Medicina ed estetica: il 79% degli italiani cerca chirurghi e specialisti online

Milano, 5 ottobre 2016 – Un numero sempre più crescente di italiani utilizza internet per cercare informazioni riguardo i propri problemi di salute ed estetica, le possibili cure e gli specialisti in grado di curarli. È quanto risulta dall’ ultima ricerca di Estetica24.com fatta su un campione di persone con un’età compresa tra i 20 e i 60 anni che mette in evidenza le ultime tendenze online in fatto di cure e ricerche.

Tra i risultati principali emersi dalla ricerca risulta che:

  • 1 italiano su 2 va online per trovare informazioni su una particolare patologia e sui sintomi
  • il 70 % vorrebbe poter accedere ad un sito scientifico non commerciale dove trovare informazioni affidabili per identificare possibili patologie in funzione dei sintomi
  • il 79 % dei pazienti interessati ad effettuare interventi di chirurgia estetica cercano informazioni online

Queste tendenze mettono in evidenza che i potenziali pazienti sono alla ricerca di dottori e specialisti online e ribadiscono  il fatto che internet è il primo posto dove è più probabile andare alla ricerca di informazioni sulla medicina ed in particolare sulla medicina estetica e sulle sue procedure correlate ad essa.

La ricerca conferma ancora una volta che internet è ormai la fonte numero uno per la ricerca di informazioni sulla salute e la bellezza, alimentando la sete di informazioni degli utenti di medici specialisti e chirurghi estetici che possono utilizzare il loro sito web, blog e social network per connettersi con il pubblico, tramite piattaforme specializzate come Estetica24.com, e rispondere alle loro preoccupazioni.

Dalla ricerca effettuata emerge inoltre un’altra grande novità:  il 90% degli utenti, che usa internet per cercare uno specialista, guarda le recensioni degli altri pazienti prima di prendere una decisione e oltre il 72% considera la recensioni online equiparabili a quelle fatte da ‘raccomandazioni di persona fisiche‘.

Cosa si aspetta quindi un paziente da uno specialista ed in particolare da uno specialista in chirurgia estetica nei rapporti online?

  • un rapporto personale.
  • che risponda alle preoccupazioni onestamente.
  • che le riposte siano tempestive.
  • che ci siano le testimonianze di altri pazienti.

Dal punto di vista dello specialista, la reputazione online, come in molti altri settori oramai, è fondamentale per la sua attività professionale. Il modo migliore per il chirurgo estetico di mantenere sotto controllo la sua reputazione è attraverso il monitoraggio ed il miglioramento costante della reputazione online.

Estetica24.com è la prima piattaforma italiana che mette in contatto chirurghi estetici e utenti interessati a ricevere fino a 3 consulenze e preventivi gratuiti per interventi di chirurgia estetica. Il marketplace interamente sviluppato in Italia consente di richiedere un preventivo in meno di un minuto con pc e smartphone attraverso un percorso guidato che effettua una serie di domande per consentire ai chirurghi della zona di rispondere in modo puntuale alla richiesta. Estetica24.com consente inoltre ai chirurghi estetici di avere un nuovo canale di comunicazione senza i tradizionali investimenti pubblicitari.

 

###

 

Contatti Stampa:

info@estetica24.com

Risorse in alta risoluzione:

Infografica PNG HD Chirurgia estetica e internet

Infografica PDF Chirurgia estetica e internet

 

Italiani cercano online    

 

 

 

 

 

 

 

Immagine utilizzabile solo a corredo della presente notizia

In arrivo la finale del Cooking for Art per eleggere il miglior Chef e Pizza Chef emergenti d’Italia

Roma, 5 ottobre 2016 – L’evento gastronomico di eccellenza dell’autunno sta per arrivare. Si terrà infatti il 22, 23 e 24 ottobre prossimi, presso le Officine Farneto a Roma (Via dei Monti della Farnesina 77) la finalissima del Cooking for Art che eleggerà i migliori Chef e Pizza Chef emergenti d’Italia.

Il programma della 3 giorni di grandi eventi prevede, sul palco principale le esibizioni di chef emergenti vincitori delle passate edizioni, i cooking show di chef famosi e la premiazione dei migliori alberghi e ristoranti presenti nella guida Touring Alberghi e Ristoranti D’Italia 2017.

Lunedì 24 ottobre l’attesa finalissima che decreterà il miglior Chef Emergente d’Italia 2017.

Nell’area dedicata alla pizza si svolgeranno invece le esibizioni dei pizzaioli vincitori delle scorse edizioni di Pizza Chef Emergente, e inoltre vere e proprie master class di pizzaioli professionisti con anche la finalissima che eleggerà il Pizza Chef Emergente D’Italia 2017.

Faranno da degna cornice oltre 50 produttori selezionati provenienti da tutta Italia con anche aziende produttrici e fornitrici di prodotti, attrezzature e accessori per l’alta ristorazione, riviste di settore e distributori alimentari.

Nell’ambito della manifestazione si terranno “Le Cene Stellate” che vedrà protagonisti i ristoranti “La Trota di Rivodutri”, due stelle Michelin, il sabato 22 e la celebre Enoteca Pinchiorri la domenica 23.

Entrambe le cene hanno 30 posti disponibili, prenotabili tramite email all’indirizzo marketing@witaly.it o chiamando il numero 3428629707.

Le cene prevedono una degustazione di 4 portate con vini in abbinamento ad un prezzo di 60 euro a coperto per la cena del sabato e di 70 per la cena della domenica.

Infine “La Food Zone” che sarà dedicata quest’anno al Mercato Cittadino con le migliori botteghe di Roma, dove sarà possibile comprare o assaggiare in loco prodotti d’eccellenza, dalla frutta alla verdura, dai formaggi ai salumi, dal pesce alla carne, dalla pasta ai dolci.

Questi i protagonisti del mercato cittadino:

Frutta & Verdura: Aromaticus, Foodies e Da Silvia.

Pastifici: Pastificio Secondi, Pastificio Pica e Amor di Pasta.

Panifici: Bonci, Elettroforno Frontoni e Pane e Tempesta.

Pasticcerie: Bompiani, De Bellis e Severance.

Formaggerie & Salumerie: DOL, Formaggeria Francesco Loreti e la Tradizione.

Pescherie: Meglio Fresco, Sor Duilio e Love Wanda.

Macellerie: Pork n’ Roll, i Tre Porcellini e Le Officine del Gusto.

La Cantina di Cooking for Art con i migliori vini presenti nell’evento

La Gastronomia di Cooking for Art con le eccellenze dell’agroalimentare presenti all’evento-

 

Per il programma completo e maggiori informazioni sull’evento visitare il sito internet www.witaly.it o telefonare al 342 86 29 707.

 

###

 

Contatti stampa:

 

ufficiostampa@witaly.it

+39 342 8629707       

                             

Witaly Srl

Largo dei Librari 89, 00186 Roma

 

 

La finalissima 22-23-24 Ottobre 2016

 

 

Riforma costituzionale, cosa votare? Tutti i pro ed i contro nella discussione su Proversi.it

Roma, 4 ottobre 2016 – Come votare al referendum sulla riforma costituzionale del 4 dicembre? Quali i pro ed i contro del si e del no? Al di fuori di ogni propaganda ideologica da oggi la piattaforma di dibattito pubblico Pro\Versi inizia la discussione, seria ed obiettiva, analizzando tutti i pro ed i contro della riforma, con la pubblicazione di un testo di approfondimento dal titolo “Riforma costituzionale. Favorevole o contrario?“.

In linea con l’impostazione del sito, ogni aspetto del tema prevede un approfondimento a sé, analizzato attraverso il confronto delle opinioni di esperti, sia favorevoli che contrari alla riforma.

La pubblicazione proseguirà per i prossimi 6 giorni: ogni giorno un nodo problematico verrà affrontato, per capire di più di questa contestata riforma, in vista del voto referendario previsto per il 4 dicembre prossimo.

Dopo l’approvazione in via definitiva alla Camera del disegno di legge Boschi sulla riforma costituzionale e dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, infatti, la parola passa ora al popolo che è chiamato ad esprimersi attraverso un referendum confermativo.
La riforma vuole superare l’attuale bicameralismo perfetto e differenziare il ruolo delle due camere, con un Senato composto da 100 senatori, che rappresenterà le autonomie regionali.

Diverse le posizioni su tale disegno di legge, ritenuto valido e semplificativo da una parte dell’opinione pubblica e ingarbugliato e mal scritto da alcuni costituzionalisti.
Sullo sfondo, il rischio che il referendum diventi uno strumento politico per modificare gli equilibri di governo.

Sì parte, dunque, oggi con la pubblicazione della parte generale e della prima tesi, dal titolo “Il superamento del bicameralismo perfetto è passo fondamentale e improcrastinabile per una Repubblica parlamentare. Previsto solo il voto di fiducia alla Camera”, nella quale saranno posti a confronto le argomentazioni dei favorevoli e dei contrari alla riforma su questo specifico aspetto.

Nei prossimi giorni saranno pubblicati i seguenti approfondimenti:

 

  • La riforma costituzionale rende più snello e veloce il procedimento legislativo;
  • Viene diminuito il numero dei parlamentari e abolito il CNEL, realizzando un notevole risparmio;
  • Con l’introduzione di istituti come il referendum propositivo, la riforma incrementa le forme di democrazia diretta;
  • Il nuovo Senato diventa una camera di compensazione tra Stato e Regioni. Diminuiscono così i casi di contenzioso;
  • La riforma non è legittima perché sostenuta da una maggioranza ristretta e frutto di una legge elettorale dichiarata incostituzionale;
  • Il testo di legge è poco chiaro e controverso. Un unico quesito su materie eterogenee può generare confusione nell’elettorato;
  • La riforma porta ad un accentramento di potere in capo al governo. Il premier prende posizione su un referendum che non dovrebbe subire condizionamenti politici.

 

Per capirne di più sul referendum basta seguire la Discussione su www.proversi.it/discussioni/pro-contro/115-riforma-costituzionale oltre che guardare le video-interviste a Sabino Cassese al link www.proversi.it/multimedia/dettaglio/29 e Massimiliano Fedriga alla pagina www.proversi.it/multimedia/dettaglio/31.

Da seguire anche i canali social di Proversi come la Pagina Facebook www.facebook.com/iproversi ed il profilo Twitter: https://twitter.com/iproversi.

 

###

 

Contatti stampa:

Email: info@proversi.it

Tel. Redazione: 085-83698138

 

Nasce Monforti, la startup degli orologi sartoriali di lusso

Milano, 4 ottobre 2016 – Eccellenza sartoriale, tradizione artigiana e innovazione sono le parole chiavi di Monforti, il nuovo brand che sarà a breve lanciato su Kickstarter da una startup tutta italiana.

L’idea di due giovani manager incontra una storica azienda del settore orologiaio, attiva da oltre 50 anni al fianco dei più rinomati brand del lusso: da questa partnership nasce Monforti Sartoria, una linea di orologi rigorosamente fatta a mano in Italia che combinano i migliori materiali, componentistica e design.

Oggi, la maggior parte degli orologi di lusso presenti sul mercato si adatta a un numero limitato di outfit, perlopiù molto formali: Monforti vuole invece creare un oggetto unico dallo stile elegante e dinamico, in grado di riflettere la personalità di chi lo indossa ogni giorno in modo diverso.

Riscoprendo la tradizione sartoriale italiana degli abiti su misura Monforti disegna un orologio raffinato e discreto dove i cinturini sono interscambiabili tra di loro in modo estremamente semplice, grazie a un sistema easy release che consente la sostituzione senza dover utilizzare ulteriori strumenti al di fuori delle mani.

La collezione sviluppa un’ampia gamma di combinazioni attraverso le 3 diverse lavorazioni della cassa (rose gold, silver e black), i 4 colori dei quadranti ed un esclusiva linea di 22 diversi cinturini di pelle toscana lavorata a mano.

Modi differenti di vivere lo stile trovano così una risposta perfetta in questi orologi da polso unici, leggeri ed eleganti, pensati per chi sa apprezzarne i dettagli sartoriali come i cinturini con cuciture rifinite a mano, il monogramma ed il ricercato cofanetto coordinato.

Perfettamente in equilibrio fra passato e presente, design di culto, materiali e lavorazioni eccellenti: oggi, come nel secolo scorso, i maestri degli atelier italiani selezionano i migliori materiali e meticolosamente li misurano, li tagliano e li lavorano a mano per rendere ogni orologio un pezzo unico.

Il lancio è previsto per metà ottobre sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter mentre sui social si potranno seguire l’hashtag #Monforti.

###

 

Contatti stampa:

Delia Caraci
Mail: delia.caraci@digital-sfera.com
Digitalsfera.com

 

Monforti: startup orologi sartoriali di lusso (immagine coperta da copyright, utilizzabile con la pubblicazione della presente notizia)

Nasce PriceRace.it, il negozio online dei prezzi più bassi

Con PriceRace nasce l’ultima frontiera dell’e-commerce: un solo prodotto, per un solo giorno, al miglior prezzo del web

Roma, 3 ottobre 2016 – Dopo oltre un anno di sviluppo ed intenso lavoro nasce www.pricerace.it, una start-up tutta italiana che ha ideato un nuovo e rivoluzionario modello di e-commerce, vendendo nel proprio negozio online un solo prodotto, per un solo giorno, al miglior prezzo del web. Un progetto di ecommerce molto lungimirante, che mira a cambiare profondamente il commercio elettronico nei prossimi anni.

PriceRace parte dall’assunzione che il consumatore in cerca di qualcosa viene letteralmente sommerso e confuso da un’infinità di proposte, e che, spesso e volentieri, oltre a far perdere un sacco di tempo nella scelta, finisce per acquistare un prodotto che non lo soddisfa abbastanza.

“Per questo il nostro obiettivo è quello di mettere sullo scaffale un solo prodotto al giorno, ben descritto, al prezzo più competitivo del mercato” dice Fransceso Pacini, responsabile dell’assortimento prodotti di PriceRace.

“Abbiamo lavorato duramente per parlare direttamente con i produttori e distributori, ed ogni settimana verrà proposta una nuova categoria merceologica, in funzione della stagionalità, alternata a prodotti di largo consumo come elettrodomestici, arredo casa/giardino, sport e tempo libero, garantendo sempre ed in ogni caso, il miglior prezzo del web” continua Pacini.

“Ma perché un solo prodotto al giorno”? si chiederà qualcuno.

“Lo facciamo perché per garantire dei prezzi così competitivi si deve lavorare sulla quantità dei singoli prodotti venduti e su un’ottima relazione con il fornitore che per quel giorno è l’unico soggetto che vende sul nostro sito. Inoltre l’ambizione di PriceRace è quella di riuscire a costruire dal basso il catalogo online, i nostri utenti potranno infatti partecipare attivamente con una serie di strumenti che permettono loro di segnalare categorie merceologiche e prodotti di interesse” spiega Michele Mattolini, responsabile tecnico del progetto.

PriceRace sembra essere quindi una sorta di mix fra il “gruppo di acquisto” ed il “social commerce”, in cerca di consumatori intelligenti e molto attenti al risparmio.

Ed il successo sembrerebbe garantito anche se non è certamente facile, per una start-up, riuscire a vendere su internet a prezzi più competitivi dei colossi americani ed asiatici.

Cosa che PriceRace.it promette di fare grazie alla sua speciale formula di vendita.

 

###

 

Contatti stampa:

info@pricerace.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riapre a Bergamo il Cubo Cafè, la “casa” della movida bergamasca

Bergamo, 3 ottobre 2016 – Buone notizie per gli amanti del divertimento e delle notti folli. Il noto locale della movida bergamasca, il Cubo Cafè, riaprirà l’8 ottobre prossimo alle 21:30 nella nuova location di Bergamo in via Giorgio Oprandi 20, in un posto più grande e ancora tutta da scoprire (in precedenza era a Seriate in via Italia).

Ritornano insomma, in una nuova casa, le pazze serate del Cubo Cafè trascorse tra fiumi di Champagne, Vodka e divertimento alle stelle.

Il party di inaugurazione comincerà alle 21:30 e sono già tante le novità pronte per stupire, divertire e far sentire di nuovo a casa tutti coloro che decideranno di passare una serata all’insegna del divertimento.

L’idea del Cubo nasce da Gianluca Mussita e da Solange Verduga Moreira che nel 2015 inaugurano una bar che presto diventa punto di riferimento della nightlife e della vita mondana di Bergamo.

Con il passare del tempo il locale cresce sia nel numero delle serate sia nello staff che nelle collaborazioni con i più importanti locali della zona.

Il divertimento inarrestabile promosso dal Cubo unito al motto “Sentiti a casa”, che impazza sui social, ha fatto del Cubo Cafè in poco più di 2 anni non solo un punto di riferimento della movida bergamasca ma ha introdotto un nuovo concetto per il divertimento, cioè far divertire tutti i propri ospiti facendoli sentire sempre a proprio agio, esattamente come a casa propria.

Il termine “casa” in questo caso non viene usato a sproposito visto che sia i clienti che i proprietari amano ormai chiamare il Cubo Cafè appunto come la loro “casa” del divertimento.

L’appuntamento per il party di inaugurazione della nuova stagione del Cubo è per sabato 8 ottobre alle ore 21:30 in via Giorgio Oprandi 20 a Bergamo presso il Centro Galassia.

Gli interessati possono iscriversi alla Pagina Facebook del Cubo al link www.facebook.com/cubocafebergamo/ ed iscriversi all’evento Facebook al link https://www.facebook.com/events/315989185426591/?acontext=%7B%22feed_story_type%22%3A%22117%22%2C%22action_history%22%3A%22null%22%7D

 

###

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Arriva a Milano “The Cardboard Exhibition” ed il cartone diventa arredo, gadget ed oggetto di design

In occasione della Design Week di Milano si terrà al Base dal 7 al 9 ottobre The Cardboard Exhibition, la mostra mercato del cartone per la casa, l’ufficio, il negozio, il regalo, che trasforma il cartone in arredo, oggetti di design, complementi di interno e gadget

Milano, 3 ottobre 2016 – In occasione dell’edizione autunnale della Design Week di Milano, e nell’ambito del suo fitto programma di incontri, convegni, installazioni e film, si terrà un evento che emerge per originalità dei suoi contenuti e per l’innovativo modello aggregativo che propone.

Stiamo parlando della The Cardboard Exhibition (evento Facebook: facebook.com/oddmilan/events), la mostra mercato del cartone per la casa, l’ufficio, il negozio, il regalo che si terrà presso il Base di Milano dal 7 al 9 ottobre prossimi e che prevede

La mostra è stata ideata e organizzata al Base (in via Bergognone 34, Milano) da una piccola agenzia creativa di Milano grazie alla collaborazione dell’Ufficio Moda e Design, la mostra suggerisce l’idea dell’estrema versatilità, duttilità e accessibilità del cartone, presente nelle sue principali tipologie, e impiegato con un’estetica sorprendente in lampade da tavolo, sedute, tavoli, arredo e complementi d’interni, ma anche shop fitting e gadget.

Nata dalla sinergia tra diverse aziende specializzate nella progettazione e produzione di arredi e complementi di cartone, la mostra offre un’espressione compiuta e insieme articolata delle infinite possibilità che questa materia prima – ingiustamente sottovalutata perché associata alla sua funzione d’uso storica, l’imballaggio – può offrire al progettista, all’azienda produttrice, all’interior designer, al retailer e di certo al pubblico di ogni età, abituato a MDF e truciolato.

Nelle edizioni precedenti del Salone d’Aprile il trend degli arredi in cartone ha già mostrato il suo carattere non passeggero, ma sempre più si pone come alternativa valida all’arredo main stream, con soluzioni duttili e resilienti, leggere e solide che si prestano ad alimentare il circuito virtuoso del riciclo creativo.

Il termine “eco-design” può talvolta essere fuorviante, perché facendo uso di colle, colori, cerniere e pvc, non è del tutto corretto parlare di prodotti interamente ecologici. Tuttavia la sostenibilità è buona e l’impatto ambientale contenuto, con una percentuale ottimale di materiale riciclabile.

Tutti gli oggetti, arredi e complementi di interno in mostra  saranno acquistabili o prenotabili in tempo per i regali di Natale.

 

I PROTAGONISTI

Le realtà in mostra sono aziende giovani piuttosto diverse le une dalle altre. A variare non sono solo gli stili, ma l’approccio alla materia, intendendo qui la disciplina, non solo la “materia prima”.

Questi i protagonisti della mostra:

VLAIRE

www.vlaire.com/

Azienda lombarda di Light Design, presentata in anteprima al Salone del Mobile 2016 | Padiglione Satellite, dove ha raccolto apprezzamento degli addetti ai lavori e del pubblico, VLAIRE è erede di un’esperienza pluridecennale nella grafica e nella lavorazione del cartone.

Nate dal sodalizio di due giovani progettisti, stimolati dalla duttilità e dal potenziale estetico del cartone,  le lampade VLAIRE assumono ora un carattere ipercontemporaneo, ora vintage, a seconda dei mood ai quali è associato.

DAVIDE PAGANOTTI DESIGNER

www.davidepaganotti.it/

Il Design à porter di un Designer minimalista, così si definisce, ma incredibilmente creativo, che con il cartone ha realizzato una quantità di proposte, spaziando dalle librerie ai gioielli, fino al dal giocattolo (cavalcabile)…

 

MADE UP DESIGN

www.madeupdesign.it/

Con 4 collezioni – Unconventional, Tech, Kids, Gift – Made Up Design è tra le proposte in mostra la realtà più strutturata, con linee evolute, macchine per il taglio laser e un laboratorio per il finishing manuale.

 

BODANZA & BODANZA

www.bodanza.it/

Marketing sostenibile e comunicazione integrata: idee, contenuti, progetti, reti ed eventi basati su innovazione, integrazione, inclusione.

The Cardboard Exhibition

DOVE:                  @ BASE MILANO, via Bergognone 34

QUANDO:            DA VENERDì 7  OTTOBRE ore 16 A DOMENICA 9 OTTOBRE ore 17

PROGRAMMA:   VENERDI 7  OTTOBRE: ore 16  – 20   (apertura in concomitanza con inaugurazione attigua del Festival delle Comunità del Cambiamento)

SABATO 8 OTTOBRE:  ore  10  – 22

WORKSHOP SABATO 8 OTTOBRE:  ore 17

DJ SET + APERITIVO SABATO 8 OTTOBRE: ore 19.30

FACEBOOK:  www.facebook.com/oddmilan/events

WEB:               www.bodanza.it/events

 

###

 

 

 

Marino Puggina (Despar): “Con Caprotti ci siamo sfidati a colpi di nuove aperture”

Padova, 3 ottobre 2016 –  Si è parlato molto in questi giorni della scomparsa di Bernardo Caprotti, il fondatore della catena di supermercati Esselunga ed in molti tra gli imprenditori hanno voluto spendere 2 parole, ricordando le sue gesta e quanto abbia fatto per il lavoro e l’economia italiana.

Questa volta a ricordarlo un altro grande imprenditore che ha fatto la storia dei supermercati in Italia, che ha tenuto a voler ricordare Caprotti con alcuni aneddoti sugli inizi della grande distribuzione in Italia.

“Caprotti è stato un grande uomo ed un vero nemico amico, ci siamo sfidati sin dai primi anni a colpi di punti vendita.”

A parlare è Marino Puggina, classe 1920, fondatore di Despar Italia, uno dei maggiori player nazionali nella grande distribuzione che oggi fattura 3,2 Miliardi di Euro con 1.400 punti vendita, e’ stato insieme a Caprotti e a Garosci uno dei tre padri nobili della Grande Distribuzione in Italia.

Puggina aprì il primo supermarket all’americana nel 1955 a Padova con un’insegna  inequivocabile: Supermarket. Nel 1959 fondò la Despar e aprì il primo Despar Supermarket.

Nel corso della sua carriera e’ stato Presidente della Confcommercio e dell’Associazione Nazionale Unioni Volontarie:

“Sono molto dispiaciuto per la scomparsa di Bernardo Caprotti. Era piu giovane di me, ma abbiamo percorso insieme lo sviluppo della GDO in Italia sin dai primi anni.

E’ giusto ricordare che il primo supermercato fu aperto a Milano nel 1957 da Rockfeller, all’epoca Caprotti era uno dei cinque soci della Supermarket Italiani. E’ stato negli anni sessanta un avversario temibile ma sempre corretto, estremamente corretto.

Ho fondato Despar nel 1959 ma ero gia’ attivo negli alimentari dagli inizi degli anni ’50 e, come Caprotti, ho preso ispirazione dagli americani.

Ci siamo sfidati sul territorio, alla fine lui si e’ radicato a Nord Ovest, in Lombardia per lo piu, ed io nelle Tre Venezie anche se poi ci siamo ampliati in tutta Italia grazie alle associazioni di aziende. 

Con Caprotti ho condiviso la nascita e la trasformazione del mercato della grande distribuzione nel nostro Paese, le battaglie con le Coop, le difficoltà con la politica, e come lui non ho mai ceduto alle lusinghe di facili percorsi.

Mi sono sempre reputato un imprenditore sano, un vero italiano che ha fatto della propria azienda una famiglia, la mia stima per Caprotti e’ profonda e sincera, con lui se ne va anche una parte importante della storia imprenditoriale italiana e ne sono molto dispiaciuto.

Alla sua famiglia vanno le mie condoglianze con un invito: fate in modo che Esselunga rimanga italiana!” conclude Marino Puggina.

 

###

 

 

È in uscita “Il mio amico Alfred” il libro che parla ai bambini di disabilità

Roma, 3 ottobre 2016 – L’attesa è finita. Uscirà e lo si potrà finalmente sfogliare questo mese di ottobre il nuovo libro di Simon Sword “Il mio amico Alfred“, un libro per bambini che di sicuro farà bene anche agli adulti.

Il protagonista è Alfred, un orsetto affetto da disabilità, che abita con la sua famiglia in un piccolo villaggio sperduto in mezzo ai boschi. La sua forza, la sua allegria e la sua determinazione, verranno messe a dura prova nel momento in cui sarà costretto a trasferirsi insieme alla famiglia nella caotica città di Orsilandia.

Ricominciando da zero saprà poco alla volta farsi accettare dai suoi nuovi compagni di classe e dai suoi nuovi vicini di casa, ma saprà anche farsi trattare da orsetto qualunque e non da “diverso”? La risposta la si scoprirà solo leggendo il libro naturalmente.

“Il mio amico Alfred” uscirà in formato digitale (e-book) e successivamente in formato cartaceo e sarà venduto in esclusiva solo su Amazon.it.

Da qualche giorno è già disponibile il formato audio del libro acquistabile su Google Play (link: https://play.google.com/store/music/album/Lara_Mengozzi_Il_mio_amico_Alfred?id=Beg47xquzdii62ibtu7w665dhga) che sta riscuotendo grandi apprezzamenti.

La realizzazione dell’opera ha richiesto 4 mesi di lavoro a Simon Sword, il cui motto è “scrivere libri per bambini è una cosa seria”. Per la cura delle illustrazioni ha chiamato l’amico Elio Finocchiaro, che ha saputo indubbiamente creare un’armonia e un’atmosfera che ci ricorda molto i classici cartoon degli anni ’80.

“Ho creato una pagina Facebook (link:www.facebook.com/simonsword.official) quasi per gioco e nel giro pochi mesi mi sono ritrovato 30.000 persone che condividevano tutto ciò che pubblicavo su Alfred. Indubbiamente tutto questo mi riempie di gioia, Alfred infatti è nato con la speranza di sensibilizzare tutti i lettori nei confronti di un tema per certi versi, ancora trattato con troppa superficialità: la disabilità infantile. Il messaggio che ho voluto trasmettere è chiaro: La disabilità deve unire e non dividere. Chi la pensa diversamente credo che non possa essere degno di appartenere a questa epoca” ha dichiarato l’autore che in questi mesi ha pubblicizzato il libro unicamente sui suoi canali social, riscuotendo un incredibile successo.

I proventi del libro verranno devoluti in beneficenza, a diverse associazioni che si occupano dell’assistenza dei bambini affetti da disabilità e ad alcuni progetti riguardanti i territori colpiti dal sisma quest’estate.

Simon Sword attualmente sta lavorando ad altri testi e la collaborazione con l’amico ed illustratore Elio Finocchiaro pare proseguirà ancora a lungo con nuove avvincenti e toccanti storie da raccontare ai nostri bambini.

 

###

 

Contatti stampa:

info.simonsword@gmail.com

Exit mobile version