Riscaldamento, solo il pellet certificato evita brutte sorprese

Roma, 2 gennaio 2019 – La stagione invernale è cominciata da un po’ e anche quest’anno si registra la crescita dei possessori di stufe a pellet, che sta dimostrado essere uno dei migliori combustibili per le stufe domestiche, sia per i costi che per la resa calorifica. 

Negli ultimi anni la diffusione delle stufe a pellet è stata capillare in tutta Italia, sia nel nord che nel sud del paese, e vengono ormai utilizzate sia come fonte primaria di riscaldamento che come sistema integrativo.

Un mercato, quello del pellet, in grande espansione, in cui non è facile orientarsi per trovare del pellet di qualità.

Spesso i possessori di stufe pur di spendere poco comprano pellet a buon mercato, salvo poi scoprire a proprie spese che causa tutta una serie di problemi,  come odori anomali, scarso rendimento, intasamento della stufa, malfunzionamento della stufa, ecc.

Per questo è importante che i pellet siano certificati e testati, per essere sicuri che non provochino problemi, e avere in cambio un buon rendimento senza controindicazioni.

Per non incappare in brutte sorprese è necessario che il pellet abbia il certificato EN Plus A1, ovvero la massima certificazione europea che conferisce al consumatore la sicurezza di usare materiale di qualità, con rendimento ottimale e privo di additivi e colle, spiegano i responsabili di www.Pelletgroup.it, un servizio che grazie ad accordi con i migliori produttori di pellet europei garantisce una selezione dei migliori pellet certificati e testati, privi controindicazioni.

Un servizio che mancava in Italia, che garantisce pellet certificato da Austria, Germania, Francia, Serbia, e Nord America a privati, gruppi di acquisto e rivenditori che possono scegliere tra i migliori produttori e farsi arrivare a domicilio camion di pellet, in 10 gg lavorativi.

In Italia c’era bisogno di trasparenza nel settore, per aiutare i possessori di stufe e gruppi di acquisto ad orientarsi sul mercato. Per questo per ogni articolo abbiamo previsto la scheda prodotto, il certificato EN Plus A1 e le informazioni che definiscono il peso complessivo dei pallet, la quantità di sacchi e il peso complessivo del bilico intero di pellet. Nel sito internet infine indichiamo tutte le condizioni e riportiamo una sezione FAQ in cui rispondiamo a tutte le domande e dubbi che ci pongono i consumatori” concludono i creatori del servizio.

Insomma, il mercato del pellet sta diventando anche in Italia, grazie a questo servizio, ancora più economico e trasparente.

 

 

Pagare con i Bitcoin, da oggi anche su Compribene.it e Caffenibes.it

Milano, 4 settembre 2017 – Anche in Italia i Bitcoin stanno prendendo sempre più piede e sono sempre di più gli shop online che stanno attivando il pagamento con la nuova moneta alternativa grazie ai costi azzerati, alla sicurezza ed al trasferimento immediato dei fondi.

Gli ultimi ad attivare i pagamenti con la nuova moneta in ordine di tempo sono i negozi online www.compribene.it e www.caffenibes.it in collaborazione con la società americana Bitpay.

“Abbiamo scelto l’azienda di riferimento nei pagamenti con i Bitcoin, ovvero la Bitpay, per garantire a tutti i nostri clienti alti standard di affidabilità e sicurezza per ogni transazione. Riteniamo che i Bitcoin sono una nuova promettente forma di pagamento, con molteplici vantaggi per i nostri clienti sia in termini di sicurezza che in termini di costi di commissione azzerati” commentano da Compribene.it.

“Effettuare un acquisto sui nostri siti con i Bitcoin è molto semplice e immediato con la possibilità di acquistare sia da pc che da tablet e smartphone per tutti gli utenti registrati” commentano ancora da Compribene.it.

Come funziona l’acquisto con i Bitcoin

Basta scegliere nel checkout l’opzione “Bitcoin”, e si potrà proseguire nella pagina in cui Bitpay chiederà di confermare la transazione con l’inserimento dei dati necessari per completare la transazione e pagare quanto ordinato, con un ordine minimo di 10 euro.

Cosa si può comprare con i Bitcoin

La scelta su come spendere i propri Bitcoin è vasta grazie al catalogo di Compribene.it che vanta 15.000 articoli di Bricolage, Ferramenta, Brico, Idraulica, Casalinghi, Zanzariere, Reti e Materassi, Colonne Doccia, Box doccia, Tapparelle,Climatizzatori, Stufe a legna, Stufe a pellet, Caldaie, Gazebi, Casette in legno, Erba Sintetica, Tosaerba, Decespugliatori, Arredo Giardino, Seggiolini, Seggioloni, Tapis Roulant, Cyclette, Droni ecc

Oltre gli articoli per la casa da oggi la possibilità di acquistare con i Bitcoin si allarga anche a Caffenibes.it su cui è possibile acquistare capsule di caffè compatibili con i principali sistemi attualmente in commercio, tutte rigorosamente Made in Italy, per gustare un caffè di qualità dall’aroma e sapore inconfondibili.

Tutte le transazioni sono sicure grazie allo standard di sicurezza SSL, il protocollo internazionale che garantisce la sicurezza assoluta durante le fasi di trasferimento dei dati.

Ulteriore garanzia di affidabilità è il fatto che entrambi gli shop sono associati all’AICEL che assicura il rispetto di tutte le normative vigenti nello stato italiano per quanto riguarda il commercio online, in modo da garantire a tutti un esperienza di acquisto sicura ed affidabile.

Bitcoin, la nuova moneta virtuale sempre più diffusa

Tag: bitcoin, moneta virtuale, monete virtuali, pagamenti bitcoin, pagare con i bitcoin, come spendere i bitcoin, negozi che accettano bitcoin

Exit mobile version