Vini e imprese: la nuova tappa di #RestartImpresa ad Acireale

 

Catania, 28 febbraio 2022 – #RestartImpresa, ormai divenuto il leitmotive, e lo slogan di aggregazione in giro per la Sicilia, il giorno 3 marzo farà tappa ad Acireale, alle porte di Catania, con il tema Vini e Imprese, ultimo di tre incontri, che racconterà i vini come una lucida metafora del mondo imprenditoriale.

Un modo per incontrare imprenditori al cospetto di professionisti del settore, tra tecnici, politici, fiscalisti ed esperti di aggregazioni di impresa.

Il tutto inserito nella cornice della terrazza Acqua del Ferro, con il supporto di Cantine Privitera e saranno presenti il Network professionale LESV Consulting ed i commercialisti dello Studio Saccuzzo & Associati, con il dott. Fabio Saccuzzo promotore dell’evento, i fondatori di Iocompro SICILIANO, Confartigianato, Plurimpresa, Ventive, Masterboss Italia, Azimut, per citarne solo alcuni.

Tutti uniti con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’imprenditoria siciliana, attraverso le risorse ed i mezzi a disposizione, all’interno dello scenario 4.0, e facendosi portavoce di idee di digitalizzazione, omnicanalità, finanza alternativa e solidità patrimoniale, sostenibilità ambientale ma anche sociale e qualitativa, e tutto questo è green economy, argomento questo che verrà dibattuto dall’ospite di eccezione, l’ex Ministro di agricoltura e ambiente, on. Alfonso Pecoraro Scanio, tutti concetti che ormai appartengono al nostro lessico quotidiano, ma che aprono nuovi scenari per fare impresa e nuove opportunità di business alla luce delle disposizioni dell’ultima legge di bilancio.

 

#RESTARTIMPRESA

Cantine Privitera: https://www.cantineprivitera.com/

LESV Consulting: https://www.lesv.it/

Studio Sacuzzo: http://www.studiosaccuzzo.it/

Arriva Tulipania, il labirinto di tulipani tutti da raccogliere

A Termo d’Isola arriva Tulipania, il labirinto dei tulipani da raccogliere, un luogo magico e fiabesco, ideale per una gita fuori porta

Bergamo, 23 febbraio 2022 – Tulipania riapre.  Per il quarto anno consecutivo a Terno d’Isola in provincia di Bergamo, a due passi da quella di Milano e Monza Brianza, si ripeterà la magia della fioritura dei tulipani. Quest’anno Tulipania si presenterà con una forma esclusiva: non più solo semplici filari fioriti ma un enorme labirinto da percorrere come in una favola.

I fiori che sbocceranno saranno più di 220mila in un campo di oltre 25 mila metri quadrati. Sono stati piantati bulbi di centinaia di varietà tra tulipani e narcisi, che sbocceranno nel mese di marzo e faranno bella mostra di sé fino ad aprile inoltrato.

L’obiettivo degli ideatori è rendere Tulipania un luogo di incontro e magia.

Per noi i fiori sono emozione, esperienza e condivisione. Ne sono testimonianza i volti delle persone che una volta all’interno non riescono a smettere di immortalare e immortalarsi in ogni angolo, e ancora i sorrisi e le mille espressioni di stupore e allegria” afferma Cecilia Cefis, ideatrice del progetto insieme a Michael Wolfger.

Le attività al campo e le nuove iniziative

Nei fine settimana verranno organizzate altre iniziative come il pic-nic e l’aperitivo al campo, altra novità del 2022. Il primo consiste nella preparazione su prenotazione di un cestino pieno di leccornie da gustare comodamente sull’erba, con vista ovviamente. Nelle ore pomeridiane e serali invece si potranno fare degustazioni di vini prodotti dalle cantine locali.

A Tulipania non si farà solo la raccolta dei tulipani con la formula u-pick, cioè da raccogliere e portare via, ma ci sarà anche spazio per lo svago e il gioco.

“Avremo un’area attrezzata con una piscina di paglia e giochi di una volta costruiti completamente con materiale naturale o riciclato” continua Cecilia. E ci saranno anche tanti simpatici allestimenti home-made con cui fare foto molto suggestive.

Il progetto primavera 2021

L’idea dei gestori è rendere la visita a Tulipania un’esperienza a 360 gradi. Ne è una prova la modalità con cui fioriranno i tulipani durante i giorni di apertura. Ci sono delle aree in cui sbocceranno per primi i bulbi delle varietà precoci mentre in altre arriveranno pochi giorni dopo i tulipani tardivi.

Un gioco di cromie ben studiato a tavolino in collaborazione con esperti internazionali. Quindi in base al giorno in cui si visiterà Tulipania, si potranno ammirare colori e abbinamenti sempre diversi, e provare pertanto sensazioni differenti.

Ma lo sbocciare dei tulipani è solo l’ultimo atto di un lavoro che inizia molto prima. L’acquisto e la scelta dei bulbi di primissima qualità, la piantumazione poi, e il continuo monitoraggio del terreno durante la crescita del fiore sono passaggi fondamentali per una fioritura corretta.

“Umidità, acidità e fertilità del terreno, ore di luce, millimetri di pioggia scesi sono parametri catturati da dei sensori inseriti nel suolo che dobbiamo monitorare giornalmente”, racconta Luciano, tecnico del team.

“In base a questi parametri vengono poi decisi quali accortezze adottare per migliorare benessere e qualità della coltivazione, e poi lasciamo che la natura faccia il suo corso. Il tutto senza forzare la fioritura con fertilizzanti o agenti chimici, perché vogliamo che tutto sia ecosostenibile e segua i ritmi della natura e visto l’inverno secco prevediamo che la fioritura tarderà di un paio di settimane rispetto al solito”, conclude Luciano.

TulipaniaCasa

E per tenere aggiornati in tempo reale i futuri visitatori sull’andamento della fioritura dei tulipani nel campo Cecilia e compagni hanno ideato una soluzione brillante.

Piantare una parte dei bulbi dei tulipani anche in vasi da vendere a chiunque volesse acquistarli così che la loro crescita rispecchi la crescita dei tulipani piantati a Terno d’Isola. Quando il tulipano a casa sboccerà sarà tempo di raccolta anche a Tulipania. Altro che diretta social. Vasi acquistabili anche dal sito e-commerce di Tulipania.

E per chi sarà impossibilitato a recarsi al campo per la raccolta, dallo stesso sito sarà anche possibile acquistare i fiori che Tulipania recapiterà direttamente a domicilio, con servizio attivo in tutta Italia.

Una perfetta gita fuori porta

Per chi vuole poi continuare ad ammirare le bellezze del territorio bergamasco si puó abbinare la raccolta dei tulipani alla visita di numerose attrattive a pochi chilometri da Terno d’Isola.

La casa natale di Papa Giovanni XXIII e l’abbazia di Fontanella a Sotto il Monte. Il parco faunistico le Cornelle a Valbrembo, il laghetto del Pertus o la cima del Linzone, balcone sulla pianura padana.

Sul sito di Tulipania si troveranno questi e altri consigli di destinazioni da non perdere.

Tulipania vi aspetta quindi per un piccolo assaggio di Olanda lungo la statale che collega Ponte San Pietro a Calusco d’Adda, in via Marco Biagi all’altezza dell’uscita di Terno d’Isola della superstrada. 

Informazioni Utili

Anche quest’anno l’ingresso a Tulipania sarà libero, non ci sarà nessun biglietto d’ingresso.

“I visitatori pagheranno solo i fiori che raccoglieranno e porteranno a casa. Teniamo tantissimo a non mettere barriere di ingresso affinché il campo sia accessibile a tutti e senza condizionamenti. Lo faremo finché riusciremo a garantire la sostenibilità dell’iniziativa ma siamo sicuri che i nostri visitatori ci daranno una mano a farlo” conclude Cecilia. Il costo dei tulipani parte da 1,5euro l’uno a scalare, fino ad 1 euro a seconda della quantità raccolta.

Adiacente al campo c’è un ampio e comodo parcheggio libero e negli orari più affollati è possibile parcheggiare senza problemi l’auto in un’area dedicata all’interno del campo.

Indirizzo del campo: Via Marco Biagi 95 Terno D’isola Bergamo

Per info e prenotazioni: www.tulipania.world

Pagina Facebook @tulipania

Pagina Instagram @tulipania.world

 

 

 

 

 

Uno scorcio del campo fiorito di Tulipania nella primavera del 2021

 

All’ingresso di tulipania si trovano le istruzioni per la raccolta e tante altre informazioni curiose
labirinto di Tulipani fioriti da raccogliere a Tulipania

Direttore Tecnico Impianti Rifiuti: come ottenere il “lavoro green” a prova di futuro

Quella del Direttore Tecnico degli impianti di rifiuti è una delle “professioni verdi” più ricercate e remunerate nel mercato odierno dei rifiuti in Italia:  per diventarlo e trovare lavoro necessario seguire dei corsi specifici

Roma, 11 febbraio 2022 – Il recente WAS Report 2021 ha evidenziato come il settore dei rifiuti in Italia sia in crescita: il comparto è stato dinamico e resiliente alla crisi, con un valore della produzione nel 2020 solo per i rifiuti urbani di 12,1 miliardi, investimenti in aumento, numerose acquisizioni e alleanze.

È cresciuto l’interesse verso i rifiuti speciali, sempre più spesso gestiti anche da aziende attive negli urbani. E le utility dei servizi di “nettezza urbana” si evolvono e ampliano il proprio business, acquisendo imprese industriali e allargandosi alle attività imprenditoriali del riciclo e dei materiali.

A fronte di ciò ANSA ha segnalato che per conseguire gli obiettivi al 2035 del pacchetto UE sull’economia circolare, servono all’Italia oltre 30 impianti per il trattamento rifiuti, fra termovalorizzatori e impianti di compostaggio. Le problematiche relative al fabbisogno impiantistico sono aggravate dalla mancanza sul mercato di figure professionali adeguatamente preparate a lavorare negli impianti.

Tra queste spicca sopra tutte quella del Responsabile Tecnico Impianti Rifiuti, senza dubbio una delle figure professionali più interessanti nella cosiddetta “filiera green”, sia sotto il profilo dell’importanza della mansione sia sotto il profilo economico (nell’immediato e nel lungo periodo). Si tratta di una figura specifica che si prende cura degli impianti prevenendo i rischi al loro interno ed è identificabile come responsabile in caso di incidenti.

Essendo un ruolo obbligatorio e imprescindibile per ogni impianto, la domanda di Responsabili Tecnici è cresciuta a dismisura in pochissimo tempo e l’offerta attuale non è sufficiente a soddisfarla a pieno.

Ma non ci si può improvvisare Direttore Tecnico Impianto Rifiuti, anzi questo professionista deve essere “opportunamente formato”: così prevede la Circ. Min. 1121 del 2019 (Linee guida per la gestione operativa degli stoccaggi negli impianti di gestione dei rifiuti e per la prevenzione dei rischi). Le responsabilità delle mansioni sono importanti, approcciarsi con leggerezza a un ruolo del genere è un rischio enorme, tanto per il professionista quanto per l’ambiente.

Per questo è stato creato un percorso di formazione specifico, il primo corso “su misura” creato proprio per questa importante figura dalla TuttoAmbiente SpA, specializzata nella consulenza e nella formazione certificata di professionisti dell’ambiente,

Il corso Direttore Tecnico Impianti Rifiuti si rivolge ai direttori e gestori di impianti rifiuti o a chi lo vuole diventare: il suo scopo è fornire approfondita conoscenza e idonei strumenti tecnici, pratici e legislativi per poter gestire correttamente il ciclo dei rifiuti senza incorrere in sanzioni per mancanze formali e sostanziali nell’applicazione della normativa.

Il corso fa parte della Scuola Green Jobs di TuttoAmbiente, dedicato alle nuove professioni “verdi” che si stanno imponendo di recente sul mercato del lavoro, ed è destinato a ingegneri, direttori e gestori di impianti rifiuti, responsabili ambientali e HSE Manager di aziende private e pubbliche, operatori nel settore ambientale. Offre un’opportunità importante per chi sta cercando lavoro o vuole cambiarlo.

Il coordinamento scientifico è a cura di Stefano Maglia – già docente universitario di “Diritto ambientale” all’università di Parma, Presidente ASS.IEA (Associazione Italiana Esperti Ambientali), Fondatore e Presidente di TuttoAmbiente SpA, autore del primo Codice dell’Ambiente italiano (1989) – e di Marco Casadei – componente del Comitato dell’Albo Nazionale Gestori Ambientali e segretario della sua Sezione Regionale del Veneto.

Il corso prevede ben 28 ore di lezione, erogate a distanza tramite webinar in diretta. Due le edizioni del corso in partenza a breve, il 9 marzo 2022 e il 6 giugno 2022.

Per ricevere informazioni, approfondimenti, programma e iscrizioni al corso basta visitare la pagina
www.tuttoambiente.it/corsi/direttore-tecnico-impianti-rifiuti.

 

 

 

Turismo Enogastronomico: a Bologna l’Italy Food & Wine Travel, dal 28 aprile all’1 maggio 2022

Oltre 100 i tour operators internazionali con destinazione Italia che parteciperanno alla Borsa dell’Enoturismo e del Turismo Enogastronomico di Bologna

Bologna, 24 gennaio 2022 – Sarà il Fico Eataly World di Bologna la location per lo svolgimento di IFWT – Italy Food & Wine Travel, la borsa dell’enoturismo e del turismo enogastronomico, dedicata alla promo-commercializzazione degli operatori turistici del settore come strutture ricettive, hotel, wine resort, cantine, ristoranti, agriturismi, tour operator, agenzie incoming, fornitori di esperienze, aziende agroalimentari, etc.

Il turismo enogastronomico è diventato uno dei principali trend del turismo italiano, le statistiche confermano che l’enogastronomia è la prima attrattiva verso l’Italia, tanto da costituire da sola, una vera e propria “destinazione turistica”. Oggi quasi 7 turisti su 10, sono interessati alle esperienze che includono le specialità enogastronomiche locali.
In quest’ottica l’enoturismo e il turismo enogastronomico diventano importanti ambasciatori anche per la promozione delle tipicità locali e dei territori in cui si sviluppano.

L’ideatore dell’evento Leonardo Surico, Ceo di International Group di Padova e già organizzatore della Bitesp – Borsa del Turismo Esperienziale, chiarisce che la scelta di realizzare l’evento di IFWT all’interno di Fico Eataly World, il parco dedicato alle “food experiences”, nasce dalla volontà  di generare un’importante sinergia tra le due realtà, per creare una manifestazione di riferimento sia per i visitatori di Fico, sia per gli operatori turistici.

Il format di IFWT è orientato al business e favorisce il contatto diretto tra gli operatori, creando un contesto ideale per promuovere le proprie offerte e ricercare nuove collaborazioni commerciali.

L’evento business della manifestazione è il workshop che consentirà agli operatori italiani (sellers) di incontrare oltre 100 tour operator internazionali accreditati (buyers) che si occupano di turismo enogastronomico con destinazione Italia.

Grazie all’agenda appuntamenti gli operatori potranno prefissare gli incontri con i buyers internazionali in base alle loro esigenze, consultando le schede tecniche profilate dei partecipanti.

Nel suo complesso la manifestazione si articola in 4 giornate e prevede le seguenti aree:

  • Area Espositiva, con postazioni personalizzate per gli espositori
  • Area Workshop, per gli incontri diretti tra Buyers e Sellers
  • Area Tasting, con degustazioni riservate ai Buyers internazionali
  • Area Eventi, con un ricco programma di eventi dedicati allo sviluppo del turismo enogastronomico

Italy Food & Wine Travel sarà anche l’occasione per gli operatori del turismo enogastronomico di confrontarsi e ricercare nuove idee e nuove strategie per lo sviluppo commerciale, attivare azioni di networking per ricercare nuove collaborazioni e ampliare reti professionali.

In caso di impossibilità a realizzare l’evento in presenza a causa della pandemia covid-19, IFWT si svolgerà su piattaforma digitale, con incontri tra operatori in modalità live, in video conferenza.

Per informazioni sul’evento basta contattare la segreteria organizzativa della International Group di Padova, al tel. 049 8766730, alla mail info@ifwt.it, o tramite il sito internet www.ifwt.it.

 

 

 

 

 

 

Coronavirus e ambiente: arriva il primo dispositivo anti Covid ad impatto zero

Eccellenze del Made in Italy: arriva Spray for Life Green, il primo dispositivo al mondo anti covid ad impatto zero

Roma, 18 gennaio 2022 – È un dispositivo italiano, l’unico al mondo a controllare in maniera automatica il Green Pass, la presenza della mascherina, la temperatura, ed a disinfettare mani e piedi. Una invenzione rivoluzionaria, perché oltre ad aver unito insieme tutte queste tecnologie, è il primo ad essere ad impatto zero per l’ambiente.

Il dispositivo si chiama Spray for Life Green, è stato presentato in anteprima mondiale lunedi 17 gennaio al World Future Energy Summit di Abu Dhabi.

Il dispositivo 100% Made in Italy è il primo al mondo ad essere completamente eco-sostenibile, perché realizzato con materiali riciclabili, per salvaguardare il futuro della Terra. 

CONTROLLO DI MASCHERINA, GREENPASS; TEMPERATURA, E DISINFEZIONE DI MANI E PIEDI, TUTTO IN UNO

Spray for Life Green è l’unico dispositivo studiato per la prevenzione del Covid che comprende un termo scanner ad infrarossi per il controllo della temperatura corporea, del rilevamento della mascherina e il lettore Green pass. 

Il totem comprende inoltre un sistema di nebulizzazione disinfettante per le mani No Touch con sensore di presenza, ed un sistema di nebulizzazione disinfettante per piedi e calzature, sempre No Touch e con sensore di presenza. 

La disinfezione dei piedi è stato inserito nel dispositivo di Spray for Life Green perché molti studi hanno dimostrato la presenza del virus attivo nelle suole delle scarpe, negli oggetti e nei pavimenti per molte ore.

IL PRIMO SISTEMA ANTI COVID A ZERO IMPATTO AMBIENTALE

Altra rivoluzione è che il sistema funziona ad energia solare, grazie ad un pannello solare installabile insieme al dispositivo, o in alternativa è collgabile ad un impianto solare già esistente.

L’impianto comprende accumulatori per funzionare anche di notte, in assenza della luce, e verrà presentato alla fiera mondiale delle energie rinnovabili di Abu Dhabi, che ospiterà le migliori soluzioni ambientali al mondo, per la salvaguardia dell’ambiente.

UN ALBERO PIANTATO PER OGNI DISPOSITIVO

La Spray for Life ha stipulato inoltre  un accordo con la Treedom, famosa per piantare alberi in tutto il mondo, per la piantumazione di una foresta “Spray for life”, impegnandosi attivamente ad assorbire CO2 proprio tramite la piantumazione di nuovi alberi per ogni dispositivo Spray For Life Green venduto.

Chi acquista così un dispositivo Spray For Life Green si vedrà intestato a proprio nome un albero della foresta “Spray for Life”, riceverà una foto e la geolocalizzazione del proprio albero e riceverà aggiornamenti sul progetto forestale di cui il suo albero fa parte.

UN DISPOSITIVO GIÀ UTILIZZATO IN IMPORTANTI ISTITUZIONI E AZIENDE

Il dispositivo tradizionale, antecedente a questo ad impatto zero, è stato già installato in importanti società ed istituzioni come il Vaticano, il Billionaire, negli studi Mediaset, in Regione Veneto, e poi ancora asili,scuole, caserme dei Carabinieri e della Guardia di Finanza in tutta Italia.

L’obiettivo di Spray for Life Green è quello di aiutare a prevenire il diffondersi del virus nel mondo e contribuire allo stesso tempo alla tutela del pianeta, con la partecipazione attiva alla transizione energetica.

 

 

Eccellenze del Made in Italy: Spray for Life Green, il primo dispositivo al mondo anti covid ad impatto zero

In Versilia la befana vien dal mare, per pulire le spiagge e il mondo intero

La Befana in Versilia quest’anno arriva dal mare, per incentivare a tenere più pulito il pianeta: singoli e famiglie potranno partecipare alla pulizia delle spiagge, postando le foto sui social di GoVersilia

Versilia, 5 gennaio 2022 – “La Befana vien dal mare” è la nuova iniziativa che si terrà in Versilia il 5 e 6 gennaio prossimi. La Befana in salsa versiliana quest’anno porterà nel suo sacco, oltre al carbone, anche i rifiuti trasportati dal mare.

“La befana vien dal mare con le pinne tutte rotte” recita una delle strofe del ritornello di una Befana solitaria, che andrà in giro per le spiagge della Versilia già la sera del 5 gennaio prossimo.

Pulizia delle spiagge, per riprendersi il futuro e il pianeta

Vista la situazione pandemica che insiste nell’accompagnarci in questi giorni gli organizzatori di GoVersilia hanno deciso di rinunciare ad invitare la Befana in un unico luogo per donare carbone o dolcetti ai bambini.

E per questo, in ottemperanza alle leggi vigenti, la Befana in Versilia ha pensato invece di riempire un sacco con tutto ciò che l’uomo produce ed il mare restituisce alla battigia.

“La Befana quest’anno ci sensibilizza e ci insegna a preservare l’ambiente e a mantenere le spiagge pulite. Perché pulire incentiva a non sporcare”, ci ricorda Katia Corfini, ideatrice del progetto e Presidente di GoVersilia.

Sempre in solitaria il giorno 6 la Befana si aggirerà per le spiagge continuando a raccogliere detriti. Il messaggio che porterà con sé non implica tanto la quantità di ciò che raccoglierà, perché non è pulendo che non si inquina, ma sapendo riconoscere le cose da non produrre.

Il progetto si avvarrà dei mezzi di diffusione di massa per inviare questo messaggio a tutti, grandi e piccoli, perché è proprio nelle piccole mani che risiede il futuro del nostro pianeta.

Questo per ricordare che non importa la quantità ma la qualità del gesto, e portare via dalla spiaggia anche solo un tappo di bottiglia sarà sufficiente a fare un piccolo gesto per il pianeta.

Per questo chiunque ne avrà la possibilità e la voglia, sempre in solitaria o con la propria famiglia, potrà raccogliere un pezzo di plastica contribuendo al progetto.

Coloro che parteciperanno all’iniziativa sono invitati a scattare immagini del loro operato e potranno inviarle via email all’Associazione/Gruppo GoVersilia all’indirizzo goversilia@gmail.com e/o pubblicarle direttamente sulla pagina FB social del gruppo GoVersilia fino al giorno 9 gennaio 2021, con gli hashtags #goversilia #labefanaviendalmare data in cui scade il termine di invio delle immagini. La foto più interessante sarà premiata.

Per l’occasione, seppure non disponibile per i giorni 5 e 6 gennaio 2022, in collaborazione con GoVersilia alcuni artigiani locali, stanno realizzando un contenitore per la raccolta della plastica che il mare restituisce ogni giorno alla battigia.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul gruppo e pagine social GoVersilia.

 

LE STROFE

La befana vien dal mare

La befana vien dal mare

con le pinne tutte rotte

a raccogliere gli scarti

sulla spiaggia nella notte.

 

Col suo sacco di carbone

ha rischiato d’affogare

tra la plastica e il petrolio

proprio dentro al grande mare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Terno d’Isola distribuzione di tulipani gratis

A Terno d’Isola, alle porte di Milano, distribuiti  bulbi di tulipano gratis, in attesa della raccolta nel campo di Tulipania

Bergamo, 30 dicembre 2021 – Con il Natale arriva a Terno d’Isola, a 2 passi da Milano, una nuova iniziativa dedicata ai tulipani, che porta il profumo di primavera nonostante i giorni gelidi di questo periodo: una dotazione di bulbi di tulipano offerta gratuitamente ad ogni cittadino che ne farà richiesta. L’unico impegno richiesto è di piantumarli in un area comunale attigua alla propria abitazione, e curarli fino alla fioritura. L’iniziativa vuole sensibilizzare la cittadinanza a prendersi cura del bene pubblico e al contempo abbellire l’ambiente con una attività sana e divertente che può essere fatta anche in famiglia.

Il progetto #IOAMOTERNO

Il progetto è arrivato al suo terzo anno di vita e ha portato Terno D’isola, una cittadina bergamasca alle porte di Milano, a diventare la città del tulipano. Lo ha fatto soprattutto grazie alla presenza di Tulipania World (www.tulipania.wolrd), l’enorme campo di tulipani U-pick che in questi anni ha fornito migliaia di bulbi proprio per questa iniziativa.

“Siamo molto felici di partecipare ad un progetto che riempie le città di colore. E siamo disponibili a ripetere l’operazione con tutti gli altri comuni lombardi che vorranno provare ad emulare questa proposta. Ci piacerebbe far diventare la Lombardia un immenso giardino di tulipani italiani”, spiega Cecilia, coordinatrice del campo di raccolta self service.

IN PRIMAVERA SI PREPARA L’APERTURA DEL CAMPO FIORITO PER L’AUTO RACCOLTA

Nel frattempo la start-up agricola sta preparandosi all’apertura del nuovo enorme campo di 25 mila metri quadrati (ndr. più di due volte il duomo di Milano). L’apertura è prevista tra marzo e aprile e darà vita alla fioritura di centinaia di migliaia di tulipani pronti per l’auto raccolta.

“Puntiamo a diventare il più grande campo di tulipani you-pick in pochi anni”, spiega ancora Cecilia, ed arrivare al milionesimo bulbo piantato a breve.

Ma come funzionerà la raccolta?

You-pick significa testualmente “raccolti da se“. Gli ospiti potranno entrare durante il periodo di fioritura e muniti di forbici e cestino forniti dall’organizzazione potranno raccogliere tutti i fiori che vorranno. Non mancheranno gli allestimenti perfetti per immortalarsi in fotografie mozzafiato.

L’ingresso sarà gratuito e si pagheranno solo i fiori che si deciderà di raccogliere.

“Quest’anno, come ogni anno prevediamo tante novità che sveleremo sui nostri social man mano che il periodo dell’evento si avvicinerà. E mentre verrete a trovarci guardate bene fuori dai finestrini. Quando inizierete a vedere aiuole fiorite ai bordi della strada significa che sarete a Terno d’isola. E sarete quindi quasi arrivati”, conclude Cecilia.

Per maggiori info su Tulipania rimandiamo al sito internet www.tulipania.world.

Canali social:

Facebook: @tulipania

Instagram: tulipania.world

 

muniti di cesoia e secchiellino gli ospiti raccolgono i propri tulipani

 

Gli amici a 4 zampe sono ben accetti a Tulipania

 

Il campo è inclusivo e accessibile a tutti grandi piccini e anziani

 

un aiuola fiorita con i fiori di tulipania

 

Bulbi gratis aspettando la raccolta di tulipani

 

passeggiando qua e la all’interno del campo è possibile raccogliere gli esemplari preferiti pagando solo quanto si deciderà di cogliere

 

la bellezza del campo accende tutti i sensi degli ospiti, siano essi a 2 o 4 zampe

bambini corrono tra i filari di fiori a Tulipania 2021

girovagando per il campo alla ricerca del tulipano perfetto da portare a casa

 

Una volta scelti i fiori lo staff di Tulipania li confezionerà per voi!

Serie Tv: è un viaggio in camper nella natura, la nuova serie del regista Paolo Goglio

Vivere e viaggiare nella natura, in modo semplice, senza rinunciare alla libertà, le tematiche della nuova serie tv del regista Paolo Goglio

Milano, 10 dicembre 2021 – È un viaggio in camper con protagonisti Gianna, una “camperina” maliziosa, e con a bordo un equipaggio composto da Leone, cane coccolone, e Paolo Goglio, regista e autore della nuova serie televisiva itinerante, che verrà trasmesso da diversi network televisivi in tutta Italia.

Lui è Leone cane coccolone, lei è Gianna camperina adolescente poco più che dodicenne, poi c’è quello là che tiene il volante, e anche la telecamera, ovvero Paolo Goglio, autore e interprete dell’inedita serie televisiva che sarà distribuita ai principali network ed emittenti TV indipendenti.

Un programma concepito per portare un messaggio di libertà, natura, evasione spensierata e armonia esistenziale.

 

Il camper

ll camper è sicuramente il veicolo del momento, un settore, quello del plein-air, in pieno boom dopo il lungo periodo di lock-down e restrizioni ancora in corso. Il camper si sta rivelando la soluzione migliore per mantenere distanze sociali e autonomia di spostamento, ideale per le famiglie che si spostano e convivono insieme in uno spazio autogestibile, evitando eccessivi contatti con ambienti comuni e soprattutto amplificando lo spazio che tanto è venuto a mancare in questo periodo.

Se da una parte la cellula abitativa è abbastanza minimale, infatti, il vero protagonista diventa l’ambiente, la possibilità di essere ovunque, dormire di fronte al mare sotto un cielo stellato, cucinare e pranzare in un’area di sosta attrezzata o in una piazzola libera. 

Il programma Tv

Grazie al contributo di alcune associazioni, Paolo Goglio ha realizzato questo format itinerante, personalizzato il camper con i colori della bandiera di Amore con il Mondo, aggraziato da tratti adesivi delicati e femminili e dedicandolo alla sentita memoria di Gianni e Anna, i suoi genitori recentemente ricongiunti in cielo. E’ nata così Gianna, la prima camperina, che unisce nella sua locuzione il loro nome.

“Mio padre e mia madre amavano moltissimo viaggiare”, racconta Paolo Goglio. “Lui realizzava splendide immagini e video di ottima qualità, lei annotava tutto quello che visitavano e creava le relazioni di viaggio da cui sviluppavano la trama e i testi. Ho fatto della passione di mio padre una attività professionale che svolgo da oltre 40 anni e ora loro viaggeranno sempre insieme a me, congiunti non solo nella mia memoria affettiva ma soprattutto nel firmamento di stelle che mi guidano e mi orientano.”

Le tematiche

I contenuti della serie TV saranno un mix eterogeneo di sequenze che descrivono la vita da camperista, con le varie tematiche e gli imprevisti del caso. Il piacere della guida, la possibilità di vivere e abitare ovunque, seguire le stagioni e l’andamento climatico/meteorologico, persino la mobilità operativa grazie allo smart-working che oggi definisce un nuovo modello di autonomia fondamentale per la propria libertà. Paolo Goglio, esperto autore e interprete della bellezza del mondo naturale, può così coniugare il proprio talento professionale con un teatro universale, gli studi televisivi si trasformano in un grande palcoscenico globale in cui raccogliere immagini autentiche e immersive.

Il messaggio

“Il mio intento è quello di utilizzare la tecnologia e la connettività per portare al mondo un messaggio di luce, di pace e di amore. Quanto più sono immerso nella natura e quanto meglio posso viverla, ascoltarla e quindi riportare non solamente le immagini, ma anche quelle riflessioni, osservazioni e considerazioni che ricevo in dono. C’è uno scibile umano, che è la conoscenza tradizionale che tramandiamo con i libri, le scuole e le biblioteche. E poi c’è una conoscenza di altro genere, implicita e intrinseca in ogni singola forma di vita, dal granello di sabbia alle onde del mare, dalle nuvole alle stelle, in ogni foglia e in ogni frutto, dalle radici alle fronde. Quando cammino in un bosco, una prateria, una scogliera o un qualunque spazio naturale, ricevo numerose informazioni. Io definisco tutto questo la “Biblioteca dell’Universo. Ora che la tecnologia mi consente di realizzare immagini di altissima qualità con apparecchiature di minimo ingombro e massima versatilità, posso esprimere al meglio la mia creatività per interpretare e tradurre questi preziosi messaggi e tramandarli attraverso i canali di comunicazione”.

 

###

 

Contatti:

Paolo Goglio

paolo@amoreconilmondo.com

Tel. 335-63.42.166

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Cibo: la Pasta di Gragnano va online

Gragnano, 18 novembre 2021 – È considerata la migliore pasta di semola di grano duro del mondo quella di Gragnano. Tra i pastifici rinomati di Gragnano il Pastificio Faella, fondato nel 1907 da Gaetano Faella, fa tesoro della tradizione nella produzione genuina della pasta abbracciando le moderne tecnologie per la vendita online. Per questo ha annunciato oggi la nascita di un e-commerce per la vendita online in tutta Italia, e prossimamente in tutto il mondo, della famosa Pasta di Gragnano. Una vera rivoluzione per una pasta tradizionale, venduta fino ad oggi solo nei classici negozi e supermercati.

Gragnano, la migliore pasta al mondo

Gragnano è “Capitale della Pasta” e da oltre un secolo il Pastificio Faella utilizza la semola di grano duro selezionata al 100% italiana, per una lavorazione ad impasto lento con trafilatura al bronzo ed essiccazione tradizionale a basse temperature.

Ne sono un emblema le Candele tipiche della tradizione gragnanese lunghe 53 centimetri e con tempo di essiccazione di addirittura 60 ore. La tradizione vuole che esse vengano spezzate (a mano) prima di essere cotte.

Oppure i tagli di pasta realizzati con la semola di grano duro “Senatore Cappelli”, che si contraddistinguono per il profumo intenso, il sapore deciso e l’alto contenuto proteico.

Un sapore unico, ottenibile con la lavorazione in quell’area specifica certificato dal bollino I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta). Inoltre ogni confezione di Pasta Faella è realizzata in carta porcellanata, completamente riciclabile come da certificazione Aticelca 501.

Conoscere la storia del pastificio, la produzione lenta e artigianale della pasta e scegliere tra le numerose tipologie, tra cui un molto apprezzato formato di pasta integrale, è oggi possibile anche grazie al nuovo sito internet del Pastificio Faella raggiungibile all’indirizzo www.pastificiofaella.it.

Da oggi grazie a queste innovazioni è possibile ricevere a casa il formato preferito della pasta di Gragnano, acquistandola anche tramite cellulare. La spedizione è gratis per tutti gli ordini di almeno 70 €, e lasciando la propria email al servizio di Newsletter si otterrà uno sconto speciale.

Per scoprire il nuovo sito di Pastificio Faella, restare aggiornati e per conoscere la vera tradizione della pasta di Gragnano il link al sito internet è www.pastificiofaella.it, mentre per iscriversi alla newsletter il link è bit.ly/promopastificiofaella.

 

 

 

 

###

 

Per informazioni e domande contatta:
info@pastificiofaella.com
responsabilevendite@pastificiofaella.com

 

 

 

Emergenza Climatica: “Chi ci guadagna veramente?”

Su L’Indipendente uno speciale sui cambiamenti climatici in corso, e un’analisi su come affrontarli senza foraggiare “i soliti noti”

Roma, 12 novembre 2021 – C’è qualcuno che trova convenienza nell’emergenza climatica che sta attanagliando il mondo in questi anni? E soprattutto, se fosse così, chi ne sta traendo vantaggio?

Domenica 14 novembre il giornale L’Indipendente (www.lindipendente.online) pubblicherà sul suo sito un’indagine sull’attuale crisi ambientale, come nessun media italiano ha fatto fino ad oggi. 

I giornalisti de L’Indipendente hanno cercato non solo le verità scientifiche (inconfutabili) dell’emergenza, con tutte le possibili soluzioni, ma racconteranno in questo speciale come dietro le mosse delle élite politiche e delle multinazionali accorse alla Cop26 vi sia un piano che pare avere molto più a che fare con gli interessi di pochi che con quelli del pianeta e delle generazioni future.

Innanzitutto sgombriamo il campo dai dubbi: si, l’emergenza climatica esiste e si, occorre trovare soluzioni al più presto, affinché le temperature globali del pianeta non si innalzino troppo, pena scioglimento di tutti i ghiacciai ed innalzamento dei mari.

Mettendo a rischio milioni di persone nel mondo, e migliaia di specie animali.

Le conseguenze di tutto questo saranno catastrofiche: nazioni desertificate, fame e carestie a farla da padrone con migrazioni di milioni di persone in cerca di luoghi più sicuri.

Il problema però è questo: come stanno pensando i governi di risolvere questa emergenza, a partire dalla Cop26 e dal World Economic Forum?

“Abituiamoci all’idea di avere un generale Figliuolo alla Transizione. Il fine è quello di risolvere l’emergenza nel modo desiderato dalle élite”, scrive nell’editoriale il direttore dell’Indipendente, Andrea Legni.

“Il disegno è stato ampiamente tratteggiato alla recente Cop26: i miliardi pubblici serviranno a trasformare progetti climatici estremamente necessari in investimenti redditizi, facendo sì che il pubblico si assuma il rischio finanziario che le aziende private non sono disposte a correre per salvare il mondo. Il vero obiettivo della transizione ecologica pianificata è quello di generare elevati rendimenti dalle attività a minori emissioni. È questa l’anima green di quella che le élite chiamano Quarta rivoluzione industriale. Cucinare una nuova torta miliardaria, pagata dagli Stati e quindi dai cittadini, le cui fette saranno spartite dai soliti colossi del capitalismo finanziario ed estrattivo”, scrive ancora il direttore.

E secondo il direttore de L’Indipendente tutto sembra già scritto su come andrà: da una parte gli ambientalisti, che sposeranno in pieno le tesi e le decisioni a favore del clima presa dai governanti. Dall’altra quelli da bollare come “negazionisti”, sempre pronti a credere per reazione ad ogni contro-narrazione, fossero anche bugie comprovate tipo l’inesistenza del problema climatico. 

Come arrivare alla soluzione quindi?

“Prima che sia troppo tardi proviamo a costruire una soluzione dal basso. Quella che desideriamo tutti è probabilmente la stessa: città con un’aria respirabile, mari dove poter continuare a bagnarsi, un pianeta abitabile e sano da consegnare alla prossime generazioni. Una transizione ecologica è necessaria, ma deve essere al servizio del 99% della popolazione mondiale e non del solito 1%. Per questo occorre mobilitarsi”, conclude l’editoriale, il direttore Andrea Legni.

Lo speciale Emergenza Climatica verrà pubblicato in un report mensile, normalmente riservato agli abbonati del giornale online, ma questa volta in via eccezionale, vista la tematica particolarmente importante, il download sarà disponibile per tutti, gratis.

Per scaricarlo gratuitamente basta iscriversi subito alla newsletter settimanale gratuita de L’Indipendente, a questo link http://eepurl.com/hulPYr, e domenica 14 novembre ogni iscritto riceverà il link per il download, direttamente in email.

Uno speciale unico nel panorama italiano, che consigliamo di non perdere.

 

Exit mobile version