Daniele Montagner, continua la ricerca musicale con gli Ensemble Voayagers

0

Milano, 5 novembre 2018 – La musica si presenta sotto diverse forme e gli artisti più vari quotidianamente si impegnano a realizzare opere diverse, legate ai generi più vari e più complessi. Il mercato musicale è però spesso ricolmo di operatori molto simili, che procedono tutti nella stessa direzione, limitandosi a ciò che il bacino di utenza più promettente può richiedere.

Esistono però alcuni artisti, definibili quasi come ricercatori d’avanguardia, che studiano la musica sviscerandola fino ai suoi elementi più complessi e reconditi.

La musica infatti esiste come un continuum, vivendo come frutto delle produzioni musicali più antiche fino a quelle più moderne, un unicum armonico in grado di fornire risultati ancora più innovativi.

Gli Ensemble Voyagers e lo studio di antiche tradizioni artistiche

Tra gli esperti del settore che operano continuamente in questo settore vi sono sicuramente i membri di Ensemble Voyagers, un collettivo aperto di musicisti di livello creato da Daniele Montagner, da anni impegnato nella ricerca musicale di brani antichi e di tradizioni particolari.

Un esempio della produzione musicale di Ensemble Voyagers è certamente quella di Two songs from Okinawa, realizzata con la collaborazione di Shinobu Kikuchi Manu Saladino.

Le Okinawa songs interpretate dall’Ensemble non derivano dalle opere di sakamoto, a cui vengono spesso erroneamente attribuite. Si tratta di brani in grado di aprire i sensi ed espandere la riflessione personale, studiando tradizioni extra-europee e unendole alla tecnica di strumenti diversi.

L’ultimo progetto di Ensemble Voyager di più recente pubblicazione è però Chanson Balladeé, un passo in più rispetto allo studio della musica medievale verso la musica del Rinascimento.

Prendendo confidenza con la reinassance musicale più celebre, l’Ensemble ha studiato questo brano antico già sfruttato come sigla dell’Almanacco del Giorno Dopo su TV RAI ed è stato scritto in questa versione da Antonino Riccardo Luciani come omaggio musicale. Non si tratta invece di una revisione dell’opera del noto compositore dell’Ars Nova francese Guillaume de Machaut.

In Chanson Balladée le abilità nel flauto di Daniele Montagner si uniscono alla ritmica perfetta di Manu Saladino e al trombone barocco di Floriano Rosini.

Si tratta di una catarsi acustica di gran pregio, un elemento prezioso per tutti gli amanti della musica più ricercata e rara. Questo prodotto musicale è un risultato eccellente di uno studio su larga scala di più tradizioni.

Chanson Balladée il più recente frutto degli Ensemble Voyagers.

Oltre alla Chanson, la musica dell’Ensemble Voyagers è certamente nota anche per i brani Due Sonetti di Dante, che sono stati presentati lo scorso 14 ottobre al teatro Filodrammatici a Milano. Si tratta di due brani ispirati a due sonetti di Dante elaborati grazie alla maestria del compositore Paolo Coggiola.

L’ispirazione di queste opere è puramente neo-classica e si apre al pubblico grazie all’armonia delle tecniche strumentali di Daniele Montagner e Manu Saladino con l’aggiunta del liuto di Ugo Nastrucci e dell’armonium di Tiziano Nizzia.

Si tratterà di un evento ideale per gli amanti della musica medievale, che metterà in luce l’abilità dell’Ensemble Voyagers nonché il prezioso frutto di un lavoro intellettuale e tecnico di pregio richiedente un estremo impegno.

 

Share.

About Author

Comments are closed.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!