Castello di Racconigi, un’estate ricca di eventi, arte, storia, natura e paesaggio

Cuneo, 28 luglio 2016 – Il castello di Racconigi ed il suo parco, già premiato come “Parco più bello d’Italia”, sono la meta ideale per chi ha voglia di immergersi nelle suggestioni della natura e della storia: l’apertura straordinaria lunedi 15 agosto per il tradizionale picnic di Ferragosto offre l’occasione, riprendendo l’atmosfera spensierata delle villeggiature reali, di trascorrere una magnifica giornata all’aperto con i bambini, con la famiglia, con gli amici in un’atmosfera romantica e suggestiva.

Nella quiete del parco si potranno fare riposanti passeggiate in carrozza, gite in bici, picnic all’ombra degli alberi secolari, una sosta relax nella caffetteria allestita nella Dacia russa, una camminata col proprio amico a quattro zampe (benvenuto, purché al guinzaglio) osservando le maestose cicogne e le altre specie protette che abitano il parco. Visitando il castello si vivrà l’emozione di una amatissima dimora di villeggiatura, una casa che affianca agli ambienti aulici quelli più intimi e privati, nei quali tutto sembra sospeso ad attendere il ritorno dei principi.

Da venerdì 26 agosto a domenica 4 settembre, in occasione della 67° edizione di Peperò, Sagra del Peperone di Carmagnola, il castello ospita suggestivi allestimenti ispirati alla cucina e a questo goloso frutto estivo, realizzati in collaborazione con Progetto Canto Regi.

Sabato 27 agosto si potrà inoltre assistere al concorso di eleganza dedicato alla Vespa che nel 2016 compie 70 anni: a festeggiare la ricorrenza di una delle più celebrate icone italiane, 98 Vespa (numero che richiama la cilindrata 98cc della prima Vespa) con piloti abbigliati secondo l’epoca del proprio veicolo.

A partire dal 4 settembre si potrà approfittare anche del ricco programma di eventi e manifestazioni del tradizionale Settembre Racconigese che animerà il centro storico.

Dal 7 ottobre al 13 novembre le sale auliche del primo piano accolgono l’evento INSIEME NELL’INFINITO: i 7 chakra del castello di Racconigi un percorso multisensoriale di allestimenti, suoni, installazioni e performance per vivere l’esperienza dell’energia kundalini e, nel primo fine settimana dedicato alla ricerca dell’armonia tra corpo e mente, il parco è anche teatro di lezioni e dimostrazioni di yoga, meditazione e altre discipline orientali.

Il castello e il parco di Racconigi hanno un fascino che riesce ad andare oltre la valenza storica e le preziose testimonianze artistiche raccolte nei secoli; amatissima dimora di villeggiatura dei Carignano, il ramo più indipendente e culturalmente meno conservatore della corte sabauda, il castello ha un’anima evocativa e stimolante.

Questo genius loci ha guidato la rinascita della residenza sin dal 1994, in un costante dialogo tra continuità e innovazione, rispetto e sfida, allestimenti emozionali e contaminazioni con nuovi e diversi linguaggi e discipline, facendo del castello uno spazio vivo in continua evoluzione, un attivatore culturale aperto alla collaborazione e al confronto con altre strutture.

Il territorio cuneese offre inoltre interessanti piccoli centri, magnifiche campagne dominate dal Monviso, attività di equitazione, ciclismo, escursionismo, il nuovo Mùses-Accademia Europea delle Essenze di Savigliano e, naturalmente, il Centro Lipu Cicogne e Anatidi (www.cicogneracconigi.it) che sorge presso le ex cascine reali, una volta appartenenti al Castello.

APERTURA:

DAL MARTEDI ALLA DOMENICA

(Castello dalle 9 alle 19, parco dalle 10 alle 19. Ultimo ingresso ore 18).

Il castello sarà chiuso martedì 16 agosto.

La Caffetteria della Dacia è aperta nei fine settimana e a Ferragosto.

INFORMAZIONI:

0172 84005

 

###

Ufficio Stampa:

socialracconigi@beniculturali.it

 

Francesca Evangelisti

Tel. 347 1658586

chiccaevangelisti@gmail.com

 

Simonetta Carbone

Tel. 335 6505656

simonetta.carbone@fastwebnet.it

 

Il fascino suggestivo del castello e del parco, già premiato come “Parco più bello d’Italia”

 

A Torino arriva Dreamers, rassegna spettacolo di moda contemporanea

Torino, 22 luglio 2016 – Dal 5 al 9 ottobre 2016 presso il MEF-Museo Ettore Fico (Torino) si terrà Dreamers, una rassegna dedicata alla moda contemporanea: esposizioni, allestimenti, incontri, proiezioni, musica live, flash mob e le creazioni di alcuni tra gli stilisti più sperimentali in un pluralismo di linguaggi e contaminazioni disciplinari. Tra moda, arte, cinema e musica.

Queste le sezioni e il programma di questa prima edizione di Dreamers:

VISIONS: Incontri, dialoghi, occasioni per ascoltare e condividere progetti, farsi ispirare da idee e sogni, approfondire temi tra costume e società in una continua contaminazione della moda con arte, cinema, musica.

A stimolare e alimentare il racconto, pensatori, artisti, stilisti, imprenditori e maestri: Stefania Ricci, direttrice del Museo Ferragamo, http://www.ferragamo.com/museo/it/ita ideatrice e co-curatrice della mostra “Tra Arte e Moda”  http://www.ferragamo.com/museo/it/ita/mostre in corso a Firenze, Alina Marazzi regista del documentario ANNA PIAGGI Una visionaria della moda” ;Antonella Giannone, esperta del complesso e fluido rapporto tra le diverse identità culturali, il vestire e la moda. Stefano Micelli che da anni studia la trasformazione del sistema industriale italiano e il nuovo legame tra lavoro artigiano e produzione, dialoga con tre designer italiane di successo internazionale per delinearne i percorsi artistici e imprenditoriali: Silvia Bisconti stilista, già direttore artistico di Maliparmi e anima della sartoria contemporanea Raptus&Rose; Benedetta Bruzziches http://www.benedettabruzziches.com dell’omonimo brand di borse; Maria De Ambrogio designer sperimentale del marchio Serie N°merica http://www.serienumerica.it .

EVENTS Happening e musica, reading, performance e flashmob: stilisti, giornalisti, scrittori, dj e artisti raccontano la moda, le sue atmosfere e i suoi protagonisti.

  • IL FLAHSMOB DI RAPTUS&ROSE (www.raptusandrose.com) inaugura il ricco programma con un’incursione inconsueta, effimera e coinvolgente per il pubblico dell’opening
  • La Performance dello stilista di cappelli Reinhard Plank (www.reinhardplank.it) che plasma il feltro in una nuvola di vapore
  • Non solo Musica Un percorso in tre tappe che vede protagonisti artisti musicali diventati icone di stile ridefinendo il rapporto tra musica e  moda. Ogni incontro racconta un decennio attraverso parole immagini e suoni live. Gli anni Settanta, David Bowie e la moda glam rock con Luca Scarlini (www.lucascarlini.it/index.html) autore di Ziggy Stardust. La vera natura dei sogni. (add 2016). Gli anni Novanta e il grunge con Luca De Gennaro giornalista, dj autore di Planet Rock L’ultima rivoluzione (arcana 2016). Il Nuovo Millennio tra soul e pop, rappresentato da Amy Winehouse, Lady Gaga e Byoncé, con Carolina Di Domenico attrice, conduttrice tv.
  • LETTERE A YVES con Pino Ammendola adattamento scenico di Roberto Piana: per celebrare gli 80 anni dalla nascita dello stilista, reading delle lettere a Yves Saint Laurent di Pierre Bergé suo compagno e collaboratore per cinquant’anni.
  • ANNA PIAGGI una visionaria della moda Evento speciale in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema http://www.museocinema.it dedicato a una giornalista eccezionale, uno dei personaggi più influenti del fashion system tra gli anni Sessanta e i primi anni Duemila, eccentrico testimone della contaminazione tra arte, società e cultura che ha cambiato la moda e ne ha decretato il successo su scala globale. .

EXHIBITIONS L’itinerario visivo costruito intorno al tema Imaginarium, si apre con l’esposizione “Sotto il cappello” riflessioni su questo accessorio quale sede e simbolo del pensiero, dell’immaginazione e dell’anima, e prosegue con installazioni di abiti e accessori.

Sotto il cappello” accoglie i visitatori con i lavori di Maïmouna Guerresi (www.maimounaguerresi.com) dedicati alla parte del corpo che più è esposta agli agenti della vita: la testa. Artista complessa, intensamente spirituale, fortemente legata alla Body Art e alla poetica del corpo inteso come fisico e mistico, Maïmouna Guerresi ha creato cappelli-minareto alti e stretti secondo un rituale della comunità musulmana Baifal del Senegal, alla quale è particolarmente legata e che l’ha introdotta al muridismo islamico. I cappelli-minareto, composti da pezzi di tessuto, sono realizzati con le tecniche usate presso la comunità senegalese.

Il percorso prosegue con gli eccentrici cappelli di Anna Piaggi, provenienti dalle collezioni dell’Associazione Anna Piaggi, e con i ritratti fotografici dell’Archivio Alfa Castaldi http://alfacastaldi.com; le creazioni in feltro e i video di Reinhard Plank, cappellaio altoatesino d’avanguardia; quelle di Yesey, linea Haute Couture di Dana Virginia Jauker ispirata al cinema e alla musica, caratterizzata da interventi materici di estrema ricerca e infine Altalen, officina creativa di copricapi che coniugano ricerca, sperimentazione e le più sofisticate tecniche artigianali, in dialogo con progetti di artisti e fotografi tra i quali Giovanni Gastel.

Abbandonato il tema del cappello, la mostra prosegue con gli abiti scultura della paper artist Caterina Crepax, le poetiche creazioni di Raptus&Rose, quelle minimali di Serie N°merica e le preziose borse di Benedetta Bruzziches.

Il percorso riprende al primo piano, con l’installazione VeRve / 100 / seta, un progetto sul riuso che prevede la trasformazione e rivitalizzazione di 100 capi in seta usati e/o inutilizzati in pezzi unici, esclusivi e senza tempo. A cura di Sergio Perrero architetto/artista/designer/ricercatore, antesignano del riuso ecologico-etico-artistico.

SHOWCASE La sezione dove cultura e commercio si incontrano. Una vetrina dedicata alla moda artigianale contemporanea di ricerca: in esposizione e vendita abiti e accessori di designer indipendenti, collettivi, gallerie, marchi e atelier, italiani e internazionali.

WORKSHOP Laboratori per adulti e bambini: modalità esperienziali condotte da tutor d’eccezione, per cimentarsi con il fare e il progettare della moda, i suoi meccanismi, i suoi dettagli. Occasioni per mettere in relazione mani e idee, avvicinando la cultura del progetto alla vita di tutti i giorni.

FASHION PILLS La sezione di DREAMERS che si svolge nei negozi di ricerca del centro città: un percorso di progetti e suggestioni originali e studiati ad hoc attorno al tema Imaginarium.

SPACE   MEF – Museo Ettore Fico è un incubatore di progetti di arte contemporanea, retrospettive su grandi maestri, dialoghi con differenti discipline artistiche, caratterizzato da linee purissime e volumi organici, dalle cromie del cemento armato e del bianco, dal metallo nero della facciata, dalle ampie vetrate che ritagliano visuali metafisiche.

DREAMERS  Progetti e visioni di moda contemporanea

A cura di Barbara Casalaspro e Ludovica Gallo Orsi, con il contributo di Regione Piemonte, in collaborazione con MEF – Museo Ettore Fico. http://www.museofico.it/

MEF – Museo Ettore Fico Via Francesco Cigna, 114, 10155 Torino

INFO 011 853065  info@dreamerstorino.it www.dreamerstorino.itwww.museofico.it

 

###

 

Ufficio Stampa:

Simonetta Carbone 335 6505656  simonetta.carbone@fastwebnet.it

Francesca Evangelisti 347 1658586 chiccaevangelisti@gmail.com

 

moda contemporanea
Moda contemporanea e personale @Monia Merlo Photographer
eccentrica protagonista della moda
cappelli haute couture, foto Giovanni Gastel
rassegna di moda contemporanea al MEF – ottobre 2016
rassegna di moda contemporanea al MEF – ottobre 2016

Arriva “San Francisco Rock”, il Romanzo con Colonna Sonora

È il ritratto di una generazione, caratterizzata dal, senso di rabbia e sfiducia dei ventenni (e non solo) raccontato dal linguaggio potente della musica Rock: è “San Francisco Rock”, il romanzo scritto da Marcello Oliviero con una playlist dedicata ed una colonna sonora creata appositamente dal cantante Nicola Cavallaro

Torino, 8 aprile 2016 – Debutto per “San Francisco Rock”, romanzo di formazione che racconta la storia di quattro ragazzi che, per realizzare il loro sogno di fare musica oggi, annunciano di aver scoperto un inedito vinile degli anni Settanta. Una nuova rock ‘n’ rol swindle troppo appetitosa perché il circo mediatico e l’industria musicale si possano tirare indietro.

Musica e amicizia, speranze e merchandising, birra e vinili…

Le pagine e la playlist su Spotify  di “San Francisco Rock” diventano il ritratto di una generazione che, davanti al vuoto di prospettive, deve reinventarsi, tornare a pensare che tutto è possibile e permettersi un salto nel buio con l’energia del rock e dei 20 anni.

Il romanzo nasce dal senso di rabbia e sfiducia che grava sui ventenni (e non solo) di questo scorcio di secolo, ma Marcello Oliviero, attuale responsabile marketing e comunicazione del brand Walter Dang, non si fa portavoce generazionale, costruisce invece una storia appassionante nella quale confluiscono espressioni e linguaggi, aspettative e disillusioni che sente proprie, e lo fa con il linguaggio più potente e istintivo, quello della musica e del rock.

Intorno al romanzo si è sviluppato un progetto, fluido e work-in-progress, in cui scrittura, musica e immagini concorrono alla narrazione e nel quale Marcello Oliviero ha coinvolto due artisti ventenni. Trovandosi per caso a Catania una sera, passeggiando per il centro, fu attratto dalle voci e dalle note che uscivano da un locale. Era in corso una jam session e la voce graffiante e profonda del cantante Nicola Cavallaro ne era la protagonista.

Così è nata un’amicizia e San Francisco Rock ha trovato la voce della sua colonna sonora: 5 brani inediti ai quali Marcello e Nicola hanno lavorato insieme, l’uno scrivendo i testi e l’altro le musiche e l’interpretazione, diventando la voce di San Francisco Rock (www.youtube.com/channel/UC1LAVHTmWOq3ZGhvGhZCumw).

Allo stesso modo, spontaneo e entusiasta, è nata la collaborazione con la fotografa Giulia Ronzani che ha catturato con immagini potenti come la musica l’introspezione silenziosa e determinata di un’anima rock, ribelle e appassionata, cullata dal ritmo delle corde della chitarra, dell’amore, dei fiammiferi, del vetro delle bottiglie di birra, dei passi sulla strada.

Molto sembra dunque accomunare la nascita del progetto San Francisco Rock (www.sanfranciscorock.it) al sogno dei protagonisti. Come loro, l’autore ha conosciuto per caso gli artisti coi quali portarlo avanti. Come loro, si sono semplicemente e intensamente piaciuti. Come loro, hanno condiviso un’idea e, insieme, si sono buttati in una nuova avventura, in un lavoro diverso, un salto nel buio. Molto r‘n’r.

Così si spiegano anche le dinamiche di “San Francisco Rock”, apparso sul web e sui social San Francisco Rock su Facebook (facebook.com/SanFranciscoRockLibro) senza aver ancora cercato un editor né un editore. Non si tratta di voler sovvertire le regole del mondo editoriale, quanto dello sviluppo spontaneo di un progetto nato dalla passione per la musica e da uno stimolante senso di comunità, che ha attivato una sorta di spirale di positività e di voglia di andare avanti adoperandosi insieme, oltre che dalla considerazione che il web in quanto strumento possa essere un alleato della lettura e dell’ascolto.

Marcello Oliviero presenterà San Francisco Rock, la vera storia degli Sweet Nothing:

  • mercoledi 4 maggio 2016 al Blah Blah Blah Blahdi Torino con un concerto di Nicola Cavallaro, che eseguirà in anteprima i brani inediti presenti nel romanzo, e una mostra fotografica di Giulia Ronzani.
  • sabato 14 maggio 2016 alla libreria La Trebisonda di Torino con un concerto di Nicola Cavallaro, nell’ambito della XIII edizione del Salone Off, il Salone del Libro diffuso

 

###

 

Per interviste e contatti:

Ufficio stampa

Francesca Evangelisti

chiccaevangelisti@gmail.com

347 1658586

 

Copertina di “SAN FRANCISCO ROCK, la vera storia degli Sweet Nothing”

 

Marcello Oliviero, autore di San Francisco Rock

 

Nicola Cavallaro, la voce di San Francisco Rock
SAN FRANCISCO ROCK: Da NY a San Francisco, tutto inizia qui

 

Apre a Torino “Messer Tulipano”, un Mese Dedicato alla Magia ed al Linguaggio dei Fiori

Torino, 01 aprile 2016 – Si terrà a Torino la XVII edizione di”Messer Tulipano“, dal 2 Aprile all’1 Maggio prossimi nel parco del Castello Medievale di Pralormo (www.castellodipralormo.com), nel cuore del Piemonte, con la contemporanea straordinaria fioritura di oltre 75.000 tulipani e narcisi. Tra le varietà più curiose selezionate per l’evento una collezione di tulipani neri, i nuovissimi tulipani Pop up che sembrano coni gelato, i Parrot e gli eleganti Viridiflora, i tulipani stellati, i Frills, dai bordi sfrangiati e molti altri ancora.

Ogni anno “Messer Tulipano” propone nuovi allestimenti a tema e per l’edizione 2016 l’argomento collaterale sarà “Il linguaggio dei fiori”. Nel parco storico, nell’antica Orangerie e nella serra ottocentesca del castello, scenografie, mostre ed esposizioni offriranno spunti nel campo della moda, dell’arte e del flower design proposti da collezionisti, artisti, stilisti, paesaggisti, vivaisti, chef, maître pâtissier, ballerini e flower designer.

Questo quanto sarà presentato nei vari campi:

Moda: I kimono “fioriti” di Nancy Martin Stetsonngli abiti dello stilista Walter Dang ed una collezione di foulard vintage.

Arte: Gli “Acquerelli in fiore” di Maria Rita Stirpe , illustratrice botanica della prestigiosa rivista “Gardenia”, le opere di Alfred Drago Rens e Magali de Maistre; le installazioni dell’artista giapponese Toshiro Yamaguchi e di Lusia Valentini.

Flower design: le opere floreali della SIAF (Scuola Italiana Arte Floreale). Delegazioni provenienti da tutta Italia danno vita con fiori, foglie, rami e avanzi di potatura a personaggi da fiaba e quadri floreali.

Arte della pasticceria: pasticceria al gelsomino siciliano dell’executive chef Michelangelo Mammoliti, e esposizione di fiori realizzati con le più raffinate tecniche dei maître pâtissier

Arte dei giardini: una straordinaria collezione di pelargoni e di gelsomini, il giardino “I fiori dello zodiaco” curato da Isabella Dalla Ragione per Almanacco Barbanera, Torto-Giardino realizzato con verdure e fiori secondo i principi dell’agricoltura sinergica. Un grande orologio floreale ispirato al naturalista Linneo.

Ogni fine settimana all’interno di”Messer Tulipano” saranno proposte lezioni, dimostrazioni, degustazioni, conversazioni, animazioni e intrattenimenti per grandi e piccoli.

Nella zona shopping saranno proposti fiori, piante e attrezzature da giardino e terrazzo, ma anche specialità piemontesi e oggetti curiosi ispirati al mondo della natura mentre invece per trascorrere una divertente e serena giornata all’aperto con tutta la famiglia, “Messer Tulipano” offrirà panchine per riposarsi e fare picnic, una caffetteria ristorante, una gelateria e, per gli amici a quattro zampe, che sono i benvenuti nel parco al guinzaglio, ciotole d’acqua fresca nello stesso parco.

In occasione di “Messer Tulipano” sarà possibile anche visitare l’interno del Castello di Pralormo, tuttora abitato dai Conti di Pralormo per scoprire la vita quotidiana ed il “dietro le quinte” di un pranzo in un’antica dimora.

Apertura: Tutti i giorni dal 2 Aprile all’1 Maggio

Ingresso: € 8, € 6,5 per gruppi prenotati e convenzioni, € 4 bambini da 4 a 12 anni, fino a 4 anni gratuito

 

###

 

INFO

011 884870/8140981

festivi 011 9481117

Castello di Pralormo

 

75.000 tulipani nel parco storico del castello di Pralormo
75.000 tulipani nel parco storico di Pralormo

 

XVII edizione del grande evento floreale nel parco storico del castello di Pralormo

 

Exit mobile version