È “Hell figlia di Lilith” l’esordio letterario dell’influencer Alessia Tresoldi

Roma, 28 novembre 2022 – Influencer, modella, attrice, AR creator e ora anche scrittrice, Alessia Tresoldi ha annunciato attraverso Instagram l’uscita del suo primo libro “Hell figlia di Lilith”, disponibile da subito su Amazon, ed entro Natale in tutte le librerie.

Alessia Tresoldi ha 24 anni, è di Bergamo, laureata in Biotecnologie per la salute, è conosciuta come Alefe24 su Instagram, con oltre mezzo milione di follower, ed ha da poco svelato ai fans la trama del suo esordio letterario fantasy.

Hell figlia di Lilith, la trama

“Tutto ebbe inizio con una mela.

Nacqui molti anni fa e mi venne dato il nome Hell, mio padre e mia madre sono i sovrani dell’inferno, Lucifero e Lilith e io la futura regina.

Nata senza ali c’era qualcosa che mi attraeva nel mondo terrestre, semplice curiosità o qualcosa di più? Ho passato gran parte della mia vita con gli incubus, creature in grado di richiamare le menti degli abitanti della terra, fino a quando…”.

 

Contatti social dell’autrice:

 

Alessia Tresoldi: https://www.instagram.com/alefe24/

Hell figlia di Lilith: https://www.amazon.it/Hell-figlia-Lilith-Alessia-Tresoldi/dp/B0BMJT3B15/

 

 

 

 

SPORT CRIME, arriva la prima serie tv di investigazione sportiva, su Prime Video e Chili

 Debutta l’8 dicembre su Prime Video e Chili la prima serie tv di investigazione sportiva: in arrivo muscoli, psicologia, humour, thriller e rock

Roma, 24 novembre 2022 – C’è grande attesa per la prima stagione di SPORT CRIME, che per la prima volta sbarcherà su Prime Video e Chili a partire dall’8 dicembre 2022, dopo essere stato presentato al 49° Festival del Cinema di Venezia e al 44° Moscow Film Festival.

Mentre è già in preparazione la seconda stagione, che vede Keymotions quale co-produttore con Blullow, la prima stagione di Sport Crime si presenta al pubblico con colpi di scena, grazie ad una narrazione avvincente ma anche, e soprattutto, ai suoi protagonisti. Un cast composto da sportivi che interpretano loro stessi, presentando la realtà sportiva in una modalità inedita e come, sicuramente, non si è mai stata vista in una serie televisiva.

Sport e rock, muscoli e psicologia, suspense e humour: attraversare il bello per proteggere dal brutto. Uno scavalcamento dei crimini sportivi più dibattuti dalle cronache e un’immersione nelle reali e affascinanti problematiche non dette che nel corso degli episodi diventano funzionali all’esplorazione delle bellezze sportive, soprattutto quelle sconosciute. Nel grande solco di Sherlock Holmes che “usava” il crime per farci scoprire l’East End o di “Baywatch” che ci invitava in spiaggia dopo avercela presentata tramite prevenzione e indagine.

Da sx: Toussaint Mavakala, Luca Tramontin, Nabila Jaziri, Elettra Mallaby, Daniela Scalia, Daniel McVicar

Luca Tramontin e Daniela Scalia: autori e protagonisti di SPORT CRIME

Girata tra Italia, Croazia e Svizzera e distribuita internazionalmente da New Films International di Los Angeles, SPORT CRIME è la prima serie TV di investigazione sportiva, le cui vicende si snodano nei luoghi in cui la pratica atletica trova realmente spazio: palazzetti, club, palestre, associazioni e polisportive. Ambienti di incontro e aggregazione in cui si vivono esperienze preziose, di amicizia, sudore e fatica, e nei quali, a volte, possono accadere eventi e comportamenti negativi e pericolosi.

A guidare gli spettatori, in magnifici scenari da Lugano al Delta del Po, da Torino a Rijeka, due protagonisti inediti: Luca Tramontin (Luka “Dabs” Kriv) e Daniela Scalia (Daniela Goblin), che di SPORT CRIME sono anche gli autori. Entrambi atleti, commentatori e analisti sportivi, nonché autori di programmi TV nella vita reale, ci accompagneranno puntata dopo puntata nel cuore delle investigazioni sportive dell’Agenzia SEAMS.

In una serie sorprendentemente femminile, il personaggio chiave è però Dabs: comico, sciamanico, anti macho, super atletico, poliglotta, “intellettuale da riformatorio”, animalista, con un abbigliamento autoprodotto con tessuti indiani e richiami alla sua grande passione per il rock anni ’70.

Un cast variegato che prosegue con i volti di Daniel McVicar (Justin Keller), Elettra Mallaby (Laura Bonini Keller), Linda Messerklinger (Haida), Andrea Zirio (Andrea Laurich), Alice Piano (Alba Vasquez) oltre alla ginnasta azzurra Giada Grisetti, al multisportivo atleta adaptive Andrea De Beni, al cestista Alessandro Abbio, al campione olimpico di scherma Alfredo Rota, al rugbista Stefano Bettarello e altri. E ancora, moltissimi volti nuovi e interessanti, come gli esordienti Toussaint Mavakala (Jaden Botende) e Nabila Jaziri (Jasmine Saidi), ai quali non potrete fare a meno di affezionarvi!

Ma SPORT CRIME è anche rock, e ne assaporeremo il ritmo sia per la scelta stilistica della colonna sonora sia per la partecipazione alla serie di Robin Le Mesurier, chitarrista di Rod Stewart e Johnny Hallyday.

 

La ginnasta azzurra Giada Grisetti del Centro Sport Bollate sul set a Ronago

Una serie sullo sport, come non l’avete mai vista. Solo sportivi?

La serie si contraddistingue per l’autenticità che traspare nei protagonisti e nelle azioni sportive. Un vero in grado di soddisfare anche lo spettatore più attento ed esperto mentre gli elementi classici delle grandi fiction colgono a fotogrammi aperti anche e soprattutto l’audience non sportiva.

Vero sport, 100% fiction

Il confine tra reale e fiction è molto sottile in SPORT CRIME, perché ognuna delle prime 6 puntate della prima stagione vede protagonista uno sport, conosciuto o sconosciuto, sempre spettacolare, con le proprie ‘’star’’, i luoghi dove realmente si allenano e le sequenze di allenamento e azioni di gioco reali, il tutto in un susseguirsi di psicologia, humor, tensione, adrenalina e inclusione.

Backstage con Robin Le Mesurier e i The Sticky Fingers (ph. Pino Fama)

La trama

L’analista sportivo, ex rugbysta e rocker Dabs e l’ex anchor TV Daniela Goblin fondano a Lugano l’agenzia sportiva SEAMS. Fin dall’inizio SEAMS è coinvolta in casi che vanno ben oltre la superficie. La percezione e la sensibilità uniche di Dabs nell’investigazione sono cruciali e spesso lo spingono al limite. La morte di un vecchio compagno di squadra innesca un viaggio nel passato. La squadra si muove tra casi sportivi e location magnifiche. Veri atleti e forti identità territoriali in un mix di azione, tra le bellezze e i lati oscuri dei vari sport, pericolo, psicologia e humour, con una colonna sonora originale ispirata al rock anni ‘70.

Stillshot dalla puntata “Rijeka”

Se la tua passione è lo sport, il rock o entrambi, non puoi perderti Sport Crime perché…

  • All’interno della prima stagione, lo sport è rappresentato da Pallanuoto, MMA, Boxe, Rugby, Hockey, Football Gaelico, Scherma, Basket “normo” e “wheelchair”, Hockey su ghiaccio, Atletica.
  • Gli sportivi professionisti maschili e femminili che si susseguiranno nelle puntate sono: Alfredo Rota (olimpico di scherma), Alessandro Abbio, Andrea De Beni e Dimitri Lawers (grandi nomi del basket), Giada Grisetti (internazionale di ginnastica artistica), Tiago Pugno (campione svizzero di boxe), Stefano Bettarello (il più grande rugbista italiano di sempre, il primo a giocare con i Barbarians). Inoltre, compariranno anche giovani emergenti o amatori.
  • Ogni puntata è accompagnata da una colonna sonora originale ideata dallo stesso Tramontin e ispirata al rock anni ’70. La playlist è disponibile su Spotify, Amazon Music e Youtube.
  • Lo sport è mostrato anche in chiave ‘’non convenzionale’’, con la preparazione atletica delle rockstar, in particolare grazie alla partecipazione di Robin Le Mesurier, il celebre chitarrista di Rod Stewart e Johnny Hallyday.
  • La prima stagione è visibile su Prime Video e Chili dall’8 dicembre 2022 ed è già in lavorazione la seconda stagione.
  • È possibile seguire SPORT CRIME e i suoi protagonisti sulle piattaforme ufficiali:

Anche lo Sport ha il suo lato Crime ma puoi contribuire a difendere lo sport e i suoi valori: supporta SPORT CRIME condividendo i contenuti con l’hashtag #sportcrime e #sportcrimetvseries.

Allegati

Mario Persico, a Natale il libro sul musicista napoletano

Napoli, 22 novembre 2022 – Sara in libreria per Natale 2022 il nuovo libro del tenore Luca Lupoli, il saggio sul musicista napoletano Mario Persico, autore dell’ opera lirica “La Locandiera” di Goldoni, con la straordinaria prefazione del noto tenore M° Fabio Armiliato.

Il libro è edito da Alethèia fondata da Federico Faccioli, noto scrittore, definito il Bukowski italiano, casa editrice no profit di Verona, che pubblica solo opere di qualità dopo una accurata ed attenta selezione, e per questo risulta tra le più apprezzate nel settore e sui social.

Il saggio si intitola “Mario Persico e la sua produzione operistica”, resoconto di un viaggio nelle memorie, nei ricordi e nella musica di un musicista quasi dimenticato. Per questo l’autore, in questo libro, concentra la sua attenzione sul musicista che ha messo in musica,  tra le varie composizioni, un’opera fondamentale di Goldoni “La Locandiera”, e la cui musica risente del melodramma verista italiano e impressionismo francese, ma ha anche le sue origini più lontane nel filone della grande scuola partenopea che fa capo ad Alessandro Scarlatti.

Questo è l’incipit per introdurre un grande artista, di cui poco si sente parlare, ma che merita sicuramente di essere menzionato e ricordato. L’incontro dello scrittore con il nipote del musicista, Sergio Nuvola, è fondamentale, in quanto non era facile reperire fonti bibliografiche, memorie, ricordi ed altro, relativi a Mario Persico. Il nipote racconta allo scrittore la vita dello zio Mario, soffermandosi su molti particolari, ad esempio, come cominciò la sua carriera, che cosa compose e anche argomenti più familiari e privati, come il matrimonio con la governante Gina e il suo carattere.

Dopo queste parti, si prosegue con Morenita, un dramma lirico in un atto, fino ad arrivare alla Locandiera tra toscanità e napoletanità, attraverso un lungo percorso che l’autore spiega in modo esaustivo, citando i testi, con molti allegati, documenti e spartiti, tutto in modo estremamente minuzioso. Certamente, il lettore dovrà leggere il testo con grande precisione, facendo particolare riferimento alle opere citate.

Il linguaggio è scorrevole, ma è anche tecnico e richiede attenzione, in modo che tutto scorra con fluidità. Un libro importante ed egregio che riporta alla luce un artista che merita molto e che deve essere sempre ricordato.

Il reperimento delle fonti bibliografiche è stato curato dal soprano Olga De Maio, compagna di ente e di vita del tenore Luca Lupoli.

 

Scheda biografica dell’autore, Luca Lupoli

Luca inizia a muovere i primi passi nel mondo della musica a 12 anni studiando pianoforte al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli. All’età di 17 anni il suo insegnante, accortosi delle doti canore, lo sprona nello studio del canto e lo affida al M°Girolamo Campanino, poi si perfeziona con i maestri R.Carraturo,S.Pagliuca ed il tenore Luis Alva.

Si laurea in canto e discipline musicali presso il conservatorio di Napoli e consegue la laurea in Lettere moderne ad indirizzo musica e spettacolo presso la Federico II° di Napoli.

Fa il suo debutto in teatro nel 1996 come Rodolfo ne La Bohéme di Puccini. Ha interpretato ruoli di protagonista in opere come La Traviata, Elisir d’Amore sotto la guida del maestro Luigi Alva.

Ha svolto numerose tournée all’estero e si è esibito in teatri internazionali come quelli di Londra, Riga, Bruxelles ed anche fuori dall’Europa con spettacoli in Russia, Cina e Giappone.

Ha all’attivo un’incisione in 3 volumi con la casa editrice Ricordi dal titolo Cantolopera Napoli Recital, una raccolta di canzoni classiche napoletane.

L’ultimo lavoro discografico è un CD dal titolo Live Concert, inciso insieme al soprano Olga De Maio.

È attualmente artista stabile del teatro San Carlo di Napoli.

Presidente della storica Associazione Culturale Noi per Napoli APS

Ideatore e presentatore  con il soprano Olga De Maio del format televisivo Noi per Napoli show in onda su diverse emittenti campane

Organizzatore e direttore artistico del tradizionale Concerto di Capodanno di Napoli e del Festival Internazionale delle Arti Noi per Napoli

Riceve premi prestigiosi quali ” Ritratti di territorio”, “Masaniello “, ” Remigio Paone”, Enrico Caruso da San Giovanniello a New York ”

Ha all’attivo lavori discografici lirico pop scritti per la sua voce da Paolo Audino,autore di Mina,Celentano,Minghi,Bocelli…

Vi rinviamo per un approfondimento più completo a visitare la pagina Facebook dell’ Associazione Culturale Noi Per Napoli e le pagine del loro sito web:

www.olgademaio.it
www.lucalupoli.it
www.noipernapoli.i
www.youtube.com/c/LucaLupolitenoreOlgaDeMaiosoprano
www.facebook.com/AssociazioneNoiPerNapoli

www.facebook.com/Noi-Per-Napoli-Show-113094520448884

 

 

 

 

 

 

 

#associazione #italy #italia #solidarietà #volontari #napoli #beneficenza #sociale #eventi #cultura #arte #aiuto #charity #volontariato #libri #canto #eventi

Con Alessandra Viero le donne protagoniste a Sorrento

Il volto femminile di “Quarto Grado” è stata la madrina del Premio Penisola Sorrentina: “Porto nel cuore Sorrento e l’impegno delle donne”.

Milano, 8 novembre 2022 – L’impegno a favore delle donne, mediante l’utilizzo della comunicazione e degli strumenti connessi di docufiction e di approfondimento giornalistico, è stato l’elemento cardine che ha indotto il patron del Premio Penisola Sorrentina, Mario Esposito, a decretare la nomina di Alessandra Viero a madrina dell’edizione 2022 della kermesse di rilievo nazionale, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Alessandra Viero, volto noto di Mediaset, il venerdì sera conduce, insieme con Gianluigi Nuzzi, su Rete 4, la trasmissione ”Quarto Grado”, dedicata a casi di cronaca e misteri irrisolti, molti dei quali sempre più spesso vedono vittime le donne.

Sul palco del Teatro Tasso di Sorrento, la conduttrice ha presieduto, insieme con il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola, la consegna dei riconoscimenti ufficiali ad importanti donne del mondo dello spettacolo e della cultura nazionale ed internazionale, come la star britannica Amy Macdonald, la sceneggiatrice Anna Pavignano, la produttrice del film Leonora Addio di Paolo Taviani (unico film premiato alla Berlinale 2022) Donatella Palermo e l’attrice Marina Confalone.

Ad essere premiate anche Anna Mazzamauro (la mitica signorina Silvani, sogno del ragioniere Ugo Fantozzi) e la compositrice Rita Marcotulli, la prima donna a ricevere nel 2011 un David di Donatello per le musiche di Basilicata Coast to Coast di Rocco Papaleo.

Altri riconoscimenti ,durante la serata organizzata con il supporto della Film Commission Regione Campania, sono stati consegnati a Totò Cascio (il protagonista bambino di “Nuovo Cinema Paradiso”), Fabrizio Ferracane (protagonista del premiato film di Paolo Taviani, “Leonora Addio”), Francesco Di Leva (premiato dal Master di cinematografia della Università Federico II di Napoli per il ruolo nel film “Nostalgia” di Mario Martone che rappresenterà l’Italia agli Oscar) e al regista Luigi Pane per l’opera prima “Un mondo in più”.

“Dopo essere stata premiata come giornalista anni fa, tornare quest’ anno da madrina al Premio Penisola Sorrentina è stato particolarmente emozionante. Premiare donne eccellenti del nostro cinema come la sceneggiatrice Anna Pavignano, la produttrice Donatella Palermo e una star internazionale come la cantante Amy Macdonald è stato per me un onore. Al Teatro Tasso è andata in scena una grande serata che ha  celebrato la cultura,  la bellezza della Penisola Sorrentina, ma anche un inno alla determinazione e preparazione delle donne. Due caratteristiche – queste ultime – che insieme fanno sempre la differenza”, ha detto al riguardo Alessandra Viero.

 

Alessandra Viero – foto di Leopoldo De Luise

 

A Napoli il tradizionale Concerto dell’Immacolata, a Sant’Anna dei Lombardi

Napoli, 7 novembre 2022 – Il Tradizionale Concerto dell’Immacolata di Napoli si terrà l’8 dicembre 2022 alle h.19,30, presso il Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi.

L’evento, con finalità di beneficenza, è organizzato dalla storica Associazione Culturale Noi per Napoli APS, fondata dalla Dott.ssa Emilia Gallo, e vedrà come protagonisti le strepitose e melodiose voci di artisti quali il soprano Olga De Maio, il tenore Luca Lupoli, il tenore Lucio Lupoli, e artisti lirici partenopei di fama internazionale come Nataliya Apolenskaja all’organo, Gianluca Rovinello arpa, Francesco Schiattarella pianoforte, Raffaele Sorrentino,violoncello, Emmanuele Puxeddu oboe.

Gli artisti eseguiranno un repertorio dedicato alle più belle Ave Maria, di Caccini, Gounod, Adam, Schubert, Verdi, Mascagni, con immortali melodie della tradizione natalizia. Melodie senza tempo che toccano ed emozionano i cuori degli spettatori, accompagnate  anche dal suono del maestoso, antico e spettacolare Organo del Complesso di Sant’Anna dei Lombardi che contribuirà a creare un clima veramente suggestivo e stupirà con incanto lo spettatore, con la narrazione del Prof. Claudio Canzanella, storico e studioso di tradizioni popolari partenopee.

Sarà un viaggio tra melodie molto amate dal grande pubblico e pagine meno conosciute della tradizione, tra le volte della splendida Chiesa monumentale di Sant’Anna dei Lombardi, appunto dedicata alla Vergine, ispiratrice da secoli di composizioni di inesauribile bellezza.

Il canto, la musica e la  narrazione  illustreranno ed esploreranno in maniera poliedrica la figura della Vergine Maria, nella sua tenera concreta maternità umana e divina, che aiuta a  riflettere  ed a prepararsi in maniera più consapevole sul mistero del S.Natale

Il progetto, nato dall’idea e dalla direzione artistica del soprano Olga De Maio e dal tenore Luca Lupoli, rappresentanti dell’ Associazione Culturale Noi per Napoli APS, coniuga arte, cultura e solidarietà ed ha una finalità benefica per la mense dei senzatetto di Napoli, ed è diventato ormai istituzionale, nel corso degli anni, attraverso il riconoscimento dei Patrocini della Presidenza del Consiglio Regionale della Campania, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e della Curia Arcivescovile di Napoli.

Nell’ambito dell’evento vi è la possibilità di visita guidata dalle h.18:00 del Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi e della Cappella del Vasari a cura di Cooperativa ParteNeapolis, con un costo di 4€, da pagare in loco.

 

CONCERTO DELL’ IMMACOLATA 8 DICEMBRE 2022

h.19:30

presso

Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi

Piazza Monteoliveto n.4 – Napoli

Infoline:

ASSCOCIAZIONE CULTURALE NOI PER NAPOLI 339 4545044

Whatsapp: 351 5332617

Contributo associativo: 15 €

Prezzi CRAL: 13 €

Etes Tickets online e punti vendita: https://www.etes.it/sale/event/90792/concerto%20dell’immacolata?idProdotto=90792

Tickets point Edicola Piazza del Gesù Napoli

Complesso Monumentale di Sant’Anna dei Lombardi, tel. 081 4420039

EVENTO CON FINALITÀ DI BENEFICENZA

A Sorrento arriva Amy Macdonald

A Sorrento la cantante scozzese premiata come protagonista di un documentario musicale prodotto per la TV tedesca.

Napoli, 28 ottobre 2022 – Al Teatro Tasso di Sorrento sabato 29 ottobre alle ore 19.30 una grande star della musica britannica Amy Macdonald. Ad annunciarlo Mario Esposito, direttore artistico  del “Premio Penisola Sorrentina Arturo Esposito” produzione televisiva promossa dal Comune di Sorrento guidato da Massimo Coppola.

Amy Macdonald, 12 milioni di dischi venduti nel mondo, 200 milioni di stream su Spotify, ha ottenuto quattro album nella Top 5, ha raggiunto la vetta delle classifiche in dieci paesi nel 2007 con il singolo “This is the life” (Vertigo Records) tratto dall’omonimo album, che divenne la colonna sonora dei Millennials; una canzone, secondo la critica, che riuscì a cogliere le inquietudini di un’intera generazione che fece del “non avere scopi nella vita se non vivere” il suo credo.

“Il non pensare al domani è una libertà che può aprire il baratro del vuoto esistenziale, ma anche spingerti a riempire il domani con qualcosa di utile”.

Amy Elizabeth Macdonald, classe ’87,  è  una  glasvegiana doc, è infatti nata a Bishopbriggs, sobborgo di Glasgow, la città più italiana della Scozia, sposata con il calciatore Richard Foster, colonna della difesa dell’Aberdeen, poi Rangers, oggi del Partick Thistle, si è fatta conoscere agli inizi della carriera come cantante delle cover dei REM e dei Tears for Fears, ma appartiene a quella generazione di talenti del cantautorato scozzese che in Paolo Nutini ha trovato la massima espressione compositiva e poetica.

Amy si è formata però con i Travis, altro grande gruppo rock scozzese della scena Britpop. Di lei ricordiamo anche il brano “Poison Prince”,  canzone sulla tormentata vita di Pete Doherty, altro cantante icona della musica indipendente britannica.

Apprezzati della sua produzione d’esordio anche i singoli L.A. e Run, che fanno parte sempre del fortunato album “This is the life”. Nel 2010 torna al successo con il singolo Don’t Tell Me That It’s Over, tratto dal secondo album A Curious Thing al quale seguiranno nel 2012 “Life in a Beautiful Light” e dopo cinque anni, nel 2017, “Under Stars”. Nel 2018 pubblica la sua prima compilation  “Woman Of The World” (The Best Of 2007-2018), che include tutti i suoi precedenti singoli e l’inedito Woman Of The World.

Il 28 agosto 2020 pubblica il singolo The Hudson che anticipa il suo quinto album The Human Demands, nove milioni di ascolti quando è stato lanciato sul finire del 2020, e siamo al 2022 con l’arrivo sulle piattaforme di “Amy Macdonald Greatest Hits Full Album 2022”, che raccoglie tutta la sua produzione musicale con brani cantati dal vivo, tutti caratterizzati dal suo marchio di fabbrica, vale a dire la martellante energia indie e il lirismo evocativo che infonde a tutte le sue interpretazioni.

“Leonora Addio” di Paolo Taviani vince il Premio Penisola Sorrentina

La pellicola, che ha rappresentato l’Italia alla Berlinale, trionfa alla 27esima edizione del riconoscimento di Sorrento.  Premi assegnati alla produttrice Donatella Palermo e all’attore protagonista Fabrizio Ferracane.

Roma, 24 ottobre 2022 – È “Leonora Addio” di Paolo Taviani la pellicola vincitrice della 27esima edizione del Premio “Penisola Sorrentina” 2022.  Il film si aggiudica la categoria “Film dell’anno”.

Saranno premiati la produttrice, Donatella Palermo e l’attore Fabrizio Ferracane per la sezione “ attore protagonista”.

Unico film italiano in concorso al Festival di Berlino 2022, “Leonora Addio” (dedicato a Vittorio Taviani), racconta la rocambolesca avventura delle ceneri di Pirandello e il movimentato viaggio della su urna da Roma ad Agrigento, fino alla tribolata sepoltura avvenuta dopo quindici anni dalla sua morte.

A chiudere il film in bianco e nero,  c’è  un episodio – a colori – ricavato dall’ultimo racconto del Premio Nobel per la letteratura, scritto venti giorni prima di morire:  è una storia di immigrazione e di profondo dolore, che porterà ad un insano gesto.

“Leonora Addio evoca la suggestione pirandelliana nella solitudine non solitaria di un grande maestro che si libra sulle ali dell’assurdo, del grottesco, del rocambolesco, del doloroso e dell’esistenziale”,  si legge nella motivazione del riconoscimento, promosso tra i grandi eventi della Città di Sorrento e della Film Commission Regione Campania con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Direzione generale cinema e audiovisivo del Ministero della Cultura.

La produzione televisiva e la direzione artistica del’evento sono curate da Mario Esposito.

 

Il protagonista di Leonora Addio Fabrizio Ferracane durante una scena del film

Brand e influencer: la popolarità dei calciatori su Google e Instagram non va di pari passo

Cambia la popolarità dei calciatori su Google e Instagram, in base ad una ricerca dell’agenzia Seeders

Roma, 24 ottobre 2022 – La Coppa del Mondo Qatar 2022 – l’evento trasmesso in tutto il pianeta e che ogni anno batte i record di spettatori –  è alle porte. Quest’anno il campionato mondiale si terrà per la prima volta durante il periodo invernale, caratterizzato da un importante flusso di denaro dovuto alle tante festività ed ai conseguenti regali.

Proprio per questo, quest’anno più che mai, l’evento sportivo si trasforma in una grande vetrina commerciale per i brand desiderosi di promuovere i propri articoli attraverso le sponsorizzazioni dei calciatori sui due principali canali odierni: Google e Instagram.

L’agenzia di marketing digitale Seeders ha colto l’occasione per realizzare uno studio sulla popolarità dei giocatori e delle nazionali su Instagram e su Internet molto interessante.

Come si presentano il podio e il fondo della classifica di popolarità di squadre e giocatori a poche settimane dall’inizio della Coppa del Mondo?

Da Crisitano Ronaldo a Degenek: tutti i numeri

Ad oggi, tra quelli che parteciperanno al prossimo mondiale in Qatar, Cristiano Ronaldo è il calciatore più popolare su Instagram con ben 477 milioni di follower. Alle sue spalle l’asso del PSG Lionel Messi con 356 milioni; chiude il podio il brasiliano Neymar con 178 milioni di seguaci. Tutta un’altra storia sul fondo di questa speciale classifica, chiusa dall’Australiano Degenek che si ferma ad ‘appena’ 155.000 follower.

Tra le nazionali, la Francia fa da padrona, seguita da Brasile e Portogallo. Fuori dal podio la nazionale inglese dei Tre Leoni e l’Argentina.

Passando alla popolarità su Google, misurata con lo strumento Google Trends, la situazione rimane immutata nelle prime posizioni. Discorso diverso se ci si sposta fuori dalla Top 10, dove il bomber polacco Robert Lewandowski accumula ben 19 punti di vantaggio sul collega tedesco del Real Madrid Toni Kroos, che su Instagram vanta ben 6 milioni di followers in più.

Discorso analogo tra i meno seguiti di Instagram: qui il dato interessante riguarda il portiere del Camerun Onana, molto più popolare su Google rispetto a molti altri calciatori con un numero maggiore di follower su Instagram. Allo stesso modo le due classifiche mostrano diverse discrepanze quando si parla di squadre nazionali.

Ma quale sarà la nazionale più cercata su Google?

Popolarità di squadre e giocatori: Instagram e Google a confronto

La ricerca aiuta a individuare particolari e dati interessanti, che mostrano come l’importanza di un determinato giocatore o di una determinata squadra non è la stessa su Instagram e Google, ed aiuta a sottolineare dettagli sulla nazionalità e sui campionati di provenienza dei differenti giocatori.

Lo studio sulla popolarità dei giocatori del prossimo Mondiale 2022, elaborato dall’agenzia di marketing digitale Seeders, misura la popolarità dei giocatori e delle principali squadre.

Con il supporto di grafici e statistiche, si analizzano i punteggi più alti su Google Trends e la portata dei profili Instagram. Vengono persino scandagliate le posizioni più basse per estrarre particolarità e differenze. Come cambieranno queste speciali classifiche dopo le prestazioni in campo ed extra calcistiche della prossima Coppa del Mondo?

Per tutti i dettagli sullo studio dei calciatori e squadre più popolari rimandiamo al sito internet www.seeders.agency/it/mondiale-qatar-2022-calciatori-piu-seguiti-su-instagram-e-google.

 

 

A Sorrento il cinema incontra la realtà virtuale

All’esperto internazionale di realtà virtuale e aumentata docente a Manchester, Timothy Jung, il Premio Penisola Sorrentina

Sorrento-Napoli, 21 ottobre 2022 – La tecnologia è ormai in grado di influenzare il nostro modo di vivere tramite un impatto diretto sulle percezioni, in particolare vista e udito, accrescendole in termini di sensibilità ed esperienza.

Di cinema tra estetica, tradizione ed innovazione si parlerà a Sorrento il 28 ottobre, in occasione dell’inaugurazione del Premio Penisola Sorrentina, prestigioso evento promosso dal Comune di Sorrento con la direzione artistica di Mario Esposito e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Direzione generale cinema ed audiovisivo del Ministero italiano della Cultura e della Film Commission Regione Campania. A moderare i lavori saranno il patron della kermesse, Mario Esposito e la giornalista Raffaella Salamina, direttrice de Il Giornale Off.

Produrre nuova cultura, nel solco della tradizione, ma anche della modernità, dello sviluppo e del rilancio: è questa la mission del “Premio Penisola Sorrentina”, annuncia il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola.

La realtà virtuale e la cinematografia sono un connubio che va avanti da più di vent’anni: sono decine i film che hanno preso spunto da un mondo parallelo fatto di connessioni e relazioni tridimensionali. Best experience dell’incontro sarà quella del progetto audiovisivo: “La Divina Commedia in VR: l’Inferno, un viaggio immersivo”, prodotto da ETT Spa – azienda del Gruppo SCAI esperta in creatività e innovazione digitale – unica realtà italiana ammessa, ad aprile scorso, all’evento clou internazionale delle tecnologie immersive, ovvero la XR International Conference di Lisbona .

“La Divina Commedia VR: l’Inferno, un viaggio immersivocortometraggio, della durata di circa sette minuti, accompagnato dalla voce dell’attore Francesco Pannofino, permette allo spettatore di vestire i panni del Sommo Poeta e di varcare le soglie dell’Inferno per intraprendere il suo viaggio. Integrazione di computergrafica e riprese cinematografiche in Realtà Virtuale, grazie alle quali è possibile vivere un’esperienza coinvolgente ed immersiva. In particolare, ETT si è occupata interamente della produzione in CGI Animation, con un lungo lavoro di ideazione, progettazione e realizzazione di modelli animati in 3D, partendo da uno storyboard profondamente legato ai versi e alle allegorie della Divina Commedia.

Molto atteso a Sorrento l’intervento di Timothy Jung, l’esperto di fama internazionale di XR e VR. “Le tecnologie trasformeranno in modo significativo l’industria cinematografica”, avverte lo studioso, tra i maggiori esperti a livello mondiale, celebre per il suo lavoro di ricerca nei campi della realtà aumentata e realtà virtuale per il turismo, i beni culturali, l’istruzione, la formazione e l’assistenza sanitaria.

Fondatore e direttore di Creative AR & VR Hub e capo del gruppo di ricerca MMU AR & VR dell’Università metropolitana di Manchester, Regno Unito. Dal 2017, presiede l’International AR & VR Conference. I suoi interessi nell’ambito della ricerca comprendono AI, IoT, Big Data e l’innovazione tecnologica immersiva 5G orientata al benessere e alla qualità della vita. Inoltre, ha collaborato alla stesura di “Augmented Reality and Virtual Reality” il libro più scaricato in Business and Management nel 2018.

Al Prof. Jung il Comune di Sorrento consegnerà il premio speciale per cinema ed innovazione. Premiati anche Adele Magnelli, ideatrice e responsabile del progetto audiovisivo dantesco in realtà virtuale, e Carlo Rodomonti, responsabile del marketing strategico e digital di Rai Cinema. A rappresentare a Sorrento ETT, che ha già vinto in passato i Best Paper Awards, saranno anche Federico Basso e Alessandro Cavallaro, rispettivamente regista e storyteller dello short film in VR, che dopo il talk verrà visionato dal pubblico e dagli studenti aderenti alla sezione Lab del Premio “Penisola Sorrentina”.

Di gusto originale il confronto con le tecniche e i risultati tradizionali nel cortometraggio e nella cinematografia. Un riconoscimento speciale sarà, infatti, assegnato al regista sorrentino Antonino Giammarino per l’opera prima: “Anna Mendoza”.

L’evento continuerà il giorno successivo con la Press Junket, curata da Pier Paolo Mocci (direttore di Fortune Entertainment) in dialogo con Anna Pavignano, coautrice con Mario Martone del documentario in produzione: “Laggiù qualcuno mi ama” dedicato a Massimo Troisi.

A chiudere la due giorni al Teatro Tasso un grande spettacolo di musica e cinema con ospiti internazionali.

 

Timothy Jung, Manchester University
Exit mobile version