qualità dei servizi offerti
E’ possibile visionare il video rilasciato da Manuela Arcuri a questo link https://www.youtube.com/watch?v=ggAb9K7d4oY
In ultima battuta pare che la bella attrice e showgirl potrebbe, finalmente, dopo vari rifiuti, considerare la partecipazione ad un reality che potrebbe essere o il Grande Fratello Vip o L’isola dei famosi, insomma e proprio vero che i 40 anni sono i secondi 20 e per Manuela Arcuri, l’agenda e’ sempre piena di impegni!

 

 

 

 

Exit mobile version