A Sorrento il cinema incontra la realtà virtuale

All’esperto internazionale di realtà virtuale e aumentata docente a Manchester, Timothy Jung, il Premio Penisola Sorrentina

Sorrento-Napoli, 21 ottobre 2022 – La tecnologia è ormai in grado di influenzare il nostro modo di vivere tramite un impatto diretto sulle percezioni, in particolare vista e udito, accrescendole in termini di sensibilità ed esperienza.

Di cinema tra estetica, tradizione ed innovazione si parlerà a Sorrento il 28 ottobre, in occasione dell’inaugurazione del Premio Penisola Sorrentina, prestigioso evento promosso dal Comune di Sorrento con la direzione artistica di Mario Esposito e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Direzione generale cinema ed audiovisivo del Ministero italiano della Cultura e della Film Commission Regione Campania. A moderare i lavori saranno il patron della kermesse, Mario Esposito e la giornalista Raffaella Salamina, direttrice de Il Giornale Off.

Produrre nuova cultura, nel solco della tradizione, ma anche della modernità, dello sviluppo e del rilancio: è questa la mission del “Premio Penisola Sorrentina”, annuncia il Sindaco di Sorrento Massimo Coppola.

La realtà virtuale e la cinematografia sono un connubio che va avanti da più di vent’anni: sono decine i film che hanno preso spunto da un mondo parallelo fatto di connessioni e relazioni tridimensionali. Best experience dell’incontro sarà quella del progetto audiovisivo: “La Divina Commedia in VR: l’Inferno, un viaggio immersivo”, prodotto da ETT Spa – azienda del Gruppo SCAI esperta in creatività e innovazione digitale – unica realtà italiana ammessa, ad aprile scorso, all’evento clou internazionale delle tecnologie immersive, ovvero la XR International Conference di Lisbona .

“La Divina Commedia VR: l’Inferno, un viaggio immersivocortometraggio, della durata di circa sette minuti, accompagnato dalla voce dell’attore Francesco Pannofino, permette allo spettatore di vestire i panni del Sommo Poeta e di varcare le soglie dell’Inferno per intraprendere il suo viaggio. Integrazione di computergrafica e riprese cinematografiche in Realtà Virtuale, grazie alle quali è possibile vivere un’esperienza coinvolgente ed immersiva. In particolare, ETT si è occupata interamente della produzione in CGI Animation, con un lungo lavoro di ideazione, progettazione e realizzazione di modelli animati in 3D, partendo da uno storyboard profondamente legato ai versi e alle allegorie della Divina Commedia.

Molto atteso a Sorrento l’intervento di Timothy Jung, l’esperto di fama internazionale di XR e VR. “Le tecnologie trasformeranno in modo significativo l’industria cinematografica”, avverte lo studioso, tra i maggiori esperti a livello mondiale, celebre per il suo lavoro di ricerca nei campi della realtà aumentata e realtà virtuale per il turismo, i beni culturali, l’istruzione, la formazione e l’assistenza sanitaria.

Fondatore e direttore di Creative AR & VR Hub e capo del gruppo di ricerca MMU AR & VR dell’Università metropolitana di Manchester, Regno Unito. Dal 2017, presiede l’International AR & VR Conference. I suoi interessi nell’ambito della ricerca comprendono AI, IoT, Big Data e l’innovazione tecnologica immersiva 5G orientata al benessere e alla qualità della vita. Inoltre, ha collaborato alla stesura di “Augmented Reality and Virtual Reality” il libro più scaricato in Business and Management nel 2018.

Al Prof. Jung il Comune di Sorrento consegnerà il premio speciale per cinema ed innovazione. Premiati anche Adele Magnelli, ideatrice e responsabile del progetto audiovisivo dantesco in realtà virtuale, e Carlo Rodomonti, responsabile del marketing strategico e digital di Rai Cinema. A rappresentare a Sorrento ETT, che ha già vinto in passato i Best Paper Awards, saranno anche Federico Basso e Alessandro Cavallaro, rispettivamente regista e storyteller dello short film in VR, che dopo il talk verrà visionato dal pubblico e dagli studenti aderenti alla sezione Lab del Premio “Penisola Sorrentina”.

Di gusto originale il confronto con le tecniche e i risultati tradizionali nel cortometraggio e nella cinematografia. Un riconoscimento speciale sarà, infatti, assegnato al regista sorrentino Antonino Giammarino per l’opera prima: “Anna Mendoza”.

L’evento continuerà il giorno successivo con la Press Junket, curata da Pier Paolo Mocci (direttore di Fortune Entertainment) in dialogo con Anna Pavignano, coautrice con Mario Martone del documentario in produzione: “Laggiù qualcuno mi ama” dedicato a Massimo Troisi.

A chiudere la due giorni al Teatro Tasso un grande spettacolo di musica e cinema con ospiti internazionali.

 

Timothy Jung, Manchester University

A settembre torna “La Scienza di Eccellenza”: appuntamenti dedicati a cambiamenti climatici e politica

Milano, 15 settembre 2022 – Doppio appuntamento questo mese di settembre con “La Scienza di Eccellenza”. Si parlerà  di due temi all’ordine del giorno per tutti gli italiani, e lo si farà come sempre con alcuni dei massimi esperti nazionali in materia.

Si comincia venerdì 16 settembre con “Il tempo che fa? Quello che gli pare! La crisi climatica ed il suo impatto psico-sociale  ed ambientale in tempo di Pandemia e di crisi”.

Ospiti illustri della psicologa Doriana Galderisi sono il prof. Vincenzo Levizzani, docente di metereologia delle nubi all’Università di Bologna e dirigente di ricerca al CNR, e la dott.ssa Elisa Tedaldi, dello staff scientifico del professor Rubaltelli (Judgment and Decision Making Lab) all’Università di Padova. Completano il panel di esperti Paola Solfitti, Responsabile Museo di Scienze Naturali di Brescia, e Stefano Armiraglio Conservatore della Sezione di Botanica del Museo di Scienze Naturali di Brescia.

Il secondo appuntamento si terrà il 23 settembre, con il titolo “Alla politica tra politici, politichesi e politiganti, non toccherà mica di  far appello ai santi? La Politica in tempo di emergenza e di crisi spiegata dalle Scienze Psicologiche e non solo”. Dialogheranno con la psicologa Doriana Galderisi, Patrizia Catellani, docente di Psicologia politica, Psicologia sociale e Psicologia dell’alimentazione e degli stili di vita presso l’Università Cattolica di Milano, e Roberto Cammarata, professore associato di Filosofia Politica all’Università di Milano, presidente del Consiglio Comunale di Brescia.

Tutti gli appuntamenti saranno in diretta live alle ore  12 sui canali Facebook www.facebook.com/psicologadorianagalderisi e YouTube www.youtube.com/channel/UCy0hBwKJ4DuXXmCl_uivkjA della psicologa Doriana Galderisi.

La “Scienza di Eccellenza” è un percorso scientifico nato dalla mente creativa della psicologa Doriana Galderisi. Un percorso che mette in dialogo le scienze psicologiche con quelle sociali e con le istituzioni, al fine di offrire uno strumento utile per capire, analizzare, accogliere i cambiamenti che hanno travolto le nostre vite dalla pandemia ad oggi.

In origine, tra l’ottobre e il dicembre 2020, la “Scienza di Eccellenza” ha avuto esclusivamente la forma dei dibattiti in diretta streaming, forma ad oggi mantenuta per la terza edizione in corso, ma che si è arricchita anche con due volumi cartacei pubblicati da Gam edizioni di Rudiano in cui sono raccolte le conversazioni del primo e del secondo ciclo.

I libri, così come le registrazioni ritrovabili sul sito www.scienzadieccellenza.it e sui canali social della dottoressa Doriana Galderisi, offrono la possibilità di confrontarsi con celebri professionisti su alcune tematiche fondamentali dell’era pandemica e post pandemica: scuola e didattica a distanza, vecchie e nuove ansie, fobie, ossessioni, amore e sessualità, criminalità, scienze psicologiche e istituzioni in dialogo, abitare in pandemia, guerra… sono solo alcuni dei focus di questi approfondimenti.

“Gli ospiti degli incontri e tutti i professionisti della categoria lavorativa alla quale appartengo –  precisa la psicologa Doriana Galderisi nell’introduzione al testo – con i propri studi, le proprie ricerche, i propri insegnamenti, il proprio costante lavoro dentro e fuori università, esplorano e descrivono il funzionamento della mente umana e dei comportamenti individuali e sociali, al fine di capirne le complessità, le dinamiche e prevenire disagi e rischi. Il nostro è un impegno scientifico e professionale volto a migliorare la qualità delle vite delle persone: cerchiamo di interpretare al meglio il nostro ruolo di scienziati sociali e di rendere la scienza realmente fruibile e condivisibile, riconoscendole quello che è un suo requisito fondamentale, ovvero il valore e la funzione ergonomica, intesa come utilità concreta e migliorativa della vita personale e collettiva. Speriamo che questo percorso di riflessione pagine possa offrire conforto e strumenti conoscitivi che vogliono ribadire che la vita è ora, la bellezza del vivere sta nel saper restare ancorati al momento presente, dando a ciò valore e rispetto”.

OSPITI DELLA SCIENZA DI ECCELLENZA

VOLUME 1

  • Donatella Albini
  • Cesare Cornoldi
  • Davide Dettore
  • Daniel Giunti
  • Davide Liccione
  • Marco Monzani
  • Fabrizio Quattrini

PREFAZIONE: Gaetano Cinque

TOT. 8

 

VOLUME 2

  • Donatella Albini
  • Laura Artusio
  • Emilio Becheri
  • Valentina Belotti
  • Fabio Benzoni
  • Fabio Capra
  • Alberto Caputo
  • Laura Castelletti
  • Rossella d’Alessio
  • Maurizio Dallocchio
  • Emilio Del Bono
  • Davide Dettore (incontri: 1 vol. 1, 1 vol. 2)
  • Sara Finesso
  • Andrea Ghiselli
  • Daniel Giunti (incontri: 1 vol. 1, 1 vol. 2)
  • Francesco Greco
  • Sereno Innocenti
  • Ivana Jelinic
  • Davide Liccione (incontri: 1 vol. 1, 1 vol. 2)
  • Annamaria Manzoni
  • Enrico Mattinzoli
  • Marco Monzani (incontri: 1 vol. 1, 1 vol. 2)
  • Roberta Orio
  • Gaetano Penocchio
  • Lorenzo Puca
  • Paolo Rizzetti
  • Barbara Rossi
  • Camillo Rossi
  • Angelo Ruggeri
  • Giuseppe Sartori
  • Michela Tiboni
  • Giuseppe Varrasi
  • Giusy Versace

PREFAZIONE: Ennio Ferraglio

TOT. 34

 

VOLUME 3

  • Donatella Albini (incontri: 1 vol. 1, 1 vol. 2 e 2 vol. 3)
  • Stefano Armiraglio (Presente all’incontro del 16 settembre)
  • Giorgio Azzoni
  • Pia Donata Berlucchi
  • Camilla Bianchi
  • Alessandra dalla Bona
  • Roberta Cammarata (Presente all’incontro del 23 settembre) (incontri: 2 vol. 3)
  • Alberto Caputo (incontri: 1 vol. 2 e 1 vol. 3)
  • Fabio Capra (incontri: 1 vol. 2 e 1 vol. 3)
  • Patrizia Castellani (Presente all’incontro del 23 settembre)
  • Laura Castelletti (incontri: 1 vol. 2 e 1 vol. 3)
  • Claudio Castelli
  • Silvia Dianti
  • Marco Fenaroli (incontri: 2 vol. 3)
  • Guendalina Graffigna
  • Paola Gregorio
  • Giuseppe Lavenia
  • Vincenzo Levizzani (Presente all’incontro del 16 settembre)
  • Mauro Lucchetta
  • Antonella Malvicini
  • Roberto Memme
  • Silvia Mombelli
  • Roberta Morelli (incontri: 2 vol. 3)
  • Pietro Orizio
  • Maria Chiara Passolunghi
  • Francesca Pazzaglia
  • Sonia Prandini
  • Enrico Rubaltelli (incontri: 2 vol. 3)
  • Paola Solfitti (Presente all’incontro del 16 settembre)
  • Roberto Spannò
  • Giacomo Stella
  • Ines Testoni
  • Elisa Tedaldi (Presente all’incontro del 16 settembre)
  • Michela Tiboni (incontri: 1 vol. 2, 1 vol. 3)
  • Luciano Tonidandel
  • Don Flavio dalla Vecchia

TOT. 38

TOTALE PERSONE: 67 ospiti + 2 per la prefazione – 69

 

“Bisogna sempre avere la mente aperta, ma non così aperta che il cervello caschi per terra” (Frase attribuita a Piero Angela). 

 

Premiata la ricerca italiana: i Proff. Mele e Magazzino premiati dalla rivista Applied Energy

Roma, 12 settembre 2022 – Finalmente una buona notizia per la ricerca del nostro paese. Nel mese di agosto due professori universitari associati di Politica Economica – Marco Mele (Unicusano) e Cosimo Magazzino (Roma Tre) hanno ricevuto dalla prestigiosa rivista scientifica Elsevier “Applied Energy” il premio per il numero elevatissimo di citazioni internazionali ottenuto da una loro ricerca.

Di fatto, i due studiosi, attraverso un complesso modello di Machine Learning hanno stimato il nesso tra energia, inquinamento e morti da Covid-19. Gli autori, già noti alla stampa per un altro loro studio originale relativamente alla causalità tra consumo di energia e crescita economica per l’Italia, si sono distinti per aver contribuito empiricamente a prevedere le cause indirette della diffusione del virus. In una situazione di prossima recessione economica, dove la ricerca nel nostro paese soffre da anni per mancati investimenti e fuga dei cervelli, questa notizia appare di estrema importanza. Il loro studio, in altre parole, è stato premiato per l’essenza stessa della ricerca scientifica: è stato utilizzato, riprodotto e sperimentato da tanti altri ricercatori nel mondo che ne hanno confermato l’originalità.

Negli ultimi due anni, da una attenta analisi che abbiamo effettuato su Scopus, si può notare come i due economisti hanno prodotto una quantità importante di paper pubblicati sulle più importanti riviste scientifiche del mondo. Con oltre 30 articoli scientifici su energia, crescita economica, bilancio pubblico ed inquinamento apparse su riviste ad alto Impact Factor (Springer, Elsevier, Cambridge Press) possiamo sperare in un nuovo ed aggiuntivo premio per la ricerca italiana.

 

I Proff. Marco Mele e Cosimo Magazzino, premiati dalla Elsevier “Applied Energy” per le loro ricerche

 

 

Business Elite Awards: un italiano nella prestigiosa Top 40 Under 40

New York, 26 luglio 2022 – Un Italiano è stato premiato nella prestigiosa Top 40 Under 40, classifica che riconosce i migliori giovani Executive ed Imprenditori, con particolare impegno nel cambiamento e nell’innovazione nel mondo del Business, stilata annualmente da Business Elite Awards, con una cerimonia di premiazione che si e tenuta allo storico Hotel St. Regis di New York.

Tra i premiati nell’area del Nord America figura  Luca Rovinalti, nato in Italia, 35 anni, CEO di Svet Solutions Media, azienda che in meno di una decade ha cambiato drasticamente il settore delle agenzie di produzione audiovisiva ed agenzie Media.

Fondata in Repubblica Ceca, l’azienda si e consolidata come una multinazionale nel settore audiovisivo, in grado di soddisfare le differenti necessita sia nel settore dei documentari e della pubblicità, che nel settore dell’informazione, con giornalisti, fixers e crews per la creazione di audiovisivi di qualità in ogni angolo del globo: dall’Europa agli Stati Uniti, dall’Asia all’Africa, integrando alle produzioni tradizionali anche logiche di produzione per media Digitali.

“Abbiamo fondato Svet Solutions Media, basandola sulla passione e sulla conoscenza di tutti i diversi settori dell’audiovisivo” commenta Rovinalti, che ricorda come tutto abbia avuto inizio da un’interesse per un settore, quello audiovisivo e del giornalismo, che si e concretizzato nella creazione di una azienda con sede in Repubblica Ceca, dove Rovinalti ha vissuto per oltre dieci anni”, racconta Luca Rovinalti.

Svet Solutions Media ha ottenuto infatti, in questo ultimo anno, importanti riconoscimenti sia fuori dall’Unione Europea, dove si e aggiudicata l’Innovation & Excellence Award, che ne riconosce l’impegno nell’innovazione nel settore audiovisivo e due DotComm Awards, con due diversi progetti svolti oltre oceano, rispettivamente in Messico e negli Stati Uniti, oltre ad un riconoscimento in Europa con il Benelux Enterprise Award.

“Questo, assieme al personale riconoscimento dato dalla Top 40 Under 40, oltre ad essere un grande onore per me e per l’azienda, conferma che stiamo seguendo la giusta rotta per crescere sia sul settore della documentaristica e delle produzioni commerciali, che ci hanno dato grandi soddisfazioni negli ultimi anni, che in quello della creazione di produzioni per l’informazione, dove stiamo puntando sull’innovazione tecnologica, cercando di creare contenuti con tecnica che tenga conto del fatto che lavoriamo in un settore contingente all’IT, in costante evoluzione e dobbiamo tenerne conto per offrire produzioni di qualità sempre elevata e che utilizzino un capitale umano giovane, con un’attenzione specifica ai diversi settori dell’audiovisivo”, continua il Ceo premiato.

La chiave del successo pare essere legata al costante investimento su tecnologia e capitale umano, che sono le parole chiave per avanzare anche in settori notoriamente più tradizionali quale quello dell’informazione televisiva.

“La nostra azienda non e soltanto fatta di tecnologia, ma di persone con esperienze e passione per i diversi settori dell’audiovisivo. Cerchiamo costantemente giovani con talento che siano disposti a crescere assieme alla nostra azienda, in ogni parte del Mondo ed il nostro team, assieme ad una struttura efficiente, ci hanno portato dove siamo ora.

I progetti futuri di Svet Solutions Media si concentrano su diverse aree strategiche, con una partnership di rilievo in Sud America, dove si sono siglati interessi di rilievo nell’ambito dello sviluppo di produzioni sportive e di news, in Nord America. Un paese in cui si stanno creando basi per la crescita nel settore documentaristico, come negli Emirati Arabi, che rappresenta un nuovo mercato per lo sviluppo aziendale”,

 

 

 

Arriva Certyclick, l’App per la certificazione legale di video e foto

Brescia, 30 maggio 2022 – A partire dalla mezzanotte del 23 giugno sbarca negli Store Apple e Google Play, Certyclick, l’unica e innovativa App che permette di documentare col proprio smartphone una qualsiasi situazione o avvenimento, dandogli valenza legale.

A chi si rivolge Certyclick

L’App è stata sviluppata per dare supporto a una lunga serie di professionisti ed enti: dal costruttore edile al perito forense, dall’amministratore di condominio all’operatore in ambito medico, sono molteplici i settori interessati alle funzionalità di Certyclick. È la soluzione ideale anche per il privato cittadino che si trovi nella condizione di dover portare delle evidenze legalmente valide a propria difesa, in sede di contenzioso.

Come funziona Certyclick

Certyclick funziona grazie alla tecnologia Blockchain e in conformità alle norme europee per l’acquisizione e gestione di dati digitali: ad ogni immagine o video viene assegnato un “Codice Sigillo” alfanumerico in tempo reale, che permette di registrare immagini e video in modo sicuro e immutabile.

Certyclick dispone anche di una piattaforma gestionale dei progetti, archivia le foto e i video in modo sicuro in un Cloud criptato e invia automaticamente all’indirizzo dell’utilizzatore un messaggio di Posta Elettronica Certificata, contenente l’Attestato di Certificazione con tutti i dettagli della foto o video registrati.

L’applicazione Mobile identifica coordinate GPS, luogo, ora, unitamente a molti altri dati, come l’identificativo del dispositivo utilizzato e dell’utente.

Con Certyclick, l’ultima novità firmata Vision Srl di Ferrari Solutions, la tecnologia si mette al servizio del professionista, del privato, della pubblica amministrazione e degli enti, oltre a fornire al giudice gli strumenti necessari per determinare in modo oggettivo fatti ed eventi.

Per maggiori informazioni sulle funzionalità dell’App basta visitare il sito www.certyclick.com.

 

###

 

Dati di contatto:

Vision s.r.l.

Via Cipro, 1 – 25124 Brescia (Bs) Tel. 030 221933292

Mail: info@certyclick.com

Ufficio stampa:

Sgaravato srl

Via A. Meucci, 2 – I-37135 VERONA

Cell. +39 342 3873948

Tel. 045 8205050 – Fax 045 585000

promotion@sgaravato.it

www.sgaravato.it

iPhone, arriva il software spia

Per gli iPhone 12, 11 e X arriva il software spia, che permette di monitorare e controllare i telefoni su cui è installato

Roma, 8 aprile 2022 – Per gli iPhone 12, 11 e X è stato rilasciato un  software di sorveglianza preinstallato, che permette di spiare i telefoni su cui è installato.

Il software è opera di Extra Large, che dopo anni di pausa riprende ad installare quindi dei software spia sugli iPhone 12, 11 e X con piena funzionalità per la cattura delle chiamate voce, delle chat e di altri dati come le posizioni GPS e l’audio ambientale.

La società è ben nota nei settori delle telecomunicazioni sicure, della sorveglianza e contro sorveglianza, nei sistemi di supporto all’intelligence e fornisce enti pubblici e privati da quasi un ventennio.

Cosa spia il software di sorveglianza sugli iPhone

Il software spia che può essere installato sugli iPhone è capace di ottenere e registrare informazioni riguardo le chiamate, chat, SMS, audio ambientale, posizione GPS, che vengono salvate automaticamente su un pannello web riservato, in modo da risultare completamente nascosto all’utilizzatore dell’iPhone. Il software dispone inoltre anche della chiamata di ascolto ambientale in diretta.

Per le App meno conosciute e per tutte le applicazioni di interesse che non vengono catturate in modo nativo, il software dispone infine anche della funzione di cattura di screenshot ogni qualvolta l’applicazione viene aperta e utilizzata.

Per avere tutti i dettagli su cosa può fare il software spia installato da Extra Large sugli iPhone rimandiamo al sito internet www.intercettazioni.biz/iPhone.htm.

 

###

Per interviste ed informazioni:

info@intercettazioni.biz
+393357347282

 

 

 

 

Disabilità: come relazionarsi, ascoltare e intercettare i bisogni dei disabili

Roma, 25 gennaio 2022 – Chiunque si occupi di persone con disabilità deve possedere caratteristiche, doti comportamentali e peculiarità personali non comuni: cordialità, per la maggior capacità comunicativa che essa comporta; relazionalità, in mancanza della quale non è possibile ottenere nessun risultato; pazienza, indispensabile per potersi prendere cura di persone con problemi più o meno gravi e più o meno evidenti; costanza, per essere in grado di sopportare meglio le inevitabili crisi di un lavoro pratico operativo che non sempre è ripagato da risultati evidenti; amore, perché senza amore non possiamo fare nulla in campo educativo.

La persona empatica riesce a riconoscere le emozioni dell’interlocutore come se fossero le proprie.
E’ importante inoltre il saper applicare strategie di gestione dello stress, delle pressioni esterne, dei momenti di fragilità, di incertezza, di rabbia e aggressività, che possono spesso insorgere nella persona con disabilità, attraverso la vicinanza, la relazione amichevole, l’accettazione e il contenimento delle emozioni negative, dei momenti di rabbia, irritabilità e demotivazione.

“Per l’instaurarsi di una solida relazione positiva, sia sicuramente utile anche una grande capacità di empatia”, spiega Gianni Lanari, psicoterapeuta responsabile del Pronto Soccorso Psicologico “Roma Est”.

“E’ consigliabile poi condividere non solo i valori, ma anche i momenti di divertimento e di entusiasmo. Attraverso questi strumenti possono quindi essere “intercettati” i bisogni dell’altro, anche quelli non apertamente espressi. Questo avviene quando si è entrati in una connessione relazionale profonda, ove vi sia fiducia reciproca”, continua Lanari.

A volte adottare certi comportamenti e atteggiamenti può rappresentare una scelta consapevole, frutto di pensiero e riflessione; in altri casi è la messa in pratica di uno stato interiore, di una predisposizione personale d’animo, attuata in modo del tutto inconsapevole e spontaneo. Ecco perché a volte ci troviamo a nostro agio in una situazione relazionale e altre volte avvertiamo delle difficoltà.

É importante perciò considerare che la maggior parte delle persone con disabilità possiede un vissuto spesso violentemente traumatico, che può condizionare la stabilità dei comportamenti relazionali. Se da un lato può esserci una sensibilità e una saggezza più elevate, acquisite dopo il superamento dei vissuti traumatici e deprivanti, dall’altro ci si può aspettare l’insorgenza di improvvisi momenti di fragilità e incertezza, che possono spesso sfociare in insofferenza, instabilità e aggressività.

La dr.ssa Manuela Chiodetti, psicologa del Pronto Soccorso Psicologico “Roma Est”, afferma che “fondamentale può  rivelarsi il poter contare su una relazione positiva con una figura di riferimento”.

Attraverso la figura dell’assistente vi è il superamento dell’esigenza di aiuto limitata ai bisogni primari, e quindi:

– una focalizzazione di aspirazioni, desideri e interessi che erano stati repressi
– il conseguente incremento di attività
– una maggiore opportunità di socializzazione e il miglioramento della vita di relazione
– una rivisitazione dei rapporti con i familiari soprattutto se conviventi
– una riappropriazione dei ruoli: nella vita di coppia, o come genitori con disabilità che possono
occuparsi dei propri figli o come adulti con disabilità in grado di occuparsi dei propri genitori anziani,
ecc.
– una diminuzione di stati di depressione, isolamento ed esclusione
– un miglioramento dell’autostima, dell’umore e della qualità della vita
– la possibilità di accesso al mondo lavorativo, all’istruzione, allo sport e al divertimento.

L’assistente, il familiare o più in generale la figura significativa che si prende cura della persona con disabilità, ha comunque il diritto ad un addestramento finalizzato al potenziamento delle proprie abilità relazionali.

Per questo il Pronto Soccorso Psicologico “Roma Est”, grazie alla sua rete professionale di 373 Psicologi, ha deciso di offrire un aiuto finalizzato a relazionarsi, ascoltare e intercettare i bisogni delle persone con disabilità.

Il sostegno é offerto in tutte le regioni italiane e in 22 paesi esteri (Regno Unito, Francia, Hong Kong, Messico, Russia, Argentina, Grecia, Kenya, Ghana, Mozambico, Brasile, Portogallo, Serbia, Romania, Bulgaria, Egitto, Giordania, Pakistan, Azerbaijan, India, Spagna, Svizzera).

Per contattare il servizio, offerto in 27 lingue, basta chiamare il n. 06 2279 63 55 o al n 331 8206 575, o
collegarsi al sito www.pronto-soccorso-psicologico-roma.it.

 

 

È il Metaverso la nuova frontiera culturale per le imprese

Milano, 21 gennaio 2022 – Il 2022 si apre con la parola chiave che più di altre rappresenta lo scenario culturale del presente e del prossimo futuro. La nuova sfida per le imprese digitali italiane e per tutte quelle che vogliono stare al passo con i cambiamenti accelerati dalla pandemia e dal progresso globale è già partita.

Il Metaverso, un’universo nell’universo, è l’evoluzione estrema di internet e della realtà virtuale costituita dai social, potenziata attraverso l’applicazione di tecnologie digitali e immersive come i videogiochi, la realtà aumentata, il 3D, le monete virtuali, videoconferenze e shopping online.

In sostanza un nuovo mondo parallelo in cui sarà possibile fare virtualmente esperienze che facciamo nella vita reale vivendo un grado di coinvolgimento attivo ed emozionale, capace di generare sensazioni e percezioni come quelle reali o addirittura amplificate. Con la differenza che si tratta di un mondo che non ha confini, né barriere all’accesso, dove le persone possono incontrarsi e condividere in modo nuovo sapere, lavoro, divertimento, emozioni compiendo azioni che incidono sulla realtà.

A cercare un’origine nella scienza il Metaverso è la versione virtuale del Multiverso. Secondo la fisica teorica e la meccanica quantistica il Multiverso è un concetto basato sull’ipotesi che possano esistere universi paralleli al di fuori della nostra dimensione spazio-temporale. Il concetto ha però radici filosofiche antiche che risalgono agli atomisti, che furono rilanciate dopo la rivoluzione copernicana e che hanno avuto in Giordano Bruno, nel XVI secolo, il precursore del concetto più moderno di multiverso.

Se la scienza, da un lato, è molto divisa sulla teoria di possibili dimensioni parallele o “bolle”, la fantascienza, la cinematografia, la comunicazione digitale ne parlano da tempo e ci hanno abituato a viaggi nel tempo e ad interazioni con mondi diversi dal nostro dove spazio e tempo sono replicabili all’infinito e dove il nostro alter ego, un avatar dotato di strumenti superiori e potenziati, è in grado di fare più esperienze in meno tempo e di trarre da esse vantaggi superiori a quelli possibili nella vita reale.

 

Il Metaverso nel digitale

Il Metaverso nel digitale è dunque la nuova frontiera del progresso. Il cambiamento è già stato avviato di recente da Facebook, che ha cambiato anche il marchio delle sue piattaforme social appunto in “Meta”, ed è in parte sperimentabile in videogiochi di ultima generazione come Minecraft o Roblox. Noti marchi della moda come Adidas o Gucci stanno già lavorando sul Metaverso perché arricchisca l’esperienza della moda e dello shopping virtuale. E lo stesso stanno facendo prestigiosi marchi automobilistici, imprese dell’I-tech, dell’IT e brand di ogni tipo che vedono nel Metaverso un nuovo, presto indispensabile, modo per promuoversi e progredire nel business.

Il Metaverso nell’education per potenziare e democratizzare l’apprendimento: l’esperienza di Monica Perna

Uno dei settori nei quali certamente il Metaverso prospetta i più importanti vantaggi è quello dell’Education e del live streaming.

Ne abbiamo parlato con Monica Perna, CEO di un’impresa digitale, antesignana delle dinamiche di quel mondo parallelo senza frontiere per il quale non tutti ancora sono pronti.

“La didattica, oggi, non può più basarsi su vecchi ed obsoleti schemi tanto nei metodi di insegnamento quanto nel modo in cui studiare.”Così parla Monica Perna, english coach ed imprenditrice digitale brianzola che dopo aver fondato la sua English Academy a Milano è volata, nel 2019, verso Dubai, la smart city preferita dalle multinazionali del settore Tech, IT e dell’Education, avanguardia del Metaverso e delle sue più avanzate applicazioni.

“Nell’ambiente futuristico ed innovativo di Dubai ho avuto modo di perfezionare quanto già avevo avviato in Italia ossia un nuovo metodo didattico capace di massimizzare memoria e risultati per permettere a tutti di accedere allo studio senza limiti di spazio e di tempo e con un vantaggio anche sul piano dei costi. Il contributo delle tecnologie tipiche del Metaverso può fare la differenza nel modo in cui l’apprendimento avviene e nella qualità dei risultati che esso può produrre. Esperienze immersive, interattive, dinamiche e coinvolgenti sono nel mio programma al centro di un metodo che punta, grazie ad un mix di tecnologia e realtà virtuale, a cambiare il modo di studiare trasformandolo in un’esperienza potenziata ed emozionale. L’accesso all’educazione attraverso l’e-learning, che fino a poco tempo fa era visto con diffidenza dalla didattica tradizionale, è oggi la nuova frontiera di un sapere più accessibile ed in definitiva più democratico. Tutti devono poter studiare, dove e quando sia loro possibile e tutti devono essere messi in condizione di sfruttare il loro massimo potenziale”.

È sulla base di queste premesse che l’imprenditrice brianzola, CEO a Dubai della Auge International Consulting, Impresa di educazione ed alta formazione, ha ideato un nuovo metodo didattico  chiamato Metodo AUGE (come la sua impresa) che, come nel concetto di Metaverso, applica all’insegnamento della lingua inglese l’uso di lavagne virtuali, live streaming di gruppo, contenuti animati, viaggi studio virtuali, conversazioni con madrelingua inglesi provenienti da diverse parti del mondo, tecniche di memorizzazione rapida applicate a grafiche e contenuti animati che sfruttano la dimensione social per incentivare l’apprendimento cooperativo e la motivazione.

“Il Metaverso è già il presente – aggiunge Monica Perna – la mia impresa lavora da anni alla didattica del futuro e ad una migliore esperienza dell’apprendimento. Quando poi si tratta di imparare una lingua come l’inglese, indispensabile oggi per tutti, il percorso deve essere all’altezza delle nuove esigenze e stili di vita. Soprattutto, come un mondo parallelo, deve entrare a far parte della vita di una persona in modo reale, costante, esperienziale ed immersivo. Il potenziale di un metaverso dell’education può produrre risultati oltre le aspettative ed è per questo che auspico che imprese, istituzioni ma anche scuole e famiglie siano presto pronte ad accogliere un cambiamento in atto che nei prossimi anni diventerà realtà”.

 

 

 

 

Monica Perna, English Coach e CEO di Auge International Consulting

Green Pass sui mezzi pubblici: arrivano i sistemi di controllo automatici

In ogni città i controllori dei mezzi pubblici sono molto pochi, e si sta pensando all’installazione di sistemi di controllo automatici del Green Pass su bus, treni e metropolitane

Roma, 3 dicembre 2021 – Dal 6 dicembre prossimo scatterà l’estensione del Green Pass su tutti i mezzi di trasporto locale, regionale e interregionale, con estensione dell’obbligo rispetto ai soli viaggi su mezzi di lunga percorrenza (come aerei, navi, treni Intercity e Alta Velocità, corriere funivie, cabinovie, impianti sciistici).

Solo pochi giorni fa si è svolta una riunione al dicastero dell’Interno tra il ministro Lamorgese, prefetti e questori dei capoluoghi di regione e i vertici delle forze di polizia, il cui nodo cruciale è stato proprio il controllo del Green Pass nei trasporti locali.

Le ‘ispezioni‘ si annunciano “a campione” e i sindacati di categoria già paventano il caos, salvo una marcata riorganizzazione e un disegno mirato sui controlli, evidenziando anche il problema legato ai rischi di aggressione.

Ma soprattutto resta ancora da chiarire nelle prossime ore come e quali forze saranno messe in campo per i controlli sui mezzi del trasporto pubblico locale. Il problema però è che i  controllori l preposti alla verifica del titolo di viaggio sono pochi.

Basti pensare che a Roma l’Atac ha a disposizione solo 250 controllori in tutta la città su 350mila passeggeri che ogni giorno prendono la metro e 200mila il bus.

L’Arst, azienda di trasporto regionale della Sardegna, ha 40 controllori per 4mila corse e senza un aiuto da parte del governo la verifica del green pass sarebbe infattibile.

Prr ovviare ua questo problema una nota del Ministero dell’Interno specifica che «in base alla nuova normativa, ai prefetti è stato chiesto di mettere a punto dispositivi dedicati per i controlli sugli utenti del trasporto pubblico locale con modalità condivise con le aziende di servizio nell’ambito dei comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica».

“La soluzione ideale è consentire a ogni utente la verifica in autonomia della validità del proprio Green Pass con il lettore automatico”, dichiarano i responsabili di Eter Biometric Technologies (www.eter.it), che dall’inizio della pandemia  ha proposto una gamma di soluzioni speciali per facilitare ogni tipo di attività nelle riaperture, nella massima sicurezza.

Tra le soluzioni che saranno installate sui bus dalla società è ETE GR BUS, il lettore automatico di Greenpass che può essere installato sui  mezzi di trasporto pubblici come autobus, treno e metropolitana, oltre che mezzi privati come i taxi.

In pochissimi istanti sarà possibile verificare la validità della certificazione verde e, contestualmente, del titolo di viaggio (per es. biglietto dell’autobus, della metro ecc.).

Una tecnologia progettata con materiali ignifugo, antipolvere, antiurto, antistatico e antiolio, proprio per essere adatto ad ogni ambiente, in modo da assicurarsi che tutti i passeggeri siano autorizzati all’uso dei mezzi.

###

Per maggiori informazioni contattare l’email  marketing@eter.it

ETE GR BUS: il sistema di verifica del Green Pass per mezzi pubblici.
Exit mobile version