Arte: il Miami New media Festival per la prima volta a Venezia

Venezia, 25 novembre 2022 – ll Miami New Media Festival per la prima volta sbarca nella città lagunare nell’ultimo fine settimana della Biennale d’Arte di Venezia. L’appuntamento è per sabato 26 novembre a Palazzo Michiel (dalle 11:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 19:00), nell’ambito del primo ciclo di Personal Structures | Public Screenings. Un evento che si preannuncia esclusivo, con proiezioni video e film prodotti da alcuni dei partecipanti alla mostra Personal Structures 2022, organizzata dall’European Cultural Centre (ECC).

La coordinatrice del festival in Italia, la giornalista Marinellys Tremamunno, sarà ospite dell’evento per presentare le opere degli artisti italiani che hanno vinto il bando realizzato in partenariato con la Rome Art Week 2022 (RAW 2022): “Singularity” (2022) di Massimiliano Ionta (Italia); “Globus Viridis” (2022) di Victoria Thomen (Italia-Repubblica Dominicana); “Essere U” (2022) di Emanuele Marsigliotti (Italia); Border” (2021) di Manuel De Marco (Italia).

Inoltre, parteciperanno come ospiti internazionali il collettivo “Food of War”, Elaiza Irizarry e Andreina Fuentes Angarita

Quest’anno il MNMF celebra la sua XVII edizione, sotto il tema curatoriale “Civilità vs violenza: educazione, arte e comunità come modo per abbracciare la nonviolenza” (Civismo contro violenza: educazione, arte e comunità per abbracciare la nonviolenza).

“Si tratta di una proiezione di grande importanza nella storia del MNMF, poiché non solo ci consente di partecipare alla Biennale d’Arte di Venezia, l’evento artistico più importante pal mondo, ma è anche il primo passo di una nuova alleanza tra la Arts Connections e la European Cultural Foundation, nell’ottica di consolidare la presenza del festival a livello internazionale”, ha assicurato Marinellys Tremamunno, che ha ricordato che il MNMF viene proiettato in Italia dal 2017, grazie al sostegno della RAW e più recentemente del Centro Studi Americani di Roma.

Il Miami New Media Festival è una piattaforma di arte creata da Arts Connection Foundation, che mira a promuovere la creazione artistica attraverso la tecnologia e i nuovi media. È un grande festival di arte contemporanea con 17 anni di storia alle spalle, con numerose attività artistiche, tra cui proiezioni, video mapping, performance audio-visive dal vivo, workshop, mostre e conferenze.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito internet www.miaminewmediafestival.com.

 

Video arte: al Centro Studi Americani il Cineforum “Civiltà vs violenza”

In occasione della presentazione dei video vincitori della call “RAW incontra il Miami New Media Festival 2022”, realizzata nell’ambito della settimana dell’arte contemporanea di Roma
Roma, 20 ottobre 2022 – “RAW incontra il Miami New Media Festival 2022”, iniziativa realizzata tra la Rome Art Week (RAW) e il Miami New Media Festival (MNMF), giunto alla sua 17ª edizione, quest’anno si terrà martedì 25 ottobre al Centro Studi Americani di Roma (Via Michelangelo Caetani 32), alle ore 15, nell’ambito del CineForum “Civiltà vs violenza: educazione, arte e comunità come un modo per abbracciare la nonviolenza”.
Tra i relatori ci saranno Roberto Sgalla, direttore del Centro Studi Americani, Massimiliano Padovan Di Benedetto, direttore Rome Art Week, e Andreina Fuentes Angarita, direttrice di Arts Connection. Modera Marinellys Tremamunno, video-giornalista, portavoce del MNMF in Italia.
Sono sei i video art selezionati per la proiezione romana del Miami New Media Festival: “Singularity” (2022) di Massimiliano Ionta (Italia); “ALL RACISTS [You are]” (2021) di Carles Pàmies (Spagna); Squeeze (2020) di Gina Peyran Tan (Singapore); “Globus Viridis” (2022) di Victoria Thomen (Italia-Repubblica Dominicana); “Essere U” (2022) di Emanuele Marsigliotti (Italia); “Border” (2021) di Manuel De Marco (Italia). Insieme a loro parteciperanno diversi artisti internazionali.
Gli artisti sono vincitori della call italiana del MNMF 2022 e sono stati presentati in prima internazionale lo scorso sabato 8 ottobre, durante l’opening del festival internazionale, realizzato alla galleria Art To Save Lives Contemporary di Miami, dove sono in proiezione fino al 29 ottobre, insieme ai 34 video vincitori del bando internazionale.
Una festa dedicata alla videoarte
Miami New Media Festival (MNMF) è una piattaforma di arte pubblica, creata da Arts Connection Foundation, partner di RAW dall’anno 2017, per la promozione della creazione artistica attraverso la tecnologia e i nuovi media. È una grande festa dell’arte contemporanea, con tante attività artistiche, tra cui proiezioni, video mapping, performance audio-visive dal vivo, workshop, mostre e conferenze. Il MNMF intreccia la video arte con il pubblico, consentendo un nuovo spazio di ritrovo e di espressione artistica.
Il Miami New Media Festival è un evento inclusivo. Incoraggia la partecipazione di video-artisti di qualsiasi età (+ 16 anni) e qualsiasi genere, senza restrizioni di nazionalità o residenza. È aperto a tutti i tipi di pubblico, artisti, studenti d’arte, studiosi, istituzioni accademiche, curatori, collezionisti, istituzioni e aziende.
Ulteriori informazioni sul sito internet
“Border” (2021) di Manuel De Marco (Italia)

Alla Biennale d’Arte 2022 il Padiglione del Guatemala, con un mega dipinto

Roma, 13 aprile 2022 – In linea con il tema della 59a Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale d’Arte di Venezia, che porta il titolo “Il latte dei sogni”, il Padiglione Nazionale del Guatemala giovedì 21 aprile, ore 16:00, presenterà in anteprima l’imponente dipinto intitolato “Inclusione”, del giovane artista Christian Escobar “Chrispapita” (Instagram: @chrispapita), anche curatore della mostra.

Per la prima volta nella storia della Biennale, il Guatemala si presenta così con un padiglione nazionale e un’unica opera che abbraccerà l’intero spazio: un imponente dipinto in acrilico su tela di 7 metri di larghezza per 2,8 metri di altezza.

Attraverso la tecnica dell’iperrealismo, Chrispapita vuole mostrare “l’ingranaggio umano e inclusivo come motore del cambiamento e del progresso in Guatemala”.

L’artista ha spiegato che si tratta di un omaggio agli artisti dell’età d’oro dei murales latinoamericani, ma anche ai grandi maestri italiani del barocco, a testimonianza della grande influenza dell’arte italiana sulla cultura guatemalteca. Inoltre, ha annunciato che il padiglione accoglierà le fotografie di Valeska Meyer, con una serie chiamata “Santo Tomás”, che mostrerà la diversità culturale del Paese, così come l’inclusione dell’ancestrale con il quotidiano.

Al vernissage parteciperanno l’artista Christian Escobar “Chrispapita“, insieme a una delegazione di autorità e imprenditori guatemaltechi.

È previsto anche una performance di Simone Mina, brand Ambassador del rum guatemalteco Botran, per presentare la nascita dell’Espressionismo Liquido.

Seguirà brindisi con un cocktail di benvenuto, balli tradizionali del Guatemala e una degustazione di caffè proposta dall’Alianza imprenditoriale tra l’italiana Caffè Diemme e la guatemalteca Modes.

Così “Inclusione” è un invito ad accettare le differenze tra gli esseri umani e a rispettarle, con giustizia ed equità, considerando che ogni individuo nella sua unicità è parte della società. Inoltre, esalta la più grande ricchezza che ha il Guatemala, la sua gente e la sua diversità multiculturale come punto di forza per lo sviluppo.

Questo progetto è sostenuto da importanti aziende del Paese centroamericano: l’Associazione Nazionale del Caffè (Anacafe), Ron Botrán, la Camera del Turismo del Guatemala (Camtur), il Gruppo Apolo, Invernowi S.A., la Fondazione Paiz, Lua Chips, Saúl, Integra Cancer Institute, Palma Sur, il Museo Ixchel e l’Università Rafael Landivar.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 23 aprile al 27 novembre 2022, presso SPUMA Space for the Arts (Fondamenta S. Biagio, Giudecca 800 / R, 30133 Venezia VE, Italia) con il seguente orario: dal 23 aprile al 25 settembre, dalle 11:30 alle 19:30; e dal 26 settembre al 27 novembre, dalle 10:30 alle 18:30. Martedì chiuso.

Per ulteriori informazioni visitare il sito internet www.guatemalapavilion.com.

 

 

A tavola con il Guatemala: l’agroalimentare guatemalteco conquista gli imprenditori italiani

Roma, 28 settembre 2021 – Mercoledì 22 settembre si è tenuta a Roma la prima edizione di “A tavola con il Guatemala”. Una giornata ricca di importanti incontri B2B per promuovere i prodotti agroalimentari di eccellenza di 15 aziende del Paese centroamericano, e favorire sinergie commerciali sul territorio italiano.

La manifestazione è stata organizzata dall’Ambasciata del Guatemala in Italia insieme alla Camera di Commercio e Industria Italiana in Guatemala (CAMCIG), con il sostegno del Ministero degli Affari Esteri(Minex) e del Ministero dell’Economia del Paese.

Per otto ore, l’edificio Wegil, nel centro storico della capitale italiana, ha ospitato con successo gli incontri d’affari tra 15 produttori guatemaltechi e più di 20 imprenditori italiani, provenienti da diverse regioni, interessati a conoscere i prodotti con potenziale di importazione, come avocado, caffè, cacao, cardamomo, piselli cinesi, ortaggi biologici, frutti di bosco, fragole, noci di macadamia, sesamo, spezie, frutti secchi, salse piccanti, miele, rum e olio di palma.

La dimostrazione culinaria è stata presentata dalla giornalista Marinellys Tremamunno, con la partecipazione degli chef Sergio Díaz, del Ristorante Sublime in Guatemala, e Bruno Brunori del ristorante Casa Brunori in Italia, che hanno mostrato le loro abilità spiegando come i sapori intensi guatemaltechi possono fondersi con i piatti della tradizione gastronomica italiana.

Il Cooking Show è stato trasmesso in streaming ed è disponibile attraverso il sito ufficiale dell’evento www.atavolaconilguatemala.it e sul canale Youtube www.youtube.com/watch?v=UmjZdPV3UEs&t=2836s.

“A tavola con il Guatemala” è il risultato di uno sforzo logistico che nasce dalle azioni di diplomazia commerciale promosse da Minex, con l’obiettivo di posizionare il Guatemala sui mercati internazionali e favorire gli scambi commerciali.

Gli incontri d’affari sono stati organizzati dall’ApciAssociazione Professionale di Cuochi Italiani.

È da evidenziare che l’evento ha avuto la presenza di una delegazione di alto livello del Governo del Guatemala, guidata dal Viceministro dello Sviluppo della Micro, Piccola e Media Impresa Sigfrido Lee, i Viceministri delle Relazioni Estere Shirley Aguilar e Atzum de Moscoso, e l’Ambasciatore del Guatemala in Italia Luis Fernando Carranza Cifuentes, già presidente del Comitato Esecutivo del Programma Alimentare Mondiale (WFP).

“A tavola con il Guatemala” è la dimostrazione che il coordinamento interistituzionale tra istituzioni pubbliche e private può produrre risultati ottimali.

Un evento che è stato possibile infatti grazie al sostegno finanziario di Cementos Progreso, Ron Botrán, Banco Industrial, Anacafé, Grepalma, Gruppo Alimentari, Kultiva(Agrocumbre), Grupo Alza (Sasson e Cashitas), Coopermondo e il Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli ( CISP).

In Italia l’evento ha avuto il sostegno di vini San Carraro e della fabbrica di gelato artigianale Peó, oltre al sostegno istituzionale dell’Istituto Italo Latinoamericano (Iila) e dell’Accademia del Caffè Espresso.

 

Al via “A tavola con il Guatemala”: incontri B2B e cooking show con ospiti d’eccezione

Roma, 21 settembre 2021 – Nella cornice suggestiva del Wegil di Roma, mercoledì 22 settembre si terrà la prima edizione di “A tavola con il Guatemala”, una giornata di importanti incontri B2B presenziali per promuovere i prodotti agroalimentari di eccellenza di 15 aziende del Paese centroamericano e promuovere la creazione di sinergie commerciali en territorio italiano.

La manifestazione è promossa dal Ministero degli Affari Esteri e dell’Economia del Guatemala, attraverso la sua Ambasciata in Italia, in collaborazione con la Camera di Commercio e Industria Italiana in Guatemala (CAMCIG).

I 15 imprenditori guatemaltechi incontreranno più di 20 potenziali clienti del mercato agroalimentare italiano (distributori, grossisti, catene di supermercati e rappresentanti del settore Horeca), che viaggeranno da diverse regioni d’Italia per incontrare i produttori guatemaltechi.

Si tratta di un grande sforzo logistico, considerando le difficoltà imposte dalle restrizioni Covid, ma è stato possibile grazie al know how dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani (Apci), responsabile dell’organizzazione degli incontri B2B.

L’evento si svolgerà dalle 10:00 alle 18:00 e sarà la vetrina perfetta per mostrare agli italiani il potenziale di importazione dei seguenti prodotti guatemaltechi:

olio di palma, avocado Hass, caffè, cacao, cardamomo, piselli cinesi, verdure biologiche, more, mirtilli, lamponi, fragole, noci di macadamia, sesamo, spezie, frutti secchi, salse piccanti, miele e rum.

Ma non solo, “A tavola con il Guatemala” prevede anche uno Show Cooking, durante il quale gli chef Sergio Díaz del Ristorante Sublime in Guatemala, e Bruno Brunori del Ristorante Casa Brunori di Italia mostreranno come i sapori del Guatemala si possono inserire nei piatti della cucina italiana tradizionale.

Lo spettacolo gastronomico si svolgerà alle 12:30, con la partecipazione speciale della giornalista Marinellys Tremamunno, e sarà trasmesso in diretta streaming attraverso il sito ufficiale dell’evento www.atavolaconilguatemala.it.

Alla cerimonia di apertura parteciperanno importanti ospiti del mondo imprenditoriale italiano, che incontreranno la delegazione di alto livello del Governo del Guatemala che si trova a Roma, guidata dal Viceministro dell’ Economia Sigfrido Lee, le Viceministre degli Esteri Shirley Aguilar e Atzum de Moscoso, e l’Ambasciatore del Guatemala in Italia, Luis Fernando Carranza Cifuentes.

“A tavola con il Guatemala” è un grande sforzo di collaborazione tra l’amministrazione pubblica e la rete imprenditoriale del Paese.

Un evento reso possibile grazie al sostegno economico di importanti aziende guatemalteche come Cementos Progreso, Ron Botrán, Banco Industrial, Anacafé, Grepalma, Gruppo Alimentari, Kultiva (Agrocumbre), Grupo Alza (Sasson e Cashitas); in partenariato con Coopermondo e il Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli (CISP).

Per l’Italia saranno presenti l’Istituto Italo Latino-americano, l’Accademia del Caffè Espresso, Associoccolato, Confesercenti, vini Sancarraro e gelati artigianali PEO’.

 

 

 

 

Arte e pandemia: Rome Art Week apre il bando per video artisti

Al via il bando di video-art sulle esperienze e pensieri sulla vita durante la pandemia

Roma, 11 agosto 2021 – Anche quest’anno riparte la collaborazione tra Rome Art Week (RAW) e il Miami New Media Festival (MNMF), giunto ormai alla sua 16ª edizione. Si apre così la call dedicata ai video degli artisti che parteciperanno alla RAW 2021. I video selezionati saranno esposti durante la settimana dell’arte contemporanea di Roma, in occasione dell’evento del Miami New Media Festival (MNMF) che si terrà presso una prestigiosa sede espositiva romana. Le opere verranno poi esposte a Miami e nelle altre tappe mondiali del festival.

A questo bando possono partecipare artisti di età superiore ai 16 anni e di qualsiasi nazionalità, con video della durata massima di 10 minuti, su “New Media Art and the Pandemic”.

Il bando è aperto fino al 15 settembre e le opere possono essere inviate gratuitamente attraverso il seguente link. Il Miami New Media Festival è promosso dalla fondazione americana Arts Connection, partner di RAW dall’anno 2017.

“La pandemia ci ha messo a dura prova e attraverso i nuovi media possiamo riflettere su ciò che abbiamo vissuto quest’anno. Tutti abbiamo perso qualcuno, ancora oggi ci sono persone che lottano per riprendersi da problemi finanziari o fisici, tutti cerchiamo di riadattarci. Inevitabilmente, siamo di fronte a una nuova realtà e vorremmo aprire uno spazio che ci aiuti a capire meglio questo periodo così difficile”, ha spiegato la portavoce del Miami New Media Festival in Italia, la giornalista Marinellys Tremamunno.

Di conseguenza, il MNMF 2021 “invita gli artisti a produrre video-art sulle loro esperienze e pensieri sulla vita durante la pandemia. Possono partecipare anche opere d’arte prodotte durante la quarantena. L’idea è quella di sensibilizzare su un tema che riguarda sia gli artisti che il pubblico”, ha aggiunto Andreina Fuentes Angarita, fondatrice del festival nato in Venezuela sedici anni fa e oggi con sede a Miami.

Ha ricordato che, nonostante la pandemia, durante il 2020 il Miami New Media Festival ha ricevuto più di 100 opere, da cui sono stati selezionati i 25 artisti più importanti provenienti da 15 Paesi; hanno partecipato 8 artisti italiani, con proiezioni non solo in Italia ma anche negli Stati Uniti, Olanda, Aruba, Colombia e Venezuela. Per l’edizione 2021, “speriamo di avere una partecipazione così entusiasta e un numero simile di artisti selezionati”.

Il Miami New Media Festival è una piattaforma di arte pubblica che mira a promuovere la creazione artistica attraverso la tecnologia e i nuovi media.

Un grande festival di arte contemporanea con 16 anni di esperienza a cui si può partecipare tramite la pagina www.romeartweek.com/it/notizie/call-for-video-artists-2021.

 

Arte e censura: alla Rome Art Week Open Call selezionati i video artisti per il Miami New Media Festival

Roma, 7 ottobre 2020 – Sono otto i video-artisti selezionati dalla Rome Art Week (RAW) nell’ambito dell’Open Call “New Media Art and Censorship in the Information Era” del Miami New Media Festival 2020 (MNMF).

I vincitori di questo anno sono: Meri Tancredi, Jerusa Simone, Werther Germondari, Valentina Palazzari, Alessandro Arrigo, Andrea Felice, Mebitek – Jele Raus e ReBarbus/Baruffetty, che hanno saputo affrontare con estrema chiarezza le relazioni tra la New Media Art e la censura.

Lo ha annunciato Marinellys Tremamunno, portavoce del Miami New Media Festival 2020 (www.miaminewmediafestival.com) in Italia, durante la conferenza stampa di presentazione della Rome Art Week 2020 (www.romeartweek.com/it), realizzata lunedì 5 ottobre presso Conference Center Sala da Feltre.

“La selezione dei video ci dà modo di comprendere più a fondo come il tema della censura abbia colpito il mondo dell’arte. In particolare, spicca un nuovo modo di limitare la vera libertà e creatività delle persone attraverso i social network”, ha segnalato la curatrice dell’Open Call italiana, Francesca Anneda.

I video selezionati saranno esposti in preview alla Maker Island – L’isola dei makers, che si terrà dal 16 al 18 ottobre, presso il Museo Archeologico di Olbia, nel primo evento in Sardegna che celebra la cultura dei makers: gli artigiani digitali del XXI secolo.

E grazie al partenariato strategico tra la fondazione Arts Connection (www.artsconnectionfoundation.org/wp) e la RAW, le opere dei creatori italiani saranno proiettate durante la tappa principale del festival a Miami, il 20 novembre prossimo alle ore 19:00, all’evento di apertura presso il Laundromat Art Space e il 28 novembre, ore 20:00, presso il Doral Contemporary Art Museum.

Inoltre, la nuova edizione del Miami New Media Festival include una ricca programmazione di eventi che raggiungerà 11 Paesi, come Stati Uniti, Curazao, Aruba, Colombia, Repubblica Dominicana, Venezuela, Olanda, Spagna, Messico, Francia e Italia. Gli artisti selezionati dalla Rome Art Week saranno presenti in alcuni di questi eventi e ulteriori informazioni al riguardo sono reperibili sul sito internet www.miaminewmediafestival.com.

Cosa è il Miami New Media Festival

Il Miami New Media Festival è una piattaforma di arte pubblica, creata da Arts Connection Foundation, per la promozione della creazione artistica attraverso la tecnologia e i nuovi media. Il primo MNMF è nato a Miami (Florida) nel 2006, ideato dall’artista e curatrice venezuelana Andreina Fuentes Angarita.

Il Festival è una grande festa dell’arte contemporanea, con tante attività artistiche, tra cui proiezioni, video mapping, performance audiovisive dal vivo, workshop, mostre e conferenze.

Una manifestazione unica, che intreccia la video arte con il pubblico, consentendo un nuovo spazio di ritrovo e di espressione artistica, come mai prima d’ora.

 

 

VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE: 

Link conferenza stampa: www.youtube.com/watch?v=y6dlyD6UxfQ&t

 

 

 

A Ronchi dei Legionari presentazione del libro “Venezuela, l’Eden del diavolo”

Gorizia, 22 settembre 2020 – Il presidente Nicolas Maduro e membri di spicco del suo governo sono responsabili di crimini contro l’umanità in Venezuela. Lo ha detto il team di inchiesta delle Nazioni Unite nel suo primo rapporto, parlando di un uso sistematico tortura e omicidio a partire dal 2014. La popolazione venezuelana vive, ormai da anni senza medicine, affamata, vittima di un’iperinflazione incontenibile, brutalizzata da un regime repressivo e corrotto e dalla violenza di gruppi paramilitari che agiscono indisturbati.

La giornalista italo-venezuelana Marinellys Tremamunno in Venezuela, l’Eden del diavolo, descrive l’angoscia di un popolo attraverso la testimonianza diretta di undici vescovi e due cardinali, che nel corso di una straordinaria visita Ad Limina Apostolorum hanno incontrato Papa Francesco rendendosi portavoce delle tribolazioni dell’intero Paese.

Per approfondimenti sul Paese latinoamericano ci sarà un incontro con l’autrice che si terrà venerdì 25 settembre a Ronchi dei Legionari (GO), nell’ambito del Festival del Giornalismo, presso il Consorzio di Bonifica, via Duca d’Aosta, ore 19,30 per un Aperitivo letterario. In dialogo con l’autrice Marco Invernizzi.

Per avere maggiori informazioni sull’incontro visitare l’evento Facebook www.facebook.com/events/2712241202325715.

Il libro

Titolo: Venezuela, l’Eden del diavolo

Autrice: Marinellys Tremamunno

€ 14,00 – pag. 144

L’ autrice
Marinellys Tremamunno è una giornalista italo-venezuelana, nata e cresciuta a Caracas. Laureata in Comunicazione sociale, Master in Giornalismo digitale, ha fondato il giornale Tras la noticia (2003), che dopo sei anni è stata costretta a chiudere a causa della censura in Venezuela. Corrispondente dall’Italia per le testate messicane Excelsior Imagen Tv, è autrice del programma televisivo Efecto Naim per l’emittente latinoamericana NTN24. Scrive per La Nuova Bussola Quotidiana e collabora con diverse testate internazionali. È fondatrice dell’associazione Venezuela: la piccola Venezia Onlus che promuove attività di cooperazione allo sviluppo in Venezuela. È autrice dei libri Chávez y los medios de comunicación social (2002) e Venezuela: il crollo di una rivoluzione (2017).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

###

 

Per informazioni e interviste:

Infinito edizioni: 059/573079 – 331/2182322

 

Arriva Rome Art Week: Aperta la call per Video Artisti italiani del Miami New Media Festival 2020

La tesi culturale del Miami New Media Festival 2020 è la relazione tra New Media Art e censura nell’era dell’informazione

Roma, 18 agosto 2020 – Nella quinta edizione di Rome Art Week riparte la collaborazione con il Miami New Media Festival e si apre la call dedicata a tutti i video artisti che parteciperanno a RAW 2020.

I video selezionati saranno esposti, durante la settimana di Rome Art Week (www.romeartweek.com/it) all’evento del Miami New Media Festival (www.miaminewmediafestival.com), che si terrà presso una prestigiosa sede espositiva romana, che verrà rivelata a breve.

La partecipazione è completamente gratuita e vi sarà inoltre l’opportunità di vedere la propria opera di videoarte esposta a Miami e nelle altre tappe mondiali del festival.

“New Media Art and Censorship in the Information Era”

La tesi curatoriale di Miami New Media Festival 2020 è incentrata su proposte che esplorano le relazioni tra New Media Art e censura.

Quest’anno, infatti, il Miami New Media Festival affronterà l’argomento New Media Art e censura nell’era dell’informazione: com’è possibile che le stesse piattaforme e dispositivi che consentono agli artisti di accedere a una fonte infinita di informazioni possano essere contemporaneamente strumenti per limitare e punire le creazioni d’arte in tutto il mondo?

Il Miami New Media Festival è un evento inclusivo e si incoraggia la partecipazione di video-artisti di qualsiasi età, dai 16 anni in poi, e di qualsiasi genere, senza restrizioni di nazionalità o residenza.

È aperto a tutti i tipi di pubblico, artisti, studenti d’arte, studiosi, istituzioni accademiche, curatori, collezionisti, istituzioni e aziende.

Per iscriversi gratuitamente alla call italiana basta andare alla pagina web https://romeartweek.com/it/miami-new-media-festival.

Le iscrizioni chiuderanno il 30 agosto 2020.

Per ulteriori informazioni visitare il sito internet www.miaminewmediafestival.com.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

###

Ufficio Stampa:

Marinellys Tremamunno

info@tremamunno.com

www.tremamunno.com

 

 

Presentato al MACRO il Miami New Media Festival

Il Museo di Arte Contemporanea di Roma ha aperto le porte alla 13a edizione del festival di video arte creato dalla Fondazione Arts Connection

Roma, 13 novembre 2018 – È stato presentato al MACRO, il Museo di Arte Contemporanea di Roma, la 13a edizione del MNMF 2018, il Miami New Media Festival, l’evento della Fondazione Arts Connection dedicato alla più grande coalizione creativa di video arte del mondo.

La presentazione ha visto due progetti curatoriali, per un totale di 32 video, che sono stati proiettati venerdì 2, sabato 3 e domenica 4 novembre presso la sede dell’importante centro espositivo romano. Inoltre, venerdì 26 ottobre il MNMF2018 ha avuto una presentazione speciale alla festa finale della Rome Art Week (RAW), tenutasi nel suggestivo Borgo Ripa di Trastevere.

La tappa romana di questo importante festival internazionale ha incluso 18 video-art selezionati attraverso l’Open Call, sotto il titolo Water, Heritage and Climate Change, insieme alle selezioni curatoriali con le proposte audiovisive degli artisti invitati.

Così la RAW ha presentato il programma curatoriale Emergency Metaphors, che mette lo spettatore a confronto con la realtà politica venezuelana attraverso le opere di Muu Blanco, Miguel Braceli, Yolanda Duarte, Beto Gutierrez, Consuelo Mendez, Teresa Mulet, Erika Ordosgoitti, Rolando Peña, Conrado Pittari, Lucía Pizzani, Miguel Rodríguez, Sepúlveda e Marcos Temoche.

E il Macro ha proiettato il programma Women of Water, che ha visto la partecipazione di Nina Dotti, Consuelo Mendez, Sabrina Soto Montiel, Erika Lucia Ordosgoitti e Pizzani.

Il Miami New Media Festival

Ideato a Miami nel 2006 da Arts Connection Foundation, dall’artista e curatrice venezuelana Andreina Fuentes, il Miami New Media Festival  oggi ha il sostegno del Consiglio per gli Affari Culturali di Miami-Dade.

Il MNMF 2018, giunto alla sua 13a edizione, ha riunito più di 250 artisti provenienti da 15 nazioni del mondo, è iniziato lo scorso 2 ottobre a Miami, per raggiungere successivamente San Nicolas (Aruba), Bogotà (Colombia), Santo Domingo (Repubblica Dominicana), Caracas (Venezuela) e Valencia (Spagna).

L’Italia è stata la quarta tappa dei 7 paesi che compongono l’itinerario di questo festival senza precedenti, che offre una piattaforma unica per la diffusione di opere di video arte.

Il MNMF 2018 proseguirà il 22 e 23 novembre a Valencia, in Spagna, con il seminario “Fluxus nell’era digitale”, nel corso della seconda riunione internazionale del Dipartimento di Arte e Tecnologia della Università Cattolica di Valencia San Vincenzo Martire.

Sabato 2 febbraio tornerà al MACRO di Roma, per accogliere la performance di Miss Wynwood dell’artista venezuelana Nina Dotti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Exit mobile version